Oasis: Supersonic

Film 2016 | Documentario +13 122 min.

Anno2016
GenereDocumentario
ProduzioneGran Bretagna
Durata122 minuti
Regia diMat Whitecross
AttoriNoel Gallagher, Liam Gallagher, Paul Arthurs, Paul McGuigan, Tony McCarroll Alan McGee, Marcus Russell.
Uscitalunedì 7 novembre 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,75 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Mat Whitecross. Un film Da vedere 2016 con Noel Gallagher, Liam Gallagher, Paul Arthurs, Paul McGuigan, Tony McCarroll. Cast completo Genere Documentario - Gran Bretagna, 2016, durata 122 minuti. Uscita cinema lunedì 7 novembre 2016 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,75 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Oasis: Supersonic tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dalla nascita del 1991 fino ai successi più grandi, con scene inedite e preziosi contributi. Al Box Office Usa Oasis: Supersonic ha incassato 228 mila dollari .

Passaggio in TV
domenica 22 aprile 2018 ore 11,10 su SKYCINEMACULT

Oasis: Supersonic è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,75/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Con uno stile che richiama Asif Kapadia, la rapida ascesa della band dei fratelli Gallagher, tra aneddoti, risse, provocazioni e grandi canzoni.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 7 novembre 2016
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 7 novembre 2016

Knebworth, 1996. Gli Oasis suonano di fronte a 250.000 persone. Ma come si è arrivati sin qui? Dai sobborghi di Manchester, in cui tre fratelli sono stati tenuti lontano dagli abusi di un padre alcolista e cresciuti dalla madre, tra calcio, Beatles e punk rock. Quando Liam Gallagher mette su una band insieme a degli amici, non impiega molto tempo a coinvolgere il fratello maggiore Noel. E questi non impiega molto a prendere in mano il gruppo, scoprendo di essere nato per scrivere grandi canzoni. Nel giro di un anno e rotti gli Oasis saranno sulla bocca e negli stereo di tutto il mondo.
Durante l'intera carriera gli Oasis sono stati accompagnati da una sensazione di stupore. Il loro, anzitutto: lo stupore di hooligan delle case popolari trasformati in rockstar. E il nostro, di spettatori costretti ad ammettere che questi spesso impresentabili figuri fossero capaci come nessun altro di "conquistare il mondo con il rock'n'roll". Un concetto antico, mitologico, esagerato per tutti tranne che per i fratelli Gallagher che, per un breve ma intenso periodo, riescono davvero nell'intento. Il documentario di Mat Whitecross ha inizio proprio con il concerto di Knebworth del 1996, davanti a 250.000 spettatori accorsi per vedere la rock band del momento. Un risultato incredibile, e probabilmente irripetibile, considerato come la fruizione della musica e l'aggregazione in eventi pubblici siano mutate irrimediabilmente in venti anni.
La riflessione intrisa di nostalgia sul mutamento sociale e sulla sostanziale cessazione del rock come fenomeno di massa è uno dei protagonisti invisibili della pellicola di Whitecross, con qualche esplicito riferimento alla questione proprio da parte di Noel Gallagher, che parla di "ultimo assembramento spontaneo di persone di questa entità, prima che subentrasse internet". Ora non sarebbe più possibile forse, in un mondo dominato dai dispositivi digitali e da celebrità che spesso antepongono l'immagine al contenuto.
Ma, a dominare quantitativamente il ricordo della repentina ascesa degli Oasis dalle stalle alle stelle, non sono certo dichiarazioni di questo tenore: nel viaggio che Oasis: Supersonic conduce a ritroso, per tornare infine a Knebworth e chiudere il cerchio, sono protagonisti i Gallagher e tutto il loro scurrile disprezzo per ogni forma di vita. I fratelli si insultano, si picchiano, sfottono tutto e tutti. La rivisitazione delle loro stilettate aiuta a far rivivere il carrozzone mediatico che accompagnava la metà degli anni Novanta, con aneddoti degni di Trainspotting o di This is Spinal Tap: risse con tifosi di calcio olandesi, litigate con tanto di mazze da cricket, per sorvolare sugli insulti violenti a colleghi come Blur, Thom Yorke o Coldplay, resi proverbiali negli anni dai media britannici. Proprio i Blur di Damon Albarn sono i grandi assenti del documentario, specie considerato il clamore della rivalità nata tra loro e gli Oasis, culminata con un augurio di morte da parte di Noel Gallagher ai "colleghi", e con l'uscita in contemporanea dei relativi album singoli delle band, in segno di aperta sfida.
A parte questa esclusione evidente, Whitecross cerca di coprire tutto quanto avvenuto tra il 1993 e il 1996, concentrandosi sull'ascesa verso il paradiso del gruppo e fermandosi prima del suo declino, rapido quasi quanto la salita. Lo stile richiama quello del produttore Asaf Kapadia e dei suoi Senna e Amy, senza immagini dei Gallagher o degli altri intervistati nel tempo presente: quel che si vede appartiene al passato, quel che si sente alle riflessioni del presente.
Se il materiale di grande importanza storica, come i concerti degli inizi in cui Alan McGee dell'etichetta Creation sceglie di scritturare i due Gallagher, è fondamentale per il musicologo e per il semplice appassionato, Oasis: Supersonic ha la capacità di interessare un target ben più ampio, grazie alla meticolosa ricostruzione di un'epoca vicina temporalmente a noi, ma resa lontanissima dai cambiamenti tecnologici intercorsi. E al racconto esemplare di come il talento artistico spesso si nasconda nelle menti più impensate.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Omaggio alla storica band di Manchester.

Mat Whitecross omaggia la band di Manchester con un documentario che ne ripercorre la carriera, i concerti, i successi e naturalmente i dissidi che, nel corso del tempo, non sono mai mancati.
Al film ha lavorato lo stesso team di Amy, il documentario su Amy Winehouse uscito nel 2015: Asif Kapadia come produttore esecutivo, James Gay Rees in qualità di produttore e Mat Whitecross alla regia.

OASIS: SUPERSONIC
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 14 marzo 2017
Mauro@Lanari

Tra il '94 e il '95 i Gallagher goderono d'una prodigiosa fecondità artistica: Noel componev'alla chitarra le sue migliori canzoni quand'erano già in studio e durante le pause del resto della band, mentre Liam imparava dal fratello le melodie al prim'ascolto ed era già pronto ad andar'in sala per registrarne la versione definitiva.

mercoledì 9 novembre 2016
Giorpost

Fine anni '80: Liam Gallagher è un bullo di periferia, un ragazzaccio carino ma mentalmente instabile, dedito a zuffe, sfotto' e droghe, che spesso si accanisce con coloro che portano la chitarra in spalla, da lui visti “con sospetto”; ma egli spera, nel frattempo, di trovare finalmente uno sbocco nella sua grigia esistenza.

sabato 12 novembre 2016
MrMassori

Bellissimo DocuFilm di una band che ha segnato la storia del Rock. Da Fan degli Oasis, (vissuto da adolescnete nei mitici anni 90), mi ero preventivamente aspettato solamente un'operazione nostalgia, cucita su misura per rievocare i fasti dei due fratelli più rissosi del rock, ma qui siamo di fronte ad un gran bel film in cui il regista ha saputo egregiamente mescolare un giusto mix di filmati inediti, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 novembre 2016
paolorol

Vi invito a leggere la recensione di "giorpost". E' perfetta, non mi sento in dovere di aggiungere una virgola. Al massimo di toglierne un pò.. In sintesi: un documentario godibilissimo, realizzato con materiale originale al 95%. Nessuna inutile e penosa intervista post mortem. I nostri eroi quando parlavano, rare volte per fortuna, non sapevano che snocciolare raffiche di "four [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 9 novembre 2016
Andrea Chirichelli

Oasis pigliatutto: Supersonic resiste al primo posto della top ten italiana anche ieri, con quasi 140mila euro, davanti a La Ragazza del Treno e Doctor Strange, film che hanno evidentemente deciso di scambiarsi le posizioni un giorno sì e l'altro pure. [...]

BOX OFFICE
martedì 8 novembre 2016
Andrea Chirichelli

Il lunedì da qualche tempo a questa parte è il giorno dei documentari e ieri Oasis: Supersonic ha fatto il botto, raggiungendo la prima posizione con 120mila euro, pur ottenendo solo il terzo posto quanto a spettatori effettivi.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati