Dizionari del cinema
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
martedì 30 maggio 2017

Richard Gere

Ufficialmente, un gentiluomo

Nome: Richard Tiffany Gere
67 anni, 31 Agosto 1949 (Vergine), Filadelfia (Pennsylvania - USA)
occhiello
Come va?
Bene.
E come stai?
Bene.
È da quando siano partiti che mi dici solo bene. Non potresti cambiare parola?.
str***o.
Andava meglio "bene".

dal film Pretty Woman (1990) Richard Gere è Edward Lewis
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Richard Gere
Golden Globes 2013
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film La frode di Nicholas Jarecki

Golden Globes 2003
Nomination miglior attore per il film Chicago di Rob Marshall

Golden Globes 2003
Premio miglior attore per il film Chicago di Rob Marshall

Golden Globes 1991
Nomination miglior attore per il film Pretty Woman di Garry Marshall

Golden Globes 1983
Nomination miglior attore per il film Ufficiale e gentiluomo di Taylor Hackford

David di Donatello 1979
Premio miglior attore straniero per il film I giorni del cielo di Terrence Malick

David di Donatello 1979
Nomination miglior attore straniero per il film I giorni del cielo di Terrence Malick



Confermati i primi appuntamenti dell'evento capitolino.

Festival di Roma, in arrivo Gere, Mann e i vampiri di Twilight

mercoledì 21 settembre 2011 - Luca Volpe cinemanews

Festival di Roma, in arrivo Gere, Mann e i vampiri di Twilight Il Festival Internazionale del Film di Roma, in programma dal 27 ottobre al 4 novembre, cala oggi i primi assi: da una parte Richard Gere e Michael Mann, chiamati a raccontare e raccontarsi di fronte al pubblico capitolino, e dall’altra i protagonisti dell’ormai celebre saga di Twilight, al festival per l’uscita in sala di Breaking Dawn - Parte I.
La presenza di Gere al Festival è presto spiegata: nel corso di questa sesta edizione il divo americano riceverà il Marc’Aurelio all’Attore, perché “da sempre impegnato in battaglie umanitarie, protagonista di film popolari come American Gigolò, Ufficiale e gentiluomo, Pretty Woman e interprete per autori come Robert Altman, Akira Kurosawa, Sydney Lumet, Francis Ford Coppola, Todd Haynes, Terrence Malick”. E proprio per ricordare la proficua collaborazione tra quest’ultimo e lo stesso Gere è in programma, prima dell’incontro con il pubblico, la visione della copia restaurata di uno dei sei film di Malick, Days of Heaven – I giorni del cielo (1978). Al termine della proiezione, l’attore racconterà la nascita e le riprese del film, i rapporti con il regista texano e le difficoltà incontrate nei primi anni della sua carriera. Continua »

   

Richard Gere ha incontrato ufficialmente il sindaco Alemanno e gentilmente il pubblico.

Richard Gere: ufficialmente gentiluomo

lunedì 19 ottobre 2009 - Marzia Gandolfi cinemanews

Richard Gere: ufficialmente gentiluomo Fino all'ultimo respiro e fino all'ultimo biglietto per vedere ieri a Roma l'attore cult degli anni Ottanta, Richard Gere, gigolò per una stagione e buddista per sempre. Ultimo dei romantici, si è confessato davanti a una sala appassionata e impressionata dalla sua quiete bellezza spirituale, che ha sopportato il passaggio degli anni con la meditazione e lo slow life, senza ricorrere agli stridori pacchiani di trucchi e ritocchi. Amante impetuoso nei "giorni del cielo" di Malick, antidivo per Altman, pigmalione per Garry Marshall, maldestro giornalista di città, innamorato in "autunno", primo cavaliere, colpevole fino a prova contraria, ginecologo texano o marine incazzato, è da sempre alle prese con l'universo femminile, invitato a ballare o (r)accolto sulla Walk of Fame. Filantropo in abito grigio e a piedi nudi nel parco, Richard Gere ha fatto sentire la sua pretty woman meno puttana e la sua psichiatra molto innamorata, diventando il volto indiscusso e smaltato della commedia sentimentale convenzionale, sospesa occasionalmente per gestire "affari sporchi" o "amori infedeli". Preferibilmente nudo negli Ottanta, abbottonato negli anni Novanta, Gere con Pretty Woman invertì il segno ma non il senso: Julian Key si faceva pagare dalle donne, Edward Lewis le pagava. Molti film e reincarnazioni dopo, Gere si emancipa dalla banalità glamorous e si accompagna sullo schermo e in passerella ad un cucciolo, seminando quello che raccoglierà nella prossima vita (artistica).

È un vero racconto attorno al fuoco.

Hachicko: a dog's story, l'evento fuori concorso che commuove tutti

venerdì 16 ottobre 2009 - Gabriele Niola cinemanews

Hachicko: a dog's story, l'evento fuori concorso che commuove tutti È un Richard Gere come al solito calmo e rilassato quello che si presenta sul palco del Festival del Film di Roma. Occhiali inforcati e parlata suadente il protagonista di Hachiko: a dog's story è decisamente affabile. Sarà il buddismo, sarà il suo modo di intendere la vita o forse il fatto che il suo film ha scatenato pianti irrefrenabili nella platea di severi critici e giornalisti solo poche ore prima.
"È una storia semplice di un cane e del suo padrone e questa è la sua forza, la nostra sfida era essere altrettanto semplici nel raccontarla" esordisce l'attore. E semplice lo è davvero, una trama ridotta all'osso (un cane perde il padrone e lo attende invano) per un film che Gere definisce: "simile ad un racconto attorno al fuoco" per il rapporto di diretta sincerità e di semplice sviluppo, non una storia d'amicizia come capita in questi casi ma "una storia d'amore nel senso più profondo che non ha nulla a che vedere con sesso e specie, ma con qualità innate".
Certo il film scatena idee e riflessioni tra il filosofico e lo spirituale ma anche Gere quanto a spunti spirituali non scherza…

Bello e impossibile ma anche impegnato per i diritti umani.

5x1: Richard Gere, attore e gentiluomo

martedì 12 agosto 2008 - Stefano Cocci cinemanews

5x1: Richard Gere, attore e gentiluomo L'icona sexy degli anni Ottanta ha cambiato pelle. Richard Gere non è più "l'american gigolo" o un "ufficiale gentiluomo": è un attore a 360° impegnato nella lotta per i diritti civili, contro l'AIDS e la difesa del Tibet. Così, mentre la sua pubblicità per Lancia ha scatenato polemiche a non finire e la censura cinese, torna nel torrido ferragosto 2008 con Identikit di un delitto, pellicola che può sembrare simile a tante altre "crime story" che ha interpretato Gere. Però, il dato di rilievo è il regista, quell'Andrew Lau a cui dobbiamo Infernal Affairs ovvero il film a cui Scorsese si è ispirato – anzi, molto di più, avendolo ripreso in alcune scene ripresa per ripresa – per il suo pluri – Oscar The Departed.
Il bel Gere aggiunge così Claire Danes alla lunga liste di colleghe sexy con cui ha diviso la scena, lista che comprende Diane Lane, Julie Delpy, Juliette Binoche, Jennifer Lopez, Catherine Zeta-Jones e Zenee Zellweger, Liv Tyler, Winona Ryder, Julia Roberts, Sharon Stone, Jodie Foster, Lena Olin, Kim Basinger e Uma Thurman. Insomma, a quanto pare il bel Richard sul set non si è mai annoiato.

Esce venerdì il film che racconta vita e opere del menestrello di Duluth.

Io non sono qui: viaggio immaginario nell'universo dylaniano

martedì 4 settembre 2007 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Io non sono qui: viaggio immaginario nell'universo dylaniano Solo due dei sei interpreti che nel film di Todd Haynes hanno incarnato Bob Dylan erano presenti alla conferenza stampa che si è tenuta questa mattina. Heath Ledger, che ne esplora l'anima più tormentata e contraddittoria, e Richard Gere che invece rappresenta il periodo in cui il grande cantautore si ritirò dalle scene scomparendo dalle luci della ribalta. "Credo che ci sia solo una persona che possa essere considerata il più grande artista della storia, ed è Bob Dylan" dichiara Gere. "A parte i vari documentari che sono stati fatti" rivela Haynes, "questo è il primo film al quale Dylan ha permesso la realizzazione. Credo che a convincerlo sia stato il fatto che Io non sono qui abbia una struttura aperta, ma non c'erano altri modi per lavorare su un personaggio tanto complesso e contraddittorio come lui".

Richard Gere è Simon Hunt, il reporter che in tempi di guerra si mise sulle tracce di Karadzic.

The Hunting Party: benvenuti a Sarajevo

lunedì 3 settembre 2007 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

The Hunting Party: benvenuti a Sarajevo Tra tutti gli attori giunti al Lido per promuovere film sulla guerra - in Iraq come in Bosnia - Richard Gere è quello che appare più sereno nelle vesti di divo impegnato pubblicamente in una causa politica. Eppure difende a spada tratta anche i colleghi, dicendo che in America parte della comunità artistica, sin dagli anni '30, '40, si è mossa per portare all'attenzione del pubblico temi scottanti, prendendo parte a dimostrazioni e quant'altro. Anche sulla recente notizia che lo vorrebbe tra i più agguerriti contestatori delle Olimpiadi in Cina, l'attore vuole precisare che si tratta di una notizia errata, che non avrebbe nulla in contrario ai giochi olimpici a Pechino, se solo la Cina si dimostrasse disposta a discutere apertamente i problemi del paese, come la situazione in Tibet o la violazione dei diritti umani. "Entrare nelle Olimpiadi è molto importante per l'evoluzione del paese, ma sarebbe giusto anche parlare in maniera trasparente dei loro limiti". Sol Levante a parte, nel film di Richard Shepard Richard Gere interpreta Simon Hunt, un reporter che negli anni più caldi della guerra bosniaca si mise sulle tracce di Karadzic.

The Dinner

* * - - -
(mymonetro: 2,44)
Un film di Oren Moverman. Con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan, Rebecca Hall, Adepero Oduye.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2017. Uscita 18/05/2017.

Gli invisibili

* * * - -
(mymonetro: 3,06)
Un film di Oren Moverman. Con Richard Gere, Ben Vereen, Jena Malone, Steve Buscemi, Danielle Brooks.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2014. Uscita 15/06/2016.

Franny

* * - - -
(mymonetro: 2,11)
Un film di Andrew Renzi. Con Theo James, Dakota Fanning, Richard Gere, Clarke Peters, Marko Caka.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2015. Uscita 23/12/2015.

Ritorno al Marigold Hotel

* * - - -
(mymonetro: 2,31)
Un film di John Madden. Con Judi Dench, Maggie Smith, Bill Nighy, Dev Patel, Celia Imrie.
continua»

Genere Commedia drammatica, - USA 2015. Uscita 30/04/2015.

Comic Movie

* 1/2 - - -
(mymonetro: 1,60)
Un film di Elizabeth Banks, Steven Brill, Steve Carr, Rusty Cundieff, James Duffy, Griffin Dunne, Peter Farrelly, Patrik Forsberg, James Gunn, Bob Odenkirk, Brett Ratner. Con Chloë Grace Moretz, Elizabeth Banks, Hugh Jackman, Emma Stone, Naomi Watts.
continua»

Genere Commedia, - USA 2013. Uscita 05/09/2013. 14
Filmografia di Richard Gere »

lunedì 15 maggio 2017 - Girare una scena a tavola è una sfida, un'odissea, un inferno. Eppure i registi ne sono da sempre diabolicamente attratti. Come per Oren Moverman con The Dinner, dal 18 maggio al cinema.

Il film è servito! Ecco i migliori titoli ambientati a tavola

Ilaria Ravarino cinemanews

Il film è servito! Ecco i migliori titoli ambientati a tavola Girare una scena a tavola, per un regista, è ciò che nelle scuole di cinema si definirebbe ottimisticamente "una sfida". O in maniera più realistica: un inferno. Perché - come spiegano anche i numerosi manuali in rete - apparecchiare un film significa "cambiare spesso inquadratura, spostare le luci di conseguenza, sgomberare e arredare in continuazione la tavola". Significa controllare "che il contenuto dei piatti si mantenga integro e coerente nei raccordi per il montaggio", significa stare attenti ai tintinnii di vetro e metallo, posate e bicchieri, e a tutta quella vasta gamma di suoni da pasto che potrebbero guastare la presa diretta e i nervi del fonico. Un'odissea. Eppure, per qualche ragione, i registi ne sono da sempre diabolicamente attratti. Tanto da fare, del dinner-movie, quasi un genere. Ultimo in ordine di tempo, in questa bizzarra gastrocategoria, è The Dinner di Oren Moverman, tratto dal romanzo di Herman Koch e interpretato da Richard Gere con Steve Coogan, Laura Linney e Rebecca Hall. La tavola, qui, è un'arena di lusso in cui si consuma la frantumazione morale di due famiglie: un politico in carriera e il fragile fratello insegnante di storia, ciascuno accompagnato dalla propria moglie, decisi a risolvere al ristorante la crisi in cui li ha gettati un atroce delitto commesso dai rispettivi figli. Si mangia poco, si parla tanto, e a scandire il film, diviso in capitoli, ci pensano le portate - antipasti, piatto principale, formaggi, dessert, digestivi - accompagnate al tavolo da quattro camerieri alla volta. Menù da chef-star, la gastronomia come forma d'arte postmoderna, la futilità della gola e l'accidia dello spirito, cibo e violenza come due facce pop della stessa medaglia. Da quel romanzo sono nati altri due film, ambientati ovviamente a tavola, ma in altri ristoranti e con commensali diversamente borghesi. Sono i fratelli avvocato e pediatra de I nostri ragazzi di Ivano de Matteo, il cui confronto si snoda tra le portate di un ristorante di medio lusso e i numerosi flashback, e i ricchi fratelli nordeuropei di The Dinner di Menno Meyjes, che consumano piccole porzioni di piatti dai nomi lunghissimi e guardano feroci in macchina, odiandosi di più a ogni boccone.

giovedì 11 maggio 2017 - Quattro grandi attori per un dramma da camera a sfondo politico e dunque esistenziale nel senso più profondo del termine. Dal 18 maggio al cinema.

Guarda l'inizio di The Dinner. In anteprima i primi 10 minuti del film

a cura della redazione cinemanews

Guarda l'inizio di The Dinner. In anteprima i primi 10 minuti del film Incontrandosi a cena con le rispettive mogli, i fratelli Paul e Stan si trovano a discutere di un grave crimine di cui sono colpevoli i loro figli adolescenti. La serata volge in dramma famigliare quando le due coppie devono decidere come gestire la delicata questione sortendo il male minore. In ballo, infatti, non solo c'è il futuro dei ragazzi ma anche quello di Stan, un famoso politico in carriera e già in campagna elettorale. Diretto dall'israeliano residente newyorkese Oren Moverman, The Dinner è il terzo cine-adattamento dell'omonimo romanzo dell'olandese Herman Koch, in prima edizione nel 2009 e poi di immediato successo mondiale. Dramma da camera a sfondo politico e dunque esistenziale nel senso più profondo del termine, The Dinner - di cui presentiamo in anteprima i primi 10 minuti - sarà al cinema dal prossimo 18 maggio. Il cast può vantare la presenza di 4 grandi nomi del panorama cinematografico internazionale: Laura Linney, Rebecca Hall, Steve Coogan e Richard Gere.

domenica 7 maggio 2017 - Prima di tornare nella squadra dei Pirati dei Caraibi, l'attore interpreta il veterano di guerra Jack Alcott nell'action-thriller Codice Unlocked, ora al cinema.

Orlando Bloom, 10 cose che non sapete sul celebre Legolas

Letizia Rogolino cinemanews

Orlando Bloom, 10 cose che non sapete sul celebre Legolas Prima di tornare al fianco del Capitan Jack Sparrow il prossimo 24 maggio nel nuovo Pirati dei Caraibi - La Vendetta di Salazar, Orlando Bloom veste i panni di un veterano di guerra di nome Jack Alcott nel thriller action Codice Unlocked - Londra sotto attacco, al cinema. Diretto da Michael Apted quest'ultimo racconta la storia di Alice Racine, un agente dell'FBI interpretato da Noomi Rapace, che ottiene alcune importanti informazioni su un imminente attacco terroristico nel Regno Unito, e inizia una corsa contro il tempo per evitare il peggio. Chi ha seguito la carriera di Orlando Bloom sul grande schermo avrà sicuramente notato che l'attore inglese, che ha da poco compiuto 40 anni, è solito partecipare a grandi produzioni anche se questo significa perderlo di vista per qualche tempo. Come se, a differenza di alcuni suoi colleghi, egli amasse prendersi i suoi spazi, passare il tempo con la famiglia, senza rinunciare al suo lavoro e alla sua passione per la recitazione. Non sono molti gli attori che possono vantare più di una saga di successo sul loro cv, mentre Bloom ha avuto un ruolo fondamentale in fenomeni del box office come Il Signore degli Anelli, Pirati dei Caraibi e Lo Hobbit, pur regalando piccoli gioielli di natura indie come il delicato e commovente Elizabethtown di Cameron Crowe.

In occasione del suo doppio ritorno nelle sale italiane nel mese di maggio, vi sveliamo dieci curiosità sulla star di Hollywood, tra vita privata e cinema.

Altre news e collegamenti a Richard Gere »
The Dinner (2017) Gli invisibili (2014)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità