Il re di Staten Island

Film 2020 | Commedia, +16 136 min.

Titolo originaleThe King of Staten Island
Anno2020
GenereCommedia,
ProduzioneUSA
Durata136 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diJudd Apatow
AttoriPete Davidson, Bel Powley, Ricky Velez, Lou Wilson, Moises Arias, Carly Aquilino Marisa Tomei, Maude Apatow, Robert Vidal III, Angus Costello, Pauline Chalamet, Lynne Koplitz, Joseph Paul Kennedy, Nina Hellman, Jack Hamblin.
Uscitagiovedì 30 luglio 2020
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Judd Apatow. Un film con Pete Davidson, Bel Powley, Ricky Velez, Lou Wilson, Moises Arias, Carly Aquilino. Cast completo Titolo originale: The King of Staten Island. Genere Commedia, - USA, 2020, durata 136 minuti. Uscita cinema giovedì 30 luglio 2020 distribuito da Universal Pictures. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il re di Staten Island tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Nella sonnolenta Staten Island, un ragazzo pigro e problematico dovrà imparare a crescere. In Italia al Box Office Il re di Staten Island ha incassato 3 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un ondivago racconto di formazione, attento più ai dettagli che al (prevedibile) arco narrativo generale.
Recensione di Andrea Fornasiero
giovedì 16 luglio 2020
Recensione di Andrea Fornasiero
giovedì 16 luglio 2020

Scott Carlin ha pulsioni suicide, fa largo uso di marijuana, non ha un lavoro e frequenta amici altrettanto poco integrati. Ha una relazione per lo più sessuale con l'amica Kelsey ma preferisce rimanga segreta. Soprattutto vive ancora in casa con la madre nonostante sia un giovane americano bianco di ventiquattro anni. Quando sua sorella parte per il college, la madre inizia a guardare al di fuori del nucleo famigliare e trova presto una relazione che mette in crisi Scott, costringendolo a prendersi finalmente qualche responsabilità.

Opera semi-autobiografica dell'attore e cosceneggiatore Pete Davidson, Il re di Staten Island è un ondivago racconto di formazione, più interessante nei dettagli che nel prevedibile arco narrativo generale.

Molto è giocato nel film sul rapporto tra il personaggio Scott Carlin e il suo interprete Pete Davidson, celebrità della scena stand up comedy americana reso famoso dal mitico Saturday Night Live. Non solo il personaggio ha in comune con l'attore la malattia di Crohn, una personalità borderline e pure la morte del padre pompiere in tenera età (anche se quello del personaggio non è caduto durante l'undici settembre), ma pure la scena iniziale in cui Scott chiude gli occhi alla guida, in uno slancio suicida, ricorderà ai suoi fan una sua confessione di pensieri suicidi su Instagram, che portò la polizia ad andarlo a cercare per accertarsi che stesse bene. In realtà questo inizio scioccante rimane un corpo estraneo al resto del film, dove Scott sembra prendere molto più alla leggera le varie sventure della propria vita. L'incipit quindi vuole subito chiarire che questa di Judd Apatow è meno che mai una semplice commedia e che tra Scott e Pete c'è un rapporto molto forte.

Il sarcasmo di Scott è feroce verso gli altri ma lentamente il personaggio prende coscienza dell'autocompatimento con cui perdona a se stesso una quasi totale pigrizia. Scott deve crescere, sublimare finalmente il lutto del padre e staccarsi dalla madre troppo permissiva, e tutto questo finisce per avvenire quasi nel più prevedibile dei modi (ci viene risparmiato solo il riscatto artistico). Per fortuna però i singoli episodi della sua vita sono spesso divertenti o a loro modo toccanti, come il suo rapporto sorprendentemente tenero con i figli dell'uomo che corteggia sua madre, a riprova della sua empatia per chi ha bisogno di una figura paterna.

Aiuta che i ruoli di contorno siano interpretati da attori del calibro di Steve Buscemi e Pamela Adlon, con in più Marisa Tomei nei panni della madre e un altro comedian come Bill Burr in quelli dello spasimante di lei. La durata però rema contro e le oltre due ore tutte concentrate su Scott portano a desiderare un film più corale, che dia maggior spazio agli altri attori e meno a un protagonista la cui vicenda si fa sempre più ovvia e già vista.

Non è un problema nuovo con Judd Apatow ma per fortuna l'aderenza di Pete a Scott aiuta a trasmettere un senso di genuinità alla storia, così come i molti esterni danno alla vicenda un taglio più arioso rispetto ad altri film del regista. Un personaggio così controverso avrebbe però meritato un arco narrativo altrettanto originale, invece dopo tanto chiacchiericcio si arriva alla fine del film realizzando che in fondo la durata non ha corrisposto all'ambizione del progetto.

Spiace anche per certi personaggi sacrificati nonostante i molti minuti, come gli amici di Pete che a un certo punto escono di scena. In particolare non funziona il finale dedicato a Kelsey, interpretata dall'inglese Bel Powley: Apatow chiude con il suo arrivo in città, citando per esempio Una donna in carriera di Mike Nichols, ma è una scena che il film non ha preparato a sufficienza, relegando Kelsey a un ruolo sempre secondario e spesso assente. Sarebbe bastato solo un po' più di controllo al montaggio e in fase di scrittura per farne una commedia più incisiva, invece di una piacevole ma anche autoindulgente e in fondo dimenticabile.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 28 luglio 2020
Emanuele Sacchi
Film TV

A sette anni Scott ha perso il padre, vigile del fuoco. A 24 non ha elaborato il trauma e vive ancora con la madre, ciondolando con gli amici fra tatuaggi, joint e un insoddisfacente sesso occasionale. Nel 1991, di fronte all'ennesima accusa del giornalista di "NME" sul fatto di farci senza esserci, Richey Edwards dei Manic Street Preachers prese una lametta e incise davanti al reporter due parole [...] Vai alla recensione »

sabato 4 luglio 2020
Emanuele Di Porto
Sentieri Selvaggi

The King Of Staten Island è stato distribuito direttamente sulle piattaforme VOD a metà del mese di giugno. Tuttavia, il feeling di Judd Apatow con il pubblico non ha risentito dell'adattamento forzato al calendario e agli strumenti di visione imposti dalla pandemia. Il suo nuovo film è balzato subito al primo posto nella classifica dei titoli più noleggiati del mercato americano.

NEWS
NEWS
mercoledì 1 luglio 2020
 

Un film semi-autobiografico vita dello stand-up comedian Pete Davidson.
Regia di Judd Apatow. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 11 maggio 2020
 

Judd Apatow dirige Pete Davidson in una fresca commedia su amore, lutto e divertimento a Staten Island. Dal 30 luglio al cinema e in digitale. Guarda il trailer »

POSTER
martedì 28 aprile 2020
 

Un film semi-autobiografico con protagonista Pete Davidson, cresciuto a Staten Island, tra la perdita di suo padre durante l'11 settembre e l'ingresso nel mondo stand-up comedy.

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 5 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati