Annie Ernaux - I miei anni Super 8

Film 2022 | Documentario, Drammatico, 61 min.

Titolo originaleLes Années Super 8
Anno2022
GenereDocumentario, Drammatico,
Durata61 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diAnnie Ernaux, David Ernaux-Briot
Uscitamartedì 6 dicembre 2022
TagDa vedere 2022
DistribuzioneI Wonder Pictures
MYmonetro 3,92 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Annie Ernaux, David Ernaux-Briot. Un film Da vedere 2022 Titolo originale: Les Années Super 8. Genere Documentario, Drammatico, 2022, durata 61 minuti. Uscita cinema martedì 6 dicembre 2022 distribuito da I Wonder Pictures. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche - MYmonetro 3,92 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Annie Ernaux - I miei anni Super 8 tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 5 dicembre 2022

La scrittrice francese Annie Ernaux, Premio Nobel 2022 per la Letteratura, ci apre il baule dei ricordi, tirando fuori video amatoriali girati tra il 1972 e il 1981.

Powered by  
Consigliato assolutamente sì!
3,92/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,83
PUBBLICO
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un'autofiction rigorosa che riscrive e rimette a fuoco un decennio di conquiste sociali supersoniche. E altrettante contraddizioni.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
martedì 29 novembre 2022
Recensione di Raffaella Giancristofaro
martedì 29 novembre 2022

Nel 1972 Annie Ernaux e suo marito Philippe, rispettivamente insegnante (non ancora scrittrice) e segretario comunale, vivono ad Annecy, hanno più o meno trent'anni e due figli di sette e tre, Eric e David. Quando acquistano una cinepresa Super 8, tra le novità tecnologiche portatili di quegli anni, a filmare è quasi sempre Philippe. Dopo la separazione tra i due, nei primi anni '80, quelle immagini rimangono a lungo non viste, finché non vengono riportate alla luce dal figlio David. Si tratta di istantanee di vita familiare, ricorrenze, escursioni all'aperto e di alcuni viaggi compiuti dai quattro tra il 1972 e il 1981: Cile, Marocco, Albania, Inghilterra, Corsica, Spagna, Portogallo, Russia. Il figlio David (1968) ne immagina un nuovo assemblaggio, se pure osservando l'ordine cronologico e propone alla madre di apporre ad esse un commento critico, antidescrittivo, da incidere con la propria voce narrante.

Una nuova narrazione, con l'occhio dell'autrice riconosciuta, che ha il lusso e l'onere di potersi riguardare con la distanza non solo temporale ma emotiva con cui scrive i propri libri.

Tra questi, sono stati portati al cinema L'autre di Patrick-Mario Bernard e Pierre Trividic (Coppa Volpi a Dominique Blanc a Venezia nel 2008), L'amante russo di Danielle Arbid (dal romanzo "Passione semplice"), il Leone d'oro 2021 L'Evenement - La scelta di Anne di Audrey Diwan, tratto da "L'evento", mentre nel 2020 l'autrice ha partecipato al documentario J'ai aimé vivre à di Régis Sauder. Un esperimento simile era già stato tentato da Sara Fgaier con il cortometraggio Gli anni, su una lettura di "Gli anni" (il romanzo pubblicato da L'Orma nel 2015). Anche lì l'intento era tenere insieme - attraverso gli archivi privati, in quel caso, provenienti dalla Cineteca sarda - tempo personale e collettivo.

L'elemento più evidente e immediato di Annie Ernaux - I miei anni Super 8 è il potere evocativo della patina materica del supporto fisico. La pellicola cattura e restituisce la temperatura di un mondo analogico, non ancora assuefatto all'onnipresenza degli obiettivi: nei primi minuti di ripresa sono palpabili la sorpresa e l'imbarazzo nelle espressioni di chi è inquadrato. E poi l'impronta stilistica (lo stile di vita, l'abbigliamento, gli arredi, i mezzi di trasporto...) di un decennio, gli anni '70, tuttora fonte generosa di ispirazione.

Ma subito la nostalgia per un'era non completamente tracciabile lascia il posto al senso profondo delle riflessioni dell'autrice, in quel periodo al lavoro, di nascosto dai familiari, alle sue prime prove narrative ("Gli armadi vuoti" verrà pubblicato da Gallimard nel '74). La convenzionalità delle situazioni riprese - festeggiamenti di compleanno, scarto dei regali a Natale, attività sportive, pranzi in famiglia, passeggiate all'aperto - non disturba ma anzi in alcuni momenti esalta la riflessione ex post su ruoli di genere, rapporti di classe e una sorta di tradimento di quella d'origine, la presa di consapevolezza femminile attraverso la scrittura come strumento di emancipazione.

Il progressivo allontanarsi della cinepresa dagli ambienti domestici per concentrarsi sui viaggi nel mondo di una famiglia medio borghese è la prova dello sgretolamento di un matrimonio tradizionale e "performativo". Ma anche la testimonianza della frustrazione di illusioni giovanili: a livello politico, la repressione violenta del governo di Allende, il post colonialismo che produce un turismo bianco segregato in Marocco e Albania, le crescenti istanze ecologiste inascoltate; a quello individuale, la rabbia impotente e ferita di non essere ancora autorizzata a trovare una propria voce.

Una autofiction rigorosa, quasi un documentario naturalista, scientifico, non privo di punti di tensione, che sul piano della colonna audio non lascia spazio a facili commozioni - moderati gli interventi sonori e rumoristici sulle immagini altrimenti mute (ma la playlist di riferimento è nominata, a favore di chi vuole recuperarla). E che con la glaciale precisione del fraseggio di Ernaux riscrive e rimette a fuoco un decennio di conquiste sociali supersoniche e altrettante contraddizioni, eleva una sezione della propria esistenza a unità di misura e scandaglio del tempo. Della sua durata.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 6 dicembre 2022
Ilaria Feole
Film TV

Tra la presentazione alla Quinzaine di Cannes 2022 e l'uscita del film, la statura di Annie Ernaux nel panorama letterario mondiale è cambiata radicalmente con la vittoria del Nobel. Se ciò non modifica la natura intima, personalissima e coerente con la sua opera scritta, di questo piccolo e intenso documentario-diario, cambia l'impatto sul pubblico: per chi si è affacciato al lavoro della grande autrice [...] Vai alla recensione »

martedì 6 dicembre 2022
Chiara Zuccari
Sentieri Selvaggi

Non è un caso che Annie Ernaux, con il supporto e la collaborazione del figlio David, abbia deciso di raccontarsi attraverso un documentario. E non è nemmeno insolito che lo faccia proprio adesso, dopo il successo de La scelta di Anne. L'événement, film di Audrey Diwan vincitore del Leone d'oro alla Mostra di Venezia 2021, tratto dal suo omonimo romanzo e la recentissima vittoria del Premio Nobel per [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 dicembre 2022
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Hanno titoli essenziali, i romanzi di Annie Ernaux. Il posto, Una donna, La vergogna, L'evento, Gli anni, per citarne alcuni. È il segno di una scrittura precisa, che non s'imbocca nelle scorciatoie del virtuosismo fine a se stesso ed eleva la testimonianza a misura del mondo. Pochi come lei, nella letteratura contemporanea, possono ambire alla statura del classico e i Nobel l'hanno premiata proprio [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
giovedì 1 dicembre 2022
 

Il film diretto dal Premio Nobel 2022 sarà al cinema da martedì 6 dicembre. Vai alla clip »

NEWS
venerdì 18 novembre 2022
 

La scrittrice francese Annie Ernaux, Premio Nobel 2022 per la Letteratura, ci apre il baule dei ricordi, tirando fuori video amatoriali girati tra il 1972 e il 1981. Vai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 2 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati