•  
  •  
  •  
  •  

il Morandini 2018

Dizionario dei film e delle serie TV.
Il dizionario comprende 16.500 film usciti sul mercato italiano dal 1902 all'estate 2017.

ordina per: Stelle Uscita Rank Titolo

Fantascienza, USA, Gran Bretagna 2009. Durata 162 Minuti.
Un film di James Cameron. Con Sam Worthington, Zoe Saldana, Sigourney Weaver, Stephen Lang, Michelle Rodriguez Uscita 15 gennaio 2010. Distribuzione 20th Century Fox.
ilMorandini 3.50
È un raro colossal d'autore, forse il più costoso della storia di Hollywood: 230 (o 500?) milioni di dollari. Come film, è una fiaba epicofantastica più che SF. Siamo nel 2154 d.C. su Pandora: i Na'vi, pacifici indigeni umanoidi con la coda, alti circa 3 metri, collegati da una rete neurale con la natura, sono un ostacolo per l'estrazione di un raro minerale indispensabile per risolvere la crisi energetica della Terra, che da 30 anni ha fatto di Pandora una colonia mineraria. Al servizio di una potente multinazionale vi sbarca, con un piccolo esercito di mercenari, l'emiplegico guerriero Sully, collegato con un avatar (= discesa, in sanscrito), clone biologico teleguidato il cui DNA umano è ibridato con quello di un Na'vi. Grazie all'amore della bella Neytiri, impara a conoscerli e rispettarli finché si schiera con loro in una feroce battaglia. Coprodotto con Jon Landau, scritto dal regista, girato alle Hawaii e in Nuova Zelanda con l'apporto della Weta Digital di Peter Jackson e la supervisione degli effetti speciali di Joe Letteri. Pur essendo presenti gli altri 3 elementi cosmogonici, la sua principale componente è l'aria che è, come il fuoco, un principio attivo e maschile. Importante è pure l'acqua: il ricorso al 3D - per la prima volta con discrezione creativa - serve per dare profondità sottomarina alla terra e ai boschi di Pandora. C'è di tutto nel latente sottolivello del film, anche una dimensione sociopolitica (i "buoni selvaggi" schiacciati dalla civiltà delle macchine). Cameron mescola, senza far vedere le giunture, la realtà dei corpi degli attori con i loro cloni, i fantastici animali, le foreste, i fondali marini, le minuscole bestioline luminose di Pandora, tutte inventate con la computer-graphic . Enorme successo mondiale: quasi 3 miliardi di dollari di incasso! 3 Oscar: scenografia (R. Carter, R. Stromberg, K. Sinclair), fotografia (Mauro Fiore), effetti speciali.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Animazione, USA 2015. Durata 94 Minuti.
Un film di Pete Docter. Con Amy Poehler, Phyllis Smith, Mindy Kaling, Lewis Black, Bill Hader Uscita 16 settembre 2015. Distribuzione Walt Disney.
ilMorandini 4.00
Come tutti gli esseri umani, Riley, 11 anni, due adorabili genitori, una vita normalmente felice, dentro di sé prova una vasta gamma di emozioni, a seconda delle situazioni in cui si trova. Ognuna delle sue emozioni è personificata da un personaggino: Rabbia, Gioia, Disgusto, Tristezza, Paura. I suoi stati d'animo se ne stanno seduti a una console, pronti a intervenire, a prevaricarsi l'un l'altro, a mettersi d'accordo. Lo sviluppo della storia in sé non è particolarmente significativo - la famiglia si trasferisce dal Minnesota a San Francisco e riorganizzare la vita non è facile per nessuno - ma è l'idea degli stati d'animo personalizzati di questo nuovo gioiello Pixar Animation Studios, distribuito dalla Disney, che è meravigliosa, geniale, divertente. Sceneggiatura perfetta, disegni originali, animazione ricca di idee, per un'analisi psicologica - molto più acuta e profonda di quel che può sembrare a una prima lettura - di una ragazzina, quasi adolescente, in un momento di profondo cambiamento della sua vita che la mette in difficoltà con i genitori e con sé stessa. Non una caduta, non una sbavatura, non un momento sbagliato. Imperdibile.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Azione, Thriller - USA 2015. Durata 140 Minuti.
Un film di James Wan. Con Vin Diesel, Paul Walker, Dwayne Johnson, Michelle Rodriguez, Tyrese Gibson Uscita 2 aprile 2015. Distribuzione Universal Pictures.
ilMorandini 2.00
Shaw è in coma all'ospedale e ai piedi del suo letto il fratello Deckard giura vendetta e prende di mira il gruppo dei nostri eroi che sono costretti a rispondere, abbandonando la serenità dei rispettivi nuclei famigliari, messi gravemente a rischio. Distruzioni, sfracelli, inseguimenti, esplosioni, sparatorie e pestaggi, sempre a bordo delle loro auto, fino al duello stradale auto/elicottero/drone nel regolamento di conti finale. Per gli appassionati della serie (ai quali manca ovviamente Paul Walker, tragicamente scomparso durante la lavorazione e abilmente congedato a fine avventura) e per chi cerca un po' di fanciullesco divertimento, ma agli altri è sconsigliatissimo anche questo 7° episodio.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Francia, Germania, Polonia, Spagna 2011. Durata 79 Minuti.
Un film di Roman Polanski. Uscita 16 settembre 2011. Distribuzione Medusa.
ilMorandini 4.00
Carnage = carneficina. In un parco di New York, Zachery Cowan ferisce con un bastone il compagno di scuola Ethan Longstreet. I 4 genitori s'incontrano in casa Longstreet, famiglia della middle class colta e progressista, mentre i Cowan sono upper class , più ricchi, meno colti, più abituati a comandare. Per più di un'ora, discutendo tra loro, attraversano le situazioni del conformismo per abbandonarsi, sfiniti, allo sconforto di chi è consapevole, in nome dei figli, di aver gettato la maschera nel disperato tentativo di salvare loro stessi dal fallimento come genitori. Intanto i due ragazzi fanno pace. Scritto dal regista con Yasmina Reza dalla sua pièce Il dio del massacro , spostando l'azione da Parigi a New York. Polanski chiude spesso in trappola - in uno stato chiuso - i suoi personaggi. Qui lo fa con implacabile lucidità come un gioco al massacro in forma di kammerspiel . Polanski fa, nel suo pessimismo, un film laico. Per lui, polacco, ogni dio si è estinto con la 2ª Guerra Mondiale: nel titolo rimane soltanto il massacro. Nei dialoghi si cita Francis Bacon e i riferimenti alla sua pittura sono espliciti e significativi. Nonostante il puntiglioso naturalismo stilistico, diventa baconiana anche l'atmosfera. Fotografia di Pawel Edelman. Musica di Alexandre Desplat. Scene di Dean Tavoularis. Costumi di Milena Canonero. Un quartetto di interpreti che non sbagliano un colpo, una sfumatura. Geniale la scena del vomito di Kate Winslet.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, USA 2015. Durata 121 Minuti.
Un film di Baltasar Kormákur. Con Josh Brolin, Jason Clarke, John Hawkes, Robin Wright, Emily Watson Uscita 24 settembre 2015. Distribuzione Universal Pictures.
ilMorandini 3.50
65 milioni di budget, riprese tra Nepal, Sud Tirolo e il ghiacciaio della Val Senales in Alto Adige, un ottimo cast di nomi noti, per raccontare una storia vera: quella della scalata dell'Everest (la montagna più alta del mondo, 8848 m), nel maggio 1996. Alla scalata parteciparono 2 spedizioni "principali": quella guidata da Rob Hall, alpinista neozelandese, con la sua Adventure Consultants, e quella di Scott Fischer, eccentrico personaggio del Michigan, con la Mountain Madness. Oltre a loro, il 10 maggio salirono sulla "Dea del cielo" (come è chiamata la cima nella lingua tibetana) altre spedizioni: una sudafricana guidata da Ian Woodall, un'altra con Ed Viesturs e David Breashears, per fare riprese IMAX, una composta da alpinisti indiani che però salirono dal versante tibetano della montagna e infine l'ultima, interamente taiwanese, guidata da "Makalu" Gau Ming-Ho. Diversi i morti. L'islandese Kormákur e gli sceneggiatori William Nicholson e Simon Beaufoy hanno combinato varie fonti dichiarando di non aver utilizzato il libro, circondato da polemiche varie, di Jon Krakauer, che pure era uno degli alpinisti della spedizione (e ha vivacemente contestato il film). Tra paesaggi di una bellezza davvero mozzafiato, fotografati benissimo in 3D da Salvatore Totino con un esercito di assistenti, racconta un'impresa di "umana follia" non solo in modo avventuroso, ma soprattutto per indagare i retroscena psicologici che spingono un individuo a cimentarsi in una sfida di questo tipo. Accusato di aver fatto un film prevedibile (ma la storia la conoscono tutti, finale compreso), in realtà Kormákur è riuscito nel suo duplice intento. Il 3D era superfluo.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Drammatico - USA 2014. Durata 148 Minuti.
Un film di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix, Katherine Waterston, Eric Roberts, Josh Brolin, Benicio Del Toro Uscita 26 febbraio 2015. Distribuzione Warner Bros Italia.
ilMorandini 3.00
Los Angeles 1970, l'anno del processo a Manson e della rielezione di Reagan a governatore della California. Doc, detective hippy strafattone , è incaricato da Shasta, indimenticata ex, di sventare una congiura ai danni dell'amante. A effetto valanga, l'indagine più procede più si allarga e si infittisce per accumulo di nuovi casi, uno più disparato, e disperato, dell'altro ma tutti collegati. Il 7° film di Anderson è tratto dal meno labirintico e ipertrofico dei romanzi di Pynchon, trasposizione del romanzo di Chandler The Long Goodbye di cui è una rivisitazione postmoderna e ironicamente iperbolica, con rilancio della cultura underground come alternativa alla putrefazione dell'umanità. Fotografia allucinata di Robert Elswit, musiche nostalgiche di Jonny Greenwood. 2 nomination agli Oscar (sceneggiatura e costumi).
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, USA 1982. Durata 97 Minuti.
Un film di Ted Kotcheff. Con Sylvester Stallone, Richard Crenna, Brian Dennehy, Bill McKinney, Jack Starrett
ilMorandini 2.50
Dal romanzo Primo sangue di David Morrell con lo stesso S. Stallone tra gli sceneggiatori che l'hanno adattato. Reduce dal Vietnam, John Rambo cerca un lavoro, ma s'imbatte in uno sceriffo carogna (Dennehy) e la sua rabbia esplode. Tiene in scacco nei boschi la polizia e la Guardia Nazionale. Si arrende soltanto al suo ex comandante (Crenna). In termini di dinamica filmica, s'affida all'atletismo schizofrenico di Stallone e ad alcune robuste sequenze d'azione, ma conta - in modo allarmante - a livello sociologico per il suo straordinario successo mondiale. Piacque a destra perché ha al centro un ex eroe in divisa; a sinistra perché esalta un emarginato che combatte contro l'ordine costituito, accenna qualche critica allo Stato Maggiore dell'esercito americano per l'uso delle armi chimiche nella "sporca guerra" e all'opinione pubblica statunitense per l'ingratitudine verso i reduci che non l'avevano vinta. Basta, insieme col ricorso all'efferata rappresentazione della violenza, per spiegarne il successo? Ha 3 seguiti.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, USA 2014. Durata 93 Minuti.
Un film di Peter Bogdanovich. Con Owen Wilson, Imogen Poots, Kathryn Hahn, Will Forte, Rhys Ifans Uscita 29 ottobre 2015. Distribuzione 01 Distribution.
ilMorandini 3.50
Izzy, escort romantica aspirante attrice, per caso irrompe nei provini di una commedia in preparazione a Broadway e rimescola le carte delle relazioni sentimentali di regista, autore, attrice e attore principali. Alla fine saluta tutti, diventa una diva e si mette con Quentin Tarantino. Ideato all'inizio del 2000, ma bloccato dalla morte (2003) di John Ritter, che avrebbe dovuto esserne il protagonista, sceneggiato da Bogdanovich con Louise Stratton, è un omaggio alla screwball comedy del suo maestro Lubitsch - il tormentone degli "scoiattoli alle noci" è una citazione di Fra le tue braccia (1946) - con l'aggiunta di un po' di vaudeville à la Feydeau e un pizzico di Woody Allen. Ma è anche il testamento artistico del 76enne regista, che traspone in Izzy la sua poetica della frivolezza e la sua filosofia di vita all'insegna della levità. Ritmo, brio, sapidità, satira, virtuosismo della cinepresa, attori strepitosi sincronizzati come ingranaggi perfetti di un orologio.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Avventura, USA, Gran Bretagna, Canada 2016. Durata 117 Minuti.
Un film di Steven Spielberg. Con Mark Rylance, Ruby Barnhill, Jemaine Clement, Rebecca Hall, Rafe Spall Uscita 30 dicembre 2016. Distribuzione Medusa.
ilMorandini 3.00
Già portato sullo schermo in un film di animazione britannico del 1989 Il mio amico gigante , qui sceneggiato da Melissa Mathison poco prima della scomparsa, è uno dei più riusciti e bei libri (1982) per bambini di Roald Dahl, che racconta l'incontro tra Sofia, una bimba che vive in orfanotrofio a Londra, e un gigante che, al contrario dei suoi simili, non mangia i bambini, ma si nutre solo di cetrionzoli. Rapita da lui e portata nel Paese dei Sogni, dapprima spaventata, Sofia scopre la magia e il mistero dei sogni. Basterebbe il gergo con cui si esprime il gigante a comprendere la genialità del libro, favola contro la violenza e l'ignoranza, sulla solidarietà e la potenza della parola, sulla gentilezza e la forza del fare squadra. E Spielberg ci aggiunge anche un pizzico della sua ironia di americano che sa parlare ai bambini. Brava la protagonista, bene effetti speciali e trucchi (strepitoso quello costruito sulla mimica facciale di Mark Rylance).1° film di Spielberg prodotto da Disney.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Italia, Francia, Germania 2015. Durata 106 Minuti.
Un film di Nanni Moretti. Con Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini, Nanni Moretti, Beatrice Mancini [I] Uscita 16 aprile 2015. Distribuzione 01 Distribution.
ilMorandini 4.00
Mentre sua madre Ada (una straordinaria Lazzarini) sta lentamente ma serenamente morendo, la regista Margherita è sempre più in affanno tra visite in ospedale, riprese di un film su una fabbrica occupata, rapporti problematici con la figlia adolescente. La distrae, con la sua esuberanza cialtrona, il divo americano Barry Huggins, la sostiene il fratello Giovanni che è un po' il suo grillo parlante. Oltrepassando La stanza del figlio (2001), il 12° film di Moretti, sceneggiato con Francesco Piccolo e Valia Santella, racconta, in chiave tragicomica, la resistenza ad accettare la propria morte - di cui quella della propria madre è il simbolo - che è in realtà resistenza a rinunciare al proprio narcisismo, oltre il quale si intravede invece la possibilità di un'esistenza migliore. Film dolente e coraggioso, serio ma commovente ed emozionante, in cui Moretti - che si è tenuto ai margini come attore e come regista e ha scelto un registro stilistico prosaico, sotto le righe - si mette in gioco, si confessa e si autocritica, con grande ironia e autoironia, sdoppiandosi nei due fratelli, due facce di sé stesso. Suggestive invenzioni metaforiche - l'infinita fila di persone in coda al cinema, le scatole di libri nell'appartamento svuotato - e da sequenze di grande potenza emotiva, sia comica - la scena di Barry alla guida - sia tragica - sopra tutte quella in cui Margherita obbliga la madre a camminare. Difficile dire chi sia più bravo tra gli interpreti principali.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Francia 2015. Durata 120 Minuti.
Un film di Emmanuelle Bercot. Con Catherine Deneuve, Rod Paradot, Benoît Magimel, Sara Forestier, Diane Rouxel Uscita 19 novembre 2015. Distribuzione Officine Ubu.
ilMorandini 3.00
Senza padre e con madre spiantata e balorda, a 6 anni Malony viene dato in affido per decisione del giudice Florence. Diventa un 16enne caratteriale che ruba auto per divertirsi a fare il pirata della strada. E si ritrova di nuovo di fronte a Florence. Bercot mette in immagini uno script steso a 4 mani con Marcia Romano sul lungo e travagliato percorso di recupero, da parte delle istituzioni, di un ragazzo sbandato, destinato a delinquere. Al suo attivo la scena iniziale di potente commozione, la tanto spietata quanto lucida analisi psicologica e sociologica, il rigoroso e istruttivo verismo; nel passivo, didascalismo, ripetitiva prolissità, un finale mélo improbabile. Paragonandolo al simile Mommy (2014), si esemplifica la differenza tra buon artigianato e arte. Leitmotiv musicale la Sarabanda di Händel, lo stesso usato da Kubrick per Barry Lyndon (1975).
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Giappone 2012. Durata 108 Minuti.
Un film di Hideki Takeuchi. Con Hiroshi Abe, Aya Ueto, Kazuki Kitamura, Riki Takeuchi, Kai Shishido Uscita 26 giugno 2014. Distribuzione Tucker Film.
ilMorandini 2.00
Caduto in disgrazia, stimato architetto delle acque e disegnatore di terme, assai apprezzate dall'imperatore, Lucius Modestus va in depressione e mentre si bagna in una piscina è risucchiato in un tunnel acqua-temporale che lo spedisce in un bagno pubblico, nel Giappone dei giorni nostri. Gran divertimento di ilari vecchietti e colpo di fulmine di una deliziosa fanciulla aspirante autrice di manga. Lucius comincia a viaggiare avanti e indietro nel tempo, riconquistando l'imperatore con innovazioni tecnologiche supermoderne. Quando però gli succede Commodo, per Lucius sono guai. La prima parte è divertente e fantasiosa, con tante gag più o meno riuscite, la seconda prende una piega storica e il film diventa prolisso. La versione italiana peggiora le cose: Lucius parla in italiano con i suoi e in latino con sottotitoli con i giapponesi che a loro volta parlano in italiano. Puccini e Verdi enfatizzati nella colonna musicale. Distribuisce Tucker.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Svezia, Danimarca 2013. Durata 102 Minuti.
Un film di Lukas Moodysson. Con Mira Barkhammar, Mira Grosin, Liv LeMoyne, Johan Liljemark, Mattias Wiberg Uscita 5 giugno 2014. Distribuzione Bim Distribuzione.
ilMorandini 2.50
Stoccolma 1982. 2 tredicenni pazze per la musica punk, ribelli al mondo degli adulti, insofferenti alle regole, scoprono un luogo dove possono esibirsi e formano un duo, ma non sanno suonare. Si unisce a loro una coetanea molto diversa ma irresistibilmente attratta dal loro anticonformismo e bravissima con la chitarra. Basato sulla graphic novel di Coco Moodysson, moglie del regista, è un film sugli adolescenti, che ha l'andamento frammentario e fast delle strisce di fumetti. L'autore - per merito anche delle 3 interpreti - disegna i suoi personaggi con affetto, sguardo lucido e molta nostalgia per la musica di quegli anni, Sex Pistols e Clash in testa. Grande successo in patria ignorato da noi. Bim distribuisce.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Italia, Francia 1972. Durata 109 Minuti.
Un film di Marco Bellocchio. Con Laura Betti, Lou Castel, Yves Beneyton, Piero Vida, Vittorio Fanfoni
ilMorandini 3.50
1958, anno della morte di Pio XII, il più clericale e autoritario dei papi moderni. In un collegio religioso entra Angelo (Beneyton), bello, ricco, anticonformista, convinto che ogni società sia basata sulla repressione, e mette in atto un piano di "derisione" distruttiva dell'istituzione contro il vicerettore Corazza (Scarpa) che provoca prima un'agitazione degli inservienti (emarginati, sfruttati, derisi) e poi una rivolta dei convittori, entrambe inutili, speculari. 3° film di Bellocchio e il più carico di simbolismi e di metafore, a cominciare dai nomi caricaturali dei sacerdoti e dei collegiali. Notevole la capacità di passare dal registro naturalistico a quello espressionista nel rendere i conflitti tra razionalità e follia e le concordanze tra due modelli di potere (di repressione), il religioso (Corazza) e il tecnologico (Angelo). Severamente ridotto nel 2011 dall'autore a un'ora e mezzo. Importanti i contributi dello scenografo Amedeo Fago e della fotografia di Franco Di Giacomo.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Thriller, USA 2007. Durata 122 Minuti.
Un film di Ethan Coen, Joel Coen. Con Tommy Lee Jones, Javier Bardem, Josh Brolin, Woody Harrelson, Kelly MacDonald Uscita 22 febbraio 2008. Distribuzione Universal Pictures.
ilMorandini 4.00
Dopo due omicidi a freddo di un serial killer lucidamente folle (Bardem), la storia comincia con Moss (Brolin) che s'imbatte nel deserto in un camioncino circondato da cadaveri. Nel portabagagli un carico di eroina e una valigetta con 2 milioni di dollari. Nell'andarsene col denaro, innesca una reazione a catena di violenze letali che nemmeno un paziente e disincantato sceriffo (Jones) riesce ad arginare. Il Texas del romanzo (2005) di Cormac McCarthy, che la Paramount Vantage ha messo a disposizione dei fratelli Coen, è un paese di morti e per morti, un assolato universo fuori dal tempo ma non dalla Storia. Che cos'è il loro 13° film: un western? un noir? L'uno e l'altro, e qualcosa di diverso. Non c'è cinefilia compiaciuta né nostalgia del passato e dei suoi miti in questa sfilata di cadaveri putrefatti dal sole. Con la loro scrittura classica, ma ricca di scarti e sottrazioni, deviazioni e stonature calcolate, i Coen hanno messo insieme una gelida metafora del nostro tempo. Coinvolge, fa aspettare, sorprende, persino diverte, ma lascia dentro un inesprimibile malessere. Tutti interpreti funzionali ai personaggi con un Bardem assassino periodico che mette spavento. Colpo di genio e di coraggio: colonna musicale praticamente assente. 4 Oscar: film, regia, sceneggiatura non originale, attore non protagonista (Bardem). 2 Globi d'oro: sceneggiatura e Bardem.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Francia 2016. Durata 130 Minuti.
Un film di Paul Verhoeven (I). Con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny, Charles Berling, Virginie Efira Uscita 23 marzo 2017. Distribuzione Lucky Red.
ilMorandini 2.00
Aggredita e stuprata in casa sua, Michelle, proprietaria di una società che produce videogiochi aggressivi e violenti, non denuncia la cosa e prosegue da subito come se nulla fosse accaduto, fino a quando lo stupratore riappare. Ispirato al racconto Oh... (2012) di Philippe Djian, e (mal) sceneggiato da David Birke, sul fronte suspense è prevedibile, prolisso e sfiora spesso il ridicolo involontario. Lo tiene in piedi solo la algida Huppert che, osannata da tutti, si cimenta di film in film con personaggi sempre più contorti e psicologicamente disturbati: Michelle - con la sua freddezza e l'assenza assoluta di sentimenti - è il simbolo di una società ipocrita, arida, amorale, violenta. O per lo meno questo era nelle intenzioni dell'autore.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Italia 2007. Durata 110 Minuti.
Un film di Luis Prieto. Con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Katy Louise Saunders, Filippo Nigro, Susy Laude Uscita 9 marzo 2007. Distribuzione Warner Bros Italia.
ilMorandini 2.00
È il 2° capitolo della love story e delle avventure di Step, iniziate con successo in Tre metri sopra il cielo , tratto, come l'altro, da un best seller omonimo (2005) di Federico Moccia che l'ha adattato con Teresa Ciabatti. Prodotto da Cattleya e Warner Bros Italia, 4,2 milioni di budget, 620 copie, si è piazzato subito ai primi posti degli incassi nella stagione 2006-07, grazie all'afflusso degli spettatori minorenni che hanno determinato quel fenomeno di neoromanticismogiovanile, etichettato, con un briciolo di ironia, "moccia-muccinismo". "Si sente che è un film molto seguito a tutti i livelli produttivi" (M. Giusti). Non mancano momenti tremendi di dialogo, lentezze, divagazioni, ma i rapporti tra i personaggi sono migliorati. Non c'è soltanto il pugliese Scamarcio (1979), l'unico divo del cinema italiano dei primi anni 2000, a far da traino. Come Gin che ha preso il posto di Babi (Saunders), la esordiente Chiatti fa da motore alla storia d'amore.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Italia 2008. Durata 105 Minuti.
Un film di Federico Moccia. Con Raoul Bova, Michela Quattrociocche, Veronica Logan, Luca Angeletti, Ignazio Oliva Uscita 25 gennaio 2008. Distribuzione Medusa.
ilMorandini 1.50
Moccia adatta un suo romanzo (850 000 copie vendute). In contemporanea col film, è andato in libreria Diario di un sogno , resoconto delle sue esperienze sul set. Mettiamo che il 37enne Alex sia in crisi sentimentale e professionale. Mettiamo che incontri la liceale Niki che, come si dice in pubblicità, gli "fa riscoprire la gioia di amare". Cosa può succedere, se non la lieta fine? Scusate ma lo chiamo "uno specchietto per le allodole, in tutti i sensi" (S. Danese). Far passare la Quattrociocche per una ragazza comune è un imbroglio, frutto di quella subcultura televisiva egemone nell'Italia berlusconiana: "L'attrice è la prima spettatrice di Scusa ma ti chiamo amore , si rispecchia totalmente nella protagonista Niki, vive dentro il film. La storia d'amore della pellicola corre parallela a quella reale..." (Davide Boero). Prodotto da V. Cecchi Gori e Rita Rusic per Medusa. La più brava del cast è la Dazzi.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, USA 2007. Durata 148 Minuti.
Un film di Sean Penn. Con Emile Hirsch, Marcia Gay Harden, William Hurt, Jena Malone, Brian H. Dierker, Catherine Keener Uscita 25 gennaio 2008. Distribuzione Bim Distribuzione.
ilMorandini 4.00
Nel 1990 il neolaureato 22enne Chris McCandless lascia Atlanta (Georgia) e, senza un dollaro, inizia un vagabondaggio di due anni. Si crea un'identità nuova, ribattezzandosi Alexander Supertramp; si emancipa dalla famiglia benestante (non dalla sorella); viaggia dal South Dakota alla California, avventurosamente, approfondendo la conoscenza degli uomini e della natura; punta verso l'Alaska dove muore dopo un solitario soggiorno di 113 giorni. Jon Krakauer, autore del libro Nelle terre estreme (1998) cui si è ispirato Penn, ne parla come di un giovane diverso, egocentrico, caparbio, puro di cuore, privo di compromessi, radicale nelle scelte e nell'etica. Produttore e sceneggiatore, Penn somiglia a McCandless. Deve avere intuito che poteva cavarne l'opera della sua vita e ci è riuscito con un film forte e sincero, sereno e dolente. Quando alla fine si arrende alla natura, impassibile più che crudele, la sua morte non è una sconfitta. La breve scena in cui, ridotto allo stremo, incontra un gigantesco orso bruno che lo sfiora e se ne va, è un momento di grande cinema. Lungo, non prolisso. Inopinato V.M. 14 anni. Colonna musicale di Eddie Vedder, voce dei Pearl Jam.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Fantastico, USA 2010. Durata 108 Minuti.
Un film di Tim Burton. Con Mia Wasikowska, Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Crispin Glover, Anne Hathaway Uscita 3 marzo 2010. Distribuzione Walt Disney.
ilMorandini 3.50
Scritto da Linda Woolverton dai romanzi Alice nel paese delle meraviglie (1865) e Attraverso lo specchio (1871) di Lewis Carroll. Morto il padre, la 19enne Alice Kingsley è coinvolta, suo malgrado, nella propria festa di fidanzamento con Lord Hamish. Ma il Bianconiglio la riconduce nel Sottomondo dove le creature di Wonderland sono convinte che solo lei possa restituire il regno alla Regina Bianca, usurpato dalla dispotica Regina Rossa, e sconfiggere il mostruoso Ciciarampa. Con l'aiuto del Cappellaio Matto ci riesce. Quello di Burton è un film su commissione (già scritto e approvato dalla Walt Disney produttrice), un film sperimentale, un film girato in tempi brevi (rispetto alla complessità dell'impresa in cui il 3D è stato applicato in postproduzione con il contributo di Robert Stromberg, scenografo talentuoso). Se si trascura l'Alice adulta, si fraintende il nucleo del film burtoniano: il suo desiderio di autoaffermazione ribelle nel mondo reale è il frutto dell'immaginazione maturata in quello dei sogni fatti da bambina. In questa lotta contro la tirannia, l'ipocrisia, il conformismo, ha come complice sovversivo il Cappellaio Matto che, grazie a Depp, diventa quasi il vero protagonista. Il successo mondiale di pubblico è stato confermato anche sul mercato italiano, dove ha conquistato circa 4 milioni di spettatori.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Azione, USA 2007. Durata 101 Minuti.
Un film di Francis Lawrence. Con Will Smith, Alice Braga, Dash Mihok, Charlie Tahan, Willow Smith Uscita 11 gennaio 2008. Distribuzione Warner Bros Italia.
ilMorandini 3.00
Tra gli attori di Hollywood nel 1° decennio 2000 Will Smith è il campione d'incassi: i suoi film hanno rastrellato, dicono, 4 miliardi di dollari nel mondo. Iniziata la carriera come cantante di successo, qui è protagonista assoluto di quello che è in buona parte (con qualche flashback esplicativo) un monologo, coniugando energia fisica e una vasta gamma di sfumature psicologiche. È difficile recitare senza interlocutori, saper parlare a un cane, manichini, oggetti. A New York, e forse nel mondo, Robert Neville è l'unico superstite sano di un'epidemia provocata dall'uomo, ma deve vedersela con gli Infetti, mutanti umanoidi di ottusa bestialità aggressiva. Non si danno spiegazioni sulla loro sopravvivenza, come è appena accennata la denuncia critica della biologia molecolare che ha scatenato il virus. Sarebbe ingenuo pretenderlo da un film (150 milioni di dollari di cui 5 solo per la mastodontica scena del ponte che crolla) che vuole soprattutto dare emozioni. 2ª regia di Lawrence, è la 3ª trasposizione del noto romanzo (1954) di Richard Matheson che aprì la strada alla SF venata di horror. Scritto da Mark Protosevich e Akiva Goldsman. La 1ª parte è migliore della 2ª dove, imperversando gli Infetti, si passa a una violenza convenzionale e risaputa. Enorme successo mondiale grazie anche a una squadra tecnica di prim'ordine, anzitutto per la scenografia di Naomi Shohan, aiutata dagli effetti digitali (Janek Sirrs). Fotografia dell'australiano Andrew Lesnie ( Il signore degli anelli ).
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Italia 2017. Durata 103 Minuti.
Un film di Sergio Castellitto. Con Jasmine Trinca, Stefano Accorsi, Alessandro Borghi, Edoardo Pesce, Hanna Schygulla Uscita 20 maggio 2017. Distribuzione Universal Pictures.
ilMorandini 1.50
Agosto, periferia romana, quartiere degradato. 30enne madre single, con ex marito violento, sogna di aprire un negozio di parrucchiera. Sua figlia, 8 anni, non parla e le viene prescritto dai servizi sociali un sostegno psicologico. L'incontro con lo psicoterapeuta le offre la possibilità di un cambio di vita, ma non è capace di cogliere l'occasione. Insopportabile polpettone melodrammatico falso-popolare con Castellitto regista che arranca disperatamente per dare il meglio di sé. Ma i difetti (gravi) stanno nel manico, cioè nella sceneggiatura (di Margaret Mazzantini) che abusa di tutti i cliché nazionalpopolari più retrivi: "È la fiera del sovraccarico, dell'urlato, del mal suggerito, con punte stracult come la sequenza in cui Accorsi insegue Fortunata sulle sponde del Tevere" (Cinematografo.it). Come già accadde con Penelope Cruz in Non ti muovere , non basta gridare, masticare con la bocca aperta, avere sempre i capelli fuori posto, il trucco un po' sciolto e brutti vestiti per essere una popolana. E la povera Trinca - altrove brava - è falsa, sopra le righe, fuori parte.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Fantastico, USA 2009. Durata 130 Minuti.
Un film di Chris Weitz. Con Kristen Stewart, Robert Pattinson, Taylor Lautner, Dakota Fanning, Ashley Greene Uscita 18 novembre 2009. Distribuzione Eagle Pictures.
ilMorandini 1.50
Bella compie 18 anni e va in crisi: lei invecchierà mentre Edward resterà sempre giovane e la lascerà. Lui si sente incapace di proteggerla e se ne va. Lei si fa consolare da Jakob, ma lui è un licantropo, quindi nemico dei vampiri. Nel 2° capitolo (2006) tratto dai best seller di Stephenie Meyer emergono le velleità romantico-shakespeariane e la situazione peggiora. In una cornice da leccato videoclip, una popolazione di giovani attori inespressivi si muove in una vicenda più sentimentale che fantastica, con dialoghi insostenibili. Interminabili 130 minuti, forse anche per gli appassionati della serie, ma gli adolescenti accorrono. Segue un 3° capitolo.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Commedia, Italia 2016. Durata 90 Minuti.
Un film di Alessandro Aronadio. Con Daniele Parisi, Silvia D'Amico, Pamela Villoresi, Ivan Franek, Rocco Papaleo Uscita 18 maggio 2017. Distribuzione 102 Distribution.
ilMorandini 2.50
Si sveglia una mattina con un orecchio che gli fischia. E sul frigo c'è un biglietto della sua compagna che gli scrive che è morto Luigi e che ci saranno i funerali nel pomeriggio. Ma chi è Luigi? Passa l'intera giornata a cercare di risolvere il suo problema uditivo e capire se conosceva Luigi. Piccolo film metropolitano - in un bel bianco e nero - con un protagonista ben diretto dal bravo (e ambizioso) Aronadio che ha saputo anche creare un folto gruppetto di personaggi di contorno ben caratterizzati e mai macchiette ridicole. Qualche forzatura qua e là e una semplificazione etica (troppo esplicitata nel monologo finale) annacquano un po' la parte nonsense che è la migliore.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
300
Storico, USA 2006. Durata 117 Minuti.
Un film di Zack Snyder. Con Gerard Butler, Lena Headey, David Wenham, Dominic West, Vincent Regan Uscita 23 marzo 2007. Distribuzione Warner Bros Italia.
ilMorandini 2.50
Durante la seconda guerra persiana (480 a.C.), il re spartano Leonida con i suoi 300 uomini riesce a resistere per diversi giorni alle Termopili al soverchiante esercito persiano di Serse approfittando della configurazione favorevole del territorio. L'eroico sacrificio dà l'occasione ai Greci di prepararsi e sconfiggere i Persiani. Dopo Sin City , Snyder usa tecniche analoghe per trasformare in film il fumetto di Frank Miller (pubblicato nel 1998 in 5 albi mensili): ma il risultato è simile solo formalmente. 300 è un film di guerra spettacolare "(anche se con la frustrazione di chi nelle scene di battaglia sente di trovarsi dinnanzi a un videogioco particolarmente sofisticato senza poter intervenire schiacciando pulsanti)", dalla fotografia cupa e livida di scene e personaggi che sembrano fumetti in movimento, realizzati con una tecnologia stupefacente. Ma, al di là della scena della battaglia, dal punto di vista culturale (e storico) è opera quantomeno discutibile: gli spartani, dediti principalmente alla guerra e all'addestramento, vivevano grazie alla schiavizzazione del popolo sconfitto dei Messeni ed erano molto più rozzi e "selvaggi" di come Snyder ce li mostra. Sui riferimenti a Bush, da parte dei critici, stendiamo un pietoso velo.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Thriller, Australia 2005. Durata 90 Minuti.
Un film di Brett Leonard. Con Gerard Butler, Lena Headey, David Wenham, Dominic West, Vincent Regan Uscita 10 agosto 2007. Distribuzione Mediafilm .
ilMorandini 1.00
Il poliziotto australiano Jackson insegue in Ohio Carter, criminale anomalo che alimenta donne consenzienti per ingrassarle fino a un peso mostruoso, talvolta fino alla morte, e le filma sadicamente. Al servizio di una sceneggiatura di Kieran Galvin, che si spinge a un parallelismo tra rito eucaristico e antropofagia, il regista ricorre a una scrittura figurativamente e cromaticamente trasgressiva, sottolineando l'incerto confine tra vittime e carnefici e indicando come i traumi infantili del cacciatore si confondano con quelli dell'inseguito. I 2 protagonisti sono anche produttori. Deidre, l'amante stabile di Carter (300 kg di peso, grazie a effetti speciali) è costretta a stare a letto, nuda. Distribuisce Mediafilm. Feed = alimentazione.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, Francia, Canada 2014. Durata 140 Minuti.
Un film di Xavier Dolan. Uscita 4 dicembre 2014. Distribuzione Good Films.
ilMorandini 3.50
In Canada, Die, provocante e aggressiva vedova 40enne, deve riaccogliere in casa il figlio Steve, 15enne affetto da "deficit d'attenzione e iperattività di tipo oppositivo-provocatorio", espulso dal collegio perché ha ustionato un compagno e provocato un principio d'incendio. Il loro esasperato rapporto di amore-odio avrebbe esito mortale se non fosse per l'intervento di Kyle, la nuova vicina di casa, insegnante diventata balbuziente (forse dopo la morte del figlio), che accetta di fare da precettrice a Steve e regala a Die il sogno di un futuro normale. Ma non è un mondo da sogno. Il 5° film del 25enne regista franco-canadese - che firma anche sceneggiatura, costumi e montaggio - è uno psicodramma di grande impatto emotivo, girato sul filo del rasoio tra commedia e tragedia e centrato, come il 1° ( J'ai tué ma mère , 2008), su un conflitto figlio-madre che ha radici autobiografiche ma è anche una versione attuale, a finale rovesciato, dello scontro tra Oreste e Clitennestra delle Coefore di Eschilo. A livello sociale, è una cruda e realistica rappresentazione dello sfacelo relazionale dei Paesi dell'opulenza: la scomparsa dei padri e la virilizzazione delle madri producono una (de)generazione di narcisisti violenti perché deboli e incapaci di affrontare i limiti imposti da una realtà sempre più incarognita. Con un formato quadrato, che occupa solo il centro dello schermo (che si allarga tornando al tradizionale 16:9 solo nei momenti felici), e una fotografia (André Turpin) nitida e luminosa, Dolan trasmette claustrofobia (i protagonisti sembrano mosche chiuse nella bottiglia), dissezionando difetti e angosce dei personaggi con raffiche di primi piani e dettagli dei volti. Premio della giuria a Cannes 2014 ex aequo con Adieu au language di Godard - 2 film formalmente agli antipodi ma convergenti nell'annuncio della morte dell'Occidente.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Erotico, Italia 2005. Durata 100 Minuti.
Un film di Luca Guadagnino. Con María Valverde, Marcello Mazzarella, Claudio Santamaria, Geraldine Chaplin, Elio Germano Uscita 18 novembre 2005.
ilMorandini 1.50
La sedicenne Melissa s'invaghisce corpo e cuore di Daniele che la umilia. L'atroce delusione la spinge a un'autodistruttiva esplorazione del mondo delle perversioni sessuali finché incontra l'amore romantico con un compagno di scuola. Castigo finale. Dal best seller Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire (2003) di Melissa P(anarello) - 2 milioni di copie, si dice - sceneggiato da Barbara Alberti, Cristina Farina e dal regista, è un film che cerca di conciliare la sua sostanza di operazione commerciale (puntata al pubblico adolescente) con le intenzioni moralistiche, l'atmosfera morbosetta che solletica la patta degli spettatori con il falso e ipocrita pudore di un'autocensura clericale. L'ambiziosetto Guadagnino butta via la scelta giusta della Valverde e guasta il personaggio della nonna (Chaplin) inesistente nel romanzo. Coprodotto per l'Italia da Francesca Neri.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Drammatico, USA 2007. Durata 117 Minuti.
Un film di Sidney Lumet. Con Philip Seymour Hoffman, Ethan Hawke, Albert Finney, Marisa Tomei, Aleksa Palladino Uscita 14 marzo 2008. Distribuzione Medusa.
ilMorandini 3.50
Nell'estate 2006 a New York, dopo un lungo lavoro di preparazione con gli attori, all'età di 82 anni Lumet girò il film più angoscioso della sua carriera, il 45° per il cinema. La sceneggiatura, la prima, è del rinomato commediografo Kelly Masterson. Al sarcastico titolo italiano (il 4° comandamento del Decalogo di Mosè) si oppone quello originale, tratto da un arguto detto irlandese: "Meglio arrivare in paradiso mezz'ora prima che il diavolo sappia che sei morto". È la storia di una famiglia della media borghesia che deve affrontare il peggiore dei nemici, sé stessa, in un conflitto che nasce dal denaro: la rapina in una gioielleria che ha tragiche e impreviste conseguenze è il motore dell'azione, esposta in una struttura temporalmente frantumata prima e dopo l'evento. Attraverso una trafila di debiti, falsi in bilancio, sensi di colpa, ricatti, tradimenti, vendette, provocando situazioni in cui ogni membro maschile della famiglia (donne quasi escluse) fa emergere il peggio di sé stesso, si arriva a un finale sconvolgente. Tragedia o melodramma? Il formidabile cast degli interpreti è una sfilata di Oscar, compreso quello alla carriera dato a Lumet nel 2005, ma anche tra le figure di contorno non mancano gli attori decorati con premi teatrali o televisivi. Occorre citare almeno Hoffman (doppiato da Pino Insegno) il cui talento gli ha permesso di essere promosso, come qui, da caratterista a protagonista.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
Fantastico, USA 2008. Durata 120 Minuti.
Un film di Catherine Hardwicke. Con Kristen Stewart, Robert Pattinson, Taylor Lautner, Billy Burke, Peter Facinelli Uscita 20 novembre 2018. Distribuzione Eagle Pictures.
ilMorandini 2.00
Quando la mamma trova un fidanzato, la 17enne Bella va dal papà, nella cittadina di Forks. A scuola conosce Edward, bello impossibile, che ha la sua stessa età ma ce l'ha dal 1918: è un vampiro che vive in una famiglia di vampiri che hanno scelto di nutrirsi di sangue animale e lasciar stare gli umani. È il 1° dei 4 best seller della bigottona mormone Stephenie Meyer, venduti in milioni di copie, fenomeno di culto presso i giovanissimi di tutto il mondo. E dietro la macchina da presa c'è un'esperta in film per adolescenti, la Hardwicke, promossa con Thirteen - 13 anni (2003), messa in standby con i successivi Lords of Dogtown e Nativity . La combinazione - che avrebbe dovuto essere vincente - è un fallimento: il thriller sentimentale precipita continuamente nel ridicolo involontario, i dialoghi sciocchini fanno venire l'acidità, i giovani attori sono impacciati, la tempesta ormonale - ma il rapporto resta platonico, come si conviene ad adolescenti perbene - si manifesta con slow motion , sovraesposizioni e colpi di carrellate circolari. Ma ai ragazzini piace.
Recensione | Cast | Rassegna stampa | Pubblico | Forum |
  
  
chevron_left
chevron_right
Filtra per anno
2017
 
2016
 
2015
 
2014
 
2013
 
2012
 
2011
 
2010
 
Box Office
Miglior sceneggiatura al Festival di Berlino, il film di Giovannesi supera con fatica le 60.000 presenze. Continua»
Classifica di domenica 17 febbraio
10 giorni senza mamma
€ 713.957,00
Il Corriere - The Mule
€ 473.123,00
Green Book
€ 320.638,00
Alita - Angelo della Battaglia
€ 310.903,00
La paranza dei bambini
€ 236.544,00
Rex - Un Cucciolo a Palazzo
€ 206.655,00
Un'Avventura
€ 125.538,00
10° Il primo Re
€ 52.779,00












Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati