Full Metal Jacket

Film 1987 | Guerra V.M. 18 116 min.

Anno1987
GenereGuerra
ProduzioneUSA
Durata116 minuti
Regia diStanley Kubrick
AttoriMatthew Modine, Adam Baldwin, Vincent D'Onofrio, Kevyn Major Howard, John Terry R. Lee Ermey, Arliss Howard, Dorian Harewood, Ed O'Ross, Kieron Jecchinis, Kirk Taylor, Ian Tayler, Ngoc Lee, Papillon Soo Soo, Leanne Hong, Tim Colceri, Jon Stafford, Gary Landon Mills, Peter Edmund, Tan Hung Francione, Marcus D'Amico, Costas Dino Chimona, Gil Kopel, Keith Hodiak, Peter Merrill, Herbert Norville, Nguyen Hue Phong, Duc Hu Ta, Bruce Boa, Sal Lopez.
TagDa vedere 1987
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18
MYmonetro 4,23 su 122 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Stanley Kubrick. Un film Da vedere 1987 con Matthew Modine, Adam Baldwin, Vincent D'Onofrio, Kevyn Major Howard, John Terry. Cast completo Genere Guerra - USA, 1987, durata 116 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 - MYmonetro 4,23 su 122 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Full Metal Jacket tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un gruppo di giovani marines appena reclutati e duramente addestrati dal sergente Hartman con metodi brutali, parte per il Vietnam, dove sperimenta gli orrori della guerra nella battaglia intorno alla città di Hue. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, ha vinto un premio ai David di Donatello, 1 candidatura a Golden Globes,

Full Metal Jacket è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,23/5
MYMOVIES 4,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,09
ASSOLUTAMENTE SÌ
Cruda denuncia della follia e della presunzione umana.

Un gruppo di giovani marines appena reclutati e duramente addestrati dal sergente Hartman con metodi brutali, parte per il Vietnam, dove sperimenta gli orrori della guerra nella battaglia intorno alla città di Hue. Una cruda denuncia della follia e della presunzione umana - tema dominante in Kubrick, sia che essa si eserciti nello spazio o sulla Terra - resa efficace dal realismo della scenografia (l'inquietante geometria della caserma e l'apocalittico teatro della battaglia) e dalla nitida fotografia.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dal romanzo The Short Timers di Gustav Hasford: in un campo di addestramento dei Marines nel South Carolina diciassette giovani civili vengono trasformati in combattenti (macchine da guerra e di morte); partito per il Vietnam, Joker, uno dei diciassette, lavora per un giornale militare e si trova coinvolto nell'offensiva del Tet (1968). Per la prima volta in venticinque anni Kubrick fa i conti con la realtà di oggi, nuda e cruda, andando al di là del Vietnam per prendere a bersaglio l'atrocità del secolo, il tempo sporco della Storia. Iperrealistico, è un film in prosa asciutta, quasi sciatta, di una secchezza fertile, attraversato da una gelida brezza di umor nero sulla violenza dell'istituzione militare. Diffama la guerra e l'esercito. Girato interamente in Inghilterra. La voce italiana del sergente Hartman (Ermey) è di Eros Pagni.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FULL METAL JACKET
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 4 febbraio 2012
RONGIU

Sông Hương \ il fiume dei profumi / I lavori di Stanley Kubrick proiettano lo spettatore, inevitabilmente ed aggiungo fortunatamente,  in realtà storico-temporali certe, vere, propositive, prive di mistificazioni e se aggiungo dinamitarde sotto tutti i punti di vista,  non penso di essere lontano dalla sua “mente”.

lunedì 30 agosto 2010
weachilluminati

Quella di Stanley Kubrick è guerra decisa contro le mostruosità della violenza in genere  sia espressa con la guerra che con   l'esercizio del potere ,che  con il controllo , che con  la sottomissione e con ogni altro mezzo . Questa crociata  contro la violenza e lo schema ideleogico della guerra è costante [...] Vai alla recensione »

domenica 6 febbraio 2011
Gene92

"Se creperete nel campo di battaglia vi ritroverete in un mare di mer**, perché ad un Marine non è permesso morire senza autorizzazione!" Non è un semplice film storico che ci fa pensare "quanto è brutta la guerra" è un capolavoro assoluto che ci fa rimanere letteralmente a bocca aperte in molte parti del film.

venerdì 28 agosto 2015
Kyashan

Dallo spazio profondo ai campi di battaglia, il cinema del maestro britannico non conosce confini: con "Full metal jacket", il Kubrik mette a nudo la crudele insensatezza della guerra e lo fa avvalendosi di uno dei più cruenti conflitti degli ultimi anni, quello tra America e Vietnam.  Divisibile in due grandi tempi, questo ennesimo capolavoro del Maestro introduce gli [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 aprile 2013
Filippo Catani

Un gruppo di giovani soldati americani viene addestrato da un terribile sergente a diventare membri dei marines e combattere nella guerra del Vietnam. Uno di questi soldati si ritroverà prima inviato di guerra poi in prima linea durante la cosiddetta offensiva del Tet. Tra i migliori film di sempre contro il militarismo e tra i migliori fra quelli che hanno raccontato la follia della guerra [...] Vai alla recensione »

sabato 19 marzo 2011
Alex41

Perchè Full Metal Jacket per me è un capolavoro, un ottima opera? In passato il maestro Kubrick ha realizzato molte altre opere di guerra, da Orizzonti Di Gloria alla commedia satirica Il Dottor Stranamore. Nei suoi film di guerra passati, specialmente il primo, Kubrick parla della guerra proiettando i soldati all'interno del fronte in vere e proprie battaglie.

domenica 20 dicembre 2015
jekyll

Il film è diviso in due parti, l'addestramento e la guerra. Con uno stacco memorabile, si passa al Vietnam con l'entrata in campo di una prostituta in un set allegro, dopo la plumbea atmosfera di tutta la prima parte, in una sequenza dal tono di commedia ma che contiene tutti gli elementi non solo del senso del film ma del discorso di Kubrick sulla società americana e occidentale e l'esportazione del [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 dicembre 2015
Simone Pennisi

Kubrick ci mostra come  il lato disumano dell’uomo(Hartman) possa essere capace di disumanizzare(marines), traspare l’insensatezza della guerra, l’ inconsapevolezza dei soldati, la loro superficialità nei confronti della vita, l’istinto prevaricatore su ogni cosa perfino sull' esistenza umana,  la  distruzione spietata e infondo incompresa dai soldati, [...] Vai alla recensione »

domenica 17 luglio 2016
Leonardo Bellucci

 Nella prima parte di Full Metal Jacket emerge la figura di Hartman capace di trasformare uomini in soldati disumani pivi di emozioni. Nella seconda parte a mio avviso c’è una frase eloquente, pronunciata dal soldato Animal che spiega cos’è la guerra:” Meglio io che loro “, con quest’espressione Kubrick riesce a mostrare quanto egoismo ci sia nella guerra [...] Vai alla recensione »

martedì 21 luglio 2015
Portiere Volante

Chi di noi non ha mai amato il sergente Hartman alzi la mano, i suoi monologhi hanno fatto impazzire generazioni. La fase dell'addestramento è molto ben curata ed anche se ovviamente nel film vi saranno state delle esagerazioni ,di sicuro l'addedstramento dei marines è duro e porta alla formazione del "Noi" piuttosto che a lasciare all'individuo libertà di [...] Vai alla recensione »

domenica 17 luglio 2016
Leonardo Bellucci

 Nella prima parte di Full Metal Jacket emerge la figura di Hartman capace di trasformare uomini in soldati disumani pivi di emozioni. Nella seconda parte a mio avviso c’è una frase eloquente, pronunciata dal soldato Animal che spiega cos’è la guerra:” Meglio io che loro “, con quest’espressione Kubrick riesce a mostrare quanto egoismo ci sia nella guerra [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 maggio 2015
Barolo

kubrick non si discute, si ama.In questo film raggiunge livelli di perfezione quasi assoluta.Fare un film di guerra, contro la guerra, è difficile,quello del regista non è un pacifismo senza se e senza ma , bensì un atto d'accusa contro un militarismo ottuso e arrogante ,che fa il lavaggio del cervello e crea delle macchine da guerra al posto degli uomini che smettono di essere [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 aprile 2015
Great Steven

FULL METAL JACKET (GB/USA, 1987) diretto da STANLEY KUBRICK. Interpretato da MATTHEW MODINE, ADAM BALDWIN, VINCENT D'ONOFRIO, KEVIN MAJOR HOWARD, JOHN TERRY, R. LEE ERMEY Mentre infuria la guerra in Vietnam, in un campo di addestramento dei Marines nel South Carolina, diciassette giovani civili sostengono un allenamento massacrante e spietato sotto la guida inflessibile del feroce e cattivissimo [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 novembre 2014
Noia1

Addestramento e pratica alla guerra in Vietnam, un’esperienza sconvolgente. Stanley Kubrick ci ha abituato a prove cinematografiche eccezionali senza smentirsi nemmeno in questo capolavoro, intenso e spaventoso. Al di là di immagini concrete e paroloni tutto viene trasmesso attraverso la maturazione dei personaggi, ognuno reagisce a modo suo ma sempre e comunque evidenziando, in modo [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 agosto 2012
Paolo Pacitti

In «Full metal jacket» (tratto dal romanzo «Nato per uccidere» di Gustav Hasford, un veterano del Vietnam), Kubrick esplora le contraddizioni, la dualità dell'uomo come l'ansia di vita e la pratica di morte. Nelle intenzioni di Kubrick non un film contro la guerra come era stato «Orizzonti di gloria» – sebbene il regista fosse stato contrario [...] Vai alla recensione »

martedì 13 marzo 2018
Ennio

Ho rivisto questo film dopo quasi 30 anni in un passaggio in TV, e le mie impressioni non molto positive sono state confermate, a 50 anni come a 20. Si inseriva nel filone post-Vietnam molto in voga tra fine anni '70 e anni '80, e aggiunse poco di nuovo, dopo capolavori come "il cacciatore" e "apocalyse now" e l'ottimo "Platoon".

domenica 29 settembre 2013
jacopo b98

 Nel campo d’addestramento di Parris Island del corpo dei Marines, un gruppo di giovani vengono addestrati dal tremendo sergente maggiore Hartman (Ermey, un ex addestratore vero del corpo di Marines, chiamato da Kubrik come consulente e poi assunto come attore dopo averlo visto all’opera). Uno di loro, Palla di Lardo (D’Onofrio) impazzisce e dopo aver fatto fuori l’istruttore [...] Vai alla recensione »

martedì 29 gennaio 2013
ibracadabra 8

l' ennesimo capolavoro,del genio esce dopo alcuni anni da " l'altro capolavoro SHINING, la tempistica che il genio si prende  da un film  all' altro ,fa da specchio alla sua meticolosita'  alla attenzione ai piccili dettagli(,o ai grossi) vedi storia vera ,agli studi e approfondimenti. il film è    tratto dal romanzo «Nato per uccidere» [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 settembre 2011
Pilats

questo  è sicuramente un capoloro. un film di guerra, ma anche sulla guerra. kubrik sa infatti mescolare benissimo ad azione, sparatorie, addestramenti, insulti, una profonda moralità sulla guerra. film nettamente diviso in due parti davvero ben congegnate: il reclutamento e il fronte vietnamita. trama  semplice ma per nulla scontata.

giovedì 25 agosto 2011
cinemalife

È così che Stanley Kubrik racconta il genero bellico. Uomini trasformati in macchine da guerra, fatti per uccidere, born to kill. E lo spiega attraverso un impressionante pellicola per volgarità e crudeltà. Si può dividere il film in due distinte parti: inizialmente giovani ragazzi ma futuri marines vengono duramente addestrati dal severo generale Hartman, che sfoggia orgogliosamente il proprio disprezzo [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 agosto 2011
Viola96

Bisognerebbe andare all'apice della cultura americana della guerra,del conflitto,del dolore e dell'autorità,per comprendere veramente quest'immensa epopea bellica di un Kubrick strepitoso.Questo tassello nel suo immenso puzzle di conoscenza,Kubrick lo dedica all'esplorazione della violenza e all'esternazione fugace di essa.

mercoledì 22 luglio 2009
La grappa di Pino

Parris Island, campo di addestramento dei marines: vi spadroneggia il sergente Hartman (R. Lee Ermey) che cerca di trasformare i "vermi" che gli capitano "non i robot, ma in killers". Una delle reclute, Palla di Lardo (V. D'Onofrio) non regge e uccide l'istruttore: gli altri, tra cui Joker (M. Modine) e Cowboy (A. Howard) sono mandati in Vietnam, dove impareranno a "non avere paura".

venerdì 7 aprile 2017
Diabolik0

kubrick è stato uno dei registi più geniali di questo secolo,si è confrontato sullo schermo con  i generi più disparati,dall'horror alla fantascienza, sempre con grande successo sia  di critica che di  pubblico.In questo film invece,l'oggetto del suo interesse è la guerra.Il conflitto degli americani in Vietnam ha lasciato ferite profonde [...] Vai alla recensione »

martedì 11 marzo 2014
Forackone

Storia di un gruppo di marines nell'epoca della guerra del Vietnam, Full Metal Jacket è un film sulla guerra ma non (o almeno non solo) di guerra. Per la prima parte del film infatti l'ambientazione non è il campo di battaglia, bensì quello di addestramento, governato con pugno di ferro dal sergente Hartman, in cui i giovani ragazzi vengono, con maltrattamenti, insulti, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 settembre 2010
paolomiki

Troppi fuochi improbabili in quella quantità che sembrano solo fatti apposta per risaltare l'effetto lume di candela della fotografia. La prima parte è meravigliosa ma la seconda sembra molto confusa piena di battute che sembrano essere copiate da qualche giornale di sinistra pacifista vicino ai figli di papà che vanno a manifestare senza sapere cosa vogliono.

venerdì 24 giugno 2011
Cenox

Un film abbastanza lineare e senza molta fantasia...diciamo che non regala niente di nuovo agli amanti del genere. Indubbiamente non annoia ma si tiene costantemente sulla falsariga del telefilm "Smallville" per chi lo conoscesse. Tratta della storia del solito bel ragazzo, costretto a scappare da esseri alieni nemici della sua razza, che si ritrovano a combattere in un pianeta che non [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2011
Giordy.91

IL film è spettacolare...non ce bisogno di altro...

martedì 17 agosto 2010
Rhino

Ogni singolo soldato a questo mondo almeno una volta si è svegliato con un senso di insicurezza, di vuoto... perché quello che fa ogni singolo giorno ha una spiegazione rara, e cioè la verità, quella di una guerra senza senso, di puro omicidio di massa, insomma di tutto quello che Stanley mostra, perché lui mostra la verità. Capolavoro assoluto.

giovedì 20 maggio 2010
MARVELman

Tutti i commenti negativi a mio nome su questo film che compaiono su questo forum non sono miei ma opera di utenti che hanno voluto costruirmi una  pessima ma soprattutto FALSA reputazione tra gli  altri utenti, infatti sono stati scritti prima che il sito introducesse la registrazione con nickname e password, tempi in cui bastava copiare il nome da una persona e scrivere sotto false [...] Vai alla recensione »

sabato 7 maggio 2011
Fierror

Già dal nome si capisce di che genere di film si tratti,un film crudo e duro,ma non stazionario,bensì molto dinamico,cioè ci sono molti ambienti e non si svolge come tanti altri film sempre negli stessi venti metri quadrati. Bellissima la scena quando Palla di Lardo infuriato pronuncia FULL METAL JACKET

lunedì 21 giugno 2010
joker 91

come sempre il maestro non ne sbaglia uno di film,dopo capolavori come arancia meccanica,shining,spartacus ed il mitico 2001 odissea nello spazio kubrick ci regala ciò che secondo lui è il vietnam, lo fa con un altro capolavoro,modine azzeccatissimo per il ruolo come del resto tutti gli altri nessuno escluso. A voi la guerra secondo kubrick,molto diverso da Apocalipse now è forse un po inferiore al [...] Vai alla recensione »

martedì 26 gennaio 2010
Alex41

Ancora una volta il genio di Kubrick non osa deluderci. Torna sette anni dopo il suo noto Shining (1980) con un suo nuovo film di guerra. Inizialmente, agli inizi della sua carriera, realizzò lungometraggi in bianco e nero sulla guerra: "Orizzonti Di Gloria" e "Il Dottor Stranamore", due pellicole spettacolari assoutamente consigliati.

lunedì 23 agosto 2010
AMBROGINO

uno dei migliori film di stanley kubrick

mercoledì 11 agosto 2010
chriss

Amo il cinema di Stanley Kubrick. Le sue opere cinematografiche sono diventate, negli anni, dei veri e propri cult. Kubrick era originale oltre che maniacale. Tutt' oggi, la critica, gli riconosce di aver esplorato quasi tutti i generi del cinema: guerra, amore, sesso, storia, fantascienza e così via. Però, col dovuto rispetto per uno dei miei registi preferiti,  (assieme [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 aprile 2010
il cinefilo

Il sottoscritto ritiene che la forza di FULL METAL JACKET di stanley kubrick,più che nella "sostanza"(come invece si poteva dire per IL DOTTOR STRANAMORE)si trova essenzialmente nella "tecnica",cioè nella grandiosa abilità che ha dimostrato il regista nell' girare una storia nettamente spaccata in due parti: la prima che è ambientata in un campo [...] Vai alla recensione »

martedì 23 novembre 2010
il cinefilo

Innanzitutto mi sono stancato di sentirmi dire,dai bambini come te,che gli opinionisti come il sottoscritto assegnano al film in questione dei voti alti solamente perchè sono diretti da un regista famoso(questa cretinata sarebbe ora che finisse)e non sulla base di una concisa analisi critica. In secondo luogo mi sarebbe piaciuto vedere te,in quel periodo nel sud-est asiatico,a prenderti le [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 ottobre 2011
tiamaster

"soldato palla di lardo strangolati da solo!!!" Quella sopra citata è una frase di una delle più grandi e famose scene del film e del cinema.Full metal jacket è l'ennesimo capolavoro di kubrick,un film incedibile,storico e assolutamente un capolavoro.Kubrick ha una dote che ogni regista invidia:vede.Vede oltre a quello che si vede,i suoi non sono film umani ma un incredibile e pazzesca discesa nella [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2011
paolomoka

A mio giudizio uno dei più completi film di Kubrick: musiche eccezionali, regia impeccabile e grande lavoro dei nostri doppiatori italiani! Kubrick ripropone il tema della guerra dopo il successo con Orizzonti di gloria, ma questa volta lo fa in modo totalmente diverso, attraverso gli occhi di un ragazzo porta un elmetto con scritto "born to kill" e sulla divisa un distintivo con il [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2010
Nalipa

C'é poco da commentare per questo bellissimo film dell'immenso Kubrick. Bisogna vederlo e basta! Mi correggo (perché,con molto stupore ho letto che a qualcuno Kubrick non piace) "Coloro che amano il CINEMA" se non lo hanno ancora visto cerchino di provvedere.

sabato 20 novembre 2010
ivan91

un piccolo gioiello che tuuti doverebbero guadare per riflettere sulla brutalità della guerra e su come quasta possa portare gli uomini a diventare speietati assassini

venerdì 8 gennaio 2010
pedro

Perchè i film di Kubrik ti obbligano a rivederli, senza stancarti? Perchè sono cosi intriganti, pur così oscenamente artefatti? Perchè sono così assurdamente fuori dal tempo che potrebbe esser stati girati ieri? Non lo so. Forse perchè kubrik meditava molto prima di dirigerli. Comunque non mettere Full metal jacket tra i capolavori del cinema non è possibile.

venerdì 28 agosto 2009
faster,pussycat!kill!kill!

in questo film kubrick da sfogo al suo lato più volgare e violento(non preoccupatevi,ho visto arancia meccanica)..ma per violenza non si intende solamente un braccio amputato o uno stupro,no:per violenza si intende anche un ragazzo che viene addestrato come fosse"una macchina da guerra",abituato a subire soprusi,forti umiliazioni e stare agli ordini di un comandante 24 su 24.

venerdì 5 agosto 2016
street_spirit

Secondo me il migliore di Kubrick assieme a 2001

mercoledì 2 luglio 2014
g_andrini

E' un buon film, che mantiene un certo interesse, anche se di tipologia un po' superata. Bello il formato originale 1.37:1, ottimo anche per le televisioni dell'epoca.

giovedì 20 settembre 2012
MichaelMyers98

Senza dubbio il miglior film di guerra mai girato. Qui Kubrick mette in scena la parabola di alcuni soldati capitati in un centro di addestramento nelle grinfie di un fanatico. Ma dovranno passare anche sul campo di battaglia in Vietnam, e sarà un esperienza che non dimenticheranno mai. Un film che indaga su quanto il gioco della guerra piaccia alla gente, specialmente al popolo USA.

venerdì 15 aprile 2011
Bella Earl!

Altro film, altro capolavoro per Stanley Kubrick il regista, più amato, controverso e geniale della storia del cinema. Tre parole riassumono la vita dei Marines: "Born To Kill". Scene che mozzano il fiato. Tutte quante, dirette con una maestria impareggiabile. Ermey mette al servizio di Kubrick la sua esperienza come addestratore dei marines.

venerdì 9 ottobre 2009
Renato C.

Stanley Kubrick aveva già descritto gli orrori della guerra in "Orizzonti di gloria", e qui li mette ancora in maggior risalto nei tempi nostri. Dopo la parte iniziale con l'addestramento dei soldati fatto da quel pazzoide del tenente Hartman che li trasforma in veri e propri robot programmati per uccidere, i protagonisti vengono trovarsi nella piena realtà della guerra nella giungla del Vietnam dove [...] Vai alla recensione »

sabato 14 gennaio 2017
Francis Metal

Non è bruttissimo ma santo cielo copiare esplicitamente battute da Ufficiale e gentiluomo ed esaltare la violenza, la guerra e il modo con cui trattano i soldati per far divertire il pubblico per poi voler far credere che è una condanna alla guerra... certo... così come Arancia Meccanica era una critica alla delinquenza... ma è esplicito il fatto che Kubrick abbia fatto [...] Vai alla recensione »

sabato 13 agosto 2016
street_spirit

Senza dubbio uno dei migliori di Kubrick

lunedì 25 novembre 2013
Topo Paolino

Lo stacco con cui si entra in Vietnam contiene in un solo piano sequenza tutto il senso del film e la visione di Kubrick sulla società occidentale e l'esportazione del suo sistema di vita. Il film riflette la luce ambigua dell'opera del regista, ironica e inquietante, che autorizza le letture più eterodosse e scandalose. Kubrick invita a pensare in modo diverso da come si è [...] Vai alla recensione »

Frasi
Certo, vivo in un mondo di me**a. Ma sono vivo, e non ho più paura.
Una frase di Il soldato Joker (Matthew Modine)
dal film Full Metal Jacket - a cura di JD
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Stefano Reggiani

Kubrick combatte ancora contro il mostro. Non ha mai smesso di farlo: dalla stupida guerra di trincea di Orizzonti di gloria, palestra sanguinosa per le ambizioni di certi generali, al Dottor Stranamore che ci insegnò come convivere, da pazzi, con la bomba atomica; da Arancia meccanica, rendiconto violento tra delinquente e società, all'ultimo Shining, trasfigurazione della violenza che ci portiamo [...] Vai alla recensione »

winner
premio speciale
David di Donatello
1988
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati