L'autre

Film 2008 | Drammatico 97 min.

Regia di Patrick Mario Bernard, Pierre Trividic. Un film con Dominique Blanc, Cyril Gueï, Peter Bonke, Christèle Tual, Anne Benoît. Cast completo Genere Drammatico - Francia, 2008, durata 97 minuti. - MYmonetro 3,00 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'autre tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 21 giugno 2021

Il mondo è abitato da donne che hanno tutte la stessa età: 47 anni. Una di loro, Agnès, è quindi convinta che la donna che vive con il suo ex debba per forza avere quell'età... Questa è la storia di una donna che supera la soglia dell'irrealtà. Il film è stato premiato al Festival di Venezia, ha ottenuto 1 candidatura a Cesar,

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un film che riflette sulla labilità delle nostre identità.
Recensione di Marianna Cappi
Recensione di Marianna Cappi

All'età di 47 anni, Anne-Marie ha deciso di lasciare il suo giovane compagno Alex. Lui vorrebbe una vera vita coniugale, mentre lei, che ha già vissuto un matrimonio, desidera mantenere la sua libertà, pensare prima di tutto a se stessa. Eppure, quando a distanza di qualche tempo viene a sapere che Alex ha una nuova compagna, una folle gelosia s'impossessa di lei e la tuffa in una drammatica crisi d'identità.
Persuasi, evidentemente, che la gelosia sia prima di tutto paura del confronto, i registi Patrick Mario Bernard e Pierre Trividic costruiscono con L'Autre un film di suoni quotidiani e gesti e luoghi estremamente realistici, che delineano all'istante una "banalità della paura", sommessa e raggelante, ed estromettono la componente amorosa per focalizzarsi su quella mentale.
Alex ha sostituito Anne-Marie con un suo doppio, una donna della stessa età, rubandole l'eccezionalità del suo amore, ridimensionando improvvisamente la loro storia, che lei credeva unica, a qualcosa di ripetibile e replicabile. Su questa traccia del disagio che sconfina nello sdoppiamento della personalità (la somatizzazione), i registi lavorano al meglio, trattando la materia "clinica" con proprietà, senza mai appesantire una narrazione essenziale, al limite della crudezza.
L'Ambivalenza, la coesistenza di sentimenti opposti, il fantasma (evocato anche dall'antifurto che segnala "l'intruso"): questa è la sostanza imprendibile ma non invisibile (per cui neppure irrappresentabile) al centro della scena, che sfrutta anche la soglia piena di ombre della mezza età femminile.
Due complici si rivelano necessari al progetto autoriale, anche se in ultima istanza non sufficienti: un'attrice straordinariamente espressiva di nome Dominique Blanc -sorta di Bette Davis che mescola tragedia e ironia, potere e vittimismo- e un mezzo espressivo che proprio con i doppi e le ombre si nutre e (si) riproduce.
Rispetto al testo di partenza, "L'occupation" di Annie Ernaux, Bernard e Trividic mutano il mestiere della protagonista da scrittrice ad assistente sociale, complicando in modo sottile e intelligente le conseguenze del suo disturbo, perché Anne-Marie ne è, suo malgrado, più drammaticamente cosciente di quanto non sarebbe un altro soggetto, estraneo alla pratica dell'indagine psicologica.
Una stella per l'interpretazione, dunque, una per l'idea, una per i primi cinque minuti di film, che non si ritrovano più in seguito, ma stentano a farsi dimenticare. Per il resto, i meriti si fanno limiti: l'opera è cerebrale; implode, si blocca, allontana. Anche lo spettatore.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dal romanzo L'occupation di Annie Ernaux che Bernard e Trividio, insieme dal 1996 e qui al 2° film, hanno scritto su misura per la Blanc. L'assistente sociale Anne-Marie si separa senza drammi dal marito Alex ma basta che un'altra donna entri nella vita di lui per innescare in lei una acuta gelosia, come se il desiderio dell'altra per Alex facesse rinascere il suo desiderio spento. Non la conosce ma la immagina come un suo doppio che le provoca una sorta di emorragia di identità. Il racconto trapassa nel fantastico, ma in un contesto di realismo psichico. Il mondo è presente, ma deformato dalla percezione alterata di Anne-Marie, provocando in lei stupore, paura, panico. La Blanc regge il film e il doppio con un'intensità pari alla cura meticolosa dei dettagli.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Jacques Mandelbaum
Le Monde

"L'Autre": un cas contemporain de jalousie en banlieue Elle a la quarantaine. Elle s'appelle Anne-Marie. Elle est assistante sociale. Pressée par Alex, son petit ami, plus jeune qu'elle, qui voudrait s'engager dans une relation stable, elle choisit de le quitter pour garder sa liberté. Ils se revoient pourtant, dans l'ambiguïté inévitable que réserve le passage de la relation amoureuse à la relation [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
sabato 6 settembre 2008
Chiara Renda

Wenders premia l'America Come previsto dagli ultimi pronostici è il film di Aronofsky The Wrestler a vincere questa 65^ edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Il wrestler sconfitto di Mickey Rourke, dopo anni costretto [...]

GALLERY
martedì 19 agosto 2008
 

A pochi giorni dall'inizio del festival, ecco alcune immagini dei film in concorso.

winner
coppa volpi migliore int. femminile
Festival di Venezia
2008
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati