Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
lunedì 25 maggio 2020

Edward Norton

Lo sdoppi-attore

Nome: Edward Harrison Norton
50 anni, 18 Agosto 1969 (Leone), Boston (Gran Bretagna)
occhiello
Ti svegli all'aeroporto di Seattle, San Francisco, Los Angeles, all'aeroporto di Chicago, Dallas, di Baltimora, Pacifico, Montagne rocciose, Midwest, perdi un'ora guadagni un'ora. Questa è la tua vita è sta finendo un minuto alla volta.
dal film Fight Club (1999) Edward Norton  Il narratore
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Edward Norton
Golden Globes 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Birdman di Alejandro G. Iñárritu

BAFTA 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Birdman di Alejandro G. Iñárritu

Premio Oscar 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Birdman di Alejandro G. Iñárritu

Critics Choice Award 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Birdman di Alejandro G. Iñárritu

SAG Awards 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Birdman di Alejandro G. Iñárritu

Premio Oscar 1999
Nomination miglior attore per il film American History X di Tony Kaye

Golden Globes 1997
Premio miglior attore non protagonista per il film Schegge di paura di Gregory Hoblit

Golden Globes 1997
Nomination miglior attore non protagonista per il film Schegge di paura di Gregory Hoblit

Premio Oscar 1997
Nomination miglior attore non protagonista per il film Schegge di paura di Gregory Hoblit



Lo sostiene Edward Norton, protagonista del film.

The Bourne Legacy, un film realista

venerdì 20 luglio 2012 - Robert Bernocchi cinemanews

The Bourne Legacy, un film realista Alla presentazione di The Bourne Legacy avvenuta a Roma, c'era anche Edward Norton, che nella pellicola ha un ruolo di villain diverso dal solito e che deve scegliere tra dovere e morale. Edward Norton non ha dubbi sulle ragioni che lo hanno portato a lavorare a questa pellicola. "Michael Clayton mi ha fatto capire quanto fosse intelligente questo regista. Io avevo una grande fiducia in lui e se ho partecipato a The Bourne Legacy, molto dipendeva da Tony e dall'opportunità di lavorare assieme". Continua »

L'attore americano parla con i bambini della giuria.

Recitare stanca, Edward Norton al Giffoni in pausa volontaria

giovedì 14 luglio 2011 - Ilaria Ravarino cinemanews

Recitare stanca, Edward Norton al Giffoni in pausa volontaria Sarà per quella sua aria serena e distaccata, per la pacatezza con cui ha risposto alle domande più insidiose dei giornalisti, per il sorriso gentile e leggermente stupito che ha regalato ai fan assiepati dietro alle transenne del Giffoni Film Festival. Sarà per questo suo nipponico self control, o per quell'aria da persona pacificata e rassicurante, che il bel Edward Norton, oggi accasato con la produttrice Shauna Robertson, è stato fortissimamente amato da alcune delle più famose cattive ragazze di Hollywood, Courtney Love come Drew Barrymore. Inquieto sullo schermo, dal suo esordio in Schegge di paura ai cult American History X, Fight Club e La 25ª ora, Norton fuori dal set ha l'aria irresistibile del bravo ragazzo della porta accanto. Cappello di paglia da dandy newyorkese in vacanza a Positano, camicia slacciata e pizzetto, suo marchio di fabbrica, appena accennato, al Giffoni Film Festival ha conquistato il cuore dei bambini della giuria, con cui ha pranzato e lungamente parlato. «I ragazzi hanno reso splendidi i miei primi minuti in Italia - ha detto - parlare con i più giovani è illuminante, c'è sempre l'occasione di imparare da loro».

Nell'ultimo anno ha frequentato poco il cinema: scelta o necessità?
Trovare materiale che ispiri un attore è un processo misterioso e non automatico. Se ti interessa davvero fare il cinema, e non gestire un mestiere in modo meccanico, non c'è alcun bisogno di partecipare a un film all'anno. Io accetto solo i film che sento veramente, e il materiale in circolazione in questo momento non è sempre valido. Un paio di volte nel corso della mia carriera ho desiderato fare dell'altro: nell'ultimo anno, per esempio, mi sono divertito a scrivere una mini serie per la tv HBO. A volte è giusto prendersi una pausa: se il pubblico vede troppo spesso un certo attore, si disaffeziona e l'attore stesso perde incisività. Gli interpreti che mi hanno ispirato di più, gente come Dustin Hoffman o Daniel Day Lewis, a un certo punto hanno avuto l'intelligenza di fermarsi, di fare un passo indietro e attendere tempi migliori prima di iniziare a recitare di nuovo.

Perché ha abbandonato la saga di Hulk?
Non c'è stato un motivo particolare, mi sono divertito ma ho sempre pensato di farne uno solo. Non volevo continuare in eterno a ripetere la stessa cosa.

Che effetto le fa appartenere alla cosiddetta A-list dei migliori attori di Hollywood?
Questa A-list non l'ho mai vista e non ci credo. Non mi fido.

Parteciperà al prossimo The Bourne Legacy?
Sono all'inizio di una contrattazione, ne stiamo parlando, la saga di Bourne è fantastica. Ma non c'è nulla di confermato.

Che ruolo avrà nel prossimo Moonrise Kingdom?
L'ho finito circa un mese fa e sono felice perché sono un fan del regista, Wes Anderson. Wes però non vuole che si parli del film prima che sia uscito, e io rispetto il suo desiderio.

Di cosa tratta la serie che ha scritto per la HBO?
Racconta un pezzo di storia americana. È l'avventura di due esploratori europei, i primi a raggiungere la sponda del Pacifico via terra, partendo dal Mississippi, in una specie di coast to coast. Era un progetto cui lavoravo con Brad Pitt già ai tempi di Fight Club.

Lei ha scommesso subito sul talento di David Fincher: perché?
Perché per me non era uno sconosciuto. Lo conoscevo già prima di lavorarci ed ero assolutamente convinto delle sue qualità.

Si dice che non abbia un buon carattere...
A Hollywood quando un artista ha personalità si dice che è una persona difficile. Dicono così anche di me. Per quanto mi riguarda, sul set con lui mi sono divertito moltissimo.

Di Spike Lee, invece, si dice che sia maschilista.
Spike ha un modo un po'provocatorio di parlare in pubblico. Ma basta guardare i suoi film, che trasudano amore per uomini, donne e persone di ogni razza e religione, per capire che la sua sensibilità è profonda. Io gli voglio bene e trovo che sia un grande e originale osservatore della società americana, oltre che un artista pieno di umanità.

Lavorerà ancora con lui?
Non abbiamo progetti insieme per adesso, ma mi piacerebbe. Se mi telefonasse domani, accetterei subito un suo film.

Da giovane ha vissuto Giappone: cosa ha provato durante la tragedia del terremoto?
Ho trascorso a Osaka molto tempo, vent'anni fa. Ma non credo sia necessario aver vissuto là per sentirsi a disagio di fronte a una tragedia così terribile. Attraverso un sito internet ho provato a raccogliere denaro per aiutare le famiglie giapponesi, e ho raccolto circa 500.000 dollari.

Preferisce il lavoro da attore o quello da regista?
Niente importa più della storia. Le storie le reciti, le giri, le scrivi, ma la dinamica è sempre la stessa. Il cinema è la storia. E a me piace alternarmi in diversi ruoli dello stesso processo.

Che film vedeva da piccolo?
Sono stato fortunato. Anche se non si occupavano di cinema i miei genitori amavano molto i film, soprattutto quelli al di fuori del circuito commerciale. Sono cresciuto con Woody Allen e con i film di Kurosawa. A 13 anni avevo un amico con cui guardavo i film di Fellini e di De Sica, pellicole che ebbero un grande impatto su di me.

Che ricordi ha di un famoso italiano con cui ha lavorato, Dino De Laurentiis?
Quando ho cominciato a collaborare con lui in Red Dragon, Dino era già leggendario, era un mito per me. È stato surreale cenare con lui, nella sua casa, accanto a Anthony Hopkins. De Laurentiis amava gli artisti, li rispettava, non aveva alcuna ossessione per il controllo del progetto. Si fidava, non aveva paura. Era fantastico.

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,95)
Un film di Edward Norton. Con Edward Norton, Bruce Willis, Gugu Mbatha-Raw, Alec Baldwin, Willem Dafoe.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2019. Uscita 07/11/2019.
L'Isola dei Cani

L'Isola dei Cani

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,87)
Un film di Wes Anderson. Con Bryan Cranston, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, Greta Gerwig, Bill Murray.
continua»

Genere Animazione, - USA 2018. Uscita 01/05/2018.
Collateral Beauty

Collateral Beauty

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,82)
Un film di David Frankel. Con Will Smith, Edward Norton, Kate Winslet, Michael Peña, Helen Mirren.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2016. Uscita 04/01/2017.
Sausage Party - Vita segreta di una salsiccia

Sausage Party - Vita segreta di una salsiccia

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,67)
Un film di Greg Tiernan, Conrad Vernon. Con Jonah Hill, Kristen Wiig, James Franco, Seth Rogen, Michael Cera.
continua»

Genere Animazione, - USA 2016. Uscita 31/10/2016. 14
Birdman

Birdman

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,72)
Un film di Alejandro G. Iñárritu. Con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan.
continua»

Genere Commedia, - USA 2014. Uscita 05/02/2015.
Filmografia di Edward Norton »

venerdì 15 maggio 2020 - Un adattamento attuale dell’omonimo romanzo di Jonathan Lethem. Su Infinity PREMIERE fino al 21 maggio. 

Motherless Brooklyn, un noir tenuto solidamente insieme da Edward Norton

a cura della redazione cinemanews

Motherless Brooklyn, un noir tenuto solidamente insieme da Edward Norton New York, anni Cinquanta. Lionel Essrog lavora presso il detective privato Frank Minna, che l'ha salvato da un orfanotrofio insieme ai suoi compagni dell'agenzia di investigazioni. Lionel ha una memoria prodigiosa e una capacità estrema di collegare i puntini, qualità che, insieme ad una lealtà incrollabile, l'hanno reso molto caro al suo capo. Purtroppo però è anche affetto dalla sindrome di Tourette, che gli fa sentire nella testa la voce di uno spiritello anarchico che lo chiama Bailey e gli fa produrre suoni, versi e parolacce totalmente fuori controllo. La frammentazione caotica che Lionel ha in testa fa il paio con il puzzle che dovrà affrontare quando Frank Minna verrà ucciso, e lui dovrà scoprire il motivo e i mandanti di quell'omicidio: e al centro del puzzle troverà anche Laura, una bella attivista per i diritti della comunità afroamericana.

Edward Norton diventa per l’occasione, oltre che attore, regista, sceneggiatore e produttore adattando l’omonimo romanzo di Jonathan Lethem
Il risultato è un noir solido tenuto insieme proprio dall’ottima capacità del regista di gestire il timone di tutti gli apparati tecnici. Si tratta del suo secondo lavoro da regista che arriva a quasi vent'anni di distanza dal primo, proprio in un momento in cui l’eterna lotta tra i molti e i pochi è così presente nella filmografia contemporanea. E lui ci si inserito con un neo-noir molto particolare. 

Motherless Brooklyn (guarda la video recensione) è disponibile su Infinity PREMIERE fino al 21 maggio. 
   

mercoledì 22 aprile 2020 - Una messa in scena ambiziosa e spettacolare per la storia du una star in decadenza. Disponibile gratuitamente in streaming.

Consigliato on demand: Birdman, di Alejandro G. Iñárritu

a cura della redazione cinemanews

Consigliato on demand: Birdman, di Alejandro G. Iñárritu Riggan Thompson è una star che ha raggiunto il successo planetario nel ruolo di Birdman, supereroe alato e mascherato. Ma la celebrità non gli basta, Riggan vuole dimostrare di essere anche un bravo attore. Decide allora di lanciarsi in una folle impresa: scrivere l'adattamento del racconto di Raymond Carver “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore”, e dirigerlo e interpretarlo in uno storico teatro di Broadway. Nell'impresa vengono coinvolti la figlia ribelle Sam, appena uscita dal centro di disintossicazione, l'amante Laura, l'amico produttore Jake, un'attrice il cui sogno di bambina era calcare il palcoscenico a Broadway, un attore di grande talento ma di pessimo carattere. Riuscirà Riggan a portare a termine la sua donchisciottesca avventura?

Dopo aver aperto la 71.ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia, Birdman diventa il film dell’anno del 2015, conquistando l’Oscar per Miglior film, Miglior regia, fotografia e sceneggiatura. 
Una commedia agrodolce diretta dal regista messicano Alejandro Iñárritu che sceglie per il suo film una messa in scena ambiziosa e spettacolare: una serie praticamente infinita di piani sequenza all'interno dei quali gli attori recitano senza interruzioni come su un palcoscenico teatrale. Ad essere sempre al centro della scena il protagonista Michael Keaton accompagnato da un cast altre stelle: Edward Norton, Emma Stone, Naomi Watts

Birdman è disponibile gratuitamente in streaming su RaiPlay. 
   

Altre news e collegamenti a Edward Norton »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità