Escape From Mogadishu

Film 2021 | Azione, Drammatico 121 min.

Titolo internazionaleEscape from Mogadishu
Anno2021
GenereAzione, Drammatico
ProduzioneCorea del sud
Durata121 minuti
Regia diRyoo Seung-wan
AttoriKim Yun-seok, In-sung Jo, Jun-ho Heo, Kyo-hwan Koo, So-jin Kim Jeong Man-sik.
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Ryoo Seung-wan. Un film con Kim Yun-seok, In-sung Jo, Jun-ho Heo, Kyo-hwan Koo, So-jin Kim. Cast completo Titolo internazionale: Escape from Mogadishu. Genere Azione, Drammatico - Corea del sud, 2021, durata 121 minuti. Valutazione: 3 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Escape From Mogadishu tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 26 aprile 2022

Le ambasciate delle due Coree stanno cercando un piano per favorire l'ingresso delle proprie nazioni nell'ONU.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Tutto già visto e vissuto ma il film è un porto sicuro per gli amanti del genere.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 26 aprile 2022
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 26 aprile 2022

Somalia, 1990. Le ambasciate di Corea del Sud e Corea del Nord ricorrono a ogni mezzo, lecito o illecito, per persuadere il governo del dittatore Siad Barre a favorire l'ingresso della rispettiva nazione nell'ONU: i voti dei Paesi africani costituiscono infatti la maggioranza necessaria e determinante per una risoluzione in questo senso presso le Nazioni Unite. Mentre la diplomazia nordcoreana sembra molto avvantaggiata rispetto all'inesperienza sul piano internazionale del Sud, i capovolgimenti di fronte della ribellione anti-governativa in Somalia sconvolgono gli equilibri e pongono i diplomatici dinanzi a una nuova priorità: sopravvivere nel caos della guerra civile, dove non esistono più regole. 

Il titolo internazionale, che appone un "Escape from" al semplice "Mogadishu", strizza chiaramente l'occhio alla cinefilia americana o americanofila e alle sue libere associazioni con celebri action dal titolo "Fuga da...".

A dirigere le operazioni, d'altronde, è il regista da sempre indicato, fra i cineasti sudcoreani, come il più vicino a canoni ed estetica del cinema statunitense, Ryoo Seung-woo. Non ci sono particolari sorprese, quindi, se Escape from Mogadishu pesca a piene mani da titoli come Argo e Black Hawk Down, oltre a riproporre la questione coreana in uno scenario internazionale e multilinguistico, come nel celebre (e assai più riuscito) The Berlin File.

Ma se è difficile immaginare un universo in cui senza questi predecessori il film di Ryoo possa anche solo esistere, è altresì vero che il regista cerca di trasformare quelle suggestioni in forme nuove e, al solito, adattarle alle esigenze del mercato locale. Ecco che la dinamica di sotterfugi di Argo, messi in atto per salvare i dipendenti di un'ambasciata, o la guerriglia di strada del film di Ridley Scott diventano una gara di astuzie tra Nord e Sud Corea, che nell'epilogo ripaga il pubblico di amanti dell'azione dopo la stasi del primo e "diplomatico" segmento.

In Escape from Mogadishu si rileva il tentativo di uscire dai consueti stereotipi su Nord e Sud - il primo costituito da inflessibili macchine da guerra che non hanno mai conosciuto la libertà, il secondo da cialtroni collerici ma di buon cuore - e di cercare una maggiore presa con il verosimile, se non altro perché la vicenda è tratta da un fatto realmente avvenuto. La consueta parabola che porta Nord e Sud ad accantonare gli annosi contrasti e trovare una soluzione comune, scoprendosi assai più simili di quanto potesse apparire, è gestita con sobrietà e con attenzione ai tempi serrati di un action che concede poco spazio al pensiero (e anche all'approfondimento psicologico dei personaggi).

Coerentemente con una filmografia corposa e divenuta negli ultimi anni sempre più significativa e coesa, Ryoo persegue nuovamente la sua idea, ingenua ma efficace, di unità nella diversità tra Sud e Nord, a costo di esemplificarla con immagini semplici e potenti nello stesso tempo. La scena conclusiva, con i gesti simmetrici delle due delegazioni e la gelida divisione che si ripropone dopo l'unione dei comuni intenti, può essere accusata di retorica ma mantiene un'indubbia forza suggestiva.

Pretendere una rappresentazione realistica e scevra da pregiudizi delle forze governative e ribelli somale rimane fuori discussione: siamo di fronte a fordianissime "Ombre nere" che circondano i nostri eroi, ma d'altronde non è che le cose andassero meglio nella visione da videogame del Black Hawk Down di Ridley Scott, ambientato a qualche anno di distanza dai fatti di Escape from Mogadishu. Per Ryoo le ragioni che dividono le truppe governativi di Barre e i ribelli restano secondarie e non spiegate: il punto di vista è unicamente quello dei diplomatici coreani e della loro percezione di un crescente pericolo proveniente dai guerriglieri autoctoni.

Ma se si può sorvolare sulla superficialità dell'approccio di Ryoo, resta difficile perdonare il cinismo con cui le auto evitano i cadaveri sul selciato alla stregua di ostacoli di un arcade game. Forse è il prezzo da pagare per godere di un action che tarda a esplodere, ma che infine ripaga con un tripudio di inseguimenti e spari (non manca la soggettiva "hongkonghese" del proiettile che attraversa un parabrezza). Tutto già visto e vissuto, ma gli amanti di Ryoo troveranno un porto sicuro a cui approdare.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 28 aprile 2022
Enrico Azzano
Quinlan

Facciamo qualche passo indietro. Nel 2017 usciva nelle sale sudcoreane A Taxi Driver di Jang Hun: un trionfo al botteghino, una serie di successi anche a livello internazionale e un nuovo tassello narrativo e produttivo nella lodevole ricostruzione della storia sudcoreana sul grande schermo. A differenza di tante altre pellicole precedenti, A Taxi Driver sposava pienamente la commedia e le potenzialità [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2022
Giovanni Stigliano Messuti
NonSoloCinema

Dopo aver presentato il director's cut del suo Battleship Island (2017) alla 20esima edizione del festival, il maestro dell'action coreano Ryoo Seung-wan torna a Udine con Escape from Mogadishu, spettacolare racconto per immagini di una altrettanto spettacolare storia vera: la fuga del corpo diplomatico coreano - Nord e Sud insieme - dalla capitale somala nel 1991.

NEWS
FAR EAST FILM FESTIVAL
martedì 26 aprile 2022
Emanuele Sacchi

Una spy story ricca di azione sulle tensioni tra le due Coree in Africa. Un film perfetto per i fan di Ryoo. Al FEFF. Vai all'articolo »

FAR EAST FILM FESTIVAL
lunedì 31 gennaio 2022
 

Il blockbuster di Ryoo Seung-wan arriva a Udine durante l’attesissimo appuntamento con il cinema asiatico al via il 22 aprile. Vai all’articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati