•  
  •  
Apri le opzioni

Ralph Fiennes

Ralph Fiennes (Ralph Nathaniel Twisleton-Wykeham Fiennes) è un attore inglese, regista, produttore, è nato il 22 dicembre 1962 ad Ipswich (Gran Bretagna).
Nel 2018 ha ricevuto il contributo europeo al cinema mondiale al European Film Awards. Ralph Fiennes ha oggi 59 anni ed è del segno zodiacale Capricorno.

Il lato oscuro di un lord inglese

A cura di Nicoletta Dose

Attore cinematografico e teatrale di fama mondiale. Unico interprete ad essere premiato con il Tony Award per il ruolo di Amleto a Broadway, il talento eclettico di Fiennes è indiscutibile. Lo sguardo profondo, gli occhi chiari e intensi, su un metro e ottanta di fisico si sono prestati spesso a ruoli da cattivo in film per adulti e ragazzi. Ma l'attore è riuscito a uscire da questa maschera nel momento in cui si stava trasformando in macchietta, rinnovandosi ancora una volta, interpretando nuovi volti, espressioni sghembe o sorridenti. Un interprete completo dove 'buono' e 'cattivo' si mescolano assieme.

L'incontro con Spielberg e l'amore per il teatro
Figlio del fotografo Mark Fiennes e della scrittrice e pittrice Jennifer Lash, Ralph è il primo di sei figli; il fratello Joseph è anche lui attore (Shakespeare in Love) e la sorella Martha è regista. All'età di dieci anni, il piccolo Ralph si trasferisce con la famiglia in Irlanda, nella contea di Kilkenny. Traslocano nuovamente qualche anno più tardi dirigendosi a Salisbury, in Inghilterra. Qui finisce i suoi studi per dedicarsi poi completamente all'attività di attore, inizialmente soprattutto a teatro con il Royal National Theatre e la Royal Shakespeare Company, successivamente al cinema. Dopo dieci anni di formazione teatrale, supportata da numerosi spettacoli in giro per la Gran Bretagna, e due ruoli televisivi (protagonista del film tv A Dangerous Man: Lawrence After Arabia e un piccolo ruolo al fianco di Helen Mirren nella fortunata serie investigativa Prime Suspect) l'attore bussa alla porta del grande schermo: nel 1992 esordisce in Wuthering Heights, seguito da The Baby of Mâcon (1993) di Peter Greenaway, ma a dargli popolarità e fama è il ruolo del sadico comandante delle SS in Schindler's List (1993) di Steven Spielberg.

Strani giorni per un paziente inglese
Dopo la nomination all'Oscar per l'interpretazione del film di Spielberg, la sua carriera spicca il volo. A metà degli anni Novanta recita la parte di un concorrente televisivo in Quiz Show (1994) di Robert Redford ed è lo straordinario ex poliziotto Lenny Nero di Strange Days (1995) di Kathryn Bigelow. Ottiene la seconda nomination all'Oscar per Il paziente inglese (1996) di Anthony Minghella, kolossal melodrammatico che ha fatto incetta di premi in tutto il mondo. La sua notorietà è alle stelle, ormai fa parte dello star system di Hollywood e, dopo una serie di film impegnati d'autore, decide di alleggerire i toni e dedicarsi ad una pellicola più briosa, meno riflessiva, ovvero The Avengers - Agenti speciali (1998), tratto da una serie televisiva britannica.

Amori e tradimenti al cinema
Dopo la breve parentesi nel cinema dichiaratamente commerciale (è anche la voce di Ramses nel film d'animazione Il principe d'Egitto), ritorna a vestire panni più seri in Oscar e Lucinda (1997) e in Sunshine (1999) dell'ungherese István Szabó. Nello stesso anno produce e interpreta il personaggio principale di Onegin, film diretto dalla sorella Martha Fiennes, tratto dal poema russo di Puškin, che non riscuote molto successo. Approda al giallo con Fine di una storia (1999) di Neil Jordan dov'è un uomo distrutto dall'abbandono improvviso della propria amante (Julianne Moore) che, piano piano, trasforma il proprio amore in odio incontrollato.

Un cattivo dal cuore d'oro
Presta la voce al cartone animato The Miracle Maker (2000), poi si toglie la maschera di cattivo per mettere quella comica nella commedia Un amore a 5 stelle (2002) dove duetta con Jennifer Lopez. Ma è solo una scelta momentanea perché passa poco tempo che si sofferma a incarnare figure inquietanti e misteriose, come il serial killer di Red Dragon (2002) di Brett Ratner o il malato di schizofrenia di Spider (2002) di David Cronenberg, dal romanzo di Patrick McGrath. Partecipa al progetto televisivo Freedom: A History of Us (2003) dove si ripercorre, episodio dopo episodio, la storia degli Stati Uniti d'America, poi prende in giro, in modo dissacrante, lo stile di vita della suburbia californiana in The Chumscrubber (2005) dell'indie Arie Posin. In coppia con Rachel Weisz è nel drammatico The Constant Gardener - La cospirazione (2005, ambientato in Kenya, dove la troupe ha fondato il "Constant Gardener Trust" per assicurare l'educazione ai bambini dei villaggi più poveri), poi si confronta con i tormenti sentimentali de La contessa bianca (2005) di James Ivory, uno dei film meno riusciti del regista californiano. Collabora per la seconda volta con la sorella Martha in Chromophobia, storia di una famiglia apparentemente normale, svelata negli aspetti più scabrosi.

La saga cinematografica di Harry Potter
Offre la sua versatilità al mondo dei ragazzi prestando la voce a Victor di Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro (2005) e trasformandosi in Lord Voldemort, personaggio mitico della saga del maghetto in Harry Potter e il calice di fuoco (2005) di Mike Newell e in Harry Potter e l'ordine della fenice (2007) di David Yates. Perfetto nella veste di simbolo del male, antagonista atavico di Harry, sorprende e conquista il pubblico internazionale. Da un mostro della cultura fantasy alla figura di un soldato nella Land of the Blind (2006) di Robert Edwards, a quella di un maggiordomo in Bernard and Doris (2007) ai servizi di Susan Sarandon.

Il cinema impegnato d'autore e i blockbuster
Di tutt'altro genere è la coppia al maschile formata da Colin Farrell e Brendan Gleeson di In Bruges - La coscienza dell'assassino (2008), buddy movie sulle vicende di due killer mandati in esilio in Belgio dal boss Fiennes. Recita poi nel film in costume La duchessa (2008) di Saul Dibb e nel duro The Hurt Locker (2008) di Kathryn Bigelow, riflessione amara sulla realtà della guerra in Iraq. Nel 2009 è Michael, innamorato di una donna misteriosa e affascinante che, in momenti e modi diversi, ha ritmato la sua vita: è la storia di The Reader - A voce alta di Stephen Daldry, sguardo lucido sugli effetti di una bugia che nasconde drammatiche verità. Nel 2012 è nelle sale con il film di Jonathan Liebesman La furia dei Titani e con Grandi speranze di Mike Newell tratto da Dickens. Fiennes, che aveva già partecipato al primo capitolo del film, è presente nel successivo nello stesso ruolo: il dio degli inferi Ade. Inoltre lo stesso anno partecipa al nuovo capitolo di 007 Skyfall, diretto da Sam Mendes, mentre è in preparazione il suo secondo film da regista: The Invisible Woman.
Nel 2014 il film di Wes Anderson che lo vede protagonista nei panni di un concierge (The Grand Budapest Hotel) aprirà il Festival di Berlino. L'anno successivo è invece uno dei protagonisti di A Bigger Splash di Luca Guadagnino e torna a recitare nel nuovo 007, Spectre - 007, diretto da Sam Mendes. Irresistibile ancora una volta nel film dei fratelli Coen Ave, Cesare! (2016), che apre il 66esimo Festival di Berlino.
Nel 2018 dirige il biopic Nureyev - The White Crow, mentre nel 2020 fa parte del cast del film Dolittle e e nel 2021 è in No Time To Die di Cary Joji Fukunaga e in The King's Man - Le origini di Matthew Vaughn.

Ultimi film

Commedia, (USA - 2020), 106 min.

Focus

INCONTRI
martedì 19 settembre 2017
Lorenza Negri

In The Handmaid's Tale, Joseph Fiennes ha nascosto il suo impeccabile accento da "inglese della regina" per interpretare il comandante Waterford, eminenza politica di una società - Gilead - che ha sostituto il governo statunitense con una teocrazia. La serie disponibile dal 26 settembre su TIMVISION, di fresco vincitrice di otto Emmy Awards (i premi della televisione americani) tra cui Miglior Serie Drammatica, Sceneggiatura, Regia e Attrici Protagoniste e non, lo annovera nel cast con la scomoda parte di un uomo debole, ipocrita e mellifluo, imbarazzato e schiacciato dalle stesse leggi che ha imposto per salvaguardare il presunto benessere del proprio Paese

INCONTRI
martedì 15 febbraio 2011
Giovanni Bogani

C'è del macho in Berlinale. Ralph Fiennes e Gerard Butler, uno più duro, uno più sexy dell'altro – oggi le colleghe non ti salutavano nemmeno, la testa ad altro – si affrontano, si insanguinano, si pugnalano, si avvinghiano, si abbracciano finché morte non li separi. Fin quasi a far affiorare il sospetto di un erotismo omosessuale sottopelle. Il film è Coriolanus. Shakespeare portato sullo schermo – in veste di coproduttore, regista e protagonista – da Ralph Fiennes, l'ufficiale nazi di Schindler's List

CELEBRITIES
martedì 7 ottobre 2008
Stefano Cocci

Un inglese che passa dal sesso in aereo alle fondazioni benefiche In un'epoca in cui uomini che hanno costruito la propria carriera intorno all'immagine del padre di famiglia come Kevin Costner e Harrison Ford, lasciano la moglie conosciuta al liceo per mettersi con una donna più bella, più giovane e a volte anche più famosa della consorte (come il caso di Indiana Jones che fa coppia con Calista Flockhart alias Ally McBeal), la storia di Ralph Fiennes che lascia la bella attrice britannica Alex Kingston per mettersi insieme ad una collega di 19 anni più vecchia di lei e soprattutto di lui, è destinata a far notizia

News

Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander....
Ralph Fiennes adatta con eleganza la biografia del celebre ballerino.
Regia di Matthew Vaughn. Un film con Gemma Arterton, Matthew Goode, Aaron Taylor-Johnson, Ralph Fiennes, Tom Hollander....
Regia di Ralph Fiennes. Un film con Oleg Ivenko, Adèle Exarchopoulos, Chulpan Khamatova, Sergei Polunin, Ralph Fiennes.
Daniel Craig, Monica Bellucci e Léa Seydoux sul red carpet del Royal Albert Hall. Alla prima del film anche i reali...
Oggi fuori concorso Non essere cattivo del regista culto Claudio Caligari.
Il favorito è Grand Budapest Hotel con 11 candidature.
Come guardare Grand Budapest Hotel?
Il cineasta che sa contemplare con straniamento cosmico le situazioni drammatiche.
La rassegna sarà aperta dall'anteprima mondiale di The Grand Budapest Hotel.
Diretta da Mike Newell, la nuova trasposizione del romanzo di Charles Dickens.
Le foto del sequel di Scontro tra titani. In 3D.
A Londra Ralph Fiennes presenta il suo debutto alla regia.
Primo trailer ufficiale di Harry Potter e i doni della morte - Parte 2.
Prima foto e video ufficiali di Harry Potter e i doni della morte - Parte II.
Presentato a Berlino Coriolanus, implacabile tragedia che parla di Roma ma pensa al Vietnam di Kubrick.
In esclusiva le locandine del trio e dei cattivi.
Nuove foto ufficiali della prima parte del settimo libro.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati