Siberia

Film 2020 | Drammatico +13 92 min.

Titolo originaleSiberia
Anno2020
GenereDrammatico
ProduzioneItalia, Germania, Messico
Durata92 minuti
Regia diAbel Ferrara
AttoriWillem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac, Daniel Giménez Cacho Fabio Pagano, Anna Ferrara.
TagDa vedere 2020
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,25 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Abel Ferrara. Un film Da vedere 2020 con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac, Daniel Giménez Cacho. Cast completo Titolo originale: Siberia. Genere Drammatico - Italia, Germania, Messico, 2020, durata 92 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,25 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Siberia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo tormentato decide di intraprendere un viaggio per riscoprire se stesso.

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un coraggioso viaggio negli inferi della psiche, che conferma il grande momento dell'Abel Ferrara "italiano".
Recensione di Tommaso Tocci
martedì 25 febbraio 2020
Recensione di Tommaso Tocci
martedì 25 febbraio 2020

In un rifugio remoto immerso nella neve, Clint è un personaggio enigmatico che si è ritirato a vita solitaria, gestendo una locanda che dà ristoro ai pochissimi viaggiatori del luogo. Una slitta e dei cani sono l'unico mezzo di trasporto e di contatto con il mondo esterno, e dopo la visita di una donna russa incinta e di sua madre, Clint decide di esplorare le profondità metafisiche della sua memoria e di sfidare la neve sterminata per intraprendere un viaggio tra l'orrore, il piacere e la scoperta.

I luoghi del cinema di Abel Ferrara sono mutevoli eppure fondamentali. Nella New York dove è cresciuto e ha iniziato la carriera trovò la forma più compiuta del suo stile, con la città che è al centro dei titoli più celebri come Il cattivo tenente, King of New York e The Addiction. A un periodo senza radici e senza certezze ha poi fatto seguito il periodo romano di grande rinascita, foriero di opere come Pasolini, Piazza Vittorio e Tommaso.

È significativo che la tappa successiva sia un luogo di lontananza dichiarata come Siberia, il più ambizioso dei ripetuti tentativi di auto-analisi di un regista tormentato e viscerale.

La Siberia del nuovo film è però un luogo della mente, metafora di un inconscio ghiacciato e remoto in cui ci si può isolare, sì, (Cliff non ha interesse a vincere, dice, perché non ha interesse a perdere) ma che va traversato per scoprirne le viscere infernali e confrontare i propri demoni. Ferrara lo fa, come ormai di consueto, attraverso il tramite di Willem Dafoe, impegnato in un ritratto "aperto" del regista che prosegue da un film all'altro e vive anche di amicizia personale.

Il percorso è in solitaria, se si escludono gli stupendi husky che trainano la slitta di Cliff e che Ferrara saggiamente tiene spesso nell'inquadratura. È un surreale controcampo e un necessario residuo di tenerezza in una serie di sequenze onirico-allucinate che include esecuzioni in un campo di concentramento, mutilazioni, animali parlanti e (ovviamente) inquietudini sessuali che coinvolgono tanto i partner quanto le figure genitoriali.

L'artista uomo che concede campo libero all'indulgenza della propria psiche è uno stereotipo che ha certo fatto il suo tempo, ma pochi altri autori come Ferrara hanno pagato a fondo, e in modo visibile, il prezzo di quell'indulgenza. La forza del suo cinema degli anni dieci ha un crisma liberatorio e rivelatorio, e Siberia ne è in qualche modo l'apice - senza freni, perverso e inesorabilmente danneggiato.

Un apice lo è anche dal punto di vista formale, per un'opera ambiziosa che spazia dalla neve al deserto ai paesaggi boscosi, fotografato con inventiva e con una ruvidità elettrizzante (le scene sulla neve sono virate così tanto al verde che il sangue di un pesce diventa viola).

Siberia rappresenta la deflagrazione finale di una psiche e di un percorso cinematografico, e a posteriori rende il precedente Tommaso - che è già di suo un film straordinario su Roma, come nessun regista italiano ha saputo farne di recente - ancora più interessante. Lì, la città agiva come ultimo simbolo del controllo, un tappo che il protagonista cercava di far saltare ma che lo teneva all'interno di una struttura. Con Siberia, Ferrara lascia definitivamente le città e la famiglia per lo scontro finale con il suo trauma, in un'opera radicale che non si pone mai limiti.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 29 febbraio 2020
Monia Manzo
Close-up

Abel Ferrara continua nella sua ricerca della "black side" dell'animo umano o di tutti gli anfratti insospettabili delle molteplici esistenze che possono appartenere ad un uomo. Tutto questo avviene attraverso Siberia, presentato alla 70° edizione della Berlinale, con la presenza di un magnifico Willem Dafoe nel suo settimo film a fianco del regista italo-americano, con cui finora ha sicuramente sperimenta [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

Come la Sieranevada di Puiu o il Japon di Reygadas, Siberia non è la Siberia: la geografia del cinema fa storia e storie a sé. Qui ci sono quella e quelle di Clint (nome del ruolo interpretato dal protagonista del dietro-le-quinte/controcampo realistico Tommaso) che da una fredda waste land di husky e whiskey parte per un'avventura dentro di sé, come un personaggio di Jack London nei territori di Jung [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 febbraio 2020
Massimo Causo
Duels.it

Siberia: come terra lontana, come distanza che separa il corpo dallo spirito, lo spirito dalla mente, la mente dai ricordi, i ricordi dalle verità... Dopo quella sorta di esercizio di estradizione biografica che ha messo in atto con Tommaso (film straordinario, purtroppo incompreso dai più al suo marginale passaggio a Cannes), Abel Ferrara compone sulla materia magmatica della soggettività esistenzialista [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Francesco Ruzzier
Cineforum

Provando a cercare la parola «purgatorio» sul dizionario Treccani, la prima definizione che compare è «stato intermedio e transitorio di espiazione, rappresentato come il luogo in cui le anime dei giusti, morti nello stato di grazia imperfetta, si purificano dalle colpe veniali come dalle mortali già rimesse, in attesa di venire ammesse in paradiso alla visione di Dio».

martedì 25 febbraio 2020
Raffaele Meale
Quinlan

In un sobborgo di provincia, tre vicini vengono a patti con le conseguenze del nuovo mondo dei social media. Marie, che vive dell'assegno di famiglia di suo marito, ha paura di perdere il rispetto di suo figlio a causa di un sex tape registrato a sua insaputa. Bertrand non riesce dire di no alle telefonate pubblicitarie e sta lottando per proteggere sua figlia, vittima di bullismo online.

martedì 25 febbraio 2020
Cristina Piccino
Il Manifesto

In un ideale «double bill» starebbero benissimo assieme: Tommaso, l'autofinzione della vita romana oggi di Abel Ferrara e famiglia, compagna e figlia, con Siberia presentato ieri in concorso alla Berlinale. E non solo perché l'alter ego del regista è in entrambi Willem Dafoe, attore sempre più essenziale, o perché la relazione di complicità tra i due è parte anch'essa della storia - nessun altro potrebbe [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Simone Porrovecchio
La Rivista del Cinematografo

Il grande provocatore del cinema Abel Ferrara nel suo ultimo lavoro Siberia, presentato al concorso della Berlinale, mescola fiction e autobiografia, rinunciando ad una struttura narrativa. L'indecisione è un elemento costante in Siberia. Bisogna stupirsi dell'audacia di Abel Ferrara o indignarsi della sua audacia? Durante la proiezione stampa, un flusso costante di giornalisti si è aperto la strada [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Lisa (Nina Hoss) e Sven (Lars Eidinger) sono due gemelli eterozigoti. Lei è una scrittrice, lui un attore di teatro. Quando Sven si ammala di leucemia, a lei tocca accudirlo, per l'assenza del padre, e una madre inadatta, svampita, ex attrice anche lei. Finiti i cicli di chemio, Lisa decide di portare il fratello da Berlino a Leysin, in Svizzera, luogo nel quale si è trasferita, malvolentieri, insieme [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Clint vive isolato in una baracca sui monti, con i suoi cani da slitta, ma è continuamente visitato dai suoi incubi, tra sessualità e legami familiari. Un film che pulsa di inquieta stabilità, che delega alle immagini la propria anti-narrazione, costruendo un percorso alla fine incompiuto e inafferrabile. Ferrara resta un regista dissonante, capace di uno sguardo magnetico e al tempo di disperdere [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 28 febbraio 2020
A cura della redazione

In un rifugio remoto immerso nella neve, Clint si è ritirato a vita solitaria, gestendo una locanda che dà ristoro ai pochi viaggiatori del luogo. Dopo la visita di una donna russa incinta e di sua madre, Clint decide di sfidare la neve per intraprendere [...]

BERLINALE
martedì 25 febbraio 2020
Tommaso Tocci

Il film conferma il grande momento dell'Abel Ferrara "italiano". Presentato in Concorso alla Berlinale 2020. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 24 febbraio 2020
 

Regia di Abel Ferrara. Un film con Willem Dafoe. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati