Birdman

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Birdman   Dvd Birdman   Blu-Ray Birdman  
Un film di Alejandro González Iñárritu. Con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+13, durata 119 min. - USA 2014. - 20th Century Fox uscita giovedì 5 febbraio 2015. MYMONETRO Birdman * * * 1/2 - valutazione media: 3,70 su 160 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,70/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Un'ex stella del cinema in cerca di una nuova ondata di notorietà sceglie di allestire una commedia a Broadway.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film magmatico, gioiosamente ridondante, tracimante vita ed ambizione
Paola Casella     * * * 1/2 -

Riggan Thompson è una star che ha raggiunto il successo planetario nel ruolo di Birdman, supereroe alato e mascherato. Ma la celebrità non gli basta, Riggan vuole dimostrare di essere anche un bravo attore. Decide allora di lanciarsi in una folle impresa: scrivere l'adattamento del racconto di Raymond Carver Di cosa parliamo quando parliamo d'amore, e dirigerlo e interpretarlo in uno storico teatro di Broadway. Nell'impresa vengono coinvolti la figlia ribelle Sam, appena uscita dal centro di disintossicazione, l'amante Laura, l'amico produttore Jake, un'attrice il cui sogno di bambina era calcare il palcoscenico a Broadway, un attore di grande talento ma di pessimo carattere. Riuscirà Riggan a portare a termine la sua donchisciottesca avventura?
Dopo il tuffo negli abissi della disperazione di Biutiful, capolavoro poco apprezzato dal grande pubblico, il regista messicano Alejandro Gonzalez Inarritu si cimenta con la commedia, benché agrodolce e in alcuni tratti quasi nera. Temi principali sono l'ego, in particolare quello maschile, e l'incapacità di distinguere l'amore degli altri dalla loro approvazione. Chi meglio di un attore molto amato ma poco apprezzato per rappresentarlo? Inarritu scandaglia l'animo di Riggan usando la cinepresa come mai aveva fatto prima, ovvero cimentandosi in una serie praticamente infinita di piani sequenza all'interno dei quali gli attori recitano senza inerruzioni come su un palcoscenico teatrale, entrando e uscendo continuamente dal teatro in cui si svolge prevalentemente l'azione alla strada, e dentro e fuori i camerrini, i corridoi, il backstage del teatro stesso. In un gioco continuo di immagini rifratte attraverso specchi e spiragli.
Il paragone con Robert Altman è inevitabile: i piani sequenza (come quello iniziale de I protagonisti), l'adattamento da Carver (come in America Oggi), la messa in ridicolo corale del mondo dello spettacolo (Nashville, I protagonisti, Radio America). Come è altmaniana la visione da insider della Hollywood contemporanea, in particolare quella dei franchise dedicati ai supereroi, "pornografia apocalittica" responsabile dell'infantilizzazione irreversibile del pubblico.
Birdman è anche un capolavoro di metacinema: il protagonista è quel Michael Keaton che deve la sua celebrità all'interpretazione di Batman (ma che è anche un grande attore, come dimostra appieno nel film di Inarritu); è più volte citato The Avengers, il film cui Edward Norton, che in Birdman ha il ruolo del prim'attore, ha rifiutato di partecipare nei panni di Hulk, dopo aver litigato con la produzione del film sul gigante verde. E c'è una scena in cui Inarritu fa ciò che Hollywood vorrebbe da ogni regista, dopo aver fatto per tutto il resto del film ciò che Hollywood detesta (tranne la notte degli Oscar): infiniti virtuosismi registici, dialoghi interminabili, mancanza di un eroe immediatamente identificabile.
Birdman è apparentemente privo di montaggio (o meglio: il montaggio è molto attento a "non interrompere un'emozione") il cui ritmo è dato da una pianificazione meticolosa, una inarrestabile agilità nei movimenti di macchina, una recitazione rocambolesca, un incalzante rullo di batteria che accompagna tutte le azioni che coinvolgono Riggan. Ed è un esperimento in linguaggio cinematografico coraggioso e spaccone, reboante e ridondante, eccessivo ma funzionale alla storia che narra. Inarritu racconta l'uomo (e in particolare il maschio) nella sua fragilità e contraddizione, nei suoi sogni di gloria e le sue delusioni di vita. Racconta la presunzione, ma anche la vulnerabilità, di ogni artista, o anche di chi crede di esserlo ed è costretto a confrontarsi con l'evidenza contraria. Attraverso lo sguardo di Riggan, il regista commenta su tutta la società contemporanea, sul "genocidio culturale" in corso e sulla prevalenza fagocitante dei social media, creatori di una nuova forma di ambizione, quella di diventare virale, e una nuova forma di delusione, quella di credere che milioni di contatti equivalgano ad un singolo attestato di stima.
Il risultato è un film magmatico (e in questo senso perfettamente "almaniano") che è un piacere per gli spettatori, gioiosamente ridondante e tracimante vita ed ambizione. Nella sua bulimia creativa Inarritu inanella troppi finali, ma è difficile biasmiarlo per la volontà di dire troppo invece che tutto, ricordando che chi rischia cammina sempre sull'orlo dell'abisso.

Incassi Birdman
Primo Weekend Italia: € 821.000
Incasso Totale* Italia: € 4.610.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 29 marzo 2015
Incasso Totale* Usa: $ 42.313.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 5 aprile 2015
Sei d'accordo con la recensione di Paola Casella?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
73%
No
27%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Birdman

premi
nomination
Premio Oscar
4
10
Golden Globes
2
7
David di Donatello
1
1
Cesar
1
1
BAFTA
1
10
* * * * *

Semplicemente eccezionale.

lunedì 19 gennaio 2015 di Lugyz

Candidato a 9 Oscar. Naturalmente. Una semplice ed imperfetta al punto giusto opera d'arte, che vuol andare controcorrente sia nel messaggio che nei modi. Un'opera intelligente, ironica, surreale in maniera adatta, e ricca di valore artistico. La fotografia è pensata e realizzata in maniera perfetta, intraprendente e coinvolgente privando lo spettatore di quella sensazione di essere l'osservatore onnisciente e catapultandolo all'interno del film, come se fosse un membro della crew, dietro le quinte, continua »

* * * - -

Birdman, virtuosismi per cinema.

mercoledì 21 gennaio 2015 di IntoTheWild4Ever

Quando il cinema fa autocritica, lo fa sempre ferocemente. Inarritu, con una regia superba e piani sequenza interminabili e perfetti, tenta di distuggere Hollywood e i suoi miti, passando per Broadway e il palco di un vecchio teatro, mescolando la vita reale di un attore in decadimento, con quella malata della sua mente e quella irreale dell'attore su di un palco. Non c'è frenesia nel raccontare la storia, così come non ci sono pause. Il film scorre con la pacatezza di un grande continua »

* * * * -

Dalla celebrità giu' nel profondo dell'anima

domenica 8 febbraio 2015 di maopar

 Dall’ alto della celebrità  giù  nel profondo dell’anima…. Una meteora solca il cielo  all’inizio e alla fine del film… ,si tratta di una stella? Visto che si parlerà di Riggan Thompson  un famoso personaggio del mondo dello spettacolo…ma presto si capisce che si camminerà nei  lunghi e tortuosi corridoi dell’anima. In questo Film un grande attore nella continua verifica delle proprie capacità continua »

* * * * *

L’uomo uccello più felice dell’uomo terreno?

lunedì 16 febbraio 2015 di mericol

 Riggan ,un passato esaltante come protagonista di film spettacolari, era Birdman ” l’uomo uccello”, è ora in declino di popolarità e di successi. Cerca nuove strade. Vuole dimostrare a se stesso,prima che agli altri, di essere un grande e vero attore . Trae spunto da un racconto di R. Carver, “ Di cosa parliamo quando parliamo d’amore”, per impostare una pièce in un teatro di Broadway, di cui sarà regista e interprete. In attesa continua »

Edward Norton a Emma Stone
Mike: "Obbligo o verita'?"
Sam: "Verità"
Mike: "Che cosa vorresti fare con me?"
Sam: "Vorrei strapparti gli occhi e metterli al posto dei miei. Per poter vedere questa strada con gli occhi di quando ero ragazzo!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Edward Norton a Emma Stone
Mike: "Obbligo o verita'?"
Sam: "Verità"
Mike: "Che cosa vorresti fare con me?"
Sam: "Vorrei strapparti gli occhi e metterli al posto dei miei. Per poter vedere questa strada con gli occhi di quando ero ragazzo!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Michele Keaton
"La mia salute è durata più dei miei soldi!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Birdman oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Birdman

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 11 giugno 2015

Cover Dvd Birdman A partire da giovedì 11 giugno 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Birdman di Alejandro González Iñárritu con Emma Stone, Edward Norton, Naomi Watts, Andrea Riseborough. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment. Su internet Birdman o L'imprevedibile virtù dell'ignoranza (Blu-ray) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 12,74 €
Prezzo di listino: 16,99 €
Risparmio: 4,25 €
Aquista on line il dvd del film Birdman

SOUNDTRACK | Birdman

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 17 aprile 2015

Cover CD Birdman A partire da venerdì 17 aprile 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Birdman del regista. Alejandro González Iñárritu Distribuita da Milan Records, il cd è composto da musiche di genere Jazz, e Jazz. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

APPROFONDIMENTI | Opposizioni creative in Birdman.

Il teatro e i supereroi

lunedì 9 febbraio 2015 - Roy Menarini

Il teatro e i supereroi Del film di Iñarritu si parla almeno dalla Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia 2014, che lo ha presentato come film di apertura, nella speranza (fondata) di ripetere la fortunata avventura di Gravity, culminata con una serie di premi e riconoscimenti di gran pregio. Sta già accadendo anche a Birdman e poco importa che qualcuno sia più che perplesso di fronte al ripetersi abbastanza stancante in questi ultimi tempi del tema teatro/vita/arte, che ha affaticato persino una mente brillante come quella di Olivier Assayas in Sils Maria.

   

APPROFONDIMENTI | I 5 parallelismi tra i due film, entrambi interpretati da Michael Keaton.

Come batman

mercoledì 4 febbraio 2015 - Gabriele Niola

Birdman come Batman Non è il caso di menzionare la questione a Michael Keaton (durante le interviste del film al Festival di Venezia stava per andarsene quando gli è stato chiesto) ma nella storia del personaggio che interpreta in Birdman, un attore la cui carriera ha toccato l'apice nell'interpretare un supereroe durante gli anni Novanta e poi è andata in calo costante fino a toccare il fondo, è facile intravedere più di un riferimento alla sua vera carriera, anche se non è di certo affondata come quella del personaggio.

   

APPROFONDIMENTI | Un talento fuori discussione.

Alejandro gonzález iñárritu

martedì 3 febbraio 2015 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Alejandro González Iñárritu Il talento è fuori discussione. Anche la magniloquenza cinematografica, la modernità espressiva, il gusto per le sfide tecniche (come il piano sequenza di 119 minuti di Birdman; in verità una serie di piani comunque difficilissimi da realizzare, come ben sa il direttore della fotografia Emmanuel Lubezki). Magari persino un po' di furbizia. Alejandro González Iñárritu, classe 1963, primo cineasta messicano a vincere al Festival di Cannes (miglior regia per Babel, 2006) esordisce con quello che (per chi scrive) è tuttora il suo film migliore, Amores perros (2000).

   

APPROFONDIMENTI | Il cinema in movimento di Roy Menarini.

Scene di teatro digitale

lunedì 2 febbraio 2015 - Roy Menarini

Skylight e Birdman, scene di teatro digitale La cavalcata di questi anni compiuta dallo spettatore per inseguire il rapporto tra sala cinematografica e nuovi media è talmente sperimentale (e talvolta entusiasmante, almeno per chi si appassiona a questi temi) da poter essere paragonata ad altri momenti topici della storia del mezzo. Se i film si stanno adattando ai nuovi mezzi di riproduzione e comunicazione, al punto da potersi dire in buona parte definitivamente ricollocati, lo stesso non si può dire delle sale. Sarà per questo che la spasmodica attenzione agli incassi, ormai giorno per giorno, e l'infinita discussione sulla multiprogrammazione e sui contenuti alternativi, paiono l'unico orizzonte dialettico per gran parte della distribuzione e dell'esercizio.

   

APPROFONDIMENTI | Il cinema in movimento di Roy Menarini.

Archeologia dei nuovi media

lunedì 19 gennaio 2015 - Roy Menarini

Archeologia dei nuovi media Le nuove tecnologie sono ormai parte stessa delle nostre esperienze di vita, sociali e culturali insieme. Abbiamo spesso sottolineato il rapporto contraddittorio che il cinema contemporaneo intrattiene con i nuovi media. Da una parte l'intero processo del fare e mostrare film ne è intriso (dalla ripresa digitale via via fino alla proiezione video e alla distribuzione online), dall'altra il tema del vero, del reale, del biografico, dell'autentico continua a crescere come sinonimo di resistenza artistica all'industria mediale.

   

INCONTRI | Il regista apre la 71. Mostra con un film donchisciottesco per ambizioni e grandeur.

Iñárritu e l'ego dell'artista

mercoledì 27 agosto 2014 - Paola Casella

Iñárritu e l'ego dell'artista Alejandro González Iñárritu ci mette dai tre ai quattro anni a girare un film. Dopo Amores Perros, 21 Grammi, Babel e Biutiful si sono succeduti con quell'intervallo perché il regista messicano è, per sua stessa ammissione, un perfezionista. Dall'uscita di Biutiful, che ha portato Javier Bardem a conquistare la Palma come miglior attore al Festival di Cannes del 2010, sono passati altri quattro anni, ma ci sono voluti tutti per pianificare e poi realizzare Birdman, il film con cui Iñárritu inaugura il concorso della 71.

   

NEWS | Scopri tutti i film premiati alla 87a edizione degli Academy Awards.

Il trionfo di

lunedì 23 febbraio 2015 - Tirza Bonifazi

Oscar 2015, il trionfo di Birdman Tutti i pronostici che davano per vincitore Birdman di Alejandro González Iñárritu, gran favorito della stagione cinematografica, sono andati a segno. Per il secondo anno consecutivo è un messicano a guadagnare l'Oscar come Miglior regista: Alejandro González Iñárritu che in Birdman aveva sperimentato nuove architetture narrative mantenendo sempre il gusto per le storie intrecciate. Ma non solo. Il messicano si è anche guadagnato il premio più importante dell'Academy: quello di Miglior film. Quanto al suo grande rivale, Grand Budapest Hotel di Wes Anderson si è portato a casa quattro premi dei nove ai quali era candidato: Migliori costumi, Miglior trucco e acconciatura, Miglior scenografia, Miglior colonna sonora.

   

GALLERY | I premiati al photocall con la statuetta.

Le foto dei vincitori

lunedì 23 febbraio 2015 - a cura della redazione

Oscar 2015, le foto dei vincitori Ecco le foto dei premiati al tradizionale photocall dopo la consegna della statuetta: ci sono Patricia Arquette e J.K. Simmons con il premio come Miglior Attrice/Attore non protagonista; Eddie Redmayne e Julianne Moore, vincitori dell'Oscar come Miglior Attore/Attrice protagonista; Alejandro González Iñárritu e i produttori di Birdman, grande trionfatore con quattro statuette; l'italiana Milena Canonero, premiata per i costumi di Grand Budapest Hotel; Common e John Legend, autori della Miglior Canzone per Selma.

   

Ignoranza social

di Natalia Aspesi La Repubblica

Quel rumoroso successo giovanilista che Michal Keaton aveva conquistato nel 1989 e nel 1992 interpretando con la regia di Tim Burton il supereroe da fumetto Batman, fa di lui il protagonista ideale di Birdman o (L'inaspettata virtù dell'ignoranza), sesto e forse più bello dei film del regista messicano Alejandro Gonzàles Inàrritu, che ieri ha inaugurato magnificamente la 71° Mostra del cinema. A 63 anni, Keaton è un inquieto, pazzo, disperato Riggan Thoznson, che aveva conosciuto il miele della celebrità tanti anni prima, volando su Gotham City con le ali piumate di Birdman, e che ora, invecchiato, ingrassato, spelacchiato, si accanisce per riacciuffare la fama, come attore di teatro, mettendo in scena a Broadway una sua versione modernizzata del dolente breve racconto di Raymond Carver Di cosa parliamo quando parliamo d'amore (pubblicato in Italia da Minimum fax), nel cui finale inventato, il protagonista si spara alla testa. »

"Birdman"? Ti travolge

di Alessandra Levantesi La Stampa

Che il film sia una satira di Hollywood e del cinema degli effetti speciali, è motivo accreditato dallo stesso autore, il messicano Alejandro G. Inarritu; e dalla sua scelta, per il ruolo protagonista del divo cinematografico in declino che cerca di risorgere dalle ceneri recitando a Broadway in una pièce da Carver, di un attore come Michael Keaton: assurto nel 1989 a fama nei panni del Batman di Burton e oggi scalzato nell'immaginario colletivo da Christian Bale. Ma soprattutto Birdman è la surreale tragicommedia di un uomo atterrito dallo spettro incombente di un fallimento personale e professionale; e - anche se una sua debolezza è proprio quella drammaturgica di tirare in ballo un deuteragonista del peso di Edward Norton per poi mollarlo a metà strada - è un film sul teatro nel teatro, su quello scontro di egocentrismi che durante le prove possono creare situazioni di conflitto eventualmente funzionali alla riuscita dello spettacolo. »

Birdman conquista il Lido

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Un film tutto dialoghi brillanti e trascinanti piani sequenza contro la retorica dell'azione e degli effetti speciali (che però fanno capolino in sottofinale...). Un cast di attori (formidabili) che recitano la parte di attori, entrando e uscendo di continuo dal ruolo, con mille allusioni alle loro vere carriere. E un regista che è nato in Messico ma firma un film americano fino al midollo. Non solo per cast e ambientazione, ma perché il teatro-nel-teatro, da Cukor a Scorsese, da Cassavetes a Bob Fosse, è uno dei sottogeneri più antichi e capaci di rinnovarsi del cinema Usa. »

Birdman, la commedia nera del supereroe alato in volo verso l'Oscar

di Federico Pontiggia Il Fatto Quotidiano

Una battuta "La fama è la cugina zoccola del prestigio" - per graffiare l'immaginario sulle celebrities, virtuosi piani sequenza sapientemente raccordati e una commedia nera sui generis, una sorta di Effetto notte sulle macerie di Hollywood ma ambientato a Broadway: Birdman, già apertura della 71° Mostra di Venezia, premiato ai Golden Globes con il redivivo Michael Keaton e in pole-position agli 87 Oscar con 9 nomination. Diretto dal messicano Alejandro G. Inàrritu (21 grammi, Babel), il duplice Batman di Tim Burton, Keaton, interpreta Riggan Thomson, già attore di enorme successo nei panni del supereroe Birdman: nel tentativo di risalire la china, ora sta dirigendo e interpretando la celebre pièce di Raymond Carver Di cosa parliamo quando parliamo d'amore, ma è arte-vita, con le interferenze di amanti, figlie tossiche (Stone), attori galletti (Norton) e specchio riflesso sugli illustri suicidi ultimi scorsi, da Philip S. »

Birdman | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | lugyz
  2° | beppe baiocchi
  3° | zarar
  4° | vanessa zarastro
  5° | aristoteles
  6° | eugenio
  7° | francesco2
  8° | luigi chierico
  9° | bruce harper
10° | cinecinella
11° | luca parlato
12° | maopar
13° | primissimavisione
14° | peer gynt
15° | lella sabadini
16° | gambardella
17° | extreme81
18° | midnight
19° | mardou_
20° | pepito1948
21° | filippo catani
22° | fabiofeli
23° | marcobrenni
24° | eleonora panzeri
25° | gianleo67
26° | casval
27° | nerone bianchi
28° | cesarp
29° | fabal
30° | onufrio
31° | iuriv
32° | folgore94
33° | donato prencipe
34° | spock88
35° | jean remi
36° | mattia.
37° | fsromait
38° | mcmurphy92
39° | jonathan imperiale
40° | il folle
41° | atacama86
42° | flyanto
43° | spock88
44° | dhany coraucci
45° | tarantinofan96
46° | .ele.
47° | pietro muratori
48° | gabryhope95
49° | no_data
50° | gabri0001
51° | antix90
52° | andrejuve
53° | dodo780
54° | dodo780
55° | talitha kaithos
56° | 1234567890987654321
57° | massual
58° | borghij
59° | jacopo b98
60° | mario tognetti
61° | mirko bradley
62° | homer52
63° | sabrina lanzillotti
64° | m.barenghi
65° | shiningeyes
66° | catcarlo
67° | simianrogue
68° | antonietta dambrosio
69° | carlonicolosi
70° | alex2044
71° | enzo70
72° | mproc
73° | mattiaps
74° | jonathan prestinari
75° | gabrykeegan
76° | fedson
77° | maurizio meres
78° | i'libano
79° | alexander 1986
80° | biso 93
81° | isin89
82° | ilpuntov
83° | stefano capasso
84° | paolo_sem
85° | andreius98
86° | filippotognoli
87° | bob11_17
88° | mericol
89° | francesca romana cerri
90° | joker 91
91° | vincenzo ambriola
92° | intothewild4ever
93° | pisiran
Premio Oscar (14)
Golden Globes (9)
David di Donatello (2)
Cesar (2)
BAFTA (11)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 |
Link esterni
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità