Knight of Cups

Film 2013 | Drammatico +13 118 min.

Titolo originaleKnight of Cups
Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata118 minuti
Regia diTerrence Malick
AttoriChristian Bale, Cate Blanchett, Natalie Portman, Brian Dennehy, Antonio Banderas Wes Bentley, Freida Pinto, Isabel Lucas, Teresa Palmer, Imogen Poots, Armin Mueller-Stahl, Ryan O'Neal, Joe Manganiello, Joel Kinnaman.
Uscitamercoledì 9 novembre 2016
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,83 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Terrence Malick. Un film con Christian Bale, Cate Blanchett, Natalie Portman, Brian Dennehy, Antonio Banderas. Cast completo Titolo originale: Knight of Cups. Genere Drammatico - USA, 2013, durata 118 minuti. Uscita cinema mercoledì 9 novembre 2016 distribuito da Adler Entertainment. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,83 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Knight of Cups tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film è stato presentato in concorso al Festival di Berlino 2015. Al Box Office Usa Knight of Cups ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 540 mila dollari e 56,7 mila dollari nel primo weekend.

Knight of Cups è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,83/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,58
PUBBLICO 3,40
CONSIGLIATO SÌ
L'errare di uno sceneggiatore cacciatore di perle in un universo di strass e paillettes.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 8 febbraio 2015
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 8 febbraio 2015

Rick è un uomo in crisi e in cerca di senso. Sceneggiatore a Los Angeles, ha perduto il contatto con la realtà e cerca la sua interpretazione nei tarocchi. Sospeso tra i set di Hollywood e le strade di L.A., Rick passa da un party all'altro e da una donna all'altra, provando a doppiare suo padre e a contenere suo fratello. Risvegliato nel profondo da un terremoto e da una voce ancestrale, insegue un dolore in Nancy e l'amore totale in Elizabeth. In mezzo, letti e piscine in cui godere, soddisfare, rivoltarsi e intorpidire. Davanti "la strada per l'oriente", quella di una favola antica e di una perla che Rick ha finalmente ricordato di cercare.
Abbiamo atteso The Tree of Life, come la maggior parte dei film di Terrence Malick, per anni e con un'impazienza ossequiosa. All'improvviso l'autore americano ha colmato i lunghi intervalli di tempo della sua produzione, realizzando a breve distanza due film. L'accelerazione la comprendiamo meglio alla luce di To the Wonder e di Knight of Cups, pure emanazioni di quel'albero. Albero che il sarcasmo ha voluto abbattere e un rispetto reverenziale 'ascendere'. Perché il cinema di Terrence Malick produce riflessioni divergenti nel tentativo di cercarvi l'ordine narrativo o la razionalità dello stile.
Se storia, personaggi e luoghi si rinnovano, To the Wonder sboccia una storia d'amore a Parigi e la smarrisce negli States, Knight of Cups insegue l'errare di uno sceneggiatore cacciatore di perle in un universo di strass e paillettes, la messa in scena è quella di The Tree of Life. Quei piani, quegli spazi, quei tempi infiniti e quei vuoti di tempo, quella maniera di precipitare in apnea dentro gli infinitesimali frammenti della vita, quei monologhi interiori, i presentimenti, lo sguardo liquido, i liberi accostamenti, l'assenza di coordinate, le aritmie, che producevano lo stupore nei film precedenti, lo hanno infine disattivato. Il luogo comune ha divorato progressivamente la meraviglia.
Knight of Cups, storia di un cavaliere errante che cerca una coppa e finisce nel calderone (di Hollywood), si alimenta ancora di una prospettiva filosofica e di inquadrature tra terra e cielo, tra mare e cielo, gettando lo sceneggiatore di Christian Bale nei marosi, nella crisi e nel dubbio della sua coscienza. 'Smazzando' immagini come carte dei tarocchi, Malick scandisce il film in capitoli accordati agli arcani (la Luna, l'Appeso, l'Eremita, la Papessa, etc) e infila un percorso iniziatico e una dimensione superiore, in cui il disordine della mondanità sfuma nel silenzio che 'sente' il divino. Knight of Cups rilancia la contraddizione tra la percezione della vita rivelata e il travaglio (in)gestito da Rick, che frequenta le dimore delle stars, 'guidato' dalla mappa di David Cronenberg. Perché Knight of Cups si muove con maniera nell'industria dell'intrattenimento, tra strip e draggy dance party, tra club e photo shoot. Daccapo il dualismo, da un lato la realtà sublime di chi scrive le immagini, dall'altro le ricadute materiali dell'uomo. Rick abita nel paese dei sogni (e del sogno) ma ha smarrito lo stupore, quello che Malick ci rovescia in primo piano come l'onda di un oceano. L'oceano che lo ha annegato e da cui adesso Rick prova a riemergere. A questo giro di giostra è la coppa del titolo il richiamo ancestrale, l'archetipo legato alla necessità che ha sempre avuto l'uomo di raccogliere e trattare l'acqua della vita che per la sua natura sfugge alla presa.
A sfuggire alla comprensione è pure l'irriducibile ambizione di filmare l'infilmabile interiorità dell'essere, insistendo sul corpo offeso di un homeless e su quello magnificato di una modella. A rammaricare amaramente è scoprire che per Malick non conta niente altro che la meraviglia. Un sentimento di viva sorpresa che rivela dentro pagine straordinarie un'esperienza amatoriale delle cose umane.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
KNIGHT OF CUPS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 4 giugno 2017
bergat

E' la seconda volta che questo regista riesce a turlupinarmi. E un film squisitamente manierista, senza capo ne' coda. L'unica cosa positiva è l'uso del grandangolo attraverso il quale ci offre la posibilità di visione di paesaggi fantastici e case di lusso. La storia non c'è, se escludiamo la visione alterata della mente del personaggio principale, che si trascina [...] Vai alla recensione »

martedì 15 novembre 2016
Flyanto

Quando un autore è arrivato a dire già tutto e non ha più nulla di nuovo da proporre, occorrerebbe che lasciasse intatto l'intero suo operato e non producesse più alcunchè e questo, purtroppo, è il caso di Terrence Malick con il suo ultimo film "Knight of Cups". Diviso in capitoli o "sezioni" che vengono denominati come le carte dei tarocchi, la pellicola presenta il personaggio di un uomo ancora giovane [...] Vai alla recensione »

domenica 13 novembre 2016
no_data

Knight of Cups è un pò più difficile da seguire rispetto ad altri film di Malick ma resta un bel film soprattutto per chi percepisce in modo più diretto la conversazione interiore che ognuno ha durante il corso della vita propria e degli altri. A partire dalle sequenze iniziali la coscienza del protagonista si proietta in un altrove dove "tutti sono destinati ad arrivare" ed anche la più lussuosa e [...] Vai alla recensione »

sabato 12 novembre 2016
Super2davide

Bel film diretto da Malick. Filosofico e poetico.

venerdì 11 novembre 2016
Super2davide

Knight of cups è un ottimo film diretto dal filosofo Terrence Malick. È complesso e non per tutti ma profondo e sincero.

sabato 18 marzo 2017
g_andrini

Non è semplice seguirlo, i dialoghi sono curati ma si tende a togliere l'attenzione dalla visione. Ciò non toglie che sia un prodotto curato, la fotografia è di primo livello. La musica è bella, un motivo sembra tratto dal Bolero di Ravel.

martedì 17 gennaio 2017
LBavassano

Rimonta ormai da anni Malick implacabilmente il medesimo film, mutandogli nome: "The Tree of Life", "To the Wonder", "Knight of Cups". Le medesime immagini, bellissime, certo, ma è sufficiente creare una stupefacente galleria di forme e colori, accompagnate da frammenti musicali sublimi, per fare un buon film? I medesimi tagli di inquadratura, stranianti, alla lunga [...] Vai alla recensione »

sabato 31 dicembre 2016
amarolucano

sono innamorato del cinema di Malick, ma questo film per me finisce nel gradino più basso delle sue opere. Troppo ripetitivo e a tratti pesante, un film che gira su se stesso senza dare conclusioni. Resta comunque la poesia e quel pizzico di meraviglia nelle immagini, negli sguardi, nelle voci fuori campo che riescono comunque a regalare sensazioni profonde, a scavare a fondo dentro noi stessi, [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Pensi che quando raggiungerai una certa età le cose inizieranno ad avere un senso. Poi scopri che sei perduto, come lo eri prima. Suppongo che questa sia la dannazione. I pezzi della tua vita non si riuniscono mai. Vengono solo... sbattuti in giro"
Joseph (Brian Dennehy)
dal film Knight of Cups - a cura di Morg
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Terrence Malick colpisce ancora. Dopo la palma d'oro a Cannes con The Tree of Life (2011) e il passaggio a Venezia con il controverso To the Wonder (2013), il grande regista americano tornò l'anno scorso a Berlino, dove nel '99 aveva vinto l'Orso d'oro con La sottile linea rossa. Qualcuno sperò in un ritorno alle origini. Speranza vana. Questo Knight of cups (una figura dei tarocchi) conferma infatti [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Il fante di coppe del titolo è Rick, sceneggiatore depressivo errante tra Hollywood, paesaggi desertici e altri scenari interrogandosi sul proprio vuoto interiore. Intervengono alcune potenziali salvatrici, interpretate da attrici celebri e simbolizzate da carte dei tarocchi; senza però sottrarlo al nichilismo di chi si sente prigioniero nel mondo. Terrence Malick porta agli estremi limiti la forma [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Caleidoscopio interiore di Rick (Bale), uomo a pezzi tra amori finiti (Blanchette) o preclusi (Portman), un disorientamento totale sul superfluo e il corrotto (lap dance, feste vip), il bisogno di silenzio (il corpo nel vento tra praterie e onde di Malibu) e l'aspirazione a un amore duraturo. Potrebbe finire condannato alla disperazione, dice a se stesso: non riuscire mai più a ricomporre l'intero [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Figlio mio, figlio mio... io so che un'anima ce l'hai anche tu, dopo tutto". Nessuno mai saprà se Terrence Malick, il filosofo senza volto del cinema americano, stava già immaginando il corpo tracotante di vittoria di Donald Trump mentre scriveva i monologhi di Knight of Cups. Per lui, colto, umile e spirituale a dismisura nonostante l'adolescenza e la gioventù trascorse nelle praterie radical repubblicane [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Autore di un folgorante esordio, Badlands (1973), eclissatosi per vent'anni dopo l'Oscar a I cancelli del cielo, Terrence Malick è un cineasta da prendere o lasciare. Dal suo rientro nel 1998 a oggi ha firmato sei pellicole, imboccando la strada di uno stile sempre più rarefatto. Da La sottile linea rossa a The New World, da The Tree of Life a To the Wonder è stato tutto un progressivo liberarsi degli [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

All'ultima Mostra di Venezia ha presentato Voyage of Time: Life 's Journey, i fan sono rimasti delusi eppure in quel viaggio nella storia dell'umanità Malick non si allontana dal sentimento del suo cinema, almeno nei film degli ultimi decenni. Piuttosto è come se svuotandolo del tutto di una «storia», che non sia quella della Terra e delle sue ere, ne abbia voluto mostrare l'essenza, ciò che ne anima [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
lunedì 9 febbraio 2015
 

Natalie Portman è stata protagonista due volte sul red carpet della 65a edizione del Festival di Berlino. Dopo la presentazione di The Seventh Fire, ieri ha sfilato per la premiere dell'attesissimo Knight of Cups di Terrence Malick: il regista, assente [...]

NEWS
domenica 8 febbraio 2015
Gabriele Niola

Il più schivo e invisibile tra gli autori americani, Terrence Malick, è anche quello che alla Berlinale vanta il cast più prestigioso. Christian Bale e Natalie Portman faranno infatti da portabandiera del film (con la consueta voce che il regista sia [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati