Hostiles - Ostili

Film 2017 | Avventura +13 127 min.

Regia di Scott Cooper. Un film con Christian Bale, Rosamund Pike, Wes Studi, Adam Beach, Rory Cochrane, Peter Mullan. Cast completo Titolo originale: Hostiles. Genere Avventura - USA, 2017, durata 127 minuti. Uscita cinema giovedì 22 marzo 2018 distribuito da Notorious Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,85 su 29 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Hostiles - Ostili tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un capitano dell'esercito accetta di scortare un capo Cheyenne e la sua famiglia attraverso un territorio pericoloso. In Italia al Box Office Hostiles - Ostili ha incassato 432 mila euro .

Hostiles - Ostili è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,85/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,19
PUBBLICO 2,85
CONSIGLIATO SÌ
Un western malinconico dalla fotografia incantevole. Ma la scrittura non è esente da problemi.
Recensione di Paola Casella
giovedì 26 ottobre 2017
Recensione di Paola Casella
giovedì 26 ottobre 2017

Il capitano Joe Blocker è alla soglia della pensione quando, su richiesta del presidente degli Stati Uniti, gli viene ordinato di condurre fino al Montana il capo Cheyenne Falco Giallo, in fin di vita per una malattia terminale. Peccato che Joe abbia combattuto contro gli indiani fino a quel momento e abbia visto morire molti amici e commilitoni, alcuni proprio per mano di Falco Giallo. Al drappello si unisce anche Rosalie, una donna che ha visto trucidare la propria famiglia (nella prima scena, che precede i titoli di testa) da una banda di ladri di cavalli Comanche.

Scott Cooper struttura il suo western proprio come aveva modellato il precedente Il fuoco della vendetta, a sua volta una sorta di western di ambiente minerario: ovvero mette al centro della trama un bravo Cristo (termine scelto non a caso) appoggiando il peso della sua coscienza sulle eroiche spalle di Christian Bale.

Il problema di Hostiles è però proprio la centralità dell'uomo bianco in una storia che vorrebbe rivisitare l'epopea western schierandosi dalla parte degli oppressi, ma che invece costruisce tutti i personaggi, in primis quei "pellerossa" rigidamente caratterizzati come selvaggi o come baluardi di saggezza, in funzione dell'arco narrativo del protagonista. Inoltre, nel tentativo di dare uno spin progressista a una storia assai fedele ai canoni del genere western, Cooper colora troppe scene di un senno di poi e di un'autoconsapevolezza impensabili nel 1892.

Quel che funziona è invece l'atmosfera malinconica e dolente e la qualità quietamente implosiva di una storia che, anche se in modo contraddittorio e ambivalente, cerca di raccontare quella natura umana, e quell'ethos yankee, che D.H. Lawrence descrive accuratamente nella frase che apre la storia: "L'anima americana è essenzialmente isolata, stoica e assassina". Proprio per questo sarebbe stato più onesto, coerente e storicamente corretto permettere a Joe di rimanere confinato nel suo stoico isolamento e nella sua indole omicida, pur con sprazzi di consapevolezza.

Invece tanto Joe quanto Falco Giallo, ripetutamente descritti all'inizio come sadici macellai pronti a spingersi molto oltre la difesa della propria gente, contraddicono il proprio personaggio mostrandosi a noi come uniformemente caritatevoli e disposti al perdono. Addirittura la sceneggiatura, a tre quarti del percorso, dota Joe di un alter ego che si fa carico del suo istinto omicida, un doppio negativo atto a esorcizzare il lato dark del buon capitano sulla base di un distinguo francamente discutibile: ovvero che i delitti commessi da Joe fossero solo un modo di obbedire agli ordini. Inevitabile il paragone (a sfavore di Hostiles) con Sweet Country, il western australiano firmato dal regista aborigeno Warwick Thornton, che pur conservando l'impianto classico del western era assai più sottile e più efficace nel raccontare la Storia dalla parte degli "indiani d'Australia" e nel dipingere l'ambiguità morale dei "bianchi".

Se la sceneggiatura è profondamente problematica, la fotografia del dop giapponese Masanobu Takayanagi è invece incantevole, calligrafica senza mai diventare agiografica, come impeccabile è il montaggio di Tom Cross, uomo di fiducia di Damien Chazelle: dal punto di vista meramente estetico Hostiles è una gioia per gli occhi. Il che serve anche a mascherare l'incertezza registica di Cooper, che cede ad un doppio finale consolatorio, laddove l'inquadratura conclusiva "naturale" sarebbe stata un primo piano desolato. Le linee di demarcazione sono labili non nella struttura della storia raccontata, ma nella percezione morale del suo timoniere.

Sei d'accordo con Paola Casella?
HOSTILES - OSTILI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €17,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 25 febbraio 2018
Ashtray_Bliss

Scott Cooper  torna a collaborare nuovamente con Christian Bale dopo il dramma cupo, rurale e violento di Out of the Furnace (2013) che metteva in evidenza i problemi e i contrasti della perifria americana emarginata, povera, burbera e violenta. Questa volta invece si guarda indietro verso il passato americano, e il racconto, di più ampio respiro e dal notevole peso storico e morale, [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 marzo 2018
carloalberto

Inizio molto promettente, fuori dagli schemi, con indiani veramente cattivi e selvaggi, come non se vedevano da prima di “Piccolo grande uomo”. La scena iniziale è potente e drammatica. Lo sviluppo è, però, deludente, il plot si svolge a puntate, come i telefilm, con vari episodi cuciti insieme da un percorso ideale che porterà il protagonista al ripensamento sulle atrocità commesse nella guerra contro [...] Vai alla recensione »

martedì 27 marzo 2018
loland10

“Hostilies.Ostili” (Hosiles”, 2017) è il quarto lungometraggio del regista-sneggiatore-attore della Virginia Scott Cooper.             “La morte arriva quando vuole”.             In un’America (siamo nel 1892) da immaginario minimo e limitato, dove [...] Vai alla recensione »

domenica 29 ottobre 2017
kimkiduk

Western secondo me all'antica. C' è tutto in questo film: gli indiani buoni odiati dai bianchi ma con il loro orgoglio; gli indiani cattivi che scalpano anche i bambini; i bianchi cattivi quelli buoni e quelli che si redimono; l'onore, l'amore e la morte. Cooper ripercorre la strada del bianco che deve redimersi nella sua facciata di fronte allo sterminio dei pellerossa americani, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 febbraio 2018
Eugenio

Homo homini lupus diceva Hobbes. Ovvero il più debole soccombe naturalmente al più forte. E ancora: Nella sua essenza, l’anima americana è dura, solitaria, stoica e assassina. Finora non si è mai ammorbidita. Così parlava H.D. Lawrence e così è riportato all’inizio di Hostiles- Ostili, ultimo film di Scott Cooper.

venerdì 27 ottobre 2017
gaiart

HOSTILES di Scoot CooperSarò stringata, cosa che non è questo prolisso film, una sorta di western contemporaneo. Ben 2:15 minuti per la precisione, che tentano, provocano e infine corrompono sia vescica che prostata.Hitchcock che era consapevole della tenuta massima dell'organo evacuativo, stoppava e faceva apparire il gigantesco e, nel suo caso non auspicato, "The end", quasi sempre entro 1:28 minuti. [...] Vai alla recensione »

domenica 14 ottobre 2018
gianleo67

Ormai prossimo alla fine della sua ventennale carriera militare nelle ultime guerre indiane, il Capitano Joseph Blocker viene costretto da un ordine presidenziale a scortare un vecchio e malato capo Cheyenne e la sua famiglia negli aviti territori di una lontana valle natia. Combattuto tra l'odio viscerale per il suo acerrimo nemico e gli inderogabili doveri della sua etica di soldato, dovrà condividerene [...] Vai alla recensione »

sabato 28 ottobre 2017
L''inquilina del terzo piano

Il patriottismo americano lascia il posto all'universalità del conflitto dell'uomo   Si è aperta giovedì scorso la dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma con Hostiles, il western drammatico di Scott Cooper con Christian Bale, Rosamunde Pike e Wes Studi.

martedì 27 marzo 2018
EdieSedgwick

Più che "ostili" poteva chiamarsi tranquillamente "campeggio nella prateria". Chiamarlo western è veramente un pleonasmo bello e buono, è una parata del cliché tra le più didascaliche, antipatiche che abbia visto sul grande schermo da qualche anno. Un dramma ergononomico in apertura e dopo pochissimo si capisce nettamente che le mani di un regista [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 marzo 2018
deadman

ma veramente arridatece il vecchio john, quando gli indiani erano cattivi e i cow boy gli sparavano senza sensi di colpa, ora che il politically correct ha corrotto tutta hollywood ci tocca sorbirci questi pipponi indigesti in cui gli indiani sono cattivi ma poi diventano buoni e si alleano con i soldati che pure loro diventano buoni e quindi sparano contro gli indiani che si ostinano a essere cattivi [...] Vai alla recensione »

sabato 28 aprile 2018
Emanuele 1968

Belli i paesaggi, costumi, penso che nella storia ci sia qualcosa di originale, pero improbabile, nel viaggio troppi deceduti, un film che deve piacere, preferisco il Western tradizionale.

venerdì 30 marzo 2018
Kasparlo

Nel desolato panorama cinematografico, privo di idee, hostiles spiccca perché è un film molto ben fatto e recitato. Niente di nuovo sotto il sole, il quadro della guerra spietata, efferata, tra indiani e bianchi, in cui bene e male si mischiano , come il buono ed il cattivo. Film asciutto, in cui nessuna scena di crudeltà è enfatizzata, calcata più del dovuto, ma [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 marzo 2018
Kasparlo

Un buon/ottimo film visto il desolato panorama cinematografico. Come nella recensione ufficiale vi sono alcuni cliché (Indiani buoni contri Bianchi cattivi, ma anche Indiani cattivi, e bianch buoni) Le categorie del buono e del cattivo saltano, ognuno farà la sua parte. Il sentimento di ostilità degli uni verso gli altri, il desiderio di vendetta, ma anche la compassione umana [...] Vai alla recensione »

sabato 14 luglio 2018
CONTE VERDE

bellissimi paesaggi ... per il resto..deluso dal doppiaggio..per forza ero abituato ad Emilio Cigoli &C..discrete divise dei " lunghi coltelli ..vengono citati diversi fortini .ma non ne compare nessuno nel film..io parlo dei classici con palizzate  e torrette a me tanto care..racconto eccessivamente lento..  ma io continuo a paragonarlo a " the searchers.

lunedì 2 aprile 2018
elpiezo

 Un capitano dell'esercito è costretto suo malgrado a scortare un anziano capo Cheyenne e la sua famiglia in una lontana riserva indiana. Un lungo viaggio attraverso isolate lande inospitali cariche di odio e disprezzo, un drappello di vittime e carnefici accomunati da una natura umana in perenne ricerca di un'improbabile redenzione. 

lunedì 26 marzo 2018
amarolucano

film intenso che va oltre i generi, di certo il centro della storia non sono i cowboy e gli indiani, ma il viaggio. Un viaggio lungo e insidioso, magnifico ma doloroso, che sarà di redenzione per alcuni e di profondi mutamenti interiori per altri. Una fotografia stupenda fa poi da cornice a un film che non sarà forse un capolavoro, ma che di certo riesce a segnarti dentro.

Frasi
Le labbra parlano di inganno…
Il capitano Joseph J. Blocker (Christian Bale)
dal film Hostiles - Ostili - a cura di Andrea
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 22 marzo 2018
Giovanna Branca
Il Manifesto

New Mexico, 1892. Al capitano della cavalleria Joseph Blocker (Christian Bale), una vita trascorsa a combattere gli «indiani», arriva l'ordine che non avrebbe mai pensato di ricevere: liberare il capo Cheyenne Yellow Hawk, malato e in punto di morte, e scortarlo insieme alla famiglia nelle loro terre, in Montana. Riluttante, lui stesso a un passo dal ritiro dal servizio, Blocker non può però opporsi [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2018
Roberto Nepoti
La Repubblica

Siamo nel 1892, alla fine delle guerre indiane. Le prime due sequenze, didascaliche, mostrano gli opposti volti dell'abuso: violenti i nativi, violenti i bianchi. Poi il capitano Blocker, che ha costruito la propria carriera sulla pelle degli autoctoni, è costretto ad accettare la missione di scortare un leggendario capo guerriero cheyenne morente verso la sua terra natale.

giovedì 22 marzo 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

L'epigrafe iniziale tratta da Lawrence indurrebbe al cattivo pensiero di un western condannato al letto di Procuste del politicamente corretto, con la retorica dei nativi angelicati e i soldati blu demonizzati. Nel suo sviluppo ampio e solenne «Hostiles» ne subisce, in effetti, qualche colpo basso, ma il regista riesce per fortuna a fare prevalere nel complesso un piglio più eclettico in grado, per [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2018
Maurizio Cabona
Il Messaggero

Le odierne guerre neocoloniali riflettono le guerre coloniali del XIX° secolo. Per Hostiles, film scritto e diretto da Scott Cooper che ha aperto l'ultima Festa di Roma, il titolo non dà indicazioni geografiche o cronologiche. Se del resto Cooper avesse mirato al semplice western crepuscolare, avrebbe centrato il titolo sul capo Cheyenne, Falco Giallo, interpretato da Wes Studi, che era Geronimo nel [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 marzo 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Ogni tanto, un western... Viaggio difficile quello del capitano Blocker (Bale) per riaccompagnare nella sua terra il micidiale, ma ormai malato terminale, Falco Giallo, capo Cheyenne (con la faccia triturata di Wes Studi, uno dei grandi attori nativi). Sia Blocker che la compagna di strada (una fin troppo urlante Pike) hanno in curriculum scontri e tragedie militari e famigliari subiti dai pellerossa, [...] Vai alla recensione »

sabato 24 marzo 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Pari e violente opportunità. Per gli indiani e per le donne, che nei western hanno sempre la peggio. Con la benedizione di D. H. Lawrence, l'inglese che diede scandalo con "L'amante di Lady Chatterley" e nel tempo libero decretò che l'anima americana era "assassina". Un'alternanza di scalpi e sbadigli. Il capitano dell'esercito Christian Bale sta per andare in pensione quando gli assegnano l'ultima [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2018
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Torna, graditissimo al pubblico maschile, un po' meno, chissà perché, all'altra metà del cielo, il western. Qui, nella versione più tradizionale, con gli indiani cattivi, come ai tempi gloriosi di John Wayne e Gary Cooper. Dunque, siamo nel 1892 e il capitano pensionando Joseph Blocker (Christian Bale) ha una grossa rogna tra le mani. Nella sua probabilmente ultima missione gli tocca scortare l'anziano, [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Un titolo come Ostili può suonare generico, ma per coloro che negli Usa dell'Ottocento si avventuravano nell'Ovest selvaggio l'interrogativo «ostile o non ostile?» riferito a un pellerossa significava questione di vita o di morte. In verità, il western di Scott Cooper si svolge nel 1892, due anni dopo il massacro di Wounded Knee che pose fine a una guerra durata oltre mezzo secolo, distruggendo un'ancestral [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
martedì 27 febbraio 2018
 

Il capitano Joe Blocker è alla soglia della pensione quando gli viene ordinato di condurre fino al Montana il capo Cheyenne Falco Giallo. Peccato che Joe abbia combattuto contro gli indiani fino a quel momento e abbia visto morire molti amici, alcuni p [...]

FESTA DI ROMA
mercoledì 27 settembre 2017
 

Hostiles di Scott Cooper sarà il film di apertura della dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (26 ottobre - 5 novembre 2017). Lo ha annunciato oggi il direttore artistico Antonio Monda, d'intesa con la presidente della Fondazione Cinema per [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati