Vangelo secondo Maria

Film 2023 | Drammatico, +13 105 min.

Regia di Paolo Zucca. Un film Da vedere 2023 con Benedetta Porcaroli, Alessandro Gassmann, Lidia Vitale, Leonardo Capuano. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2023, durata 105 minuti. Uscita cinema giovedì 23 maggio 2024 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 318 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,29 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vangelo secondo Maria tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 21 maggio 2024

A quarant'anni dall'uscita del libro di Barbara Alberti, questo film racconta Maria non più come spettatrice, ma come coraggiosa artefice della propria esistenza. Vangelo secondo Maria è 6° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 57.118,00 e registrato 8.482 presenze.

Consigliato nì!
2,29/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,88
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Maria incarna il femminile moderno in questa evocativa anti-narrazione che denuncia la scomoda e secolare realtà della misoginia.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 28 novembre 2023
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 28 novembre 2023

Sogna l'Egitto Maria e la grande biblioteca di Alessandria, sogna di andarsene lontano verso freschi giardini dove i frutti si possono mangiare ma il mondo intorno la vuole maritare, scambiandola con pecore e miseria. Selvaggia e ribelle, Maria rifiuta un ricco pretendente e poi è promessa a Giuseppe, un "vecchio gigante" che la rispetta e di cui diventa l'allieva prediletta, perché questa giovane donna vuole conoscere la lingua greca e la meridiana. Almeno fino a quando un angelo appare, batte le ali e l'annuncia madre del figlio di dio. Per Maria è soltanto un altro uomo a disporre del suo corpo, ingravidandolo. Decisa a fare finalmente la sua volontà, si tufferà tra le braccia di Giuseppe per 'attraversare' insieme la più grande avventura del mondo: l'amore.

Partendo dal romanzo omonimo di Barbara Alberti (Il Vangelo secondo Maria), Paolo Zucca dirige un'anti-narrazione mariana cercando una Maria più 'vera', più compiuta, a cui prova a restituire la sua condizione pienamente umana.

Apolitica e asessuata, nel nostro immaginario è depositata come vergine pia sotto le spoglie di una suora, per elevarla meglio a dea e a irraggiungibile mito verginale. Il Vangelo secondo Maria non si occupa della nascita e della morte del figlio Gesù ma si spinge più indietro nel tempo, ritrovando la sua giovinezza e il suo carattere, segnato dal furore di Erode (Maurizio Lombardi resuscita la parola come Carmelo Bene), e rendendole la sua sessualità e la sua indipendenza. Nessun processo ai teologi che hanno costruito la visione ufficiale di Maria, di cui si ricorda la dimensione storica e le ambizioni escatologiche. Va da sé che la grazia, l'empatia e le precauzioni non basteranno a placare i credenti ma del resto il cinema, come la scienza, non è fatto per sostenere dogmi.

Giocando in sogno con l'iconografia mariana, la protagonista si sogna statua sacra in processione, Il Vangelo secondo Maria rende Maria più familiare, collocandola nel suo contesto spaziale e temporale. Giovane fanciulla ebrea dentro un mondo arcaico dalla spiritualità ancora primitiva, Paolo Zucca la incarna, per scoprire chi fosse questa donna la cui vita è stata intenzionalmente cancellata per farne un grido del cuore, il grido della fede: "Santa Maria, Madre di dio!".

Se per la Chiesa e per i credenti, è l'immensità del mistero del Dio fatto uomo, la divinizzazione di Gesù ha provocato la perdita progressiva della consistenza umana di Maria. Ricettacolo del figlio di Dio, non poteva evidentemente avere un destino al di fuori di questo ma il film se ne 'inventa' uno radicato nei testi, nell'archeologia e nella Sardegna tellurica e vibrante, dove regnano gli uomini e i loro riti violenti.

La regia di Zucca contempla le pause, lunghi silenzi con cui compongono i suoi attori, Benedetta Porcaroli e Alessandro Gassman, mai così ispirato e pieno dello "stupore" di cui cantava De André ("Il ritorno di Giuseppe"). Dei suoi versi incarna soprattutto quell' "affetto quasi implorato" davanti alla "rondine" di Benedetta Porcaroli, vestita di sabbia e di azzurro. Pazza d'amore per la conoscenza, soffia un vento di sedizione sul film di Zucca. Dentro al saio, la sua silhouette è come una forma di poesia elementare, arte povera ispirata, che tuona contro l'ingiustizia e la sua condizione di donna.

Oggetto non identificato tra ramo d'oro, coro greco e lingua sarda, che aggiunge un'autenticità intestina alle parole, Il Vangelo secondo Maria non è una speculazione femminista ma un'ipotesi che prova a riempire i buchi storici e a gettare uno sguardo nuovo su una grande figura femminili del primo cristianesimo. Lontano dal neo-peplum di Garth Davis (Maria Maddalena), apocrifo del XXI secolo che vincola l'immaginazione al rispetto dei testi canonici, rispetto che deve a sua volta assecondare le leggi dello spettacolo, il film di Zucca si prende più libertà sulla tradizione cristiana ma lo fa senza fare rumore, lasciando che un uomo e una donna giacciano nello stesso talamo separati soltanto dalle 'mura di Gerico' e da un voto che infrangeranno per concepire il più segreto dei sentimenti.

Non è un film ortodosso Il Vangelo secondo Maria ma un film esitante, instabile su cui pesa il sole del Mediterraneo. Immerso in un realismo straordinariamente evocativo e poetico, è affollato di personaggi, uomini e donne del popolo che formano una galleria di ritratti pasoliniani e autentici. Coi suoi grandi occhi chiari, la Maria di Benedetta Porcaroli interrompe quei volti, concessione formale alle fonti, disegnando un femminile che ha tutta la fantasia irresponsabile del primo francescanesimo.

Un femminile moderno e più complesso - si tratta della donna prima della Madre - che denuncia la secolare e scomoda realtà della misoginia. Perché nel lontano passato le cose erano altrettanto complicate, altrettanto intrise di potere, privilegi e politica. Le voci sovversive le ascoltiamo solo cercando diligentemente ai margini, guardando con attenzione tra immaginazione e realtà.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 24 maggio 2024
Alessio Palma
Quinlan

Pubblicato originariamente nel 1979 Vangelo secondo Maria, terzo romanzo di Barbara Alberti, è opera dai propositi apertamente sovversivi, in cui la scrittrice, per sua stessa ammissione, al tempo si proponeva di "far sorridere la Madonna". Tratteggiando una Maria di Nazareth curiosa e ribelle, non più semplicemente un'icona dell'obbedienza ma un soggetto vivo, pulsante, consapevole che la realtà è [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2024
Pedro Armocida
Il Giornale

Tratto dall'omonimo libro di Barbara Alberti, che ha partecipato alla sceneggiatura, il film di Paolo Zucca è tutto ambientato nella sua Sardegna, perfetta - geograficamente e antropologicamente nel suo realismo magico - per mettere in scena la storia di duemila anni fa di Maria (una convincente Benedetta Porcaroli) e Giuseppe (Alessandro Gassman) predestinati ad accogliere il figlio di Dio.

mercoledì 22 maggio 2024
Alessio Accardo
Close-up

Stavolta è d'uopo una premessa: chi vi scrive fino al primo agosto 2023 è stato in forza alla redazione di Sky Cinema, e ha seguito per quella piattaforma l'intera lavorazione del film di cui ci occupiamo oggi, Vangelo secondo Maria, dalla sceneggiatura al missaggio. Non sarò obiettivo, perciò, provando però ad essere per lo meno onesto. In origine fu il libro, il romanzo omonimo che Barbara Alberti [...] Vai alla recensione »

martedì 21 maggio 2024
Fiaba Di Martino
Film TV

«Maria, Maria, Maria. Sussurra il suo nome dolcemente, e sarà come pregare». Ma la Maria di Paolo Zucca, e prima ancora di Barbara Alberti (cosceneggiatrice e autrice dell'eponimo romanzo nel 1979, ben altro tempo di lotte), differisce dalle note dolci, dall'iconografia angelicata, da figure di domata deferenza a Figlio, Padre e Spirito santo. Quella che si leva dal suo profilo nervoso e scompigliato [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 maggio 2024
Katia Malatesta
La Rivista del Cinematografo

Lo hanno fatto, su tutti, Martin Scorsese e Paul Schrader, preferendo ai canonici la riscrittura di Nicos Kazantsakis, per entrare, come mai prima, nei più intimi pensieri di Gesù, fino alla sua ultima tentazione. Era il 1988: e fu scandalo. Con Vangelo secondo Maria, presentato fuori concorso all'ultima edizione del Torino Film Festival, anche Paolo Zucca ha scelto la strada di una doppia mediazione, [...] Vai alla recensione »

martedì 28 novembre 2023
Dario Boldini
Sentieri Selvaggi

Risuonano stonati i versi di De André. Quasi estranei, quasi raccontassero una storia diversa, un universo altro. Risuonano stonati, teologicamente paralleli al nuovo film del regista Paolo Zucca (L'arbitro, L'uomo che comprò la luna), a quel sogno che diviene incubo nel tentativo di rileggere in maniera provocatoria il più casto e puro tra i racconti cristiani.

lunedì 27 novembre 2023
Paolo Nizza
Sky

La poesia e la prosa danzano in Vangelo secondo Maria, il film Sky Original presentato fuori concorso alla 41a edizione del Torino Film Festival e prossimamente in uscita nelle sale cinematografiche. Un progetto che viene da lontano come la luce delle stelle. Avrebbe, infatti, dovuto essere il primo lungometraggio diretto da Paolo Zucca, dopo il folgorante cortometraggio L'arbitro datato 2009.

domenica 26 novembre 2023
Fabio Ferzetti
The Hollywood Reporter

Maria la ribelle non vuole sposarsi, anzi sogna solo di fuggire in groppa a un cavallo o magari a un somaro per scoprire il mondo e le sue meraviglie. Maria l'ambiziosa beve ogni parola del sacerdote nel tempio. Poi va a predicare alle anatre, le uniche disposte ad ascoltarla, perché tutto ciò che vuole è studiare, imparare, sapere, anche se la sua religione glielo vieta.

NEWS
NEWS
martedì 14 maggio 2024
 

A quarant'anni dall'uscita del libro di Barbara Alberti, questo film racconta Maria non più come spettatrice, ma come coraggiosa artefice della propria esistenza. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 23 aprile 2024
 

Benedetta Porcaroli e Alessandro Gassmann nel film tratto dall'omonimo romanzo di Barbara Alberti, che lo ha anche sceneggiato. Da giovedì 23 maggio al cinema. Guarda il trailer »

TORINO FILM FESTIVAL
martedì 28 novembre 2023
Marzia Gandolfi

Un film dal realismo evocativo e poetico senza speculazione. Al TFF.  Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati