La moglie del presidente

Film 2023 | Drammatico, +13 92 min.

Regia di Léa Domenach. Un film Da vedere 2023 con Catherine Deneuve, Denis Podalydès, Michel Vuillermoz, Laurent Stocker, François Vincentelli. Cast completo Titolo originale: La tortue. Titolo internazionale: Bernadette. Genere Drammatico, - Francia, 2023, durata 92 minuti. Uscita cinema mercoledì 24 aprile 2024 distribuito da Europictures. Oggi tra i film al cinema in 14 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,30 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La moglie del presidente tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 18 aprile 2024

Bernadette si aspettava di ottenere finalmente il posto che meritava una volta arrivata all'Eliseo perché aveva sempre lavorato alle spalle del marito per eleggerlo presidente. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Cesar, 2 candidature a Lumiere Awards, In Italia al Box Office La moglie del presidente ha incassato 127 mila euro .

Consigliato nì!
2,30/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,89
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Un esordio divertente, con una grandiosa Catherine Deneuve nei panni di una donna che cerca l'emancipazione.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 8 aprile 2024
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 8 aprile 2024

Bernadette Chodron de Courcel, moglie del Presidente Jacques Chirac, è la protagonista di una narrazione che sin dall'inizio dichiara di rifarsi ai momenti salienti della storia recente della Francia prendendosi però ampie libertà. Ne seguiamo il progressivo affrancarsi dalla figura dominante del marito al cui successo politico ha contribuito in misura notevole.

Catherine Deneuve si muove con grande agio e divertimento nei panni di una donna che impara ad emanciparsi.

Va fatta una premessa. Chi era presente alla proiezione in prima mondiale a Cannes de Il Divo di Paolo Sorrentino ricorda come i colleghi della stampa non italiana facessero fatica a districarsi nei passaggi della nostra politica che solo chi viveva oltre Ventimiglia poteva comprendere appieno. Quel film però si collocava su un livello che raggiungeva anche il grottesco richiedendo un alto intervento di decodificazione.

Léa Domenach, che è al suo primo lungometraggio, sceglie una strada diversa e punteggia la sua commedia di datazioni che accompagnano la narrazione rendendo tutto più semplice. Anche perché, pur non conoscendo nulla della politica d'Oltralpe, si può godere della prestazione della Deneuve e di chi le sta intorno soprattutto se si va con la memoria ad un altro film che l'ha vista protagonista. Si tratta di Potiche - La bella statuina di François Ozon in cui la Deneuve interpretava la moglie apparentemente svagata di un industriale che progressivamente sapeva farsi valere.

Qui, a quasi quindici anni di distanza, Catherine deve aver provato un grande piacere nell'indossare gli abiti (che a un certo punto un irritato Karl Otto Lagerfeld le impone di cambiare) di una donna a cui fisicamente non assomiglia per nulla ma di cui sa cogliere la capacità di attendere ma anche le spinte in avanti. Affiancata da un Michel Vuillermoz che offre al suo Chirac quel tanto di maschilismo vanesio che gli impedisce di comprendere quanto sua moglie sia in grado di cogliere i necessari punti di svolta strategici molto meglio di quanto non sappiano fare alcuni suoi vanagloriosi consiglieri.

Domenach, che scrive il film insieme a Clémence Dargent, sa anche come affrontare la vita di una donna che era a sua volta impegnata sul versante politico ma doveva confrontarsi con due figlie molto diverse. Mentre una sentiva ancora su di sé i segni dell'anoressia l'altra si era dedicata totalmente alla carriera del padre di cui era diventata l'assistente. Nei colloqui con loro la commedia lascia il posto a dinamiche che forse solo una sceneggiatura pensata al femminile poteva cogliere.

Era da tempo poi che non si vedeva un poster di un film così ammiccante e carico di significato. Bernadette è al contempo un tutt'uno con la tappezzeria ma anche se ne sta staccando. È la sintesi del personaggio. Se poi, sul versante del gossip, vi chiederete chi fosse l'attrice italiana nella casa di Chirac (almeno così vogliono le ricostruzioni stampa) mentre la principessa Diana trovava la morte nel tunnel dell'Alma a Parigi, se prestate attenzione, finirete con il sentirla indirettamente citare.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 29 aprile 2024
Giovanni Guidi Buffarini
Corriere Adriatico

Bernadette Chodron de Courcel, sposata a Jacques Chirac, era lei la mente della coppia, anzi il genio di tutta la politica francese a cavallo del millennio. Questo afferma l'opera prima di Léa Domenach, vero o no importa nulla, è una commedia mica un saggio storico. Ma una commedia che funziona poco. Elegante e però a corto di dialoghi brillanti e di energia, i 90 minuti passano lenti.

domenica 28 aprile 2024
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Una donna non più disposta a fare tappezzeria, Catherine Deneuve l'aveva già interpretata nel 2010, in «Potiche - La bella statuina» di François Ozon, pellicola senza riferimenti di cronaca in cui era la consorte di un industriale che prendeva in mano una situazione complicata prima che deflagrasse. Ne «La moglie del presidente», la diva veste invece i tailleur vintage, firmati Lagerfeld, di Bernadette [...] Vai alla recensione »

sabato 27 aprile 2024
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Titoli di testa cantati, da un coro che tornerà negli snodi tra i capitoli. "Stavolta può vincere", dicono i sondaggi. Soprattutto la consigliera numero uno, che non bada ai numeri ma al suo intuito. E l'intuito le dirà poi che Jean-Marie Le Pen sarebbe arrivato al ballottaggio, nel 2002: i giri nel Corrèze, dove era consigliere regionale, avevano mostrato uno slittamento a destra dell'elettorato. Vai alla recensione »

sabato 27 aprile 2024
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Non la donna dietro a un grande uomo, ma la donna che passa davanti a un piccolo uomo. Lei è Bernadette Chodron de Courcel, lui è il marito, Jacques Chirac. Si ricostruisce il rapporto fra i due, rovesciandone gli apparenti rapporti di forza. Prendendosi molte libertà, soprattutto in direzione della farsa e del grottesco, l'esordio di Léa Domenach ha il coraggio di sfregiare un politico famoso (ancor [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 aprile 2024
Hélène Marzolf
Télérama

Per il suo primo film, Léa Domenach racconta una storia di giocosa emancipazione, tutto per la gloria del suo soggetto, Bernadette Chirac, in cui "Maman" si libererà dall'ombra opprimente del marito Jacques, dalla benevolenza dittatoriale della figlia Claude e dal disprezzo della cricca politica che circonda il presi dente per diventare popolare come Lady D.

giovedì 25 aprile 2024
Roberto Nepoti
La Repubblica

Sarà più esilarante per gli spettatori francesi, che conoscono meglio i personaggi, La moglie del presidente , primo lungometraggio di Léa Domenac; però anche quelli italiani avranno di che divertirsi. Perché Léa ha avuto l'ottima idea di non fare un biopic su Bernadette Chirac, suo marito Jacques, Sarkozy & co: a partire da personaggi reali ha giocato di humour, dirigendo una commedia stilizzata con [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2024
Maria Grazia Perulli
Sentieri Selvaggi

La moglie del Presidente è l'opera prima di Léa Domenach, dedicata alla rivincita di una donna vissuta per troppo tempo all'ombra del marito, la premiere dame Bernadette Chirac. Il film, pur essendo incentrato su un personaggio reale e non di finzione non è un biopic, o più precisamente è un "falso biopic" perché pur partendo da dati di cronaca, si prende delle libertà mescolando, nel puro intento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2024
Francesco Bonfanti
Close-up

Lui ha la visione politica di un asino depresso Così dice Bernadette Chirac riferendosi al primo ministro prima che la figlia Claude le faccia notare: Sei la première dame, non puoi più dire quello che ti passa per la testa! Jacques Chirac ha appena vinto le elezioni del 95'. È affacciato alla finestra e saluta la folla, la moglie non sa ancora in quale guaio si sia cacciata, o forse lo prevede [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2024
Alessandra De Luca
Ciak

Come annunciato presentando i Rendez-Vous 2024, è una sorprendente Catherine Deneuve quella che vediamo sul grande schermo nel ruolo brillante e irresistibile di Bernadette, ovvero La moglie del Presidente. Questo il ruolo, da protagonista, e il personaggio, che la star ha nel film d'esordio di Léa Domenach, candidata ai Premi César tra i debutti alla regia francesi più interessanti dell'anno.

martedì 23 aprile 2024
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna. Detto più che mai calzante nel caso dell'ex Presidente della Repubblica francese Jacques Chirac. Alla ribalta per anni eletto nel 1995 e in carica fino al 2007, di lui sappiamo tutto. De La moglie del presidente invece ben poco. Ci pensa il bel film di Léa Domenach, presentato in anteprima al festival Rendez Vous e ora in sala con Europictures, e [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2024
Adriano De Grandis
Film TV

La moglie del presidente - in originale Bernadette, con al centro la protagonista, non il suo ruolo - è un film che non va preso sul serio. È quasi più una farsa che una commedia. L'idea è quella di entrare nella vita privata di Jacques Chirac, lambendone tutti gli incarichi politici di primissimo piano in Francia, per compiere una lettura di riflesso attraverso il personaggio della coniuge e dimostrare [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 9 aprile 2024
 

Una commedia ispirata alla vicenda di madame Chirac, la consorte del due volte Presidente francese, per raccontare una storia di empowerment femminile. Dal 24 aprile al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
lunedì 18 marzo 2024
 

Bernadette si aspettava di ottenere finalmente il posto che meritava una volta arrivata all'Eliseo perché aveva sempre lavorato alle spalle del marito per eleggerlo presidente. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati