Vincent deve Morire

Film 2023 | Drammatico, 115 min.

Regia di Stéphan Castang. Un film Da vedere 2023 con Karim Leklou, Vimala Pons, François Chattot, Karoline Rose Sun, Emmanuel Vérité. Cast completo Titolo originale: Vincent doit mourir. Titolo internazionale: Vincent Must Die. Genere Drammatico, - Francia, Belgio, 2023, durata 115 minuti. distribuito da I Wonder Pictures. - MYmonetro 3,33 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vincent deve Morire tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 4 marzo 2024

Un uomo è perseguitato ed è costretto a cambiare vita. Non capisce però il perché di questi attacchi. Il film ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards, 1 candidatura a Cesar, 2 candidature a Lumiere Awards,

Consigliato sì!
3,33/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Racconto esilarante e paranoico, metafora della violenza post pandemia.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 29 novembre 2023
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 29 novembre 2023

Vincent, grafico pubblicitario e uomo mite, è aggredito in ufficio da uno stagista. Quello che assomiglia a un regolamento di conti assume presto contorni perturbanti, perché il giorno successivo un altro collega lo pugnala con una biro. È l'alba di un incubo e di aggressioni insensate che proseguono sulla via di casa. Attaccato senza motivo da chiunque incroci il suo cammino e il suo sguardo, Vincent lascia la città e si isola progressivamente in campagna. Un esilio costellato di incontri inaspettati: un clochard affetto dallo stesso inspiegabile disturbo, che lo invita a unirsi a un'oscura comunità online, la solare cameriera di un fast-food, contrappunto luminoso all'orrore e alla depressione dell'eroe, una bambina, un vicino, un cane...Tutti vogliono uccidere Vincent.

Opera prima di Stéphan Castang, Vincent doit mourir è una metafora della violenza all'opera nella società francese post pandemia.

Racconto esilarante e paranoico, assume tutta l'ansia e la collera della nostra epoca volgendole in un fenomeno sovrannaturale contagioso. Una vague di violenza si abbatte sul mondo, in ufficio i colleghi si sollevano l'uno contro l'altro, i vicini di casa danno seguito alle minacce, gli automobilisti si uccidono a vicenda dopo un solo sguardo... se tutto questo vi suona familiare è perché questi incidenti potrebbero apparire sul banner di un qualsiasi telegiornale.

Castang assume il genere e cattura la febbrilità dei tempi amplificandola per creare una narrazione vaga ed ellittica che, paradossalmente, parla chiaro. Vincent doit mourir alimenta le nostre ossessioni e mette il dito dove fa più male, la paura diffusa di aggressioni gratuite e di vite spezzate per motivi irrisori. Il film riflette perfettamente l'accelerazione degli shock traumatici che ci infligge quest'epoca precaria e cospirativa, esacerbata da un'attualità sempre più ansiogena: pandemie, guerre, burnout, terrorismo, complotti, inflazione.

Il racconto monta in violenza e rende conto di un mondo sempre più cupo, le giunture cedono e gli innocenti sono consegnati a una brutale vendetta collettiva. Questo è il destino di Vincent, incarnato da un attore impareggiabile che inchioda con la sua presenza proteiforme e il suo sguardo da zombie furioso. Karim Leklou non è nuovo ai panni del ragazzo comune coinvolto in avventure che vanno al di là della sua comprensione. Questa volta ha il mondo contro e non è un'impressione. In un giorno come gli altri e senza sapere bene perché diventato il bersaglio di una rabbia difficile da controllare.

Rabbia che alimenta un film di sopravvivenza e d'amore all'incrocio dei generi. Horror che flirta con la commedia sentimentale (e il thriller paranoico), Vincent doit mourir è armato di ascia e di un'audacia folle che irriga l'avventura di un eroe inviso al mondo. Le ragioni dimorano inspiegabili ma il godimento è spiegabile con un soggetto parente diretto del film di zombie, con cui condivide la carica sovversiva e politica.

Ma Stéphan Castang preferisce alla fine avventurarsi sulla pista più battuta (la storia d'amore), lasciando troppo presto i binari drammaturgici più promettenti (una comunità ai margini della società). Se il debutto del film rompe coi sintomi e i vizi di un certo cinema francese, presumibilmente più normativo, la sua risoluzione finisce per riguadagnare il centro, un territorio conservatore, spalleggiato da un'ironia permanente, come se il regista non credesse fino in fondo alla posta in gioco iniziale. Reimpara ad amare Vincent ma non fa alcuna scelta, elude la domanda dopo aver innescato una pulsione assassina e averci negato la catarsi. Perché non ci sentiamo un po' colpevoli quando tutti cercano di farci del male?

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 2 dicembre 2023
Davide Di Giorgio
Duels.it

L'assunto è chiaro fin dal titolo: Vincent deve morire. E a occuparsene sarà chiunque stabilisca con lui un contatto visivo. Un gesto automatico e quasi inconsapevole, che innesca una furia omicida, destinata ad abbattersi con foga sul malcapitato protagonista. Il quale, naturalmente, non potrà che fuggire, nascondersi, alimentare la sua paranoia fra le mura che lo separeranno dal mondo.

venerdì 1 dicembre 2023
Tonino De Pace
Sentieri Selvaggi

L'esordio alla regia di Stéphan Castang è segnato da questo distopico e imprevedibile film, che parte come una specie di commedia nera e finisce con il diventare un horror delle relazioni umane, nella tragedia di uno sconvolgimento dettato da una violenza ingiustificata che travolge l'intera collettività. Vincent (Karim Leklou) è un tranquillo lavoratore nel campo della grafica pubblicitaria, quasi [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 maggio 2023
Alessandro De Simone
Ciak

A Vincent, un tranquillo architetto single, sta succedendo qualcosa di strano. Nel giro di pochi giorni ha subito due aggressioni da altrettanti suoi colleghi, e quando cammina ha l'impressione che tutti vogliano fargli del male. Ma non è una paranoia: è proprio così. E non sa perché. Stéphan Castang ha 50 anni ed è al suo primo lungometraggio. Attore, soprattutto teatrale, con all'attivo alcuni cortometra [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 maggio 2023
Ilaria Falcone
NonSoloCinema

Vincent (Karim Leklou) è un uomo ordinario, dalla vita ancora più ordinaria. A un certo punto tutto cambia: di punto in bianco perfetti sconosciuti, anche ragazzini, iniziato ad attentare alla sua vita in vari modi e con vari mezzi. La sua placida routine è completamente sparita, tutto è fuori controllo. Si trova braccato da un mondo che vuole ucciderlo senza che nessuno gli spieghi il perché.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati