Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 25 febbraio 2017

Emma Stone

Benvenuti a Stoneland: occhi di gatto, hit lady, spider girl

Nome: Emily Jean Stone
28 anni, 6 Novembre 1988 (Scorpione), Scottsdale (Arizona - USA)
occhiello
"Dai, levati la maglietta...nooo non ci credo...sei ritoccato con photoshop!"
dal film Crazy, Stupid, Love (2011) Emma Stone è Hannah
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Emma Stone
Golden Globes 2017
Nomination miglior attrice in un film brillante per il film La La Land di Damien Chazelle

Golden Globes 2017
Premio miglior attrice in un film brillante per il film La La Land di Damien Chazelle

London Critics 2017
Nomination miglior attrice per il film La La Land di Damien Chazelle

Premio Oscar 2017
Nomination miglior attrice per il film La La Land di Damien Chazelle

BAFTA 2017
Nomination miglior attrice per il film La La Land di Damien Chazelle

BAFTA 2017
Premio miglior attrice per il film La La Land di Damien Chazelle

Festival di Venezia 2016
Premio coppa volpi migliore interpretazione femminile per il film La La Land di Damien Chazelle

Golden Globes 2015
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Birdman di Alejandro González Iñárritu

BAFTA 2015
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Birdman di Alejandro González Iñárritu

Premio Oscar 2015
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Birdman di Alejandro González Iñárritu

Golden Globes 2011
Nomination miglior attrice in un film brillante per il film Easy Girl di Will Gluck



Figura carezzevole, volto candido e bocca corallo, è la fanciulla in cerca di (im)morali lezioni di vita in Irrational Man. Al cinema.
Vai all'articolo

Emma Stone, la nuova musa di Woody Allen

sabato 19 dicembre 2015 - Marzia Gandolfi cinemanews

Emma Stone, la nuova musa di Woody Allen Dotata di una grazia diafana e di un robusto temperamento comico, Emma Stone è la nuova musa di Woody Allen che la recluta per la seconda volta e la nomina erede di Diane Keaton. Cresciuta nel deserto caldo e conservatore dell'Arizona, supera sul palcoscenico del liceo le crisi di panico e si trasferisce a Los Angeles per realizzare il suo destino di attrice. Larghi occhi verdi e ruggine sulla voce, Emma Stone debutta nella commedia demenziale (Suxbad - 3 menti sopra il pelo) a cui presta la propensione ludica e la lampeggiante cattiveria che innamora Jonah Hill. Ma è il bacio di Ryan Gosling sulle note di 'Time of My Life' a emanciparla dal teen movie pruriginoso (Suxbad - 3 menti sopra il pelo, Easy Girl), svegliandola a nuovo cinema. Non prima però di aver tramortito un'orda di morti viventi accanto a Jesse Eisenberg e Abigail Breslin, astri nascenti come lei nel firmamento hollywoodiano.

   

Easy Girl, fra classici letterari e teen movies.

La sostenibile leggerezza del remake

giovedì 3 marzo 2011 - Edoardo Becattini cinemanews

La sostenibile leggerezza del remake C'è una logica paradossale alla base dei remake più recenti, soprattutto di quelli realizzati con un criterio prettamente industriale come quelli per il pubblico giovanile. La logica che vede una storia antica, notoria o, quantomeno, diventata per vie traverse un classico, avere la necessità di aggiornarsi continuamente a nuove forme e tendenze. È come se la strada per l'eterna giovinezza passasse forzatamente lungo il sentiero dell'eterno giovanilismo. Come se anche le opere d'arte soffrissero crisi di mezza età e, di tanto in tanto, avessero bisogno di un gesto pacchiano, di una confezione vistosa e colorata, con la scusa di avvicinare le coscienze abuliche delle nuove generazioni a riscoprire i capolavori del passato.
Prendiamo la moda delle varie trasposizioni (post)moderne delle istituzioni letterarie, attiva soprattutto nel decennio passato ma che un film come Easy Girl ci permette di riprendere in mano. Il film si dichiara sulla carta come un aggiornamento liceale de “La lettera scarlatta” di Nathaniel Hawthorne, classico della letteratura statunitense in cui una donna viene tacciata di adulterio e costretta dai puritani della sua comunità a portare in petto una A di Adultera rosso scarlatto per esibire continuamente la sua colpa agli occhi degli altri. In realtà, lontano tanto dalla revisione kitsch & chic del Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann, quanto dalla drammaturgia “scolastica” di O come Otello o dal bignamino lezioso di 10 cose che odio di te (versione teen de “La bisbetica domata” con cui un giovane Heath Ledger trovò la prima celebrità), Easy Girl è solo una finta versione ringiovanita di un capolavoro letterario.

Dal nostro inviato in Spagna Gabriele Niola.

Zombieland: La vamp e la bambina

martedì 13 ottobre 2009 - Gabriele Niola cinemanews

Zombieland: La vamp e la bambina Sono una coppia decisamente mal assortita Emma Stone e Abigail Breslin. La prima, attrice da teen movie ventunenne già vista come comprimaria in Tutte le ex del mio ragazzo e Superbad e tra le protagoniste di The rocker, si presenta con un tacco immenso e una minigonna risicatissima parlando come se fosse doppiata dal suo agente. La seconda neo bambina prodigio lanciata da Little Miss Sunshine, confermata da La custode di mia sorella e ora impegnata in un film d'azione a soli 12 anni, è invece molto più sveglia di una bambina della sua età.
In Zombieland sono due sorelle affiatatissime capaci di cavarsela anche meglio dei maschi tra inganni e morti viventi mentre nelle interviste sembrano molto poco capaci (anche se ognuna per motivi diversi) di distaccarsi dalle risposte preconfezionate tutto zucchero e miele.
Stranamente però spesso il modo con cui si danno le solite risposte lascia intuire molto di più sulla realtà dei fatti di quanto possa emergere da una risposta più originale.

La La Land

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,55)
Un film di Damien Chazelle. Con Ryan Gosling, Emma Stone, J. K. Simmons, Finn Wittrock, Sandra Rosko.
continua»

Genere Commedia, - USA 2016. Uscita 26/01/2017.

Irrational Man

* * * - -
(mymonetro: 3,28)
Un film di Woody Allen. Con Jamie Blackley, Joaquin Phoenix, Parker Posey, Emma Stone, Meredith Hagner.
continua»

Genere Thriller, - USA 2015. Uscita 16/12/2015.

Birdman

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,70)
Un film di Alejandro González Iñárritu. Con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan.
continua»

Genere Commedia, - USA 2014. Uscita 05/02/2015.

Magic in the Moonlight

* * * - -
(mymonetro: 3,10)
Un film di Woody Allen. Con Eileen Atkins, Colin Firth, Marcia Gay Harden, Hamish Linklater, Simon McBurney.
continua»

Genere Commedia, - Francia, USA 2014. Uscita 04/12/2014.

The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro

* * * - -
(mymonetro: 3,10)
Un film di Marc Webb. Con Andrew Garfield, Emma Stone, Jamie Foxx, Dane DeHaan, Campbell Scott.
continua»

Genere Azione, - USA 2014. Uscita 23/04/2014.
Filmografia di Emma Stone »

lunedì 13 febbraio 2017 - Il lavoro di Damien Chazelle ottiene i premi più prestigiosi. Io, Daniel Blake è il Miglior Film Britannico. Il figlio di Saul trionfa tra i film Stranieri.

La La Land vince ancora: Miglior Film ai BAFTA

a cura della redazione cinemanews

La La Land vince ancora: Miglior Film ai BAFTA La La Land trionfa agli 'Oscar britannici' del cinema, ottenendo i premi più prestigiosi. Il musical hollywoodiano, che aveva ottenuto 11 nomination, ha ricevuto il premio per il Miglior Film, Miglior Regista (Damien Chazelle), Attrice Protagonista (Emma Stone), Fotografia e Colonna Sonora ai British Academy Awards (Bafta), nel corso della kermesse alla Royal Albert Hall di Londra.

Il riconoscimento per il Miglior Attore è andato a Casey Affleck, protagonista in Manchester by the Sea. Al film del regista americano Kenneth Lonergan è andato anche il premio per la Miglior Sceneggiatura Originale.

Io, Daniel Blake di Ken Loach ha vinto il premio di Miglior Film Britannico. Tra gli altri riconoscimenti, Dev Patel come Miglior Attore non Protagonista in Lion e Viola Davis per Barriere. Miglior Film Straniero all'ungherese Laszlo Nemes per Il figlio di Saul.

mercoledì 1 febbraio 2017 - Il musical con Emma Stone e Ryan Gosling stacca Split e L'Ora Legale.

La La Land per la prima volta trionfa al box office

Andrea Chirichelli cinemanews

La La Land per la prima volta trionfa al box office La staffetta a tre, che sta andando avanti da giovedì scorso, ha portato ieri La La Land per la prima volta a trionfare al box office italiano. 200mila euro sono entrati nelle casse del musical con Emma Stone e Ryan Gosling, che hanno staccato Split, che ha chiuso la giornata con 164mila euro e L'Ora Legale che si è fermato a 143mila euro. Poche novità in classifica, con gli incassi dal quarto posto in poi decisamente poco soddisfacenti. Domani arrivano in sala A United Kingdom, Billy Lynn - Un giorno da eroe, La Battaglia di Hacksaw Ridge, Sleepless - Il giustiziere e l'italiano Smetto quando voglio 2 - Masterclass, favorito per la leadership del weekend, visto il successo insperato del primo "capitolo". Nella classifica globale da inizio stagione Mister Felicità con Alessandro Siani è oramai prossimo a superare Rogue One: A Star Wars Story. Spilt in America non dà segni di cedimento e mantiene il primato davanti a Il diritto di contare e Resident Evil: The Final Chapter. Dopodomani arrivano in sala l'horror Rings, e lo sci-fi The Space between us e il documentario I am Not Your Negro, con i primi due potenziali nuovi leader della top ten ed il secondo che potrebbe riservare qualche sorpresa. Rogue One: A Star Wars Story supera i 521 milioni di dollari negli USA ed entra nella top 60 all time a stelle e strisce. Chiudendo, come previsto, a 530 milioni, il film finirebbe per essere il 56esimo miglior incasso della storia del cinema americano, anche considerando l'inflazione. Domani overview sui mercati orientali.
Ieri su MYmovies.it 689.973 visitatori: (+179,74% vs Comingsoon.it). Fonte Audiweb - dati della giornata di martedì 31 gennaio 2017.

Box Office Italia del 31/01/2017
1. La La Land: Euro 200.909
2. Split: Euro 164.620
3. L'ora legale: Euro 143.912
4. Fallen: Euro 47.588
5. Arrival: Euro 46.535
6. Collateral Beauty: Euro 39.214
7. Allied - Un'ombra nascosta: Euro 36.852
8. Proprio Lui?: Euro 34.295
9. xXx: il ritorno di Xander Cage: Euro 32.034
10. Lion - La strada verso casa: Euro 29.438

lunedì 30 gennaio 2017 - Il sindacato degli attori premia a sorpresa il film di Melfi. Tra gli interpreti vincono Denzel Washington ed Emma Stone.

Ecco l'anti La La Land: Il diritto di contare Miglior Film ai Sag Awards

a cura della redazione cinemanews

Ecco l'anti La La Land: Il diritto di contare Miglior Film ai Sag Awards Proprio quando era diventata un'abitudine pensare che La La Land avrebbe vinto tutto ai prossimi Oscar, sono arrivati i Sag Awards, i premi del sindacato degli attori, a sparigliare le carte. Hidden Figures di Theodore Melfi, tradotto in Italia con il titolo Il diritto di contare (al cinema in Italia dall'8 marzo), ha vinto quale Miglior "Ensemble", l'equivalente al Miglior Film.

Il film, che racconta la storia di tre donne di colore, esperte matematiche, che giocarono un ruolo importante nella corsa dell'uomo nello spazio, è stata solo l'ultima delle sorprese arrivate da questa edizione dei Sag awards.

I premi al Migliore Attore Protagonista e alla Migliore Attrice Non Protagonista sono andati a Denzel Washington e Viola Davis per Barriere, diretto dallo stesso Washington e adattato dall'omonima piece teatrale di August Wilson, mentre la statuetta alla Migliore Attrice Protagonista è andata a Emma Stone per La La Land e quella al Migliore Attore Non Protagonista a Mahershala Ali, per Moonlight.

lunedì 30 gennaio 2017 - Lei sogna di fare l'attrice, lui il musicista e la strada è impervia. Il canovaccio è conosciuto ma il racconto è irresistibile, e a suo tempo, vincerà tutto, sta nell'ordine delle cose.

La La Land ha vinto una pioggia di Oscar

Pino Farinotti cinemanews

La La Land ha vinto una pioggia di Oscar

sabato 28 gennaio 2017 - Tanti i precedenti, da Argo a The Artist. Ma Chazelle ha il merito di essere riuscito a trovare un'elegante mediazione tra la revisione del musical classico e la fondazione di qualcosa di solido e originale.

La La Land, la strada verso l'Oscar passa dalla nostalgia?

Roy Menarini cinemanews

La La Land, la strada verso l'Oscar passa dalla nostalgia? Per i meno cinefili, bisogna ricordare che il musical è da ormai vari decenni considerato il genere più legato alla Hollywood classica, nel senso però di prodotto totalmente identificato con quell'esperienza spettacolare e spettatoriale, incapace di superare davvero il suo tempo. Non è un caso infatti che già negli anni Sessanta Jacques Demy con Les Parapluies de Cherbourg si appropriasse della tradizione americana per trasportarla di peso dentro la canzone e la musica francesi. Ne percepiva il tramonto. Se Demy, con il suo romanticismo malinconico, è certamente uno dei modelli di La La Land, ci si chiede quanto la nostalgia verso l'arte e i media del passato sia divenuta ormai un tratto distintivo del film da Oscar. Già con Birdman si poteva individuare un inno al teatro che fu, prima ancora grazie al Discorso del re si è riscoperto il potere affabulatorio della radio, poi certamente il cinema, quello muto con The Artist, quello artigianale degli anni Settanta con Argo e ora appunto il musical con il film di Damien Chazelle - che non si fa mancare al contempo anche una riflessione sulle vecchie sale che chiudono e sul jazz che non è più quello di una volta. Ma, appunto, il musical è nostalgia di per sé. Di qualcosa che si è perduto, come di qualcosa che non si può raggiungere se non attraverso la sublimazione del ballo - forse un po' forzata, la teoria secondo la quale Hollywood alludeva all'atto sessuale attraverso il ballo non è campata in aria. Proprio per questo, filmare i corpi che danzano necessita di una precisa scelta di campo.

Altre news e collegamenti a Emma Stone »
La La Land (2016) Irrational Man (2015)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità