L'incredibile vita di Norman

Film 2016 | Drammatico +13 117 min.

Titolo originaleNorman
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneUSA, Israele
Durata117 minuti
Al cinema9 sale cinematografiche
Regia diJoseph Cedar
AttoriRichard Gere, Lior Ashkenazi, Michael Sheen, Steve Buscemi, Charlotte Gainsbourg Dan Stevens, Hank Azaria, Harris Yulin, Josh Charles, Isaach De Bankolé, Andrew Polk, Maryann Urbano, Jay Patterson, Doval'e Glickman.
Uscitagiovedì 28 settembre 2017
TagDa vedere 2016
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,05 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Joseph Cedar. Un film Da vedere 2016 con Richard Gere, Lior Ashkenazi, Michael Sheen, Steve Buscemi, Charlotte Gainsbourg. Cast completo Titolo originale: Norman. Genere Drammatico - USA, Israele, 2016, durata 117 minuti. Uscita cinema giovedì 28 settembre 2017 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 9 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,05 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
L'incredibile vita di Norman
tra i tuoi film preferiti.




oppure

L'incontro tra Norman e un politico in ascesa che diventerà un leader mondiale capace di influenzare radicalmente la vita del negoziante. In Italia al Box Office L'incredibile vita di Norman ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 762 mila euro e 360 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,05/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,67
PUBBLICO 2,97
CONSIGLIATO SÌ
Gere si cala nei panni e nella psicologia di Norman con un mimetismo straordinario.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 21 settembre 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 21 settembre 2017

New York. Norman Oppenheimer si qualifica come uomo d'affari. La sua vita consiste nel cercare di soddisfare le necessità altrui sperando di ricevere in contraccambio rispetto e ammirazione. Un giorno riesce ad avvicinare un uomo politico israeliano e a comprargli un costoso paio di scarpe. Quando diverrà il premier del suo Paese Norman potrà ricevere quella considerazione che ha sempre desiderato. Ma per quanto?
Le radici di questo film affondano nella storia della cultura ebraica e nella letteratura. Joseph Cedar, che è nato a New York ma dall'età di sei anni vive a Gerusalemme, ha studiato la figura dell' "Ebreo cortigiano" cioè di colui che mette il suo talento al servizio di un potente per poi ritrovarsi vittima di invidie e ostilità. È un personaggio che si trova nella Bibbia (vedi Giuseppe e il Faraone) per poi ripresentarsi nel "Mercante di Venezia" di Shakespeare, nel Fagin dell'"Oliver Twist" dickensiano o nel Leopold Bloom dell'"Ulisse" di Joyce.

Come trasferire nell'attualità questa figura quasi archetipa? Trasformandolo in un 'faccendiere', una persona che aiuta gli uomini di potere ad ottenere ciò che vogliono ma a cui non possono arrivare direttamente. Non molti registi e produzioni avrebbero pensato a Richard Gere per questo ruolo.

Cedar lo ha fatto e ha centrato l'obiettivo. Gere si cala nei panni e nella psicologia di Norman con un mimetismo straordinario. Nei panni perché la sua eleganza ha sempre dei tratti di inadeguatezza; il suo cappotto, le sue camicie , la sua giacca non sono mai 'davvero' giusti. Così come non lo è mai il credito che si attribuisce millantando conoscenze e contatti ai livelli più elevati del mondo degli affari. Ma Norman non è un imbroglione con il cosiddetto pelo sullo stomaco. È un uomo profondamente solo che ha bisogno, per sentirsi vivere, di essere accettato e riconosciuto come necessario dagli altri. Questo comporta frustrazioni (quando le sue supposte relazioni si rivelano inesistenti) ma anche momenti di esaltazione e di trionfo quando chi detiene il potere lo ammette nella propria cerchia ristretta. Chi però dipende dall'approvazione altrui, dal bisogno che gli altri hanno dei suoi servigi (reali o presunti che siano) non assurge mai, anche se si illude che non sia così, alla dignità di persona. Perché è solo trovando la giusta misura di autostima che un essere umano può riconoscersi come tale oppure compiendo scelte che dipendano esclusivamente da se stesso. Norman si troverà ad affrontare la questione e dovrà prendere una decisione che coinvolgerà molti di coloro per i quali si è messo in gioco.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 4 ottobre 2017
loland10

“L’incredibile vita di Norman” (Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer, 2016) è il quinto lungometraggio del regista di New York Joseph Cedar.             “Sono come un burattino nelle vostre mani”. Un uomo qualunque questo Norman, un uomo che non ha un luogo questo metropolitano, un [...] Vai alla recensione »

martedì 3 ottobre 2017
Vincenzo Ambriola

Chi è Norman Oppenheimer? Alla fine del film non lo sappiamo, così come non lo sanno neanche gli investigatori che cercano di ricostruire la sua vita. Eppure Norman non si nasconde, anzi, fa di tutto per essere notato, per partecipare, per organizzare, per aiutare. La mancanza di un passato rende Norman un personaggio difficile da capire, con una, cento, mille interpretazioni.

giovedì 5 ottobre 2017
vanessa zarastro

Gli ultimi film che ho visto di Richard Gere mi sembrano un po’ inconsistenti. Invecchiando Gere ha anche imparato a recitare, ma mi pare che siano proprio i film nei quali recita che non vanno. Franny di Andrew Renzi del 2015, ad esempio poteva essere una tematica anche interessante e Gere ce l’ha messa tutta, ma il film era proprio scarso! Qui poi è totalmente fuori luoghi così [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 settembre 2017
Flyanto

 "L'Incredibile Vita di Norman" è un film in cui il protagonista, il suddetto Norman appunto, è un faccendiere di New York di origini israeliane che si pone al servizio delle persone, cercando di accontentarle in ciò che vogliono o, meglio, di dare loro ciò che più desiderano e che invece hanno difficoltà ad ottenere.

sabato 30 settembre 2017
Mario Nitti

Tutto nella presentazione del film è fuorviante. Dal titolo italiano, che alterando l’originale “Norman”, evoca eventi strani e straordinari, al manifesto, dove il protagonista pare vestito da dandy, con un cappotto blu e un foulard, che nel film si riveleranno essere indumenti scialbi e sempre fuori luogo (il cappotto che non cambierà mai è marroncino e il foulard [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 ottobre 2017
Alex2044

Una sorpresa , il film è simpatico    , interessante , originale e ben realizzato  . Richard Gere è bravissimo . Forse questa è la sua migliore interpretazione . Mezzo voto in più per la sua prova d'attore .

lunedì 16 ottobre 2017
K. S. Stanislavskij

due le cose su cui si basa il film, credibilità dell'ex fascinoso gere, bravissimo nel diventare un ometto grigio, un signor nessuno, che nella sua vitalistica esigenza di essere qualcuno, qualcosa, tra bluff, sotterfuggi e qualità reali insospettabili è capace di metere in moto gli eventi fino a diventarne il fulcro vitale, il vero deus ex machina di cose più grandi [...] Vai alla recensione »

domenica 8 ottobre 2017
Raffaella

Se Richard Gere voleva togliersi i panni dei suoi personaggi di successo, c'è perfettamente riuscito. Ha dimostrato di essere un vero grande attore. Condiderando che il film è di un regista ebreo, mi sembra che ci sia molta critica per il relativo ambiente degli affari newyorkese. 

giovedì 28 settembre 2017
THE MOON

Il miglior film della stagione senza alcun dubbio,inteliggente, politico,sarcastico,originale e con un Gere sorprendente.La colonna sonora è protagonista,il cast di tutto rispetto,la regia superiore.Una storia correttamente scorretta.Merita di essere visto.

domenica 1 ottobre 2017
carmelo19

E' una vera impresa rimanere svegli per 2 ore . Altro che pop-corn, qui ci vuole adrenalina endovena per arrivare alla fine e avere una mezza idea della trama inesistente e contorta. Sembra proprio che un grande Gere sia costretto, pur di far cassa, a prestare la sua immagine per quella che si é rivelata una storia scontata e a tratti irritante nella sua banalità.

domenica 8 ottobre 2017
Flaw54

Occorre una vera forza morale ed una resistenza oltre il limite per sopportare un film del genere. Caotico, in molte parti incomprensibile con un Norman che non si sa chi sia, dove abiti e chi lo campi. Richard Gere gigioneggia come nei suoi peggiori momenti, la sceneggiatura è apocalittica e la noia regna sovrana. Solo la certezza di una bella cena all' uscita mi ha dato la forza di resistere. [...] Vai alla recensione »

Frasi
Succederà qualcosa di bello, mi creda.
Una frase di Norman Oppenheimer (Richard Gere)
dal film L'incredibile vita di Norman - a cura di MYmovies.it
- Lei è come un uomo che sta annegando che fa segno a un transatlantico.
- Sono un buon nuotatore, non lo dimentichi.
Dialogo tra Philip Cohen (Michael Sheen) - Norman Oppenheimer (Richard Gere)
dal film L'incredibile vita di Norman - a cura di MYmovies.it
- Posso chiederle che cosa fa di mestiere?
- Le serve qualcosa? Io gliela trovo.
Dialogo tra Norman Oppenheimer (Richard Gere) - Alex Green (Charlotte Gainsbourg)
dal film L'incredibile vita di Norman - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 28 settembre 2017
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il film parte in salita, nel senso che ci metterete almeno dieci minuti per entrare nell'ordine delle idee e capire di cosa tratti il soggetto, sommersi da frenetiche informazioni sul lavoro del protagonista, decisamente più confusionarie che utili. Tenete duro perché, pagato lo scotto iniziale e prima di rimpiangere i soldi sborsati per il biglietto, entrerete in un meccanismo coinvolgente che vi [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Negli ultimi tre anni Richard Gere ha legato la propria carriera al regista israeliano Oren Moverman, che lo ha diretto negli Invisibili e in The dinner oltre a produrre questa Incredibile vita di Norman. Film interessante e originale sotto più punti di vista. Norman Oppenheimer è un ebreo newyorkese che vive in margine al mondo degli affari, ignorato o disprezzato dalla gente di successo (il titolo [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Norman Oppenheimer lavora 24h/24. Nessuno sa donde viene né dove andrà, ma chi lo conosce non può che ammetterne la buona fede in qualunque cosa "si affaccendi". Il fixer, ovvero il faccendiere, è infatti il suo agire dentro i labirinti della ricca e intricata New York ebraica. "Strategies", contatti, doni costosi, raccomandazioni: la qualunque per sopravvivere ma soprattutto con la convinzione di [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Forse Norman Oppenheimer (Richard Gere) è un discendente di quel leggendario ebreo errante che non prestò aiuto a Gesù Cristo. Forse Dio lo sta punendo. Fatto sta che lo vediamo vagare come un dannato, al freddo e al gelo, nella Manhattan di oggi, senza casa, passato e legami familiari concreti, nei panni di un facilitatore (o "collegatore di intelligenze" come ama definirsi Luigi Bisignani) fissatosi [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Cappotto di cammello, sciarpa di cashmere, Norman Oppenheimer è, come da titolo originale, un «fixer», ovvero colui che nel mondo politico/finanziario crea contatti, media, agisce per conto altrui. Un tipo così dovrebbe essere ben introdotto, ma Norman vanta amicizie che non ha, promette cose che non può fare e nell'influente comunità ebraica di New York, di cui ambirebbe far parte, nessuno lo prende [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Richard Gere è Norman Oppenheimer: un uomo che mette in contatto delle persone importanti. Potremmo dire un faccendiere. Un tempo, non lontano, si sarebbe detto un ruffiano. Oggi c'è il gentile foresterismo «fixer». Ad accompagnarne la moderata ascesa, e la rovinosa caduta annunciata dal titolo originale (Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer), c'è Michael Sheen nel ruolo di [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 6 settembre 2017
 

Se chiedi a Norman Opphennaimer quale sia il suo mestiere la risposta sarà "se le serve qualcosa io gliela trovo!". Richard Gere è Norman, un navigato affarista di New York alla disperata ricerca di attenzioni e amicizie che possano cambiargli la vita. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati