Birdman

Film 2014 | Commedia +13 119 min.

Regia di Alejandro González Iñárritu. Un film Da vedere 2014 con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan. Cast completo Genere Commedia - USA, 2014, durata 119 minuti. Uscita cinema giovedì 5 febbraio 2015 distribuito da 20th Century Fox. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,63 su 173 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Birdman tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un'ex stella del cinema in cerca di una nuova ondata di notorietà sceglie di allestire una commedia a Broadway. Il film ha ottenuto 9 candidature e vinto 4 Premi Oscar, ha vinto un premio ai David di Donatello, 8 candidature e vinto 2 Golden Globes, 10 candidature e vinto un premio ai BAFTA, ha vinto un premio ai Cesar, In Italia al Box Office Birdman ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 4,6 milioni di euro e 821 mila euro nel primo weekend.

Birdman è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,63/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,95
PUBBLICO 3,58
CONSIGLIATO SÌ
Un film magmatico, gioiosamente ridondante, tracimante vita ed ambizione.
Recensione di Paola Casella
Recensione di Paola Casella

Riggan Thompson è una star che ha raggiunto il successo planetario nel ruolo di Birdman, supereroe alato e mascherato. Ma la celebrità non gli basta, Riggan vuole dimostrare di essere anche un bravo attore. Decide allora di lanciarsi in una folle impresa: scrivere l'adattamento del racconto di Raymond Carver Di cosa parliamo quando parliamo d'amore, e dirigerlo e interpretarlo in uno storico teatro di Broadway. Nell'impresa vengono coinvolti la figlia ribelle Sam, appena uscita dal centro di disintossicazione, l'amante Laura, l'amico produttore Jake, un'attrice il cui sogno di bambina era calcare il palcoscenico a Broadway, un attore di grande talento ma di pessimo carattere. Riuscirà Riggan a portare a termine la sua donchisciottesca avventura?
Dopo il tuffo negli abissi della disperazione di Biutiful, capolavoro poco apprezzato dal grande pubblico, il regista messicano Alejandro Gonzalez Inarritu si cimenta con la commedia, benché agrodolce e in alcuni tratti quasi nera. Temi principali sono l'ego, in particolare quello maschile, e l'incapacità di distinguere l'amore degli altri dalla loro approvazione. Chi meglio di un attore molto amato ma poco apprezzato per rappresentarlo? Inarritu scandaglia l'animo di Riggan usando la cinepresa come mai aveva fatto prima, ovvero cimentandosi in una serie praticamente infinita di piani sequenza all'interno dei quali gli attori recitano senza inerruzioni come su un palcoscenico teatrale, entrando e uscendo continuamente dal teatro in cui si svolge prevalentemente l'azione alla strada, e dentro e fuori i camerrini, i corridoi, il backstage del teatro stesso. In un gioco continuo di immagini rifratte attraverso specchi e spiragli.
Il paragone con Robert Altman è inevitabile: i piani sequenza (come quello iniziale de I protagonisti), l'adattamento da Carver (come in America Oggi), la messa in ridicolo corale del mondo dello spettacolo (Nashville, I protagonisti, Radio America). Come è altmaniana la visione da insider della Hollywood contemporanea, in particolare quella dei franchise dedicati ai supereroi, "pornografia apocalittica" responsabile dell'infantilizzazione irreversibile del pubblico.
Birdman è anche un capolavoro di metacinema: il protagonista è quel Michael Keaton che deve la sua celebrità all'interpretazione di Batman (ma che è anche un grande attore, come dimostra appieno nel film di Inarritu); è più volte citato The Avengers, il film cui Edward Norton, che in Birdman ha il ruolo del prim'attore, ha rifiutato di partecipare nei panni di Hulk, dopo aver litigato con la produzione del film sul gigante verde. E c'è una scena in cui Inarritu fa ciò che Hollywood vorrebbe da ogni regista, dopo aver fatto per tutto il resto del film ciò che Hollywood detesta (tranne la notte degli Oscar): infiniti virtuosismi registici, dialoghi interminabili, mancanza di un eroe immediatamente identificabile.
Birdman è apparentemente privo di montaggio (o meglio: il montaggio è molto attento a "non interrompere un'emozione") il cui ritmo è dato da una pianificazione meticolosa, una inarrestabile agilità nei movimenti di macchina, una recitazione rocambolesca, un incalzante rullo di batteria che accompagna tutte le azioni che coinvolgono Riggan. Ed è un esperimento in linguaggio cinematografico coraggioso e spaccone, reboante e ridondante, eccessivo ma funzionale alla storia che narra. Inarritu racconta l'uomo (e in particolare il maschio) nella sua fragilità e contraddizione, nei suoi sogni di gloria e le sue delusioni di vita. Racconta la presunzione, ma anche la vulnerabilità, di ogni artista, o anche di chi crede di esserlo ed è costretto a confrontarsi con l'evidenza contraria. Attraverso lo sguardo di Riggan, il regista commenta su tutta la società contemporanea, sul "genocidio culturale" in corso e sulla prevalenza fagocitante dei social media, creatori di una nuova forma di ambizione, quella di diventare virale, e una nuova forma di delusione, quella di credere che milioni di contatti equivalgano ad un singolo attestato di stima.
Il risultato è un film magmatico (e in questo senso perfettamente "almaniano") che è un piacere per gli spettatori, gioiosamente ridondante e tracimante vita ed ambizione. Nella sua bulimia creativa Inarritu inanella troppi finali, ma è difficile biasmiarlo per la volontà di dire troppo invece che tutto, ricordando che chi rischia cammina sempre sull'orlo dell'abisso.

Sei d'accordo con Paola Casella?
BIRDMAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 gennaio 2015
Lugyz

Candidato a 9 Oscar. Naturalmente. Una semplice ed imperfetta al punto giusto opera d'arte, che vuol andare controcorrente sia nel messaggio che nei modi. Un'opera intelligente, ironica, surreale in maniera adatta, e ricca di valore artistico. La fotografia è pensata e realizzata in maniera perfetta, intraprendente e coinvolgente privando lo spettatore di quella sensazione di essere l'osservatore onniscient [...] Vai alla recensione »

domenica 22 febbraio 2015
Beppe Baiocchi

Che cosa è Birdman? Birdman ( o L'imprevedibile virtù dell'ignoranza) è l'ultima fatica di Alejandro Gonzales Inarittu, regista messicano, che ha nel cassetto filmoni del calibro di Amores Perros, 21 Grammi, Babel, Biutful. Uno dei registi messicani più capaci e apprezzati da hollywood (insieme a Guillermo del Toro e al premio oscar Alfonso Cuaron).

lunedì 9 febbraio 2015
Zarar

Il film sfida il recensore :)  Il protagonista, l’attore R. Thompson,  odia i critici,  capaci soltanto di affibbiare etichette sulla base di pregiudizi.  Perché  la sua ossessione è proprio questa: essere stato etichettato una volta per tutte come attore di serie B, l’interprete di Birdman, il supereroe alato con rostro d’uccello che gli ha [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 febbraio 2015
vanessa zarastro

Vedendo Birdman ho avuto la sensazione di un film volutamente retro. Di ottima confezione e fattura, unico piano-sequenza con visione teatrale leggermente claustrofobica, forse anche per dare maggiore risalto alle fughe alate del protagonista. Con un manierismo ridondante e con attori strepitosi, il film narra la storia di  Riggan Thompson/Birdman che ricorda proprio quella di Michael Keaton/Batma [...] Vai alla recensione »

domenica 8 febbraio 2015
maopar

 Dall’ alto della celebrità  giù  nel profondo dell’anima…. Una meteora solca il cielo  all’inizio e alla fine del film… ,si tratta di una stella? Visto che si parlerà di Riggan Thompson  un famoso personaggio del mondo dello spettacolo…ma presto si capisce che si camminerà nei  lunghi e tortuosi corridoi [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 luglio 2015
Portiere Volante

Un bel film davvero ben girato e diretto ,un cast eccellente e con recitazioni convincenti. Riggan sfida sè stesso ,perchè è celebre grazie a un blockbuster ,a un personaggio Birdman, che lo ha reso immortale in un cinema di basso livello. Allora l'attore sceglia la strada più difficile,quella di una vecchia opera teatrale, per dimostrare che lui c'è ,esiste [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 gennaio 2015
Eugenio

Rimanere ancorati al pericoloso ego di cui siamo assediati ogni giorno e dal quale tentiamo di proteggerci come da una fortezza inespugnabile, talune volte cedendo al vano fascino dell’illusoria celebrità che ci eleva al di sopra del bene e del male, è esperienza comune di molti attori famosi abbarbicati allo scoglio dei ruoli che li hanno segnati per tutta la vita.

martedì 3 novembre 2015
Francesco2

 Per favore, lasciatemi scrivere -anche se con ritardo- che considero "Birdman" un grande film. Che non è ineccepibile, che contiene quella dimensione pacchianamente kitsch  di Inarritu, già vista in "Babel" e nel discutibile "21 grammi". Ma che pochissimi film sanno raccontare cosi, e senza praticamente nessuna retorica, il confine tra arte e realt&agra [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 febbraio 2016
Luigi Chierico

Il titolo del film è di gran richiamo per tutti coloro che sono appassionati del genere di Batman, Superman,L’uomo ragno,Spiderman,ma non ha proprio nulla a che confrontarsi con nessuno di loro.I fans di quel genere di film rimarranno delusi, altri ignari spettatori lo accetteranno con superficialità o lo contesteranno,altri invece ne usciranno entusiasti.

lunedì 9 marzo 2015
Bruce Harper

Ho visto Birdman, tutto sommato mi è piaciuto e qui di seguito provo a riassumere il mio giudizio. Premesso che per quanto riguarda il pro-filmico (recitazione, fotografia, scenografia, colonna sonora ecc.) siamo a livelli superlativi e quindi inattaccabili, sul versante stilistico il film incappa nelle prevedibili trappole dettate dall’ostentata sovrapposizione di due registri: onirico [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 febbraio 2015
Cinecinella

Pretenzioso e presuntuoso esercizio stilistico dove non emergono assolutamente due ottimi attori come Keaton e Norton. Trama fine a se stessa, dovrebbe essere un film che denuncia la condizione dell'attore hollywoodiano ma ne esce fuori una pellicola noiosissima, in sala echeggiavano i fragorosi sbadigli del pubblico. Una film veramente mediocre e mi meraviglio dei premi ai golden globe! Quando la [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 febbraio 2015
luca parlato

Critico verso Hollywood e la presunta superficialità dei suoi film. Critico verso i social network, stigmatizzati in maniera prevedibilmente noiosa. Critico verso l'uomo della strada, interessato a rubare con il cellulare attimi di vita altrui. Critico verso i critici di Broadway, spesso di parte e raramente sinceri nei loro giudizi.

venerdì 6 febbraio 2015
primissimavisione

 Sicuramente Birdman è un film che non vi lascerà indifferenti, sopratutto se siete amanti del cinema e  del teatro. Se conoscete la filmografia di Alejandro Inarritu rimarrete un po' spiazzati, in quanto non troverete il suo buon film drammatico a cui ci aveva abituato, ma una commedia. Credo peró che etichettare questo film come commedia sia molto riduttivo, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 maggio 2015
gambardella

birdman  è uno strano film che non lascia trasparire chiaramente i suoi intenti  o meglio il carattere reale dei suoi contenuti. ho scelto l'opzione film più che discreto ma  oserei dire discreto e nulla di più. quello che lo rende discreto è la notevole abilità tecnica degli attori e del regista ma il resto? va bene il film suona come una specie [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 aprile 2015
Lella Sabadini

Ho sempre amAto i film di Inarritu e in effetti questo si discosta molto dagli altri e  lascia spiazzati fin dalla prima scena Mi è piaciuto molto il vagbondare della macchina da presa fra corridoi angoli, stanze , esterni ed interni che fa sì che lo spettatore si senta  realmente sul set. A parte la bravura degli interpreti che riscatta alcuni momenti , purtroppo sono costretta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 agosto 2014
Peer Gynt

Battaglia a colpi di protagonismi fra attori che fanno le celebrità e celebrità che fanno gli attori, jeu de massacre fra attori che si vestono e si spogliano in continuazione dei loro stessi personaggi, continuo uscire dal palcoscenico e dal teatro per entrare nella realtà/spettacolo della strada e viceversa: questo in sintesi l'ultimo film di Gonzalez Iñarritu.

sabato 4 febbraio 2017
laurence316

Fra i film più osannati dell’anno, Birdman, la nuova fatica di Innaritu, è, ovviamente, da notare in particolare per il suo virtuosismo, essendo girato come un unico, lungo piano-sequenza (apparentemente) senza stacchi. Altro sicuro punto forte del film sono le eccellenti interpretazioni degli attori: accanto ad un “ritrovato” Keaton, l’eccezionale Norton, l’ottim [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 agosto 2016
SugarK

Le pellicole teatrali vengono riconosciute per essere ambientati in un solo luogo, accompagnati da pochi personaggi. Spesso le riprese sono lente oppure rapide, a seconda di come il regista vuole elaborare le riprese, pochi cineasti hanno girato le pellicole teatrali in una sola inquadratura come lo ha fatto Alfred Hitchcock con il suo capolavoro Rope.

venerdì 22 aprile 2016
Onufrio

Un'opera che restituisce l'attore Michael Keaton al grande cinema, nel complesso è difficile decifrare con esattezza il vero significato del film di Inarritu che in questa commedia tira in ballo un pò di tutto e di conseguenza un pò di niente. Molto teatrale, la storia analizza la vita di RIggan Thomson, attore sessantenne in crisi d'identità, da decenni famoso [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2015
IuriV

Montato come se fosse un unico piano sequenza, questo film racconta il tentativo di rivalsa, attraverso una piece teatrale, di un attore imprigionato dal successo ottenuto con il ruolo di supereroe interpretato anni prima. Con questo soggetto Inarritu si sfoga mettendo in scena i conflitti tra arte alta e cultura pop, mostrando l'ambiente del teatro come club di prime donne e circondato da critici [...] Vai alla recensione »

domenica 15 febbraio 2015
midnight

Michael Keaton interpreta Riggan Thompson un attore che vive del ricordo di birdman, un supereroe alato che anni prima lo aveva portato al successo. Il film ruota tutto attorno a questo personaggio e al conflitto interiore fra Birdman e Riggan. Il film risulta lento, privo di emozioni e dal finale prevedibile. Fortunatamente un’ impeccabile Keaton, ed un bravo Norton salvano il film….

martedì 10 febbraio 2015
pepito1948

Un teatro formicolante a Broadway. Lì fervono i preparativi per l’allestimento di un lavoro di Carver intitolato “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore”. Tutto gira intorno a Riggan, che, dopo una trionfale carriera come Birdman, supereroe con forma di uccello dotato di superpoteri ed adorato da un pubblico che non si fa troppe domande, intende organizzare uno spettacolo [...] Vai alla recensione »

martedì 10 febbraio 2015
mardou_

 “Chi non riesce a diventare un artista diventa un critico come chi non può fare il soldato diventa un traditore”. Inarritu, allontanandosi dalla strada consueta del racconto di vite parallele che si incrociano per tragiche coincidenze, completa il pensiero Flaubert con questa sua ultima pellicola che sembra urlare in tutti i modi che chi non può essere un grande uomo [...] Vai alla recensione »

martedì 28 febbraio 2017
Luca Scialo

Alejandro Gonzalez Inarritu è un regista a cui piace basare i propri film su intensità dei personaggi, inquadrature ad effetto, storie coinvolgenti. Lo ha dimostrato con 21 grammi prima, Biutiful poi, questa pellicola ancora e l'ultimo Revenant. Riuscendo perfino nell'impresa di far vincere un Oscar a Leonardo Di Caprio per l'intensità che dona al suo personaggio.

lunedì 12 settembre 2016
Great Steven

BIRDMAN (USA, 2015) diretto da ALEJANDRO GONZALES IňARRITU. Interpretato da MICHAEL KEATON, ZACH GALIFIANAKIS, NAOMI WATTS, EDWARD NORTON, EMMA STONE, ANDREA RISEBOROUGH, AMY RYAN, MERRITT WEVER, LINDSAY DUNCAN, BILL CAMP, ANTONIO SANCHEZ Riggan Thomson deve la sua notorietà al personaggio di Birdman, supereroe con costume da volatile che ha interpretato in una trilogia cinematografica, [...] Vai alla recensione »

sabato 12 marzo 2016
Antix90

Chi dice che un uomo che provi a volare, possa solo cadere? Il messaggio ultimo che mi è rimasto di questo film di eccellente e originale fattura. SI mischia il surreale al reale, la recitazione alla realtà, il sentimentale al cinismo. Un mix continuo che ruota attorno ad uno spettacolo teatrale fatto di vita e di aspirazioni, obbiettivi imposti dalla società moderna e dal nostro [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 marzo 2016
Eleonora Panzeri

Riggan Thomson è una celebrità di Hollywood non più nel fiore degli anni, divenuto famoso grazie al ruolo del super eroe alato Birdman. Riggan vuole dimostrate a sé stesso e al mondo di essere molto di più che una strar priva di talento. Decide quindi di investire tutti i suoi soldi in uno spettacolo teatrale diretto e interpretato da lui.

venerdì 2 ottobre 2015
gianleo67

Ex star del cinema, famoso per il personaggio del supereroe Birdman di numerosi blockbuster hollywoodiani, decide di dare una svolta alla propria carriera trasferendosi in un teatro di Broadway e mettendo in scena un impegnato dramma teatrale basato sui racconti di Raymond Carver. La sua scelta si rivelerà foriera di innumerevoli difficoltà economiche, professionali ed umane che lo [...] Vai alla recensione »

domenica 21 giugno 2015
extreme81

Nonostante gli oscar vinti, io l'ho visto prima e sono rimasto veramente deluso.  So di essere fuori dal coro, ma ho trovato davvero patetica la storia di un attore che ha fatto fortuna venti anni prima con una saga di supereroi per poi andare nel dimenticatoio,  andare a Broadway e cimentarsi in uno spettacolo nel quale non crede nemmeno lui.

giovedì 5 marzo 2015
FabioFeli

Riggan (Michael Keaton), un attore già affermato nei panni di uomo-uccello, un super-eroe di cartapesta, ha l’ambizione di dimostrare a se stesso e al mondo intero che è un interprete vero in grado di conquistare senza maschera l’esigente pubblico degli spettacoli teatrali per il quale non c’è trucco e non c’è inganno. Vuole scrollarsi di dosso l’etichetta che lo ha reso famoso.

mercoledì 4 marzo 2015
marcobrenni

Finalmente si ritorna a fare vero cinema ! Cos'è infatti  il cinema se non entra anche nel cervello, nella mente, psiche  metafisica  del regista e dei protagonisti ? Rimane poco più  che  teatro o rarrazione su celluloide  (oggi digitalizzata). Non m si venga a dire che i postmoderni famigerati "effetti speciali" al computer siano di per sé [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 marzo 2015
Casval

Realtà e finzione, maschere e attori, pubblico e critica, popolarità e mediocrità, arte e mainstream: queste sono le coppie conflittuali su cui si incardina il film di Iñárritu.   La scelta del piano sequenza riproduce il punto di vista tipico dello spettatore teatrale e costringe il pubblico nell'azione scenica: è il pubblico, infatti, [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 febbraio 2015
Filippo Catani

Un attore di mezza età ha deciso di smettere i panni di una fortunata serie di film su un supereroe di nome Birdman. Questa serie gli ha dato una grandissima popolarità ma l'uomo decide di cimentarsi nell'adattamento di Cosa parliamo quando parliamo d'amore di Raymond Carver. Il film è davvero di pregevole fattura e parlando di Inarritu non ci sarebbe da meravigliarsi [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2018
valekiddo

Osannato dalla critica, dall'Academy e dal pubblico, Inrarritu propone una pellicola irripetibile dal punto di vista tecnico scegliendo di girare tutto in piano sequenza, ma, ahimé, al di là della capacità filmografica non si va. Keaton riveste un ruolo che pare cucito appositamente per lui; l'attore-supereroe di blockbuster dell' industria cinematografica hollywoodiana [...] Vai alla recensione »

martedì 17 ottobre 2017
Dandy

Il racconto di ex-celebrità in declino che vuole a tutti i costi tornare a brillare ma è incapace di confrontarsi col mondo odierno,e in primis,con chi lo circonda.Inarritu si attacca ai personaggi in modo quasi opprimente,seguendoli con lunghi piani seqenza e ambientando quasi tutta la vicenda in teatro o in strade adiacenti.Vuole parlare di molte cose,d all'analisi del protagonista [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 maggio 2017
Veronica

Credo che per alcune rare pellicole la descrizione meticolosa della storia faccia perdere la bellezza inestimabile del valore di un emozione. Essendo Birdman particolarmente strutturato , sia dal punto di vista della regia che della sceneggiatura, voglio lasciare a voi la piena libertà di scoprire scena dopo scena, la complessità di una storia creata dal talentuoso Alejandro González [...] Vai alla recensione »

martedì 22 novembre 2016
Giorpost

Riggan Thomson è un famoso attore sessantenne che ha quasi sempre recitato in film ad alto budget; tuttavia la sua carriera è irrimediabilmente legata all'immagine del super-eroe Birdman per il quale, anni prima, ha rifiutato di recitare nel terzo capitolo dell'omonima saga per dimostrare al mondo di essere, oltre che una star tutto muscoli ed azione, anche un interprete dotato [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 dicembre 2015
andrejuve

“Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza) è un film del 2014 diretto da Alejandro Gonzalez Innaritu. Riggan Thomson è un attore che vive un periodo di crisi esistenziale e lavorativa in quanto il suo ultimo grande successo cinematografico risale a vent’anni prima, quando ha interpretato per la terza volta il supereroe di nome “Birdman”. [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2015
Fabal

Di cosa parliamo quando parliamo d'amore.  In un teatro di Broadway Riggan Thompson è regista e protagonista di un adattamento del celebre testo di Raymond Carver. Un attore di cinema prigioniero di un personaggio, specie se in costume, rischia di rimanere ancorato a vita al mondo dei blockbusters: non solo nella sua testa e in quella dei fan facili alla nostalgia, ma anche all'occhio [...] Vai alla recensione »

martedì 30 giugno 2015
folgore94

Fin dalle prime battute si capisce che questo nn e' un film di facile assimilazione. inizialmente ci si trova un po' spaesati cercando di capire la logica della pellicola. Lentamente pero' inizia a catturarti, e tra la fantastica recitazione degli attori e le sublimi riprese piano sequenza ti porta ad entrare nella psiche del protagonista fino ad arrivare ad un finale quasi allucinogeno. [...] Vai alla recensione »

domenica 26 aprile 2015
1234567890987654321

Non è facile parlare di Birdman, credo che ogni parola sia superflua, così come ogni definizione che si voglia attribuirgli. Birdman non è un film, è teatro d'avanguardia cinematografico in piano sequenza, è un quadro del quarto millennio venuto dal futuro, un'opera d'arte dinamica. È pura espressione artistica e umana: è una commedia nera, un film drammatico, un grottesco, una rappresentazione di [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 aprile 2015
cesarp

Credo sia stata premiata l'originalità delle riprese. Il regista si è cimentato in una vera e propria prova di forza, riuscendo a montare un unico piano sequenza per una intera commedia. In realtà non si tratta di un'unica ripresa di due ore (piano sequenza vero e proprio), ma di diverse riprese dalla lunga durata fuse assieme, approfittando dell'assenza di luce o di immagini fisse.

sabato 28 febbraio 2015
NERONE BIANCHI

Le immagini nei “vicoli” del retropalco restano come un lungo e affannoso andirivieni tra una stanza e l'altra della psiche umana, si va dal palco al camerino, alla terrazza, al bar, ogni luogo è un ambito della nostra memoria, un affresco delle relazioni che allacciamo, un termometro di ciò che cerchiamo nella realtà, nelle persone che ci circondano e di cui ci circondiamo.

lunedì 23 febbraio 2015
Donato Prencipe

 Sono passati più di vent'anni da quando Michael Keaton indossò il costume dell'”uomo pipistrello” ricevendo così da Tim Burton l'onore e l'onere di impersonare la doppia vita di un supereroe, amato dal pubblico di tutto il mondo. Oggi ritorna sul grande schermo, alla corte di Alejandro Gonzalez Inarritu, per impersonare Riggan Thomson, un attore [...] Vai alla recensione »

domenica 22 febbraio 2015
Spock88

Il film, ambientato quasi tutto dietro le quinte di un palcoscenico, racconta la vita di Thomson (Keaton) nei panni di attore e star famosa per aver interpretato il supereroe Birdman. Si ritrova diversi anni dopo a dover combattere con il suo alter ego per una vita depressa, per il decadimento della sua carriera e per il fallimento di marito e padre.

sabato 14 febbraio 2015
Mattia.

E così Alejandro González Iñárritu alla sua quinta opera firma il capolavoro. Si, di Birdman o (L'imprevedibile virtù dell'ignoranza) si può parlare di capolavoro.   Non è semplice parlare di Birdman, per il semplice fatto che questa volta  abbiamo a che fare con qualcosa di nuovo, di mai visto prima.

sabato 7 febbraio 2015
fsromait

Consapevolmente superba rappresentazione filmica, in quel di una Broadway vissuta in tempo reale, descritta al presente come la miglior contemporaneità spesso impone, pressoché ininterrotto assolo di talvolta asfissianti piani-sequenza (riecheggianti Hitchcock) solo saltuariamente pausati da rare ossigenanti dissolvenze, Iñárritu definisce e realizza un ininterrotto flusso di coscienza attorno alla [...] Vai alla recensione »

martedì 15 settembre 2015
Dodo780

Riggan Thomson (Michael Keaton),celebre in tutto il mondo per la sua interpretazione del supereroe Birdman, è alle prese con una nuova sfida: produrre, dirigere e interpretare un’opera teatrale. Una sfida con il pubblico (ma soprattutto con se stesso) per dimostrare di essere grande, con la modernità e con il passato in un ultimo,disperato tentativo di sentirsi vivo.

martedì 15 settembre 2015
Dodo780

 Riggan Thomson (Michael Keaton),celebre in tutto il mondo per la sua interpretazione del supereroe Birdman, è alle prese con una nuova sfida: produrre, dirigere e interpretare un’opera teatrale. Una sfida con il pubblico (ma soprattutto con se stesso) per dimostrare di essere grande, con la modernità e con il passato in un ultimo,disperato tentativo di sentirsi vivo.

sabato 20 giugno 2015
no_data

Inarritu va a teatro, quello con la T maiuscola, quello all'origine della cultura delle arti visive americane, il crogiuolo delle vette della recitazione. Lo stravolge, lo bombarda e dalle sue macerie lo fa risorgere in veste rinnovata. Gli attori spaesati sono inseriti in un mondo reale in “continuo”, dove non esistono il montaggio, la post-produzione e gli effetti speciali. In [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
mercoledì 27 agosto 2014
Paola Casella

Alejandro González Iñárritu ci mette dai tre ai quattro anni a girare un film. Dopo Amores Perros, 21 Grammi, Babel e Biutiful si sono succeduti con quell'intervallo perché il regista messicano è, per sua stessa ammissione, un perfezionista. Dall'uscita di Biutiful, che ha portato Javier Bardem a conquistare la Palma come miglior attore al Festival di Cannes del 2010, sono passati altri quattro anni, ma ci sono voluti tutti per pianificare e poi realizzare Birdman, il film con cui Iñárritu inaugura il concorso della 71.

Frasi
Mike: "Obbligo o verita'?"
Sam: "Verità"
Mike: "Che cosa vorresti fare con me?"
Sam: "Vorrei strapparti gli occhi e metterli al posto dei miei. Per poter vedere questa strada con gli occhi di quando ero ragazzo!"
Dialogo tra Sam (Emma Stone) - Mike Shiner (Edward Norton)
dal film Birdman - a cura di filippo tognoli
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Natalia Aspesi
La Repubblica

Quel rumoroso successo giovanilista che Michal Keaton aveva conquistato nel 1989 e nel 1992 interpretando con la regia di Tim Burton il supereroe da fumetto Batman, fa di lui il protagonista ideale di Birdman o (L'inaspettata virtù dell'ignoranza), sesto e forse più bello dei film del regista messicano Alejandro Gonzàles Inàrritu, che ieri ha inaugurato magnificamente la 71° Mostra del cinema.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Che il film sia una satira di Hollywood e del cinema degli effetti speciali, è motivo accreditato dallo stesso autore, il messicano Alejandro G. Inarritu; e dalla sua scelta, per il ruolo protagonista del divo cinematografico in declino che cerca di risorgere dalle ceneri recitando a Broadway in una pièce da Carver, di un attore come Michael Keaton: assurto nel 1989 a fama nei panni del Batman di Burton [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un film tutto dialoghi brillanti e trascinanti piani sequenza contro la retorica dell'azione e degli effetti speciali (che però fanno capolino in sottofinale...). Un cast di attori (formidabili) che recitano la parte di attori, entrando e uscendo di continuo dal ruolo, con mille allusioni alle loro vere carriere. E un regista che è nato in Messico ma firma un film americano fino al midollo.

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Ex star dei superhero movies, Riggan Thomson (Keaton) mette in scena Di cosa parliamo quando parliamo d'amore a Broadway: attori (Edward Norton), figlia (Emma Stone), ex moglie, nuova fiamma e se stesso sono tutti contro lui, che sul palco si vuole ripulire dai lustrini hollywoodiani. Ce la farà? Ottima apertura del Concorso di Venezia 71, Inàrritu vede Kaufman (Synechdoche, NY), Cronenberg (Maps to [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Una battuta "La fama è la cugina zoccola del prestigio" - per graffiare l'immaginario sulle celebrities, virtuosi piani sequenza sapientemente raccordati e una commedia nera sui generis, una sorta di Effetto notte sulle macerie di Hollywood ma ambientato a Broadway: Birdman, già apertura della 71° Mostra di Venezia, premiato ai Golden Globes con il redivivo Michael Keaton e in pole-position agli 87 [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

L'inizio, ed è il secondo anno consecutivo, a differenza di altri festival, quello di Cannes in testa, propone un grande film: la scorsa edizione è stato il magnifico Gravity, questa volta Birdman (o le imprevedibili virtù dell'ignoranza), attesissimo nuovo lavoro di Alejandro G. Inarritu a cui Venezia 71, direttore Alberto Barbera, ha affidato la serata di inaugurazione che ha visto arrivare sul Lido [...] Vai alla recensione »

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Era un superuomo e adesso è un esordiente sul palcoscenico di Broadway, Michael Keaton dal mantello scuro è approdato nella New York sprezzante verso Hollywood e i suoi blockbuster a fumetti. Perduto nel mito di Batman, seppellito dalle glorie passate, "terrorizzato di non contare più nulla", parrucchino sulla testa spelacchiata, l'ex divo vive con l'ossessione di dimostrare d'essere un vero attore [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Venezia 71, centro! "Birdman", come e più di "Gravity" l'anno scorso, è un vero film d'apertura: commedia e dramma intorno all'impresa di cambiare il corso di una vita a Hollywood, dove il successo è una prigione e l'ambizione di "diventare" se stessi si paga con l'emarginazione; un cast di star che gioca alla grande l'occasione di interpretare allori di cinema e teatro, richiamando Altman, Malick, [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Un ex celebrità di Hollywood, famoso per un ruolo da supereroe, torna sui palcoscenici di Broadway per dimostrare che fu gloria meritata. Dovrà recitare con un egocentrico attore, con il quale si scontrerà a ripetizione. Carico di Nominations (ben 9, forse eccessive), Birdman è un gran bel film, interpretato da un cast strepitoso, godibile peri suoi dialoghi spiritosi, con il solo vizio di aver trattato [...] Vai alla recensione »

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Sembrerebbe sia proprio Iñárritu il primo a non credere troppo alla ossatura delle storie dei suoi film: è forse il modo più superficiale per comprendere la sua ossessione per le strutture narrative smodate e spesso prive di una necessità, ma probabilmente c'è un fondo di verità; e semmai è curioso che il regista messicano sia passato dalle concatenazioni temporali più confuse (manco fosse Nolan) alla [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 23 febbraio 2015
 

L'assegnazione degli Independent Spirit Awards, premi riservati al cinema indipendente e giunti quest'anno alla 30esima edizione, conferma le attese e restituisce un'idea di quanto la cerimonia di premiazione degli Academy Awards 2015 fosse poco altro [...]

GALLERY
lunedì 23 febbraio 2015
 

Ecco le foto dei premiati al tradizionale photocall dopo la consegna della statuetta: ci sono Patricia Arquette e J.K. Simmons con il premio come Miglior Attrice/Attore non protagonista; Eddie Redmayne e Julianne Moore, vincitori dell'Oscar come Miglior [...]

NEWS
lunedì 23 febbraio 2015
Tirza Bonifazi

Tutti i pronostici che davano per vincitore Birdman di Alejandro González Iñárritu, gran favorito della stagione cinematografica, sono andati a segno. Per il secondo anno consecutivo è un messicano a guadagnare l'Oscar come Miglior regista: Alejandro [...]

GALLERY
giovedì 28 agosto 2014
 

Michael Keaton, Edward Norton ed Emma Stone protagonisti del red carpet di Birdman, diretto dal regista messicano Alejandro González Iñárritu.

NEWS
giovedì 10 luglio 2014
 

Sarà Birdman (o Le imprevedibili virtù dell'ignoranza), diretto da Alejandro G. Iñárritu (Amores perros, 21 grammi, Babel, Biutiful), con Michael Keaton, il film d'apertura della 71. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica che si svolgerà a Venezia [...]

winner
miglior film
Premio Oscar
2015
winner
miglior regia
Premio Oscar
2015
winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
2015
winner
miglior fotografia
Premio Oscar
2015
winner
miglior film straniero
David di Donatello
2015
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
2015
winner
miglior attore in un film brillante
Golden Globes
2015
winner
miglior fotografia
BAFTA
2015
winner
miglior film straniero
Cesar
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati