The King's Man - Le Origini

Film 2021 | Azione, Avventura, Commedia, 131 min.

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Ralph Fiennes, Gemma Arterton, Rhys Ifans, Matthew Goode, Tom Hollander. Cast completo Titolo originale: The King's Man. Genere Azione, Avventura, Commedia, - Gran Bretagna, USA, 2021, durata 131 minuti. Uscita cinema mercoledì 5 gennaio 2022 distribuito da Walt Disney. Oggi tra i film al cinema in 153 sale cinematografiche - MYmonetro 2,73 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The King's Man - Le Origini tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il racconto delle origini dell'agenzia di intelligence indipendente che tutti conosciamo con il nome di Kingsman. In Italia al Box Office The King's Man - Le Origini ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 1 milioni di euro e 558 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,73/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,46
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un prequel che gioca con personaggi storici e tragedie reali, senza deviare dai consueti binari della saga.
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 14 dicembre 2021
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 14 dicembre 2021

Un nobiluomo inglese, che collabora insieme alla moglie con la Croce Rossa, si ritrova coinvolto in una tragica sparatoria in Africa, dove ha assistito agli orrori della colonizzazione inglese. Anni dopo, suo figlio è ormai quasi un uomo e vuole arruolarsi per partecipare alla Prima Guerra Mondiale. Il padre cerca invece di convincerlo a servire invece il Paese collaborando con la sua rete di spie internazionali, composta dalla servitù di varie casate nobiliari. Nel mentre però anche un'associazione di loschi figuri ha infiltrato le principali corti europee e ha piani assai sinistri, che si estendono oltre la Grande Guerra.

Prequel ambientato in uno dei periodi più bui della Storia europea, The King's Man - Le origini gioca con personaggi storici e tragedie reali, che contrastano con il tono scanzonato della serie senza però deviarla dai consueti binari.

Matthew Vaughn, ancora una volta alla regia, fa i salti mortali per distanziare l'agenzia di spionaggio inglese al centro di questi film dall'imperialismo guerrafondaio del tempo, ma ci riesce solo fino a un certo punto. Se nel primo film c'era un poveraccio che si ritrovava coinvolto nello spionaggio e veniva educato alla sartoria di massima eleganza, qui c'è invece una rete clandestina di spie basata sul lavoro dei più umili, ma alla fine il protagonista rimane il nobiluomo.

Pacifista e accompagnato da una donna e un nero, è un "woke" ante-litteram per essere il vicino possibile all'ipersensibile pubblico contemporaneo. Questa attenzione si limita però ai personaggi positivi, mentre quelli negativi sono più che mai macchiette caricaturali delle varie nazionalità che rappresentano. Così quella sorta di complesso di superiorità inglese che si fa uscire dalla porta con le aperte critiche all'imperialismo, rientra poi dalla finestra nella reale materia del film, che oltretutto finisce per fare una pedina anche di Lenin, contraddicendo un po' il dichiarato spirito proletario sventolato nelle premesse.

Al di là della confusione ideologica, The King's Man - Le origini ha il pregio di cambiare tono, con effetti sorprendenti. Se all'inizio la storia sembra ricalcare un racconto di formazione come nel primo capitolo, poi arriva un colpo di scena che ribalta le carte in tavola. Del resto la Prima Guerra Mondiale è una tragedia su cui è difficile scherzare, in compenso si va più che mai sopra le righe con il personaggio di Rasputin, che interpretato da Rhys Ifans si mangia la scena e rimane la cosa più memorabile del film. Peccato che Vaughn sembra non averlo capito e finisca per giocarselo quasi subito, in un climax anticipato che lascia un vuoto incolmabile. Le scene d'azione successive, sempre realizzate con i numerosi trucchi ed effetti della serie, non riescono a replicare l'esilarante combattimento con Rasputin, che lotta in un mix di balli tradizionali russi con un pizzico di balletto classico.

I protagonisti si cimentano invece in ruoli più risaputi: Ralph Fiennes incarna un empatico leader, molto attento al valore dei suoi alleati; Gemma Arterton interviene spesso decisiva nei panni della spia in vestito da tata, che lamenta come i maschi facciano sempre un casino da rimettere in ordine; Djimon Hounsou è lo stereotipo del compagno d'avventura esotico, che conosce l'arte di combattere con il pugnale.

Contro di loro si schiera un villain nascosto nell'ombra e soprattutto il mentalista Erik Jan Hanussen, interpretato da Daniel Brühl, mentre Tom Hollander (che viene accreditato nei titoli di coda elevato al cubo) ha il triplice ruolo di Re George, del Kaiser e dello Zar. Tutti fanno la loro parte ma il risultato è prevedibile, tanto che si apprezza il colpo di scena nonostante stravolga momentaneamente il tono, perché almeno lo eleva rispetto all'action in chiave di barzelletta con superspie invincibili della serie.

Purtroppo, tanto il momento tragico quanto il picco dello scontro con Rasputin non sono che parentesi, incapaci di deviare il film dai suoi più scontati binari. Anche rivestito dalla patina della ricostruzione d'epoca, alla fine The King's Man - Le origini è pur sempre un capitolo della saga iniziata con Kingsman: Secret Service e se pure ogni tanto prova a ribellarsi, da quel format non riesce o non può liberarsi.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Gli inizi dell'agenzia segreta inglese più elegante che c'è.
Overview di Giorgio Crico
mercoledì 11 settembre 2019

Sull'onda del successo di Kingsman - Secret Service e di Kingsman - Il cerchio d'oro, si è deciso di dare vita a un prequel dei due cinecomic che raccontano le avventure dell'agente segreto inglese Gary Unwin, detto Eggsy: il risultato è appunto The King's Man - Le origini, che racconta la fondazione e le prime fasi dell'esistenza del servizio di spionaggio d'élite chiamato modernamente Kingsman.

Questo nuovo capitolo della saga cinematografica ispirata ai fumetti firmata da Mark Millar e Dave Gibbons (pubblicata dalla Marvel) è atteso nelle sale italiane per l'inizio del 2020.

Per quel che è dato sapere attualmente del film, pare che questo nuovo prequel racconti un po' quel che è la origin story del servizio segreto britannico che abbiamo imparato a conoscere su schermo con i primi due film a tema, usciti rispettivamente nel 2014 e nel 2017 (ed è attualmente in lavorazione anche un terzo capitolo).

Si lascia dunque la contemporaneità per tornare ai tempi della Prima Guerra Mondiale, delle battaglie di trincea e a una situazione politica estremamente diversa da quella attuale. In questo scenario, il duca di Oxford è chiamato a mettere in piedi un'organizzazione in grado di sgominare il piano di un'associazione criminale che coinvolge alcuni dei personaggi più influenti d'Europa per evitare una nuova guerra...

Com'è nella tradizione della saga, anche per The King's Man - Le origini non si è badato a spese con il cast: Ralph Fiennes interpreta il duca di Oxford, Gemma Arterton ha il ruolo di Polly e c'è Aaron Taylor-Johnson nelle vesti di Lee Unwin. Matthew Goode interpreta Tristan, Harris Dickinson presta il suo volto a Conrad ed è stata confermata la presenza in ruoli minori di altri volti notissimi (e di grande talento) quali quelli di Stanley Tucci, Daniel Brühl, Rhys Ifans e Djimon Hounsou.

Parlando alla stampa americana, il regista Matthew Vaughn - che ha diretto ogni altro film uscito sotto il marchio Kingsman - ha spiegato come lui e i suoi collaboratori hanno fatto per evitare una storia troppo prevedibile: "Beh, diciamo che è ambientato 120 anni prima degli altri due capitoli e che non c'è nemmeno uno dei personaggi che abbiamo conosciuto precedentemente. È così che evitiamo la prevedibilità (...) diciamo che ho voluto realizzare la mia versione di una grande avventura epica a sfondo storico".

Sei d'accordo con Giorgio Crico?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 7 gennaio 2022
Umberto

THE KING'S MAN - LE ORIGINI... Essendomi piaciuti molto i primi due, soprattutto il primo, appena ho letto la notizia dell'uscita di questo prequel, la mia curiosità si è accesa. Storia che inizia nei primi anni del '900 per poi incentrarsi prettamente nel periodo della Prima Guerra Mondiale e sviluppata attraverso una narrazione molto fantasiosa riguardo cause, conseguenze [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 14 gennaio 2022
Gianmatteo Pellizzari
Il Piccolo

Dopo l'irresistibile "Kingsman - Secret Service" e il meno irresistibile "Kingsman - Il cerchio d'oro", Matthew Vaughn porta avanti la sua fissazione monografica e si gioca la carta del prequel: un lieve ritocchino alla scritta "Kingsman" ed ecco "The King's Man - Le origini", bizzarro e affascinante punto di saldatura tra melodramma bellico, fantastoria e fumetto guascone.

sabato 8 gennaio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Abbiamo imparato a diffidare dei film che nel titolo precisano "le origini". Sono mezzucci per riciclare personaggi che non reggono più altri sequel, mentre i produttori pigri non cercano altre storie interessanti. Il conosciuto richiede meno pubblicità del nuovo, e quando lo spettatore si rende conto di aver davanti una minestra riscaldata, spesso annacquata, ha già comprato il biglietto.

giovedì 6 gennaio 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

Nonostante abbia promesso alla moglie Emily, uccisa in un agguato in Africa, di proteggere a qualunque costo il loro figlio Conrad, Orlando Oxford non riesce a impedire che il ragazzo si arruoli per combattere nella Prima Guerra Mondiale. Intanto, guidate da Rasputin, le corti europee preparano piani sinistri destinati a sterminare milioni di giovani.

giovedì 6 gennaio 2022
Stefano Giani
Il Giornale

Scoppia la Grande Guerra e i loschi figuri della scena internazionale sono tanti. Troppi. Minacciano l'umanità e vanno fermati. A pensarci è un elegante Ralph Fiennes che perde la moglie ed educa il figlio al più intransigente pacifismo, finché anche lui è costretto a prendere le armi. Nascita della prima agenzia di intelligence indipendente e prequel della serie The King's Man.

giovedì 6 gennaio 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Figlio di nobiltà vicina alla regina, un padre fondatore dei King's Man (questo è il prequel), il giovane Conrad combatte malvagia organizzazione criminale. Un pasticciotto di investigazione stile britannico, storia maccheronica della Prima guerra Mondiale e tanta digitale asportazione dal cinema d'avventura anni '30, ma filtrato da Indiana Jones. Potrebbero arrivare anche i tre moschettieri, invece [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 gennaio 2022
Francesco Alò
Il Messaggero

Il primo era strepitoso (un coattello londinese veniva svezzato da una spia stilosa), il secondo discreto e questo terzo quasi commovente. Parliamo della saga spionistica Kingsman dai fumetti politicamente scorretti di Mark Millar e Dave Gibbons, trasferiti al cinema grazie allo humour raccapricciante del regista Matthew Vaughn. ALTA SARTORIA Il terzo capitolo The King' s Man - Le origini ci riporta [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 gennaio 2022
Roberto Nepoti
La Repubblica

I primi due film della serie Kingsman (2014 e 2017), tratta dalle tavole del fumettista Mark Millar, non erano dei capolavori; però l' attitudine punk e il tono umoristico piacquero al pubblico. Col terzo capitolo del franchise, invece, Matthew Vaughn ha fatto un mezzo pasticcio. The King' s Man - Le origini è un lungo e costoso prequel, che sposta l' azione ai tempi della Prima Guerra mondiale per [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 gennaio 2022
Alessio Baronci
Sentieri Selvaggi

Quello di Matthew Vaughn è un cinema sempre più paradossale Costantemente accelerato, stilizzato, ironico, eppure fermo su sé stesso, chiuso nelle sue idee visive, che tornano film dopo film. Dopo Kingsman - Il cerchio d'oro, definitivo svelamento di una regia ostaggio della coazione a ripetere, The King's Man - Le origini è dunque il film con cui Matthew Vaughn prova a rilanciarsi, tentando di esorcizzare [...] Vai alla recensione »

martedì 4 gennaio 2022
Francesco Bonfanti
Close-up

The king's man le origini *** Per riscrivere la storia ci vuole tanta follia quanto genio, per sfruttarne le ombre e inserirvi la nascita di una società segreta di gentleman inglesi serve invece altro. Per esempio, un'atmosfera pop. The King's Man - Le origini di Matthew Vaughn raccoglie il testimone di una saga da sempre contraddistintasi per la leggerezza di tono e di mdp, con il colpo di scena [...] Vai alla recensione »

martedì 4 gennaio 2022
Francesco Costantini
Asbury Movies

Per il terzo capitolo della serie basata sul fumetto The Secret Service di Mark Millar e Dave Gibbons, il regista e sceneggiatore Matthew Vaughn ha scelto la via del prequel. Del prequel duro. Perché The King's Man - Le Origini, in sala in Italia dal 5 gennaio 2022, sposta le lancette di un secolo circa per raccontarci la genesi dell'agenzia indipendente di servizi segreti più famosa del cinema, già [...] Vai alla recensione »

martedì 4 gennaio 2022
Mauro Gervasini
Film TV

Facciamo un passo indietro. In Kingsman: Secret Service c'è una scena piuttosto breve in ascensore durante la quale Colin Firth accenna al giovane allievo, nonché figlio putativo Taron Egerton, come sia nata questa bizzarra divisione del servizio segreto britannico iper addestrata e ancora più segreta, una specie di circolo che si rifà alla tavola rotonda.

venerdì 31 dicembre 2021
Daniele De Angelis
Cineclandestino

Alla radice di una, ormai conclamata, saga cinematografica. Tra l'altro una delle migliori di questa seconda decade di nuovo secolo. C'era dunque bisogno di tornare agli albori del 1900 per conoscere la genesi di un servizio di intelligence con sorprendente spinta "dal basso"? The King's Man - Le origini prende vita, affatto casualmente, in Sudafrica, nel 1902, al tempo del secondo conflitto boero. [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 28 dicembre 2021
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da mercoledì 5 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
mercoledì 17 novembre 2021
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da mercoledì 5 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
venerdì 27 agosto 2021
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da mercoledì 5 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
mercoledì 7 luglio 2021
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da mercoledì 5 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
martedì 23 giugno 2020
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Ralph Fiennes. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
lunedì 30 settembre 2019
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da giovedì 13 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

OVERVIEW
mercoledì 11 settembre 2019
Giorgio Crico

La storia fa un salto indietro di oltre cento anni, fino alla Prima Guerra Mondiale. Dal 13 febbraio al cinema. Vai all'articolo »

POSTER
giovedì 1 agosto 2019
 

Mentre alcuni tra i peggiori tiranni della storia e molti criminali si riuniscono per organizzare una guerra per annientare milioni di persone, un uomo deve correre contro il tempo per fermarli.

TRAILER
lunedì 15 luglio 2019
 

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander. Da giovedì 13 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati