C'era una volta in America

Film 1984 | Drammatico 227 min.

Titolo originaleOnce upon a Time in America
Anno1984
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata227 minuti
Regia diSergio Leone
AttoriDarlanne Fluegel, Frank Gio, Karen Shallo, Angelo Florio, Scott Schutzman Tiler, Adrian Curran, Mike Monetti, Noah Moazezi, Frankie Caserta, Joey Martella, Clem Caserta Frank Sisto, Jerry Strivelli, Julie Cohen, Marvin Scotto, Ray Dittrich, Dutch Miller, Larry Rapp, James Hayden, Baxter Harris, Estelle Harris, Rusty Jacobs, Danny Aiello, Brian Bloom, Richard Foronjy, Richard Bright, Gerard Murphy, Treat Williams, Robert Harper, Joe Pesci, Robert De Niro, Jay Zeely, Sandra Solberg, James Russo, Mort Freeman, Bruce Bahrenburg, Massimo Livi, Paul Farentino, Cliff Cudney, Alexander Godfrey, Margherita Pace, Gerritt Debeer, Marty Licata, Bruno Lannone, Arnon Milchan, Richard Zobel, Tandy Cronin, Joe Faye, Linda Ipanema, Ann Neville, Mike Gendel, William Forsythe, Tuesday Weld, Burt Young, James Woods, Elizabeth McGovern, Marcia Jean Kurtz, Jennifer Connelly, Paul Herman, Olga Karlatos, Mario Brega, Amy Ryder.
TagDa vedere 1984
MYmonetro 4,70 su 289 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Sergio Leone. Un film Da vedere 1984 con Darlanne Fluegel, Frank Gio, Karen Shallo, Angelo Florio, Scott Schutzman Tiler, Adrian Curran, Mike Monetti, Noah Moazezi, Frankie Caserta, Joey Martella, Clem Caserta. Cast completo Titolo originale: Once upon a Time in America. Genere Drammatico - USA, 1984, durata 227 minuti. - MYmonetro 4,70 su 289 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi C'era una volta in America tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

New York degli anni Venti: la criminalità organizzata dividerà la vita di due gangster Ha vinto 5 Nastri d'Argento, Il film ha ottenuto 2 candidature a Golden Globes, In Italia al Box Office C'era una volta in America ha incassato 112 mila euro .

C'era una volta in America è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,70/5
MYMOVIES 4,67
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,59
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un film proustiano sulla nostalgia di un determinato tipo di cinema, il capolavoro di Sergio Leone.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Momenti nelle vite dei componenti di un piccolo gruppo di gangster di New York distribuiti su circa 40 anni. La storia, narrata con frequente uso di flashback e flash forward, è incentrata su David "Noodles" Aronson e i suoi compagni di sempre (sono cresciuti insieme nel Lower East Side): Cockeye, Patsy e Max. Si va dagli Anni Venti al tramonto del Proibizionismo per finire agli Anni Sessanta quando Noodles, ormai anziano, torna a New York. Tutto ciò non necessariamente in quest'ordine.
"C'era una volta in America non è un film sui gangster. È un film sulla nostalgia di un determinato periodo, di un determinato tipo di cinema, di una determinata letteratura. Sono certo di aver fatto "C'era una volta il mio cinema" più che C'era una volta in America". Così Sergio Leone su uno dei capolavori più maltrattati della storia del cinema. Il regista non aveva il diritto di final cut e la distribuzione americana rimaneggiò il film in più modi fino allo scempio di risistemare la narrazione in ordine cronologico. Se c'è un film in cui il flusso temporale legato ai ricordi, ma al contempo annebbiato da un presente che si disperde nelle volute di fumo dell'oppio, è fondamentale, quel film è C'era una volta in America . Il capolavoro di Leone ha trovato una versione definitiva in cui vengono reinseriti ben 26 minuti reintegrandoli nella giusta collocazione e portando così il film alla sua vera durata. La violenza che il film non ci risparmia si conferma come elemento costitutivo di Noodles, un uomo 'inadatto' al presente dal quale vorrebbe sottrarsi per restare ancorato a dei 'valori' che ha visto scomparire un po' alla volta. Ispirato all'autobiografia "Mano armata" di David Aaronson pubblicata da Longanesi nel 1966, il film (e di, va ricordato, sceneggiatori come Leo Benevenuti, Piero De Bernardi, Enrico Medioli, Franco "Kim" Arcalli, Franco Ferrini e lo stesso Leone) scardina ogni linearità narrativa per entrare nello sguardo e nella memoria di un uomo a cui il ricordo porta al contempo sollievo e sofferenza. È un film proustiano nel senso più pieno del termine C'era una volta in America. Proustiano nel suo 'farsi' ma anche nel suo riproporsi. Offrendoci un'opportunità per ripensare, a 28 anni di distanza, non solo al cinema che, secondo Leone, non c'era più ma anche al 'suo' cinema. Che non c'è più. Senza facili nostalgie ma con un po' di rimpianto.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Un emozionante affresco che rende omaggio all'epopea dei gangsters, un'autentica lezione di cinema.

La storia di Max (Woods) e Noodles (De Niro) comincia negli anni Venti quando i due, ancora ragazzini, iniziano la loro carriera nella malavita del quartiere ebraico di New York. Dopo alterne vicende e drammatici eventi all'interno della criminalità organizzata, Max e Noodles incontreranno destini diversi. Leone dipinge un grandioso, emozionante affresco che rende un sincero omaggio alla crudele ma appassionante epopea dei gangsters. Il film, un'autentica lezione di cinema, va preferito nella sua versione integrale di quasi quattro ore e non in quella ridotta a poco più di due.

Recensione di Stefano Lo Verme

1968. David Noodles, un anziano ex-gangster tormentato dai rimorsi, dopo trentacinque anni fa ritorno a New York per affrontare i propri fantasmi e far luce su un mistero sepolto nel passato; durante la sua ricerca, Noodles avrà modo di rievocare i ricordi della propria adolescenza, quando lui e i suoi amici erano una banda di giovani delinquenti e avevano giurato di rimanere per sempre fedeli l'uno all'altro. Presentato con un'accoglienza trionfale al Festival di Cannes nel 1984, C'era una volta in America è l'ultima opera firmata dal mitico regista Sergio Leone, nonché il suo definitivo testamento cinematografico. Tratto dal romanzo autobiografico Mano armata, di Harry Grey, il film ha ottenuto un enorme successo in Europa nella sua edizione originale, della durata di oltre tre ore e mezza, mentre negli Stati Uniti è uscito nelle sale in una versione ridotta ad appena due ore per volontà del produttore Arnon Milchan, riportando un clamoroso fiasco (in seguito, è diventato un classico con la pubblicazione in dvd dell'edizione integrale). Interpretata da un cast magistrale, con un grandioso Robert De Niro, la pellicola si avvale anche di un'eccellente ricostruzione tecnica, con le magnifiche scenografie di Carlo Simi, la fotografia di Tonino Delli Colli e gli splendidi costumi di Gabriella Pescucci.
Kolossal d'autore e celebrazione epica di mezzo secolo di storia americana, la pellicola è costruita attraverso una complessa struttura narrativa divisa in tre piani temporali differenti, che si incrociano e si sovrappongono più volte nel corso del film. Il primo risale al 1922, quando David Aaronson (Robert De Niro), detto Noodles, è un giovane teppistello da due soldi che vive nel quartiere ebraico del Lower East Side di New York con i suoi compagni di scorribande, ed è incentrato sull'origine della sua grande amicizia con Max Bercovicz (James Woods) e sull'adorazione per l'amata Deborah (Elizabeth McGovern). La seconda parte è ambientata nei primi anni '30, quando Noodles e i suoi compari, ormai adulti, sono diventati un gruppo di gangster rampanti grazie al proibizionismo e ai loro legami con la criminalità organizzata. Per ultimo, nel 1968, c'è il presente (o forse il futuro), con il ritorno di Noodles a New York, accompagnato dalle note di Yesterday nella celeberrima scena del suo arrivo alla stazione.
E del resto, in questa tragica epopea sull'ascesa e la caduta di una banda di piccoli criminali, il vero protagonista è proprio il tempo, o piuttosto la memoria ed i suoi fantasmi: è mediante la memoria che l'anziano Noodles rievoca i flashback dei suoi anni da gangster, mentre il passato e il presente si intrecciano in un vertiginoso viaggio onirico che comincia e termina all'interno di una fumeria d'oppio. Indimenticabile la descrizione dell'infanzia dei personaggi, con la loro emblematica iniziazione al sesso (Noodles che osserva Deborah danzare tramite una fessura nella parete del bagno) e alla violenza (la drammatica sparatoria con Bugsy). Assolutamente meravigliosa la colonna sonora composta da Ennio Morricone, considerata a pieno diritto tra le più famose ed emozionanti nella storia del cinema.
C'era una volta in America è innanzitutto un film sull'amicizia, in primo luogo quella fra Noodles e Max, tema centrale dell'intera storia. È un film sull'amore, l'amore di Noodles per la bella Deborah, che si consumerà in un bestiale stupro in una delle scene più atroci della pellicola. È un film sull'ambizione, quell'ambizione che porterà i quattro giovani protagonisti alla gloria e poi alla rovina. È un film sulla fiducia e sul tradimento, al quale corrisponderà l'amara disillusione di Noodles nel suo ultimo incontro con Max, dopo tanti anni. È, infine, un film sulla morte e sull'oblio, sancito dall'ambiguo epilogo nella strada buia, con il sottofondo di God bless America che rimanda alla scena analoga sulla fine del proibizionismo. Ma è anche un omaggio, lirico e malinconico, da parte di Leone verso il cinema stesso, in un film in cui la cinepresa domina il tempo e lo spazio trasfigurandoli in una sublime opera d'arte, che ha meritato la definizione di puro e semplice capolavoro.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 26 febbraio 2013
ibracadabra 8

 una pellicola da appendere al LOUVRE.un film immenso,un capolavoro la gioconda fatta cinema,un epopea commovente ,nostalgica,carica di emotivita' e poesia. 4 amici adolescenti,in crescendo,di violenza,morte,razzismo e conflitti sociali,l'ascesa  al potere, e la caduta degli dei,dagli anni 30 agli anni 60,il tutto raccontato in flashback, meravigliosa e intensa rivisitazione (una [...] Vai alla recensione »

domenica 30 gennaio 2011
Marv89

"Se Dio ha fatto di meglio se lo è tenuto per sé"; è una frase potente specialmente se ci si trova nel campo artistico e la si accosta ad un lavoro specifico, ma di fronte a certe opere non si può rimanere indifferenti e C'era una volta in america è una di queste, forse neanche lo stesso Dio ha fatto qualcosa di meglio.

martedì 7 maggio 2013
Paolo Bisi

Tre filoni fondamentali, sullo sfondo della New York del ventesimo secolo, vanno avanti e indietro nel tempo, attraversando un periodo di circa 45 anni: 1922-23, Noodles e Max, ancora giovanissimi, compiono i primi passi nella malavita formando una loro banda, nel povero e malfamato quartiere ebreo; 1932-33, Noodles, uscito dalla prigione dopo quasi 10 anni, si ricongiunge alla banda, che è [...] Vai alla recensione »

martedì 29 dicembre 2009
on the bomb

"C'era una volta in America", si diceva, è innanzitutto una storia indimenticabile, formidabile dal punto di vista narrativo e travolgente da quello emotivo. Ma è anche, senza ombra di dubbio, una poetica metafora, con potenzialità di indagine introspettiva, dell'ambiguità dell'animo umano. E' un poema nudo e crudo sull'amicizia, sul tradimento, sul rimorso.

venerdì 14 luglio 2017
laurence316

L'ultimo film di Sergio Leone, tra i piani del regista fin da prima di Giù la testa, è il suo miglior risultato. C'era una volta in America è un'ambiziosa ed epica allegoria dell'America sotto forma di favola violenta. Raccontato per mezzo di madornali dilatazioni dello spazio (mai così radicali), nato dalla penna di ben 5 sceneggiatori oltre al regista [...] Vai alla recensione »

domenica 3 gennaio 2010
riccardo-87

Questo film di Sergio Leone a mio avviso meglio di tutti centra l’obbiettivo del film in quanto film, ovvero riesce a coinvolgere lo spettatore rendendolo partecipe delle emozioni che i personaggi provano. Inoltre,grazie ad un cast d’eccezione e ad una sceneggiatura più che perfetta, riesce a trasportare lo spettatore nella realtà in cui gli avvenimenti hanno luogo.

martedì 13 maggio 2014
tomdoniphon

Sicuramente il miglior film degli anni 80 e uno dei capolavori assoluti del cinema di tutti i tempi. Punto di arrivo della straordinaria carriera di Sergio Leone, il film rappresenta al meglio la sua idea di cinema, dove la storia ed i concetti sono trasmessi mediante le immagini e non viceversa; fondamentale, da questo punto di vista, l'uso della musica (ovviamente di Ennio Morricone): in tutta [...] Vai alla recensione »

domenica 8 aprile 2012
joe77

Analizzando le sequenze e i dettagli del film, la teoria del sogno potrebbe essere la più plausibile..tra le tante che si sono formulate. Addirittura, anche le scene iniziali della morte di Eve e del pestaggio di Fat Moe potrebbero (riconosco che è un azzardo) essere frutto dell’oppio consumato da Noodles nella fumeria. Ed ancora, Noodles potrebbe anche non aver tradito Max…per [...] Vai alla recensione »

domenica 24 marzo 2013
Stephen K.

C'era una volta in america è senza ombra di dubbio uno dei capolavori del cinema gangster e non e anche di Sergio Leone. Questo è un film che entra nella mente di un gangster, scardinando ogni linearità narrativa, portando al contempo sollievo e sofferenza. Caratterizzato da frequenti salti temporali nell'arco della vita del protagonista, l'intero film è legato [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 marzo 2013
ShiningEyes

Veramente difficile scrivere di tale capolavoro, ma a questo punto, mi lascerò guidare dal cuore. “C'era una volta in America” rappresenta uno degli apici mondiali della cinematografia, un'opera monumentale dove tutto va liscio alla perfezione; attori, scenografie, montaggio, fotografia, sceneggiatura, musiche e regia, tutto funziona alla grande. Sergio Leone ha sempre amato fare le cose in grande, [...] Vai alla recensione »

venerdì 31 agosto 2012
Filippo Catani

Il film, attraverso una serie di flashback, ripercorre la storia di un gruppo di amici dagli anni del Proibizionismo fino agli anni '60 quando uno di loro viene misteriosamente richiamato in città e sarà la volta di fare definitivamente i conti con il passato. Davanti a un film del genere ci si può solo togliere il cappello.

domenica 2 maggio 2010
dany101

Leone,imponente sin dal cognome,si impone sul cinema mondiale con questo parto sudatissimo,quintogenito e più mastodontico delle sue proli.C'era una volta in america è più di un affresco sull'america di decenni fa,più di un film sull'amicizia,più di un film gangster,e neanche solo un elenco completo delle possibilità registiche di un genio...é monumento alle vite di personaggi comuni eppure speciali,in [...] Vai alla recensione »

martedì 6 luglio 2010
taniamarina

L'accoppiata Leone/Morricone celebra con questo film il loro più grande successo. E dire che Morricone aveva scritto la musica prima ancora della realizazione del film, e Leone aveva imposto la colonna sonora durante i vari ed estenuanti ciack, così da far entrare gli attori nell'incanto di quella che sarebbe diventata una delle più belle pellicole del cinema in assoluto. [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 luglio 2015
Portiere Volante

Bellissimo commovente ed emozionante capolavoro di Sergio Leone. L'ambientazione e' una delle migliori mai viste e sembra di stare proprio li' ,nelle stradine della New York anni'20. Le scene di azione sono di grande impatto ,crude e violente. Tutto il periodo del proibizionismo viene raccontato con dovizia di particolari come le carriere crimanali degli interpreti.

giovedì 15 maggio 2014
Ameliepoulain.

 Una lezione di cinema. Cosa dire di questa pietra miliare, di questa lezione di cinema da non sembrare riduttivo. Un'opera concepita per oltre dieci anni, che rappresenta la proiezione di ciò che è, o è stato fino a quel momento, il cinema, pregna di nostalgia per il tempo andato e rivolta sorpresa verso un futuro in cui stenta a riconoscersi.

domenica 9 marzo 2014
Renato Clint Ian Mazza

Non poteva esserci canto del cigno più bello in assoluto di "C'era una volta in America " per Sergio Leone! Un film che ha avuto una gestazione lunghissima, complicata, ma la tenacia del regista originario di Torella dei Lombardi ha avuto la meglio sulle ritrosie della produzione, capitanata da Aaron Milchan. Un film che può essere interpretato secondo varie visioni, ognuno [...] Vai alla recensione »

martedì 16 ottobre 2012
Maximilione

Duecentoventi minuti di scene girate in tre stati (USA, Italia e Francia), centinaia di comparse e ben dodici anni di riprese: la leggenda vuole che nel 1984 Robert De Niro fece coniare una serie di medagliette con su scritto "Complimenti, siete sopravvissuti alla lavorazione di C'era una volta in America!", che poi regalò a tutto il personale che aveva partecipato alla produzione [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 aprile 2015
Simone Magli

Capolavoro emozionante che ti fa venire i brividi a visionarlo e a ricordarlo nel tempo, una volta visto. La storia di formazione dei personaggi principali è la parte che più mi ha affascinato, assieme alla scenografia e all'iperespressività degli attori, in primis Bob De Niro. La colonna sonora è meravigliosa e mette le ali alla poesia della varie scene.

sabato 2 settembre 2017
Giorgio Ruggieri

Se la carriera di Sergio Leone è costellata di grandi opere e di film che hanno lasciato in maniera indelebile una traccia nella storia del cinema, C'era una volta in America raprresenta certamente tra tutti il momento di massima espressione del regista romano. La cura maniacale per il dettaglio, la capacità narrativa ed il pathos che si resprira ad ogni inquadratura, ad ogni battuta [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 giugno 2016
Step666

C'era una volta in America non è un film, è IL film. Il Capolavoro di Leone, caposaldo del cinema internazionale, io che guardo film di ogni epoca, dai lumiere a oggi posso dire con certezza che questo è uno di quelli più completi per regia, coerenza di trama, sceneggiatura, fotografia, recitazione (un grande De Niro all'epoca già consacrato 2 volte)e colonne sonore del maestro Morricone che [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 febbraio 2013
Alessandro Rega

Sergio Leone ha sempre voluto portare a termine questo progetto decennale e ha affrontato tutte le difficoltà che possono presentarsi dal momento in cui si decide di realizzare un film. Alla fine nel 1984 ci fu C'era una volta in america, una pietra miliare ed uno dei più grandi manifesti del cinema. Un'opera senza tempo, ma un'opera in cui il tempo occupa un ruolo fondamentale: in questo film il [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 dicembre 2011
Paolo Pacitti

Leone era, secondo l'amico Carlo Verdone, "un'anima divisa in due": da una parte il romano cinico, sornione, dalla battuta tagliente, dall'altra un uomo estremamente sensibile e intelligente, colto e raffinato. In questo suo ultimo splendido capolavoro egli esprime tutto il suo amore per il cinema, il suo gusto per la ricostruzione minuziosa fino al manierismo, sublimando uno [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 dicembre 2010
Giorpost

Stati Uniti, anni 30. In un’ epoca dominata dall’incertezza economica e da gang di varie etnie che spopolano nelle metropoli, Noodles e Max si ritagliano il loro spazio criminoso partendo dal nulla. Cominciano, infatti, dalle minacce a un poliziotto italiano avvezzo alla prostituzione minorile, passando per gli incendi provocati ai commercianti che non vogliono pagare il pizzo.

martedì 2 giugno 2009
PiccoloPanda

Un film capolavoro, le tre ore e mezza si divorano... Sergio Leone con questo film ci hafatto un enorme regalo, una storia con molti blocchi che si incastrano con il passare del tempo... Una musica favolosa di Ennio morricone... I ragazzi già da giovani, in mezzo alla strada, nelle povertà, violenti e con le loro voglie non cambiano mai, tranno noodles, che matura solo quando ormai è anziano e si [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 aprile 2009
loewe

Quando giungi al termine del film, non ti rendi conto di cosa ti abbia accarezzato, diventi vulnerabile alla bellezza, sei vinto dagli sguardi che indovini persi di chi ti sta accanto. Ognuno pronto a dire qualcosa, ma subito si tace, poichè, la bellezza sfiora ognuno in modo diverso. Per qualcuno assumerà le sembianze di un dito che lima i contorni di una pasta, per altri solo un gesto, come quello [...] Vai alla recensione »

sabato 7 gennaio 2017
florentin

Non in tv. Ieri sera, l'Epifania, RaiTre l'ha massacrato facendolo finire alle 2 del 7. Ho resistito per vedere con quale faccia avrebbero tirato così in lungo. C'è di fatto che qualche titolo di coda l'hanno poi lasciato, miracolo. Comunque: vi sono state aggiunte delle parti in lingua originale con sottotitoli in italiano (doppiaggio di De Niro  di Ferruccio [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 gennaio 2017
johncor1960

Un capolavoro che come un dipinto su di una tela che cela il vero tesoro sotto un opera eseguita a questo scopo.Avevo visto diverse volte questo film ma mai in questa maniera con una cronologia perfetta,e rispondente secondo me ,al volere del regista: un immenso Sergio Leone.Che con questo film mi ha fatto cambiare la graduatoria dei lavori del Regista,con questo film al vertice della classifica.

domenica 19 maggio 2013
noodles57

 Un po’ come Un mercoledì da leoni non è un film sul surf, C’era una volta in America non è un film sui gangsters o sul proibizionismo. Sono ambedue  film sull’amicizia. Certo cercare un sentimento nobile nel film di Leone, dove abbondano atti di violenza spesso gratuita, crudeltà e stupri, sembra senza senso, ma il nucleo del racconto è [...] Vai alla recensione »

sabato 29 dicembre 2012
dany_twelve

La mia prima recensione, mi farebbe molto piacere un commento. auguri a tutti C'era una volta in america il Western,nell'immaginario del cinema moderno,trova la sua massima raffigurazione nei film degli anni sessanta del maestro romano Sergio Leone. Ma a nostro avviso, il regista trova l'apice della sua competenza quando nel 1984 gira il capolavoro ''C'era una volta in [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 giugno 2011
conte

C'era una volta in america è l'inno al cinema di Sergio Leone. L'ultimo ruggito del regista romano. Un opera cinematografica che racconta di 3 decenni, che hanno fatto la storia dell'America. Una poetica descrizione di immagini e di inquadrature di Leone. Un robert de Niro in una delle sue piu grandi interpretazione della propria carriera, un james Woods come non sarà [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2010
Cosimuzzo

Cos'è questo film se non una grande favola, raccontata in modo magistrale, in fondo Sergio Leone amava raccontare le favole e lo ha dimostrato fin dai suoi film precedenti, come C'era una volta il west. Tutte le favole hanno una morale, C'era una volta in America è una grande metafora sul significato della vita, con il suo inevitabile scorrere del tempo, che inevitabilmente cambia i rapporti tra le [...] Vai alla recensione »

sabato 13 luglio 2013
jacopo b98

 Epopea americana di Noodles (De Niro da adulto, Tyler da bambino), cresciuto nel quartiere ebraico di New York, che con i suoi amici da bambino fa il boss del quartiere e da adulto diventa un gangster della città. Il gruppo di amici si dividerà per una donna (McGovern da adulta, Connelly da bambina) che Noodles vagheggia da bambino e stupra da adulto.

domenica 8 aprile 2012
joe77

Analizzando le sequenze e i dettagli del film, la teoria del sogno potrebbe essere la più plausibile..tra le tante che si sono formulate. Addirittura, anche le scene iniziali della morte di Eve e del pestaggio di Fat Moe potrebbero (riconosco che è un azzardo) essere frutto dell’oppio consumato da Noodles nella fumeria. Ed ancora, Noodles potrebbe anche non aver tradito Max…per [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 marzo 2012
Valis.91

Sergio Leone, Robert de Niro, Ennio Morricone: gli ingredienti di una deliziosa charlotte russe alla panna che si gusta con avidità dall'inizio alla fine. E' impossibile trovare un elemento fuoriposto in quest'opera senza tempo che il regista riprende dal romanzo gangster di Harry Grey "Mano Armata"; Leone lo fa proprio, lo rimodella e restituisce al pubblico un capolavoro [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 gennaio 2012
harrymastiff

Commentare questo capolavoro è davvero difficile in quanto sono tante le bellezze da elogiare e molti già hanno detto tutto quello che c'era da dire. Quello su cui mi piacerebbe soffermarmi è la capacità del regista con delle semplicissime scene di dire tutto, molto spesso senza ricorrere neanche all'uso di parole.

martedì 23 ottobre 2012
Bruce85

Un Cast d'eccezione diretto dal regista per antonomasia,non vederlo o diffamarlo equivale ad eresia.Perpetuo!

martedì 9 febbraio 2010
Marv89

 Che cosa si puo chiedere di piu ad un film?Con c'era una volta in America si è rischiato di toccare la perfezione cinematografica, come nessun altro film visto dal sottoscritto ha fatto(e di film ne ho visti e rivisti). Una pellicola immortale, frutto di quasi 20 anni di lavoro, con la quale il grande Leone ci ha salutato, e che saluto!.

venerdì 15 gennaio 2010
elenò

Film che riesce nelle sue tre ore e mezza a fermare il tempo e a provare nel frattempo a farci capire quale sia il significato della vita, con i suoi dolori, le sue amarezze, i suoi dolori, le sue bassezze, i suoi momenti frivoli, i suoi amori.  Il significato finale è personale, ma il regista ci accompagna per mano a riflettere su di esso.

lunedì 14 gennaio 2013
kimkiduk

Dire immenso, inarrivabile, assoluto, il migliore di sempre, capolavoro, struggente è quasi poco. L'ho visto e rivisto almeno 15 volte (che per 3h.e 40' fanno fanno due giorni e mezzo) e più lo guardo e più in certe scene mi commuovo: quando Patsy mangia la pasta, o la cena di Noodles e Deborah, o l'immenso incontro finale tra Noodles e Deborah e quello tra Max e Noodles, [...] Vai alla recensione »

domenica 16 maggio 2010
VAcceeeee

per favore vogliamo la sesta stella

sabato 24 aprile 2010
malussen

Che dire dovrebbero inventare la 6 stella proprio per questo capolavoro cinematografico

martedì 16 febbraio 2010
Pierluigi Persano

un film IMMORTALE

domenica 16 maggio 2010
Laporciamatta

Personalmente il miglior film mai realizzato, nel cast spicca l'interpretazione magistrale di James Woods, attore ahimè troppo sottovalutato...i miei ossequi

domenica 16 maggio 2010
LaMUSCIA

l'apice del vertice

martedì 9 marzo 2010
ivan91

immenso unico un capolavoro della storia del cinema bravi tutti gli attori e la magnifica colonna sonora di ennnio morricone una delle piu belle di tutto il cinema!!!!!non resta che dire grazie a sergio leone di averci regalato una storia autentica

sabato 6 febbraio 2010
Travis_Bickle

Forse il più bel film di sempre? Leone ha raggiunto con questa sua grandissima opera l'apice della sua carriera. Questo è CINEMA. Voto:10

mercoledì 11 novembre 2009
Slyer

Io non giudico "C'era una volta in America" un capolavoro, ma il capolavoro, l'unico film che riesce a commuovere e a tenere lo spettatore con il fiato sospeso fino all'ultimo. Sergio Leone esplora lo scenario della mafia con una lucidità e una genialità che mi ha lasciato senza parole. Per comprendere a pieno il significato del film, come la teoria del sogno di Noodles, bisogna rivederlo più e più [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 dicembre 2010
Alex41

Il noto regista Sergio Leone, re degli spaghetti western, torna nel 1984 con il suo più grande capolavoro e soprattutto, a mio parere, il miglior film mai realizzato, l'apice del cinema, una autentica opera d'arte. Un film girato con molti flashback e flashforward, che racconta gli anni della malavita, della corruzione e del Proibizionismo in una storia avvincente, violenta e spettacolare: [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 settembre 2010
sandy orlando

Sulla poeticità del film non discuto,volevo solo sapere perchè doppiare un film così meravigliosamente interpretato ai suoi tempi da grandi doppiatori come ferruccio amendola?....vorrei sapere se qualcuno lo sà, perchè ridoppiano i film!!  lo stesso con grease!!!hanno tolto anche alcune battute!!!

domenica 14 marzo 2010
ivan91

Capolavoro di Sergio Leone uno dei film più belli della storia del cinema impossibile rimanere indifferenti di fronte a questo grandioso film che rappresnta l'apice della carriera di questo formidabile regista che ci ha saputo emozionare con una pellicola che raconta il sogno americano, il tradimento, l'amore, la vendetta, e il proibizionismo: le quasi quattro ore scivolano via senza accorgersene. Dagli [...] Vai alla recensione »

Frasi
È da tanto che mi aspetti?
Tutta la vita
Dialogo tra Deborah, da giovane (Jennifer Connelly) - David "Noodles" Aaronson (Robert De Niro)
dal film C'era una volta in America - a cura di Shippo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Franco Montini
La Repubblica

La bellezza, la poesia, la violenza. In una parola: C’era una volta in America. Il capolavoro di Sergio Leone che ebbe una gestazione, quasi ventennale e che fu per Sergio Leone, una sorta di testamento spirituale. Da geniale affresco sull’apprendistato di un gruppo di delinquenti del Lower East Side di New York negli anni 20, il film è cresciuto come metafora della vita, del rapporto fra i sessi, [...] Vai alla recensione »

Stefano Reggiani

Il film-evento, il film-vita di Sergio Leone, conclude il suo concepimento tormentoso e la gestazione lunghissima. Nasce per restare, controverso o no, nella memoria e nelle storie, singolare caso di follia amorosa verso l'America e verso il cinema. Come si fa a parlare di un film che è costato al suo regista oltre dieci anni di vitae di passioni e di incomprensioni non finite? Come si fa a stringere [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Sergio Leone ama le favole. Forse perché ritiene che sia il modo più giusto, al cinema, di raccontare la verità. Ha cominciato con C’era una volta il West, ha proseguito con C’era una volta la rivoluzione, conclude adesso il trittico con C’era una volta in America. Ancora l’America, dunque, e ancora, dopo la rilettura del film western, una rivisitazione di un altro genere tipico del cinema america [...] Vai alla recensione »

winner
miglior regia
Nastri d'Argento
1985
winner
miglior fotografia
Nastri d'Argento
1985
winner
miglior scenogr.
Nastri d'Argento
1985
winner
miglior musica
Nastri d'Argento
1985
winner
migliori eff. speciali
Nastri d'Argento
1985
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati