Red Joan

Film 2018 | Biografico, Drammatico, Thriller +13 110 min.

Titolo originaleRed Joan
Anno2018
GenereBiografico, Drammatico, Thriller
ProduzioneGran Bretagna
Durata110 minuti
Al cinema3 sale cinematografiche
Regia diTrevor Nunn
AttoriJudi Dench, Sophie Cookson, Stephen Campbell Moore, Tom Hughes, Ben Miles Tereza Srbova, Stephen Boxer, Olivia Buckland, Kevin Fuller, Freddie Gaminara.
Uscitagiovedì 9 maggio 2019
DistribuzioneVision Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,13 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Trevor Nunn. Un film con Judi Dench, Sophie Cookson, Stephen Campbell Moore, Tom Hughes, Ben Miles. Cast completo Titolo originale: Red Joan. Genere Biografico, Drammatico, Thriller - Gran Bretagna, 2018, durata 110 minuti. Uscita cinema giovedì 9 maggio 2019 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 3 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,13 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Red Joan tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia di una donna che ha lavorato come spia per il KGB per oltre cinquant'anni senza mai farsi scoprire. In Italia al Box Office Red Joan ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 483 mila euro e 239 mila euro nel primo weekend.

Consigliato no!
2,13/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,27
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Classico nello stile e nella costruzione, non passerà alla storia come esempio eccelso di cinema di spionaggio.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 1 maggio 2019
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 1 maggio 2019

L'anziana Joan Stanley vive serenamente in un elegante sobborgo londinese, tra le fotografie dei nipotini e la passione per il giardinaggio, quando viene arrestata dal MI5 e accusata di spionaggio e tradimento. Il figlio avvocato, Nick, non crede ai suoi occhi, ma, durante l'interrogatorio, Joan viene forzata a ricordare i tempi in cui studiava fisica a Cambridge, la passione per il comunista Leo Galich e il lavoro negli uffici del segretissimo Tube Alloys Project, alle dipendenze del professor Max Davies, e il passato riaffiora, più complesso e drammatico di quanto Nick avesse mai potuto immaginare.
Il produttore di Marilyn e Shakespeare in love ha giustamente visto nella vicenda di Melita Norwood una storia nella Storia, con i caratteri di leggendarietà e di umanità che avevano portato al successo i suoi prodotti precedenti. Qui non si tratta, però, del più misterioso e geniale drammaturgo di tutti i tempi, né della donna più bella e più triste del mondo, bensì della più potente delle bombe, l'atomica, al tempo della sua invenzione.

Classico che classico è dir poco, nello stile e nella costruzione, che alterna l'interrogatorio poliziesco nel presente con il ricordo del passato cronologicamente ordinato, il film di Trevor Nunn trova un buon equilibro tra pieni e vuoti, amplificazioni e riduzioni, ma non passerà alla storia come un esempio eccelso di cinema di spionaggio.

Mentre i flashback costruiscono la spy story, con tratti di romanzo sentimentale, personaggi non ugualmente riusciti e colpi di scena di dovere, il presente è ridotto a momenti brevi e di servizio, che servono a rilanciare il racconto ambientato negli Quaranta, come fossero capitoli di un libro (e il libro di partenza c'è: "La ragazza del KGB" di Jennie Rooney). Eppure, in quelle rapide scene in cui non accade nulla o quasi, con la vecchia protagonista davanti alla solita (e qui poco verosimile) coppia di investigatori, Judi Dench offre un'altra delle sue performance, recitando soltanto con gli occhi e con l'ausilio di un abito opportunamente dimesso e di una gamba malferma. Nel frattempo, il film nel film dei ricordi di Joan amplifica, con qualche esagerazione, il suo ruolo nella Storia, facendone l'inventrice della guerra fredda e la fautrice di quella distensione che ha assicurato all'Occidente un lungo dopoguerra di pace. Rispetto alla figura reale della Norwood, Red Joan non è una simpatizzante del comunismo, né fa quel che fa per salvare il sistema Unione Sovietica: con un certo schematismo, che insiste sul suo essere donna in un mondo di scienziati maschi senza cuore, il film punta sulla sua reazione emotiva ai fatti di Hiroshima e Nagasaki e sulla necessità morale di scongiurarne altri.
Peccato, in definitiva, che un film che mira a raccontare l'esistenza dello straordinario dietro un'apparenza di placida quotidianità, non faccia uno sforzo per uscire a sua volta dalla convenzione, nell'uso dei flashback così come nella sbrigativa e prevedibile linea che lega madre e figlio nei giorni dell'arresto. Trevor Nunn, che ha una storia gloriosa in ambito teatrale, al cinema ha ancora della strada da fare.

Storia di una spia.
lunedì 26 novembre 2018

Nel 2000 la tranquilla vita di pensionata di Joan Stanley viene bruscamente sconvolta dall'MI5 che la arresta con l'accusa di spionaggio e alto tradimento ai danni della Corona: avrebbe consegnato segreti militari all'Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel serrato interrogatorio che segue l'arresto emergerà, dopo oltre 40 anni, la vera identità dell' "Agente Lotto", ma soprattutto, le ragioni che la mossero a tradire. Cambridge 1938. Joan, studentessa di fisica, si innamora dell'affascinante Leo Galich, giovane comunista, che le farà vedere il mondo sotto una nuova luce. Assunta poco dopo in una struttura di ricerca nucleare top secret, durante la Seconda Guerra Mondiale, Joan si rende conto che la distruzione totale sta divenendo pericolosamente attuale. Quale prezzo pagheresti per la pace? Joan deve scegliere se tradire il proprio paese ed i propri affetti oppure salvarli.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 10 maggio 2019
max lupi

Judi Dench è una anziana pensionata che vive nei sobborghi di Londra ma nulla è quello che sembra. Viene improvvisamente smascherata dall' MI5. E' una famigerata spia che negli anni 40 ha passato all' Unione Sovietica i progetti per la costruzione della bomba atomica.Questo bel film avvince e emoziona fin dalla prima inquadratura come una insolita e originale spy story dei sentimenti.

mercoledì 22 maggio 2019
Taty23

Red Joan – Quale prezzo pagheresti per la pace? Il film Red Joan racconta la storia della pensionata Joan Stanley. La donna vive una vita tranquilla nei sobborghi londinesi, inaspettatamente viene arrestata dall’MI5 ed accusata aver tradito la Corona e il suo paese. Durante il pressante interrogatorio che segue l’arresto, Joan ripercorre la sua vita.

lunedì 13 maggio 2019
claudel

Chiariamoci. Non stiamo parlando di uno di quei film di spionaggio adrenalinici in cui esplode un ponte ogni cinque minuti. OK? Malgrado ciò, questo film non annoia mai. Sia chiaro anche questo. E' "solo" un film molto emozionante. Red Joan è un ottimo esempio di spy thriller inglese vecchia maniera. Elegante e intrigante.

lunedì 13 maggio 2019
Cate

Io amo vedere al cinema le storie vere, pur sapendo che vengono sempre un po' modificate e romanzate.  Mi aveva proprio attirato la storia di questa spia-donna. Possibile che non sia stata  smascherata per così tanti anni? La risposta, positiva, è chiara: è dovuta al fatto di essere donna (come dice un'attrice nel film!) e quindi non ritenuta abbastanza.

FOCUS
FOCUS
sabato 11 maggio 2019
Paola Casella

Quali carattaristiche contraddistinguono la spia cinematografica per antonomasia? Il fascino, il mistero, l'allure glamour, le location lussuose, gli abiti eleganti. Se poi quella spia è femmina diventa istantaneamente una femme fatale, una tentatrice bellissima e seducente pronta a ingannare il maschio di turno per carpirgli informazioni top secret. È esattamente contro questa aspettativa cinefila che si muove Red Joan, lo spy thriller di Trevor Nunn basato sul romanzo "La ragazza del KGB" di Jennie Rooney, a sua volta ispirato alla vicenda reale di Melita Norwood, fisica nucleare ed ex agente britannica arrestata per spionaggio negli anni Novanta con l'accusa di avere trasmesso all'Unione Sovietica informazioni per costruire la bomba atomica ai tempi della Seconda Guerra Mondiale.

Joan Stanley, questo il nome della protagonista del romanzo e del film, è l'esatto contrario della spia cinematografica. Innanzitutto è una scienziata che ha sempre dato priorità al proprio intelletto rispetto al proprio fascino femminile. Joan è quella che oggi si definirebbe una nerd, timida e dimessa, impacciata e pudica.

Non a caso non è lei la seduttrice, ma è colei che verrà sedotta, travolta dalla passione per un tipo affascinante che le sfilerà gli abiti di flanella e la spingerà a mettere da parte la fedeltà alla Corona. È proprio l'invisibilità a fare di Joan la spia più insospettabile, e dunque la più pericolosa ed efficace. In questo senso ricorda il George Smiley (cui forse non a caso il cognome Stanley fa eco) de La talpa un apparente signor nessuno che si mimetizza con la tappezzeria e riesce ad infiltrarsi ovunque senza farsi notare.

La forza di Joan, come quella di George, è il suo aspetto qualunque, quel grigiore tipicamente inglese che le ha garantito l'anonimato tanto durante gli anni della guerra quanto in quelli a seguire, permettendole un ritorno al giardinaggio e al tè delle cinque senza che nessuno sospettasse il suo operato e il suo ruolo nella nascita della Guerra Fredda. In questo senso il casting di Judi Dench nella parte di Joan da anziana è particolarmente ispirato perché, cinematograficamente parlando, il pubblico identifica Dench con M, capo dei servizi segreti inglesi nei più recenti episodi della saga di 007.

Frasi
Non ho fatto nulla di sbagliato...
Una frase di Joan Stanley (Judi Dench)
dal film Red Joan - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 10 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Chi ha dato la bomba atomica ai russi? Insediata nella storia dello spionaggio nella Seconda mondiale c'è la vicenda di Melita Norwood, la Joan rossa del titolo, fisica nucleare e agente britannica incastrata tra un amore proibito a Cambridge e il tradimento del suo Paese per un alto scopo svelato nel finale. La vera Melita non fu mai condannata, mentre alla spia del film di Nunn (regista celebre a [...] Vai alla recensione »

sabato 7 settembre 2019
Dennis Harvey
Variety

Trevor Nunn is not the first director to accrue both a glorious stage résumé and a paltry, pedestrian screen one. Still, given the talent involved, it's disappointing that "Red Joan" does so little to change that - his first theatrical feature since a decent "Twelfth Night" adaptation 22 years ago is a would-be sweeping epic that instead turns out tweedy, dreary, and unconvincing.

venerdì 10 maggio 2019
Peter Bradshaw
The Guardian

Red Joan è ispirato alla storia di Melita Norwood, una ricercatrice che nel 1999 fu smascherata come una spia sovietica. Ma alla Joan del film viene concessa un'affascinante carriera a Cambridge che Melita non ebbe, e un atteggiamento molto meno ideologico sulla politica dei tempi della guerra fredda. Forse Judi Dench avrebbe potuto dare più profondità al personaggio di una tranquilla vecchietta arrestata [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 maggio 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Tradire il proprio Paese o permettere la distruzione di massa? Il quesito etico è a prova di bomba atomica e ben lo sapeva la giovane scienziata inglese Joan quando sul finire della II Guerra Mondiale si trovò a fornire documenti top secret all'Unione Sovietica. Coinvolta anche dall'amore con l'attivista comunista e tedesco Leo, suo compagno di studi a Cambridge, la donna fece una scelta che all'epoca [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Joan Stanley, una tranquilla signora inglese borghese, viene improvvisamente arrestata per spionaggio a favore dell'allora Unione Sovietica, accusata di aver passato informazioni decisive sulla realizzazione della bomba atomica ai tempi della II Guerra Mondiale. Basato sulla storia vera di Melita Norwood, geniale studentessa di fisica a Cambridge, il film di Trevor Nunn è una debole, convenzionale [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Al centro della trama, autentica, c'è un quesito spaventoso. Quanto è stata (è) valida la "deterrenza nucleare", ovvero la scommessa che, se tutti hanno armi atomiche, nessuno ne farà uso? Augurandoci di non scoprirlo mai, assistiamo in sequenze alternate ieri/oggi alle vicende di Joan Stanley, dotata ricercatrice di fisica nucleare che, negli anni della Seconda guerra mondiale, s'innamora di un militante [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Fulvia Degl'Innocenti
Famiglia Cristiana

È un continuo rimando tra il presente e il passato questo film tratto dal romanzo La ragazza del KGB di Jennie Rooney, ispirato alla vera storia di Melita Norwood, che quando fu catturata nel 1999 fu definita dai media "nonna spia". La protagonista è Joan Stanley, una tranquilla signora inglese di 80 anni dedita al giardinaggio. Ma i servizi segreti sono da tempo sulle sue tracce e hanno tutti gli [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

La pensionata Joan viene arrestata dall'MI5. L'accusa è pesante: spionaggio e alto tradimento alla Corona, avendo lavorato, per decenni, dal 1938, come spia per i russi. Tratto da una storia vera, il film ripercorre le tappe di questa studentessa di fisica, innamoratasi di un giovane comunista e convinta a trafugare i dettagli di una ricerca nucleare.

giovedì 9 maggio 2019
Gianluca Vignola
Sentieri Selvaggi

In attesa di momenti migliori, per riproporre alle istituzioni discorsi sul cinema doppiato che in Italia vanno avanti dai tempi di Mario Gromo, sveleremo già dalle prime righe che il motivo principale di interesse di Red Joan di Trevor Nunn è proprio l'interpretazione di Judi Dench. Fatta di sguardi sommessi e di frasi titubanti che raccontano un personaggio sopraffatto dal mondo che cambia.

martedì 7 maggio 2019
Emanuela Martini
Film TV

Difficile per un inglese sbagliare un film sulla storia di una tranquilla ottuagenaria tutta casa, tè e giardinaggio che all'improvviso viene incriminata per essere stata, cinquant'anni prima, una spia al soldo dell'Unione Sovietica: la storia cioè di Melita Norwood (nella finzione, Joan Stanley), che nel 1999 ammise di essere stata lei a passare ai russi le informazioni indispensabili alla costruzione [...] Vai alla recensione »

martedì 7 maggio 2019
Marco Minniti
Quinlan

Londra, 2000: Joan Stanley, anziana fisica in pensione, riceve la visita di agenti dell'MI5, che la arrestano con l'accusa di tradimento. La donna, infatti, avrebbe passato ai sovietici i risultati della sua ricerca sulla bomba atomica, condotta durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale. L'arresto è per Joan l'occasione per un viaggio nel passato, e nei ricordi dell'amore che la fece accostare per [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 maggio 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Il film di Trevor Nunn è tratto dal romanzo di Jennie Rooney, La ragazza del KGB (Piemme Edizioni), a sua volta ispirato all'incredibile storia vera di Melita Norwood, scoperta colpevole di spionaggio contro l'Inghilterra a più di ottant'anni, e per questo chiamata "nonna spia". La catena di ispirazioni ha quindi prodotto un film che, con una spolverata leggera di thriller, affonda le radici nel genere [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2019
Alessandra De Luca
Ciak

Nel 2000 Joan Stanley (Judi Dench), un'anziana casalinga inglese, viene arrestata con l'accusa di aver tradito il suo Paese rivelando importanti informazioni sulla bomba atomica ai sovietici dopo la distruzione di Hiroshima e Nagasaki. Comincia così il racconto degli anni giovanili della protagonista (Sophie Cookson), quando incontra Leo (Tom Hughes), ebreo russo rifugiato in Inghilterra e coinvolto [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2019
Michael O’Sullivan
The Washington Post

Judi Dench is the one marquee name associated with the movie "Red Joan." But really, with her on board, who needs more than one? Yet as good as she is, the actress is little more than the framing device for this polished and morally provocative - yet hardly pulse-pounding - tale, loosely based on the life of English spy Melita Norwood. (In her 80s, Norwood, hardly a household name, was exposed for [...] Vai alla recensione »

domenica 21 aprile 2019
Wendy Ide
The Observer

What if the old lady next door was in fact a former Soviet spy, whose stolen secrets added fuel to the nuclear arms race? This rather too mild-mannered drama, directed by Trevor Nunn, combines the red peril with a blue rinse. But the storytelling, like the beige-heavy cinematography that takes its cues from liver spots and tea-stained dentures, could do with a bit more colour.

venerdì 19 aprile 2019
Geoffrey MacNab
The Independent

Imagine that the little old lady pruning her roses in the next door garden is a KGB informer. That is the premise from which Red Joan starts. Joan Stanley (Judi Dench) is an OAP living in quiet retirement in English suburbia. She has pictures of her grandchildren on the mantlepiece but no portraits of Lenin or Hammer and Sickle ornaments. There is an obvious curiosity value in seeing Judi Dench, M [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 aprile 2019
Jeannette Catsoulis
The New York Times

A story of Cambridge spies, atom-bomb secrets and a passionate affair between a demure Brit and a dashing Commie should steam up the screen and pop your popcorn. Or you would think so: but leave it to the feted British theater director Trevor Nunn to flatten the intrigue and dampen the lust that could have made "Red Joan" zing. Nunn, however, can't take all the blame for the terribly-proper tone and [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 aprile 2019
Robbie Collin
The daily Telegraph

Judi Dench is a significant asset in the veteran stage director Trevor Nunn's new film, and in more than just the usual sense. She plays a long-retired civil servant who is arrested one morning on a charge of passing nuclear secrets to the Russians: a head-spinning claim that is soon established to be entirely accurate. Dench's character is called Joan Stanley, though is inspired by the late Melita [...] Vai alla recensione »

sabato 8 settembre 2018
Deborah Young
The Hollywood Reporter

A good old-fashioned British spy thriller in the scientific mold of Enigma, with a bewitching female heroine (or anti-heroine, if you will) played by the excellent actresses Judi Dench and (as her younger self) Sophie Cookson, Red Joan revisits the incredible real-life spy case of Melita Norwood. It is directed with a strong sense for character by Trevor Nunn, the former director of the Royal Shakespeare [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Claudia Ferrero
La Stampa

Amante, madre, ricercatrice e ultima spia inglese dell'era atomica. Il tutto in nome della pace. Nel raccontare la vera storia di Melita Norwood, che solo a 80 anni fu identificata come spia del Kgb e accusata di aver fornito segreti atomici britannici all'Unione Sovietica, il miracolo si compie nel doppio binario del film, diviso tra il 2000, l'anno dell'arresto, e il 1938-'40, gli anni in cui si [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 12 aprile 2019
 

Nel 2000 la tranquilla vita di pensionata di Joan Stanley viene bruscamente sconvolta dall'MI5 che la arresta con l'accusa di spionaggio e alto tradimento ai danni della Corona: avrebbe consegnato segreti militari all'Unione Sovietica durante la Seconda [...]

POSTER
mercoledì 10 aprile 2019
 

Nel 2000 la tranquilla vita di pensionata di Joan Stanley viene bruscamente sconvolta dall'MI5 che la arresta con l'accusa di spionaggio e alto tradimento ai danni della Corona: avrebbe consegnato segreti militari all'Unione Sovietica durante la Seconda [...]

NEWS
lunedì 8 aprile 2019
 

Nel 2000 la tranquilla vita di pensionata di Joan Stanley viene bruscamente sconvolta dall'MI5 che la arresta con l'accusa di spionaggio e alto tradimento ai danni della Corona: avrebbe consegnato segreti militari all'Unione Sovietica durante la Seconda [...]

TRAILER
mercoledì 16 gennaio 2019
 

La storia di Joan Stanley, una delle spie britanniche più durature del KGB. Nata inglese ma simpatizzante del partito comunista e dell'Unione Sovietica, divenne funzionaria del governo britannico prima di essere reclutata come spia dal KGB a metà degli [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati