L'Immortale

Film 2019 | Drammatico +13 116 min.

Regia di Marco D'Amore. Un film Da vedere 2019 con Marco D'Amore, Giuseppe Aiello, Salvatore D'Onofrio, Giovanni Vastarella, Marianna Robustelli. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2019, durata 116 minuti. Uscita cinema giovedì 5 dicembre 2019 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,93 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'Immortale tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia personale di Ciro, detto l'Immortale, uno dei grandi protagonisti della serie Gomorra. In Italia al Box Office L'Immortale ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 6 milioni di euro e 2,8 milioni di euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,93/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,86
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il personaggio di Ciro non muta dal piccolo al grande schermo, mantenendo il tono e il carattere che i fan hanno imparato ad amare.
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 3 dicembre 2019
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 3 dicembre 2019

Ciro di Marzio, detto l'Immortale, è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. Don Aniello gli spiega che la sua resurrezione gli permette quello che per altri è solo un sogno: ripartire da capo. Gli affida l'incarico di fare da intermediario con la mafia russa a Riga, in Lettonia, dove però i russi sono in guerra con la criminalità locale. Per far arrivare la droga, Ciro si appoggia all'attività di sartoria contraffatta di Bruno, ossia il suo mentore di quando era bambino a Napoli. Una collaborazione che fa riaffiorare in lui molti ricordi...

L'immortale è un doppio racconto, dove procedono in parallelo le vicende del Ciro ancora piccolo, affascinato da Bruno e ricco di speranza, e del Ciro contemporaneo, redivivo senza una causa.

Con la consueta gravità, Marco D'Amore torna a interpretare il cupo personaggio che gli ha dato la fama, inoltre, dopo essersi cimentato nella regia con due episodi della quarta stagione di Gomorra, si cimenta anche dietro la macchina da presa per il cinema. Firma anche la sceneggiatura, insieme ai veterani di Gomorra Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli, alla new entry nella scrittura della prossima stagione Giulia Forgione e all'amico romanziere Francesco Ghiaccio. Il risultato è esattamente quello che ci si aspetta: un mix di flashback e scene nel presente, dove la luce pallida di Riga si giustappone alle calde notti napoletane.

In Lettonia gli immigrati italiani del film vivono come spettri, insoddisfatti per quello che non hanno realizzato si arrabattano in piccoli traffici, senza speranze di grandezza. Ciro con le sue partite di cocaina risveglia però in loro la fiamma dell'ambizione criminale, ed è di questo che parla L'immortale: di come gli uomini siano disposti a dannarsi per avere quel qualcosa in più. Una legge immutabile a cui Ciro ha assistito fin da piccolo, che ha provato in prima persona con conseguenze di disastrose e di cui ora è una sorta di silenzioso testimone, che agisce con la spietatezza di chi non si fa più alcuna illusione.

È vivo perché è sopravvissuto, ma aveva chiesto a Genny di sparargli perché sapeva di non avere niente per cui vivere. A differenza dell'episodio della terza stagione di Gomorra ambientato a Sofia, in Bulgaria, dove salvare una giovane prostituta spezzava il suo autoimposto calvario, qui Ciro trova un amico ma rimane freddo, imperscrutabile, e solo al termine dei molti flashback sulla sua infanzia capiremo il perché.

Non c'è niente che non vada in L'immortale, ma non c'è nemmeno niente che non sia risaputo, sia nella storia del Ciro bambino la cui morale è inevitabile, visto quello che poi è diventato, sia in quella del Ciro adulto, che vive il proprio destino come una continua condanna. Continua a restare invischiato in una ragnatela di intrighi criminali che, proprio per il suo distacco, sa navigare con insuperabile abilità.

Una figura paradossale, però già ampiamente approfondita nelle puntate di Gomorra, di cui questo film costituisce un ponte verso la quinta stagione. Per dovere di cronaca precisiamo qui che, a differenza di quanto dicono i comunicati stampa, non è la prima volta che un prodotto seriale passa per un capitolo cinematografico prima di continuare la propria corsa televisiva: era già successo con il primo film di X-Files.

Numerosi i volti nuovi tra cui Bruno, incarnato da Giovanni Vastrella nella sua versione giovane e da Salvatore D'Onofrio in quella adulta, ma il personaggio che più buca lo schermo, nonostante le poche battute, è Vera, che ha il volto di Marianna Robustelli. Una donna che capisce il pericolo della situazione, ma è travolta da eventi più grandi di lei, a cui alla fine accetta di prendere parte. Un arco narrativo, il suo, per certi versi affine a quello inizialmente vissuto da Patrizia.

L'altra interprete femminile del film è Martina Attanasio nei panni di Stella, giovane che si esibisce con cantante e compagna di Bruno, ma di cui era già a suo modo innamorato anche il piccolo Ciro. La sua è una figura chiave per capire l'evoluzione dell'Immortale, ma è anche molto stereotipata, e ancora meno spessore hanno russi e lituani nel film, che agiscono per altro in modo ben poco intelligente, portando la vicenda a una conclusione repentina, poco preparata nonostante le quasi due ore piene di durata. Troppe per un protagonista riluttante e per una storia che non dice niente di nuovo, anche se non deluderà i fan per il tono generale, il taglio della regia e per le musiche degli immancabili Mokadelic.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Marco D'Amore è per l'ultima volta Ciro Di Marzio.
Overview di Massimiliano Carbonaro
lunedì 10 settembre 2018

Va veloce Marco D'Amore e la recitazione non gli basta più, così eccolo cimentarsi con la regia per un primo film dal titolo L'immortale che non poteva che raccontare la storia di Ciro Di Marzio, appunto quel personaggio che lo ha reso celebre, prepotentemente scaturito dalla serie Gomorra.
Le riprese sono terminate nel luglio scorso e un annuncio sul profilo Facebook di Marco D'Amore racconta l'emozione del regista e attore davanti alla sua opera prima:

Penso alla mia mamma e ai suoi sacrifici - scrive - penso alle mie partenze e i pochi ritorni, penso ai sogni, quelli infranti e quelli che ancora inseguo. Penso agli uomini e alle donne e ai miracoli di cui sono capaci. Tutto mi passa davanti velocissimo.
Marco D'Amore

Che la regia fosse nel sangue di Di Marzio era chiaro da tempo, visto che della quarta stagione di Gomorra, dove lui per ragioni naturali non poteva prendervi parte (era rimasto ucciso sul drammatico finale della terza stagione), aveva diretto alcuni episodi. Ora però un film con le sue complessità e dinamiche. Una pellicola che si integra perfettamente con Gomorra e dimostra quanto la produzione seriale italiana possa rivaleggiare con quella internazionale anche d'Oltreoceano. Infatti, il film è un perfetto esempio di spin-off crossmediale. Tanto che si comincia proprio dalle scene di Gomorra dove avevamo lasciato Ciro l'Immortale. Ossia mentre affonda nelle acque torbide del Golfo di Napoli a conclusione di una vita bruciata in fretta.

Mentre il corpo di Ciro Di Marzio si inabissa, la sua mente negli ultimi istanti di lucidità vola verso il passato quando sopravvive al crollo in seguito al terremoto di una palazzina ancora neonato. Quindi dieci anni dopo comincia la sua parabola nelle strade di Napoli dove cerca di farsi largo in un modo o nell'altro.

Un film che si inserisce perfettamente nel racconto dell'altra Napoli, quella più oscura messa in luce dalla serie ideata da Roberto Saviano, la stessa che emerge in un altro film legato a doppio filo al lavoro di Saviano, La paranza dei bambini. È infatti in quegli anni giovanili che Ciro Di Marzio costruisce la sua leggenda e diventa per tutti l'Immortale. Non resta che aspettare il 12 dicembre per vedere il film nelle sale che nei piani dovrebbe anche rappresentare anche un perfetto trait d'union tra la quarta e la quinta stagione di Gomorra chiudendo un cerchio.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?

L'IMMORTALE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€15,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 8 gennaio 2020
antonio22

Ciro di Marzio non muore. Spunta fuori da un terremoto, orfano attraversa il mondo in cui vive, vive indossando abiti non suoi (da sottolineare la grande trovata di riprendere Ciro da ragazzo sempre con magliette enormi: provate a contrapporre tutto questo ai giubbini alla moda del Ciro adulto), entra nel mondo della malavita.  Sul piano immaginario (poi vedremo quello simbolico) Ciro non muore [...] Vai alla recensione »

domenica 15 dicembre 2019
URAGANO

Nell’immaginario collettivo degli amanti del cinema resta sempre impressa una scena,una frase,a volte solo uno sguardo vissuto in un film per rendere quel film indimenticabile; nel lungometraggio di Marco D'Amore la scena rilevante è a pochi minuti dall'inizio: un boato fortissimo,la terra trema, il focus in un palazzo,lungo le scale una donna sale precipitosamente fendendo [...] Vai alla recensione »

domenica 15 dicembre 2019
MAURIDAL

 Quando si cerca di ricostruire la vicenda di un delinquente napoletano , a partire dalla infanzia, e  mentre durante tutto il racconto si evidenzia come la povertà storica dei quartieri di Napoli e della gente che vi abitava avrebbe portato inevitabilmente a delinquere e a cercare tutte le attività illecite, possibili, dal contrabbando allo, spaccio, allora capiamo come il piccolo povero [...] Vai alla recensione »

martedì 10 dicembre 2019
joker91

Ogni tanto l'Italia riesce ancora a produrre cinema di genere che fa successo al botteghino,peccato che la pellicola non mi ha coinvolto per niente. Si tratta del solito film all'Italiana sulla malavita,copiato da Gomorra con i soliti stereotipi. Violenza,volgarità,cattiveria,morti e diseducazione per tutto il film,una pellicola che non insegna niente.

domenica 8 dicembre 2019
Umberto Buscemi

Una delle pellicole più attese dell anno sopratutto dai fan della famosa serie, bhe che dire l attesa è stata ripagata a pieno. Il film è in perfetta armonia con quanto visto nella serie. D amore riesce a tirar fuori la storia di "Ciru" in modo incalzante, curioso, drammatico che lascia fa scorrere la pellicola tutta d un fiato. I flashback di Ciro sono chiari, puntuali e mai noiosi e il finale poi...bhe [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
danix

solita solfa, delinquenza, sparatorie, bambino nato nei quartieri malfamati che passa alla criminalita', droga, baby gang, boss, violenza, linguaggio scurrile, chi piu' ne ha piu' ne metta. Ormai film di questa specie ne sfornano uno al giorno, la serie gomorra è diventata ormail una barzelletta...calano gli ascolti e, stile beautiful, iniziano le resurrezioni.

domenica 22 dicembre 2019
ReddyFox

Sinceramente mi aspettavo molto di più da questo film. Credevo fosse sulla stregua di Gomorra, invece l'ho trovato pesante come un macigno. Per più di un'ora la voce del protagonista non si è udita, forse una trentina di parole, non di più....muto, insomma. Una sfilza di flashback, a volte non chiari. Film lento, lentissimo.

sabato 7 dicembre 2019
Rossana Cima

Il bello di partecipare alle première è che hai la fortuna di tastare con mano le tensioni degli attori protagonisti e dei produttori, e Marco D'Amore in questo film ha dato sfoggio di entrambi.  Seguo Marco da “Una vita tranquilla” e, ovviamente, da “Gomorra”, di cui questa pellicola rappresenta un riuscitissimo e originale spin off.

FOCUS
INCONTRI
martedì 3 dicembre 2019
 

Il corpo di Ciro sta affondando nelle acque scure del Golfo di Napoli. E mentre sprofonda sempre più, affiorano i ricordi. I suoni attutiti dall'acqua si confondono con le urla della gente in fuga. E' il 1980, la terra trema, il palazzo crolla, ma sotto le macerie si sente il pianto di un neonato ancora vivo. Dieci anni più tardi, ritroviamo quel neonato ormai cresciuto, mentre sopravvive come può alle strade di Napoli, figlio di nessuno. Ricordi vividi di un'educazione criminale che l'hanno reso ciò che è: Ciro Di Marzio, l'Immortale.

Marco D'Amore esordisce alla regia raccontando le origini del personaggio che lo ha reso celebre, e in questa intervista spiega cosa significa per lui Ciro e perché ha scelto di girare L'immortale.

Frasi
Non tengo paura di morire... perchè io sono morto già...
Una frase di Ciro di Marzio (Marco D'Amore)
dal film L'Immortale - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 5 dicembre 2019
Claudia Ferrero
La Stampa

Quelle bollicine nell'acqua mentre il corpo di Ciro sprofondava nel Golfo di Napoli avevano lasciato una speranza di vederlo tornare. Vivo. Era la fine dell'ultima puntata della terza serie di Gomorra, 2017, dopo lo choc sui social era partita la rivolta, i fan non avevano affatto gradito l'uccisione. «Scelta narrativa» si giustificava lo story editor lasciando poche speranze e giocando con le parole. [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 gennaio 2020
Davide Di Giorgio
Duels.it

Sta tra la vita e la morte la vicenda de L'immortale, un po' come l'arco narrativo a metà fra la televisione e il cinema, fra l'esperimento dello spin-off e il ponte fra la terza e la quarta serie di Gomorra (per dare un punto di riferimento si pensi al primo film di X-Files, che si poneva tra la quinta e la sesta stagione). Indipendente, ma non troppo, dalle vicende già narrate sul piccolo schermo, [...] Vai alla recensione »

sabato 14 dicembre 2019
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Dalla tv al cinema, rivive Ciro Di Marzio, lo spietato criminale protagonista di «Gomorra». Il congedo dalla serie tv, alla fine della terza stagione, era stato perentorio (il suo corpo affondava in mare, dopo un colpo di pistola) e decisamente traumatico per i fan, ma evidentemente non definitivo. Marco D'Amore ne indossa nuovamente i panni e si inventa pure regista (oltre che co-sceneggiatore) di [...] Vai alla recensione »

martedì 10 dicembre 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Tanto per ribadire il senso del suo soprannome, Ciro Di Marzio non è morto, come sembrava, alla fine della terza stagione di Gomorra. L'immortale è un film compiuto anche per chi non ha visto la serie: racconta il personaggio dall'infanzia in un'operazione cross-mediale tra cinema e tv ideata dall'interprete Marco D'Amore, qui anche regista. Vivo per miracolo, Ciro sbarca a Riga, nell'Est europeo che [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 dicembre 2019
Gianni Canova
We Love Cinema

Con la regia si era già misurato dirigendo un paio di episodi della quarta stagione di Gomorra-la serie. Aveva fatto palestra, aveva addestrato lo sguardo. Ora, per resuscitare il personaggio che l'ha reso famoso (Ciro Di Marzio detto l'Immortale) Marco D'Amore sceglie di collocarsi di nuovo dietro la macchina da presa e di farsi carico della regia del film che sancisce anche nell'immaginario italiano [...] Vai alla recensione »

domenica 8 dicembre 2019
Angela Maiello
Fata Morgana

È innanzitutto la musica ad avvisarci che qualcosa di grandioso, di spettacolare, sta per accadere; i suoni (dei Mokadelic) sono gli stessi, li riconosciamo; eppure c'è qualcosa di diverso, di nuovo, di maestoso, una tensione mai provata tra le strade di Gomorra, come se si stesse per sprigionare una forza, sì tragica, ma di una vitalità incontenibile.

sabato 7 dicembre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Crossover o spin-off, ma qui il vero "attraversamento" non è tanto in/da una saga, ma nella condizione "ponte" dello sguardo dello spettatore, tra serie e film, tv e cinema. Iconico eroe negativo agganciato alla pay-tv, sparato da Savastano in salotto Ciro risorge in sala per darci origini e formazione del personaggio. D'Amore filma aprendo al cinema le potenzialità notate in tv e fa promo ai prossimi [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Finora in tutte le anteprime (non solo a Napoli) il finale ha scatenato applausi a scena aperta. Fa piacere, eccome, specialmente ai critici e gli spettatori che a suo tempo sostennero le qualità di «Gomorra La serie» contro consistenti schieramenti ostili. E fa piacere, va da sé, che l'esangue box-office nazionale coltivi grandi aspettative con lo spinoff sul personaggio più controverso Ciro Di Marzio [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Andrea Giordano
La Provincia di Como

Talvolta certi nomi non possono scomparire così, senza davvero avere nuovamente l'occasione di raccontarsi in profondità, per questo hanno bisogno di vivere nell'immaginario narrativo, e lì colpire ancora. Nel fenomeno globale della serie "Gomorra", un protagonista assoluto, alla fine della terza stagione, scomparve, fisicamente parlando, colpito a morte (sembrava.

venerdì 6 dicembre 2019
Giulia Bianconi
Il Tempo

Il suo corpo sta affondando nelle acque del Golfo di Napoli, dopo aver ricevuto un colpo di pistola in pieno petto dall'amico fraterno Genny Savastano. Il 22 dicembre 2017 è morto sul piccolo schermo Ciro Di Marzio, il boss di "Gomorra" interpretato da Marco D'Amore. Ma con un soprannome come l'Immortale, come si poteva pensare a una sua reale dipartita? E, infatti, il boss della serie di Sky è vivo [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Marina Visentin
Cult Week

«Questo film ha l'ambizione di portare in sala quelli che non si sono mai imbattuti nella serie Gomorra», ha dichiarato Marco D'Amore, regista e interprete di L'immortale, spinoff della saga tratta dal bestseller di Roberto Saviano. A dir la verità, pare difficile immaginare che ci sia qualcuno che non conosce Gomorra. Non fosse altro che per una questione di numeri.

giovedì 5 dicembre 2019
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Dopo quarantotto episodi televisivi, Gomorra, nato come libro, proseguito come film, torna al cinema con il titolo L'immortale. Ci dicono si tratti di un ponte ideale per una nuova quinta serie tv. L'immortale è nientemeno che Ciro di Mar zio, colpito al cuore al termine della terza serie tv, resuscitato per l'occasione, la pallottola sparata a bruciapelo si sarebbe fermata a un centimetro dal cuore, [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Cosa vi aspettavate da uno nato il 2 novembre? La morte lo accompagna senza lambirlo fin da quel lontano 23 novembre 1980 in cui sua madre precipitò con lui al collo durante il terremoto dell'Irpinia segnandone il destino: l'Immortale Ciro Di Marzio sopravvive sempre a tutto a scapito di tutte, che siano mamme, mogli, boss come Donna Imma Savastano.

giovedì 5 dicembre 2019
Gianluca Vignola
Sentieri Selvaggi

«Il terremoto è volere di Dio!». È questo uno dei commenti a caldo dopo il sisma che sconvolse l'Irpinia e la città di Napoli nel 1980. Da quei movimenti tellurici, da quell'energia divenuta sinonimo di morte e devastazione, prendeva forma il mito de L'immortale. Un ragazzino rimasto miracolosamente indenne alle macerie, destinato a (re)sistere anche quando la vita, più che un dono, più che un altro [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 dicembre 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Marco D'Amore, ovviamente, è tornato. Non ci voleva un genio per capire che il colpo di scena della terza serie di Gomorra (l'uccisione di Ciro/D'Amore da parte di Genny Savastano) avrebbe avuto un finale diverso. E per scoprirlo, almeno fino a quando non vedremo la quinta serie di Gomorra su Sky, bisogna fare una capatina al cinema per L'Immortale.

martedì 3 dicembre 2019
Pedro Armocida
Film TV

È certamente il progetto crossmediale più importante della nostra industria cinematografica: realizzare un film autonomo che faccia pure da ponte narrativo tra la quarta e la quinta stagione di Gomorra, una delle serie tv di maggior successo, è un esperimento inedito che ha un valore in sé. Oltretutto le imprese criminali del protagonista, Ciro "l'immortale" Di Marzio, possono essere seguite anche [...] Vai alla recensione »

martedì 3 dicembre 2019
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Chi non muore si rivede. Avevamo lasciato Ciro Di Marzio sprofondare nelle acque del Golfo di Napoli dopo il colpo di pistola sparato da Gennaro Savastano. Era il finale della terza stagione di Gomorra. Ora, dopo la quarta stagione della serie, scopriamo (a dire il vero con poca sorpresa) che l'immortale lo è di nome e di fatto. Sopravvissuto miracolosamente, Ciro viene ripescato agonizzante e spedito [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 novembre 2019
Francesco Belliti
Nocturno

Mentre scrivo questa recensione, è ufficiale che questo attesissimo spin-off di Gomorra - La serie è il miglior incasso dell'anno in Italia, limitatamente al primo giorno nelle sale. Non che ciò rappresenti una sorpresa, tuttavia davvero niente male per uno zombie-movie! Sì, avete letto bene. Il morto vivente, il non-morto o, se preferite, "o' muorto che pparla" (numero 48 della Smorfia napoletana) [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Stefano Giani
Il Giornale

Ingredienti: traffico di cocaina, mafia russa, delinquenti lettoni che vogliono farla pagare agli ex sovietici, camorra nostrana e Ciro Di Marzio, talento di criminalità, spaccio e contrabbando. Condite il tutto e la boiata è servita. Direttamente da Gomorra - e chi non l'ha visto paga pedaggio - Marco D'Amore, sorprendente sosia di Saviano, esordisce alla regia e recita da protagonista un film già [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
martedì 17 dicembre 2019
Andrea Chirichelli

Il film di Marco D'Amore supera i 5 milioni di euro. Il primo Natale di Ficarra e Picone mantiene la vetta della classifica. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
giovedì 12 dicembre 2019
Andrea Chirichelli

Attende il weekend Frozen 2 che arriva a 13,3 milioni complessivi. I Goonies chiudono con 300mila euro. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
martedì 10 dicembre 2019
Andrea Chirichelli

Dopo il weekend il film di Marco D’Amore torna in testa alla classifica. Exploit del cult I Goonies. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
venerdì 6 dicembre 2019
Andrea Chirichelli

Crollo verticale per Frozen II che deve accontentarsi del secondo posto. Completa il podio Cena con delitto - Knives Out. Scopri la classifica »

VIDEO RECENSIONE
giovedì 5 dicembre 2019
A cura della redazione

Ciro di Marzio, detto L'immortale è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. Don Aniello gli spiega che la sua resurrezione gli permette quello che per altri è solo un sogno:ripartire [...]

POSTER
venerdì 15 novembre 2019
 

Il corpo di Ciro sta affondando nelle acque scure del Golfo di Napoli. E mentre sprofonda sempre più, affiorano i ricordi. I suoni attutiti dall'acqua si confondono con le urla della gente in fuga. E' il 1980, la terra trema, il palazzo crolla, ma sotto [...]

TRAILER
mercoledì 13 novembre 2019
 

Regia di Marco D'Amore. Un film con Marco D'Amore, Giuseppe Aiello, Salvatore D'Onofrio, Giovanni Vastarella, Marianna Robustelli. Da giovedì 5 dicembre al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
venerdì 11 ottobre 2019
 

Regia di Marco D'Amore. Un film con Marco D'Amore, Giuseppe Aiello, Salvatore D'Onofrio, Giovanni Vastarella, Marianna Robustelli. Da giovedì 5 dicembre al cinema. Guarda il trailer »

OVERVIEW
martedì 6 agosto 2019
Massimiliano Carbonaro

Arriva nelle sale il 12 dicembre il film diretto dall'interprete di uno dei personaggi più amati di Gomorra. Vai all'articolo »

TRAILER
giovedì 4 luglio 2019
 

Il corpo di Ciro sta affondando nelle acque scure del Golfo di Napoli. E mentre sprofonda sempre più, affiorano i ricordi. I suoni attutiti dall'acqua si confondono con le urla della gente in fuga. E' il 1980, la terra trema, il palazzo crolla, ma sotto [...]

NEWS
mercoledì 3 luglio 2019
 

Marco D'Amore dirige uno spin-off sulla storia personale di Ciro di Marzio, detto l'Immortale, uno dei grandi protagonisti della serie GomorraVai all'articolo »

TRAILER
lunedì 6 maggio 2019
 

Le origini di Ciro e i primi crimini fino all'inossidabile relazione con i Savastano. Il film, interpretato da Marco D'Amore, è da lui stesso diretto (già in passato era stato dietro la macchina da presa per alcuni episodi della serie) ed è uno spin-off [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati