•  
  •  
Apri le opzioni

Willem Dafoe

Willem Dafoe è un attore statunitense, è nato il 22 luglio 1955 ad Appletown, Wisconsin (USA). Oggi al cinema con il film The Northman distribuito in 46 sale cinematografiche.
Nel 2020 ha ricevuto il premio come miglior attore non protagonista al Spirit Awards per il film The Lighthouse. Dal 2018 al 2020 Willem Dafoe ha vinto 2 premi: Festival di Venezia (2018), Spirit Awards (2020). Willem Dafoe ha oggi 66 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Indagando nell'anima di un cattivo d'eccezione

A cura di Nicoletta Dose

Interprete versatile che ha saputo sfruttare una fisicità caratterizzata da un volto segnato e profondo, che certamente non passa inosservato. Da cattivo impenitente a spalla comica di Mr. Bean, dalla guerra in Vietnam all'amore per la Francia, una carriera segnata da ruoli diversissimi che hanno confermato di volta in volta la bravura di Willem Dafoe. E per chi ancora non avesse memorizzato questo nome, lo faccia subito. Lo vedremo sul grande schermo ancora per molto tempo.

Esordio da "bad boy" sotto l'ala di Oliver Stone e Martin Scorsese
Dopo le prime esperienze di recitazione (con la compagnia di teatro sperimentale Theater X di Milwaukee), si trasferisce a New York per tentare la strada del cinema. Esordisce sul grande schermo con il western I cancelli del cielo (1980) di Michael Cimino. Perfetto in ruoli di sadico violento (lo vediamo anche in The Loveless di Kathryn Bigelow dov'è il capetto di un gruppo di motociclisti che si porta a letto una ragazzina), riesce a sfruttare la sua fisicità particolare, il viso appuntito e lo sguardo ironico in quel mix di rock e violenza che è Strade di fuoco (1984) di Walter Hill. Si svincola da questo stereotipo interpretando la parte di un pittore falsario in Vivere e morire a Los Angeles, noir metropolitano diretto nel 1985 da William Friedkin. Il suo volto diventa noto al grande pubblico con Platoon (1986) di Oliver Stone, film che riflette sulla guerra in Vietnam e che pone il personaggio di Dafoe, un antimilitarista convinto che si scontra con la morale di un killer, come emblema di un nuovo sguardo sull'azione militare statunitense. Dopo aver preso la febbre gialla sull'ultimo set, decide comunque di restare in Vietnam per girare l'action movie Saigon e subito dopo si mette alla prova interpretando la figura di un Cristo "blasfemo" ne L'ultima tentazione di Cristo (1988) di Martin Scorsese, giudicato ancora oggi scandaloso dai cattolici più integralisti. L'anno dopo, in Mississippi Burning - Le radici dell'odio di Alan Parker, dà vita alla figura idealista di un agente dell'FBI, in coppia con uno straordinario Gene Hackman, che indaga sull'uccisione di tre attivisti per i diritti civili da parte del Ku Klux Klan e lo vediamo anche in Nato il 4 luglio, nuovamente diretto da Oliver Stone.

La scoperta del cinema europeo e il ritorno in patria
Gli anni Novanta iniziano con il folgorante viaggio di Cuore selvaggio di David Lynch, vincitore della Palma d'oro a Cannes. Dopodiché colleziona cammei e parti marginali in film polizieschi (White Sands - Tracce nella sabbia), in gialli (Body of Evidence) e dramma minori fino ad approdare in Europa dove conosce Wim Wenders che lo chiama per il seguito de Il cielo sopra Berlino, Così lontano così vicino dove interpreta Emit Flesti (letto al contrario fa "time itself"), ruolo chiave nel viaggio sulla terra dell'angelo Bruno Ganz. In Francia gira l'erotico La notte e il momento e in Gran Bretagna Tom & Viv - Nel bene e nel male, per sempre, poi ritorna negli Stati Uniti dove affianca Harrison Ford nel film di spionaggio Sotto il segno del pericolo e si ritaglia una parte nel melodramma Il paziente inglese. Diventa un narratore esterno ai fatti tragici in cui incappa il fratello Nick Nolte in Affliction (1997), poi lavora con Mark Peploe ne La bella straniera, ispirato al romanzo omonimo di Joseph Conrad. Lo ritroviamo in Lulu on the Bridge diretto dallo scrittore Paul Auster, nell'anticonformista New Rose Hotel di Abel Ferrara e nell'interessante eXistenZ di Cronenberg, riflessione amara e pessimistica sul confine tra videogioco e realtà che preannuncia la creazione di Second Life. In seguito ritorna a vestire i panni di un agente dell'FBI nell'adrenalinico The Boondock Saints - Giustizia finale.

Il rivale di Spider Man
Alle porte del 2000 rimette giacca e cravatta per investigare sui cruenti omicidi di un arrivista ben inserito nella società che di notte si trasforma in un killer spietato: la storia è quella di American Psycho, film che ha tanto fatto discutere l'America per la carica di violenza che contiene. Si fa dirigere dal collega Steve Buscemi in Animal Factory (2000), poi passa al genere horror per la prima volta con L'ombra del vampiro dove però la sua recitazione si perde in un film troppo ambizioso. Nel 2002 arriva l'occasione di inserirsi nel cast di una mega-produzione e Dafoe accetta senza esitazione: nei panni del cattivo per eccellenza sarà il rivale dell'Uomo Ragno in Spider-Man diretto dal mago dell'horror Sam Raimi. Il successo commerciale del film lo porta sugli schermi di tutto il mondo e dopo il seguito Spider-Man 2 la carriera dell'attore sarà tutta un'altra cosa. Di nuovo sotto la direzione di Paul Schrader lo vediamo nei panni di un frequentatore di night club, ossessionato dal sesso e dai vizi, in Auto Focus (2002), poi è nel cattivo C'era una volta in Messico (2003) di Robert Rodriguez, e fa parte dello strampalato equipaggio dell'indipendente Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2004) di Wes Anderson.

Il sodalizio con Abel Ferrara e tanti film d'autore, drammatici e comici
Alterna film d'autore realizzati con pochi mezzi ad altri di impianto più commerciale ad high budget: è uno degli abitanti di Manderlay (2005) di Lars von Trier, poi passa al rumoroso XXX2 - The Next Level (2005), tentativo non riuscito di rifare il primo episodio di Lee Tamahori. In Italia incontra la regista Giada Colagrande che lo dirige in Before It Had a Name, dopo averlo fatto innamorare e averlo portato sull'altare nel marzo 2005. Nel collettivo Paris, je t'aime interpreta un cowboy che, sullo sfondo di Place des Victoires, consola una donna (Juliette Binoche) in lutto per la morte del figlio. Partecipa anche al caustico American Dreamz, al poliziesco Inside Man di Spike Lee, e ritorna alla collaborazione con Ferrara in Go Go Tales ma non rifiuta anche di confrontarsi con una parte comica in Mr Bean's Holiday. In una riunione di famiglia in Fireflies in the Garden, a caccia di un assassino in Anamorph e in preda ad un virus "vampiresco" in Daybreakers, Dafoe si trasforma in continuazione. Indossa un'altra maschera nel drammatico La polvere del tempo (2008) di Anghelopulos. Nel 2009 è protagonista al fianco di Charlotte Gainsbourg di Antichrist, il nuovo film di Lars Von Trier, in concorso al Festival di Cannes. Nel 2010 sarà protagonista nell'horror fantascientifico Daybreakers - L'ultimo vampiro e nel thriller My Son, My Son, What Have Ye Done, ispirato a fatti reali, diretto da Werner Herzog. Nel 2012 lo vediamo fra i protagonisti del nuovo film di Andrew Stanton, John Carter nel ruolo di Tars Tarkas. In seguito tornerà a lavorare con Wes Anderson in The Grand Budapest Hotel, film d'apertura della Berlinale 2014, ma si farà notare anche nel nuovo film di Lars von Trier, sempre a Berlino, Nymphomaniac. Lavora spesso per autori, come Ferrara (Pasolini) von Trier e Wes Anderson, e recentemente si è legato anche a Paolo Sorrentino per il film in concorso a Cannes Youth - La giovinezza. Tornerà al Festival nel 2016 con il film di Paul Schrader Dog Eat Dog, nella Quinzaine des Realizateurs e lo vedremo accanto a Matt Damon nel film di Zhang Yimou The Great Wall.
Non disdegna i blockbuster come Justice League e Seven Sisters, per poi tornare al cinema indipendente nel piccolo gioiello Un sogno chiamato Florida, ma anche nel documentario di Abel Ferrara Piazza Vittorio. Nel 2018 si aggiudica la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile grazie al ruolo di Vincent Van Gogh nel film di Julian Schnabel Van Gogh - At Eternity's Gate.
Partecipa poi ai due film di Abel Ferrara Tommaso e Siberia, mentre nel 2020 viene chiamato ancora una volta da Wes Anderson per il film The French Dispatch. Nel 2022 lo vediamo invece diretto da Guillermo Del Toro in La fiera delle illusioni - Nightmare Alley.

Ultimi film

Thriller, (USA - 2022), 138 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
venerdì 15 agosto 2014
Paola Casella

Che differenza fa un cast di caratteristi? Tutta la differenza del mondo, come dimostra Il fuoco della vendetta (dal 27 agosto al cinema e lunedì 18 agosto in streaming su MYMOVIESLIVE!), malinconico film di Scott Cooper che fa leva tanto sulle atmosfere struggenti quanto sul gioco di squadra di un gruppo di attori abituati a lasciare il segno anche in ruoli minori: Casey Affleck, Woody Harrelson e Willem Dafoe

INCONTRI
mercoledì 7 settembre 2011
Ilaria Ravarino

Tutta colpa del buco nell'ozono. E stavolta, a dar retta ad Abel Ferrara, è proprio vero. In concorso con l'apocalittico 4:44 Last Day on Earth, proiettato ieri notte con oltre un'ora di ritardo e salutato da un misto di applausi e fischi, l'eccentrico regista ha partecipato stamattina a un animato incontro con la stampa. Accanto a lui gli attori Willem Dafoe e Shanine Leigh, ex di Ferrara, insieme a un nutrito gruppo di amici e collaboratori seduti in platea e salutati uno per uno dal regista, particolarmente bendisposto e piuttosto incline alla risata: «E poi

APPROFONDIMENTI
martedì 2 agosto 2011
Marlen Vazzoler

Dopo la presentazione di Melancholia a Cannes, in molti si sono chiesti quale sarebbe stato il prossimo progetto del regista danese Lars Von Trier. Ieri Screen Daily ha confermato che il prossimo film del regista sarà Nymphomaniac, una pellicola che seguirà la vita erotica di una donna dalla sua nascita ai cinquant'anni. Naturalmente i contenuti del film, la grafica delle scene sessuali e la parte dedicata sulla sessualità giovanile faranno scuotere la testa ai censori, ma Von Trier ha già considerato tali problemi e per questo motivo ha deciso di realizzare due versioni: una hardcore in cui verranno inserite le scene di penetrazione e una softcore che verrà distribuita nella maggior parte dei cinema

INCONTRI
mercoledì 18 giugno 2008
Tirza Bonifazi Tognazzi

Go Go Girls, le ragazze di Ray Adrian, Elektra, Kelly, Goldie, Leila, Dolly, Sugar, Madison, Monroe, Debby sono alcune delle ragazze scritturate da Ray Ruby (una vita passata nei night club e una spesa nelle ricevitorie del lotto) per intrattenere i clienti del suo Paradise, un locale di ballerine spogliarelliste. I loro corpi tonici e imbrillantinati si muovono sinuosi sopra e sotto il palco, ma dietro le quinte fremono e s'incapricciano

News

Un coraggioso viaggio negli inferi della psiche. Con Willem Dafoe.
Gerard Butler e Willem Dafoe protagonisti dell'emozionante esordio alla regia di Mark Williams. Disponibile su Infinity.
Regia di Abel Ferrara. Un film con Willem Dafoe, Anna Ferrara, Cristina Chiriac.
Regia di Ericson Core. Un film con Willem Dafoe, Julianne Nicholson, Christopher Heyerdahl, Michael Gaston, Michael...
Il film conferma il grande momento dell'Abel Ferrara "italiano". Presentato in Concorso alla Berlinale 2020.
Regia di Abel Ferrara. Un film con Willem Dafoe.
Nella scelta del Cinema di Sky, il film che racconta l'ultima fase del visionario pittore olandese, magistralmente...
Regia di Julian Schnabel. Un film con Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner. Da...
Regia di Julian Schnabel. Un film con Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric. Da...
Ottima interpretazione per l'attore nei panni di Van Gogh. Oggi in concorso Acusada, Vox Lux e Opera senza autore.
Julian Schnabel mette in scena il mondo dell'artista e la sua ricerca di un posto nella società. Dal 3 gennaio 2019 al...
Tre malviventi usciti di galera pianificano un ultimo colpo, ma la giustizia non li ha persi d'occhio. Con Nicolas Cage,...
La regia è di Julian Schnabel. Ad annunciarlo ufficialmente al Marché di Cannes è la società di produzione Rocket...
Pasolini tra biografia e riappropriazione.
Le foto della nona giornata della rassegna.
Oggi in concorso Fill the Void e To the Wonder.
Dopo Quando la notte, è il turno di L'ultimo terrestre.
Abel Ferrara presenta in concorso il suo 4:44 Last Day on Earth.
Il modellamento dei vampiri per un target giovanile.
Un film senza "complicazioni" divine.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati