Suburra

Film 2015 | Drammatico +13 130 min.

Regia di Stefano Sollima. Un film Da vedere 2015 con Pierfrancesco Favino, Elio Germano, Claudio Amendola, Alessandro Borghi, Greta Scarano. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2015, durata 130 minuti. Uscita cinema mercoledì 14 ottobre 2015 distribuito da 01 Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,34 su 102 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Suburra tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Là dove criminalità e potere si incontrano e collaborano: Suburra è ancora vivae questa volta l'affare è una grossa speculazione edilizia ad Ostia. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto un premio ai Nastri d'Argento, 5 candidature a David di Donatello, In Italia al Box Office Suburra ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 4,6 milioni di euro e 2 milioni di euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
giovedì 22 novembre 2018 ore 21,05 su RAI4

Suburra è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,34/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,50
PUBBLICO 3,52
CONSIGLIATO SÌ
Suburra è ottimo cinema medio ma sceglie di rinunciare alla grandezza.
Recensione di Paola Casella
venerdì 9 ottobre 2015
Recensione di Paola Casella
venerdì 9 ottobre 2015

12 novembre 2011. Silvio Berlusconi rassegna le sue dimissioni da Presidente del Consiglio. La storia di Suburra, basato sul romanzo omonimo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, comincia sette giorni prima, immaginando che proprio allora Papa Ratzinger prenda la storica decisione di abbandonare il ruolo di pontefice. Il film è dunque incorniciato da due abbandoni "paterni", è dedicato da Stefano Sollima al padre Sergio, e racconta l'assenza (o la defezione) delle figure maschili di riferimento nella società italiana, attraverso le avventure di un gruppo di uomini cui viene continuamente ripetuto di non essere all'altezza del proprio genitore.
C'è Filippo Malgradi, politico corrotto e dissipato, che passa la notte con due escort, di cui una minorenne, e si caccia in un ginepraio senza fine. C'è Sebastiano, organizzatore di feste vip abituato a fare il vaso di coccio fra vasi di ferro. C'è Numero 8, giovane boss della malavita di Ostia che sogna di trasformare il litorale romano in una Las Vegas, come Bugsy Siegel. C'è Manfredi Anacleti, capo di un clan di zingari che vorrebbe fare il salto nel crimine di serie A. E ci sono Sabrina, l'escort che fornisce la "carne fresca" a Malgradi, e Viola, la compagna tossica di Numero 8. I destini di tutti i personaggi sono destinati ad incrociarsi illuminando il legame che esiste da sempre (o almeno dai tempi della Suburra romana) fra criminalità e potere politico.
Dopo il coraggioso ACAB e la serie televisiva Gomorra, Sollima si cimenta con questo "romanzo criminale" cercando di dargli il respiro della lunga serialità, ma sacrificando nell'impresa molti snodi narrativi che sarebbero necessari per capire fino in fondo la trama: qui e là la sceneggiatura, firmata da Stefano Rulli e Sandro Petraglia oltre che da De Cataldo e Bonini, dimentica infatti di comunicare al pubblico dettagli importanti sul come, il quando e il perché avvengano determinati eventi e scambi di informazioni. A molti spettatori questo non importerà, presi come saranno dall'incalzante ritmo narrativo che Sollima imprime alle vicende e a i personaggi: la sua regia è impeccabile, energica, bizantina, fa leva su inquadrature calibrate al millimetro e sulla fotografia opulenta di Paolo Carnera. In questo senso Suburra è una goduria per gli occhi e avrà quel riscontro del pubblico che cerca incessantemente.
Azzeccato anche il cast, su cui giganteggia Pier Francesco Favino in un'interpretazione che ha mille sfumature, evidenti già dalla prima scena. Il lavoro che Favino opera sulla voce, sulla postura, su uno sguardo che passa dalla morte dell'anima alla virulenza dell'istinto vitale è da Actor's Studio (e da incetta di premi). Lo affiancano un solidissimo Claudio Amendola nel ruolo del Samurai, l'unico personaggio veramente adulto della storia (e non è una buona notizia, essendo il Samurai un ex componente della Banda della Magliana); Elio Germano, untuoso publicist senza spina dorsale; Alessandro Borghi, nitido e potente Numero 8; Giulia Elettra Gorietti, escort fragile e corrotta; Greta Scarano, tossica fedele e a suo modo coerente. Il pubblico si divertirà a capire a quale personaggio realmente esistitente ognuno dei personaggi fa riferimento niente affatto casuale (e anche l'Ama fa un cameo non accreditato).
Il tallone d'Achille di Suburra resta la storia, che mostra sì una conoscenza approfondita delle dinamiche politiche e del sottobosco del generone romano, ma sembra conoscere (o capire) molto meno bene il mondo della criminalità, fumettizzandone i modi e i caratteri. Se i politici di Suburra e la corte dei miracoli di nani e ballerine sono riconoscibili alla lettera, i criminali sembrano gaglioffi da cinema, il che risulta ancora più evidente nell'accostamento (quasi impossibile da evitare) fra il film di Sollima e Non essere cattivo di Claudio Caligari, girato proprio fra i piccoli malviventi di Ostia (e cointerpretato da Alessandro "Numero 8" Borghi). Quel che è più grave è che, in questa ricostruzione del momento in cui l'Italia si è trovata "sull'orlo del baratro", non vengono messi in evidenza i prodromi della crisi di oggi, col risultato di mostrare un sistema di potere superato senza indicare in quale nuovo assetto si sarebbe riconfigurato.
Suburra è ottimo cinema medio ma sceglie di rinunciare alla grandezza, dunque pur nella sua estrema piacevolezza (soprattutto estetica) non sposta in avanti l'arte cinematografica nel suo complesso, né accresce la nostra comprensione della società italiana contemporanea. Eppure Sollima avrebbe tutte le carte in regola per uscire dalla dimensione artigianale e prendere il volo, come ha già dimostrato in ACAB, attraverso quella cifra autoriale tutta sua: sporca, ambigua, scorretta come la vita, soprattutto in certi ambiti. La sua grandezza potenziale è visibile in alcuni scambi: quello fra il Samurai e Malgradi; fra il Samurai e sua madre; fra il Samurai e Numero 8. Non è un caso, essendo il Samurai l'unico padre (ancorché degenere) la cui "idea sopravvive nel cuore", in questa storia di figli bastardi i cui "i referenti non esistono più", dove tutti tradiscono tutti e nessuno crede più a niente.

Sei d'accordo con Paola Casella?
SUBURRA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €13,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 21 ottobre 2015
Bomber89

Ambientato a Roma e con accadimenti storici realmente successi sullo sfondo, Suburra è un intreccio pericoloso tra malavita, Stato e Chiesa. L’incrocio di vite che viene a crearsi sembra quasi una giostra impazzita che non si riesce più a fermare; tra queste Pierfrancesco Favino, che interpreta il politico corrotto Malgradi, dà ancora una volta saggio della sua bravura; ma [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
Zaxyx

In una Roma cupa e noir del 2011, una settimana di eventi importanti per l'Italia e la chiesa viene raccontata con le vicende intrecciate di politici, malavita e Vaticano. Tratto dal libro di Giancarlo de Cataldo (Romanzo Criminale) e Carlo Bonini il regista Stefano Sollima elimina ogni figura poliziesca di indagine per lasciare il campo alle immagini forti dei personaggi che governano la città di [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 ottobre 2015
sandy walsh

Duro come i sampietrini di Roma dove i personaggi sfilano, vivono, muoiono. Freddo come la pioggia che accompagna gran parte della storia. Scuro come la notte senza luna protagonista di quasi tutte le scene. Triste, violento, un colpo allo stomaco ben sferrato, che ti toglie il fiato ma ti costringe a seguirlo fino alla fine. Questo è Suburra. Roma splendida, sapientemente messa in luce dalla magistrale [...] Vai alla recensione »

martedì 20 ottobre 2015
OStone

Finalmente il cinema italiano riesce a produrre un ottimo film, un gangster movie che non ha nulla da invidiare ai colossal americani, con un Favino e un Amendola in stato di grazia (molto bravo anche Germano), Stefano Sollima confeziona un western metropolitano realistico e purtroppo molto attuale, dopo Gomorra finisce sul grande schermo un'altra piaga tutta italiana.

domenica 18 ottobre 2015
Xerox

Non ho dato le 5 stelle perchè vorrei dare le 5 stelle a TUTTI i films italiani che in questi tristissimi hanni hanno tenuto accesa la fiammella del cinema civile italiano. Non finirei mai di ringraziare chi ci ha dato in questi anni films come Gomorra, Anime nere, Perez, chissà quanti altri che non ho visto e adesso questo MERAVIGLIOSO Suburra! Non si finirà MAI di ringraziare [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
Zancle93

"Questa nave non affonderà" afferma un politico all'inizio del film, indicando la nave come metafora del paese. "Suburra" è un film attuale, che rappresenta la violenza come conseguenza dell'incontro tra denaro, politica e criminalità. Non è un caso che il film venga da un libro di un magistrato, che conosce Roma.

venerdì 23 ottobre 2015
Alex2044

Quando un film italiano ha successo è sempre una buona notizia . Se poi il film è anche ben fatto lo è ancora di più . Stefano Sollima coglie con Suburra il primo dei bersagli . Per quanto riguarda il secondo bisogna dire che il film lo coglie solo parzialmente . Niente da dire dal lato tecnico . Le riprese , seppur qualche volta un po' di maniera , sono corrette [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2015
Andrea Buono

Ero scettico, non volevo "fare veleno" (missione incompiuta), ma Suburra si è rivelato un filmone, drammaticamente lucido nel tessere le fila di una trama che sconcerta per realismo (Amendola-Carminati? Manfredi-Casamonica?). Crudo, forte, di grande impatto, difficile da digerire - per oltre mezz'ora mi ha fatto venire voglia di alzarmi e andarmene per la febbre da eversione/evasione che fa salire [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2015
tool27

La "Suburra", come ci ricordano teaser e trailer del film, era un quartiere dell'antica Roma in cui criminalità e politica si incontravano segretamente. Partendo dall'omonimo romanzo e da freschi fatti di cronaca, (il libro preveggente di Bonini e De Cataldo è uscito prima dell’inchiesta di Mafia Capitale) Sollima ci conduce in quell’intercapedine oscura [...] Vai alla recensione »

martedì 22 dicembre 2015
Kronos

Premetto che senza i sottotitoli, gentilmente offerti da NetFlix, non avrei retto oltre la prima mezz'ora: Sollima e produttori devono capire che storie vaste e articolate richiedono una totale comprensione dei dialoghi, dal primo all'ultimo minuto. Lo spettatore va rispettato, sempre. Ma i sottotitoli c'erano e ho resistito allo slang romanesco biascicato a mezza voce: ne è valsa [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 novembre 2015
The beast

Scorcio crudo di una Roma decadente, matrimonio perfetto tra i colori torbidi di Gomorra e l'intreccio narrativo di Romanzo Criminale. Cast stellare e prova magistrale degli attori. Tra tutti un impareggiabile Claudio Amendola, che con il Samurai si dimostra maestro di doppiezza morale. Fotografia fantastica - una goduria per gli occhi. Vivamente consigliato!

lunedì 19 ottobre 2015
affabuloscopio

Piove su Roma, una pioggia incessante e invernale che sembra spogliare a poco a poco le fragili esistenze dei tre protagonisti: Filippo, politico corrotto col vizio delle donne, Samurai, capo indiscusso di una periferia sempre più in degrado e ras del quartiere senza sconti, Sebastiano, delicatamente impersonato nei tratti facciali da un duttile Germano, un uomo quasi pirandelliano, costretto a scendere [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2015
simianrogue

Appena finito il film, quando appare la scritto Suburra sullo schermo, ho sentito un brivido percorrermi tutta la schiena. Mi è capitato con pochissimi altri film. Suburra l'ho apprezzato per la sua coralità, per la sua violenza, per la trama, per la critica alla politica italiana, per la sua musica, per la sua fotografia, per la tecnica registica.

venerdì 16 ottobre 2015
poupaud

Finalmente un gran bel film italiano, grande prova di cinema popolare, con scene molto forti ma di effetto che ricorda il nostro buon bel cinema degli anni '70, quel cinema dei Damiano Damiani, dei Fernando di Leo  e di tanti altri bravi artigiani del nostro cinema, non per ultimo dello stesso padre di Stefano Sollima, quel Sergio a cui il film è dedicato.

giovedì 15 ottobre 2015
brian77

mi sa che a suon di vedere il micro-cinema italiano da micro-autore per festival, c'eravamo un po' dimenticati di cosa può essere il cinema quando qualcuno sa farlo. Quello di Sollima sarà uno stile ruvido e da post-poliziotteschi, ma almeno guarda al di là degli orizzonti angusti in cui s'è rinchiusa la stragrande maggioranza delle produzioni italiane.

giovedì 15 ottobre 2015
Flavio Micarelli

Non riesco veramente a trovare un aggettivo degno di tale bellezza, la pellicola è una forte introspezione nella realtà italiana, romanzata perfettamente sotto ogni aspetto , persino la pioggia è metafora della decadenza, e i personaggi rappresentano la classe  che sta affondando lo Stivale. Forse il mio voto è dovuto all'adrenalina che ho ancora in circolo o forse [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
lo stopper

“Suburra” e’ un film potente, scuro, spietato e affascinante, ambientato in una Roma buia, quasi sempre sferzata da una pioggia battente, in grado di formare una sorta di specchio opaco all’intera drammatica vicenda. Il racconto si svolge nell’arco di pochi giorni prima della fine del governo Berlusconi, nel novembre 2011, e trae origine da un progetto per una lottizzazione selvaggia del litorale [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
alberto.dif

Molte erano le aspettative per un opera così d'impatto in questo periodo di cronaca.Stefano sollima disegna con maestria un affresco del declino in cui versa roma tra politici corrotti, malaffare e violenza.Mai come in questo periodo un opera cinematografica può svegliare la coscienza della gente sul vero stato di degrado di roma e del nostro paese.

lunedì 26 ottobre 2015
GabryKeegan

Stefano Sollima torna sul grande schermo dopo aver raccontato la vita dei celerini in ACAB e aver conquistato critica e pubblico con le grandi serie tv Romanzo Criminale e Gomorra.  Proprio ai due telefilm può far riferimento lo spettatore per ritrovare le stesse atmosfere, ormai affascinato dalla fotografia cruda del paese e dalle dinamiche di azione condite da una così potente [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2015
Surofi

Abbandonarsi in sala e godersi un film dai tratti noir, o un western metropolitano, o un gangster movie non mi è più capitato da tempo, ora che i “grandi” registi americani non riescono a osare. Rimanere sorpreso che questo film è di Stefano Sollima, pensando invece che fosse un regista misto tra un paul thomas anderson e un giovane martin scorsese.

domenica 18 ottobre 2015
jackiechan90

Da un po' di tempo a questa parte il cinema italiano "d'impegno civile" sta conoscendo un boom sena precedenti. Da "Gomorra di Matteo Garrone in poi la storia d'Italia (soprattutto quella ancora oscura, sotto tanti aspetti, degli "anni di piombo") è stata raccontata attraverso le gesta di boss e bande criminali in un grande affresco storico che si è servito anche della televisione (con le fortunate [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2015
Hollyver

Chiesa politica prostitute droga feste zingari mafia pistole e coltelli. Non manca nulla in questo film di Sollima che ci fa vedere tutto quello che non vorremmo vedere o che non vorremmo che accada nella Roma dei nostri giorni ma che ahimé sembra terribilmente credibile e verosimile. Così la storia di un parlamentare nel periodo appena precedente la crisi di governo del 2011, [...] Vai alla recensione »

martedì 10 novembre 2015
TheMaster

Stefano Sollima è forse uno dei pochi eredi del cinema di genere italiano e,più di preciso,del genere crime e "poliziottesco",un regista straordinario che riesce a portare in scena dei prodotti veramente di qualità,cosa che,non può altro che far piacere invasi come siamo da spocchiosi e finti autori come Virzì e Ozpetec,buoni solo a raccontare storielle [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 novembre 2015
DHANY CORAUCCI

Il conto alla rovescia con il giorno dell'Apocalisse mi ha conquistato immediatamente. E subito ho pensato: ecco un altro film italiano che pensa in grande, con sicurezza, maestria e forte personalità. E' un bellissimo noir che attinge a quella tradizione letteraria di sicura efficacia che si basa su solidi fatti realmente accaduti, abilmente ricostruiti e ambientati, per raccontare [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2015
carlosantoni

Un film eccellente, dai moltissimi pregi, e parto dal primo per importanza: è una vera lezione di istituzioni parlamentari: mostra infatti che cosa sia veramente diventato (o forse sia sempre stato) il nostro parlamento, a cosa realmente serva, quale sia il reale rapporto tra rappresentanza politica e quella che in genere si definisce “società civile” (dove l’aggettivo “civile” va inteso però hegelianamente [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2015
Bob11_17

 Eccoci arrivati all’ultima fermata di questo viaggio. E sì, perché Suburra lo possiamo definire come il capitolo conclusivo degli altri tre precedenti capitoli firmati Stefano Sollima: Romanzo Criminale la serie, A.C.A.B. e Gomorra la serie. L’idea del regista era chiara fin da quando decise di far prendere vita alla ormai famigerata Banda della Magliana, perché [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2015
Maramaldo

"Sotto un manto di ...pianto, Roma fosca mi appare" Penso anch'io che Sollima abbia tratto ispirazione dai luigubri ed inquietanti fondali su cui si erge, torvo e letale, Batman: Gotham City. Non foss'altro per la nota assonanza con God damn City. Come dire: un postaccio, che Dio lo stramaledica! Suburra, basta la parola. Rifugio di reietti, covo di ribaldi, punto di raccolta della [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 ottobre 2015
Vileto

Stupendo, perfezionato nei dettagli più piccoli, intenso, colonna sonora perfetta, come se fosse stata creata apposta. Uno dei pochi film italiani, nonostante sia amaro e non facile da vedere perchè rispecchia molto la realtà, che rivedrei ancora tante volte con piacere perchè Sollima e il suo team sono stati dei veri professionisti della cinematografia italiana.

martedì 24 ottobre 2017
Valter Chiappa

C’è un genere in cinematografia che a ragione può definirsi tipicamente italiano, perché dalla storia o dalla cronaca del nostro paese attinge materia inesauribile: è quello che si incentra su tutte le declinazioni dell’italico malaffare. Quando eravamo un popolo di persone semplici, erano solo racconti di guardie e ladri: un commissario fascinoso e malinconico, [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 novembre 2015
stefano73

Validissimo film ad alta tensione tra potere politico, criminalità e benestare religioso. 130' di pura tensione per un film italiano di mestiere. Purtroppo pesano alcuni accessi di violenze e sesso. Credono che la qualità é fatta di eccessi....non é così ma sicuramente crea una certa impressione e adesione di pubblico che ricerca durezza.

giovedì 15 ottobre 2015
nello2ivanovic

Piacevolmente sorprendente. Si tratta di un film corale in cui tutti i personaggi si amalgamano alla perfezione, Borghi e Scarano. L'unico un pò fuori dal coro è Amendola, con un personaggio tanto importante quanto poco caratterizzato e deficiente di quell'aura peculiare da boss a cui ci hanno abituato i vari "Il Padrino", "Gomorra" o altri film di genere.

sabato 14 novembre 2015
jaki95

Siamo a Roma ed è il 5 novembre2011 - 7 giorni prima dell'Apocalisse, ovvero la caduta del Governo Berlusconi, dimostratosi incapace di arginare gli effetti della devastante crisi economica e di valori scoppiata nel 2008. Suburra è uno spaccato crudo, asciutto a tratti disturbante dell'odierna società romana, dipinta come un coacervo di criminali spietati e opportunisti pronti a sfruttare gli errori [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2015
Claudio Di Trapani

Ai tempi dei Romani, la Suburra era un quartiere malfamato, oggi l'accosterei ad un un locale per tossici, con la saracinesca abbassata per eccesso di clienti; mentre qualcuno, rimasto fuori, urla: "Voglio entra', famme veni', ce voglio sta' pure io ner monno!". Er monno: se questo termine lo pronunciasse un romano di oggi non si riferirebbe solo e soltanto alla Roma attuale, [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
maynardi araldi

La pioggia è la protagonista morale del film. Piove su tutto. Sulle tamerici sparse, sulle rupi salmastre. Piove governo ladro. Piove freddo come in Blade Runner, sulla corruzione umana e urbana. E piove anche quando è asciutto. Perché ogni realtà è fradicia. Roma è ancora ‘caput mundi.’ Ma capovolta.

domenica 8 ottobre 2017
Dandy

10 anni dopo "Romanzo ciminale",un'altra epopea di criminali alti e bassi nella capitale,sempre tratta da un libro di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini.Solo che stavolta le vicende sono ambientate nel 2011.Sollima sfronda abbondantemente il romanzo(in vista della futura serie tv),e cerca una via di mezzo tra esigenze spettacolari e denuncia civile.

lunedì 6 giugno 2016
Onufrio

Un grande cerchio che col passare dei giorni si restringe sempre più facendo in qualche modo quadrare tutti i conti e far venire tutti i nodi al pettine. Roma Capitale, anno 2011, a 7 giorni dalle dimissioni del Presidente del COnsiglio Berlusconi e delle storiche dimissioni di Papa Ratzinger, la capitale è in fermento, storia di politica, storia di mafia e di conflitti interni fra bande [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 novembre 2017
Portiere Volante

 IL finale non è particolarmente convicente,alla ricerca del colpo di scena e di sparizioni "punitive" ma narrativamente poco studiate nei dettagli,fin troppo facili se mi è concesso il termine. La corruzione politica ha sempre il suo "appeal" c'è poco da fare ,a parte questo Solima utilizza la fotografia come meglio non si potrebbe per aggiungere [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 novembre 2015
alberto mancini

Roma è una città molto conosciuta e ammirata, ma poco amata. Turisti e cittadini mostrano spesso una certa diffidenza ed estraneità verso quella che tuttavia definiscono la città più bella del mondo. Anche il cinema dà spesso dell'Urbe un'immagine fantasiosa irreale e onirica, però lontana dal vero cuore della città. Certo esistono i tanti capolavori di Fellini e Pasolini, Scola e Moretti, Proietti [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
MagicianSofà

 Suburra è un film da vedere. Uno sguardo totalmente disincantato sull'Italia. Tutti sembrano cercare "la svolta" ma si resta in un eterno impasse che affligge, svilisce e spinge quasi tutti i protagonisti ad esagerare, fatta eccezione per il personaggio del Samurai (Claudio Amendola) che è l'unico vero adulto del film.

giovedì 15 febbraio 2018
Parsifal

Nato dalla penna delll'esimio De Cataldo ( in tandem con Bonini), scrittore contemporaneo autore di Romanzo Criminale , magistrato e narratore del degrado urbano , diretto dall'ottimo Stefano Sollima, regista della serie Romanzo Criminale e di Gomorra, il suddetto film è un crudo e , a tratti lancinante, spaccato ( ovviamente in chiave romanzesca) della realtà attuale nella Città [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2016
IuriV

  Sollima descrive la zona grigia del potere romano cercando di racchiudere in un unico racconto tutte le gerarchie che lo compongono: dall'influente parlamentare fino all'ultimo dei teppisti. Ne viene fuori un racconto frammentato, inizialmente simile a un intreccio di episodi indipendenti e che solo nella seconda parte trova il suo centro gravitazionale, capace di aggregare una [...] Vai alla recensione »

domenica 22 novembre 2015
enrico danelli

Il difetto di questi film di attualità è quello di arrivare tardi, quando ormai tutti sono informati e istruiti dalla stampa di regime. Su "mafia capitale" questo film aggiunge ormai ben poco rispetto a quello che ci è dato sapere. Nonostante ciò il film è piacevolmente crudele e non lascia mai calare la tensione.

venerdì 6 novembre 2015
Vautrin

Suburra è un film da vedere perché è un film che si discosta dal panorama piatto del cinema Italiano. E' un film che poteva osare di più e calcare meno su eros e thanatos, ma ci sono due scene che in un film che vuol essere anche di denuncia, quindi tendente al realismo, sono da considerarsi come cadute di stile. Non si può accettare che il debole e vigliacco [...] Vai alla recensione »

domenica 25 ottobre 2015
Dejan T.

È un lavoro ben fatto questo film di Stefano Sollima, il regista che non si fa scrupoli di trattare temi caldi e delicati: dopo la coraggiosa opera "ACAB", ecco un'altra pellicola di tutto rispetto, quella che narra gli eventi (in parte reali, in parte fittizi) accaduti a Roma durante i palpitanti giorni del novembre 2011, poco prima delle dimissioni del presidente del consiglio [...] Vai alla recensione »

sabato 24 ottobre 2015
gpistoia1939

Come si fa a dire che questo non è un bel film, anche se molto crudo. Ma perché quella lunga scena di sesso e cocaina, si poteva anche farla più corta, intanto si capisce tutto ugualmente, perché questo compiacersi del regista di questo sesso perverso, erotizzato e quasi portato all'immagine come un dipinto del '600? Non che io sia una "paolotta" anzi, però perché scadere nella pornografia quando se [...] Vai alla recensione »

sabato 7 luglio 2018
Renato C.

Veramente roba da piangere! Se l'Italia è quella descritta nel film, che da date storiche di fatti realmente accaduti tipo le le dimissioni di Silvio Berlusconi ed il subentro di Mario Monti a metà Novembre del 2011,  c'è proprio da mettersi le mani nei capelli! Le collusioni tra politici e criminalità organizzata vengono descritte al massimo! Ciò che [...] Vai alla recensione »

martedì 1 maggio 2018
SugarK

Dopo il grande successo delle serie televisive, Romanzo Criminale e Gomorra infine il film ACAB: All Cops Are Bastards, Stefano Sollima va avanti alla ricerca dei nuovi progetti che possano stupire sempre di più il pubblico. Infatti è riuscito a realizzare un film incentrato sulla criminalità a Roma, dove diverse storie si intrecciano durante i 7 giorni, dal 5 Novembre al 12 Novembre, fino ad arrivare [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2015
Kleber

 La parte più riuscita è l’intreccio politica-affari-mafia. Un po’ forzato e posticcio il coinvolgimento del Vaticano. Manca del tutto il sottobosco amministrativo – ministeriale - municipale che è invece una componente essenziale della  realtà romana. Si sente la mancanza dei sottotitoli alla “Gomorra” in alcuni passaggi: è [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2015
Maurizio.Meres

Il cinema in questo film vuole ricordare e far presente soprattutto,quello che la politica alleata,anzi direi nella totale concussione, con una delinquenza ramificata nei vari livelli istituzionali Italiani e nei più miseri bassifondi criminali ,sa offrire al nostro paese,un espressione potrebbe essere "non si rendono conto di quello che fanno,ma sanno quello che vogliono"vedere anche se non c'era [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2015
MagicianSofà

Suburra è un film da vedere. Uno sguardo totalmente disincantato sull'Italia. Tutti sembrano cercare "la svolta" ma si resta in un eterno impasse che affligge, svilisce e spinge quasi tutti i protagonisti ad esagerare, fatta eccezione per il personaggio del Samurai (Claudio Amendola) che è l'unico vero adulto del film. Personalmente ho trovato il film un po' disancorato, sul finale, dalla realtà narrata [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 25 ottobre 2015
Pino Farinotti

Suburra è un film assolutamente funzionale: al pubblico, al momento, al marketing, al dibattito. Qualche film l'ho visto (e scritto), qualche storia l'ho letta (e scritta), e mi inchino alla professionalità, e alla perfetta scaltrezza degli autori. I nomi vanno fatti: Giancarlo de Cataldo e Carlo Bonini, che firmano il romanzo, e gli immancabili marpioni Rulli e Petraglia (coppia di grandi successi televisivi, come La piovra, e altri).

FOCUS
sabato 17 ottobre 2015
Roy Menarini

Che Suburra sia un film difficilmente maneggiabile dalla cultura italiana è abbastanza evidente. Di recente una giornalista ha domandato a Claudio Amendola come riuscisse a passare dal cinema impegnato stile Suburra alla giuria di Miss Italia. Al tempo stesso, da altre parti Suburra viene impallinato perché "si accontenta" di essere un film di genere e non si eleva mai, testardamente, a qualcosa di più ambizioso.

Frasi
"Non l'ho ucciso io, l'ha ucciso Roma"
Una frase di Samurai (Claudio Amendola)
dal film Suburra - a cura di Monicq
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Marco Travaglio
Il Fatto Quotidiano

Suburra, nell'antica Roma, era il borgo più plebeo e malfamato, crocevia di crimine e potere. Anche Giulio Cesare, nobile ma squattrinato, viveva lì. Oggi Suburra è un film prodotto da Kattleya, diretto col ritmo incalzante della fiction da Stefano Sollima e tratto dal romanzo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo. Che è uscito due anni fa, ma pare scritto domattina.

Fulvia Caprara
La Stampa

Il sogno della ricchezza facile, con il lungomare di Ostia trasformato in una scintillante Las Vegas, illumina lo sguardo allucinato di Numero 8, il criminale giovane che gestisce i traffici malavitosi del litorale romano e si oppone, con temeraria tracotanza, alle regole imposte dai signori del male. Nell'affresco al nero di Suburra, regia di Stefano Sollima, le figure di Numero 8, interpretato da [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Come sa girare lui un'esecuzione criminale, una scena di sesso orgiastico, un faccia a faccia tra gangster, un'adunata forcaiola, il lusso trash di una villa zingaresca o una sparatoria al supermarket, a stento se ne possono contare sulle dita di una mano. Sollima, come ci sembrò chiaro in tempi non sospetti, è il De Palma italiano, un costruttore di macchine epiche che non si speccbia nella tecnica [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Stefano Sollima, figlio del compianto Sergio (quello di Sandokan), ha avuto un grande pregio in questi ultimi anni; quello di aver reinventato la cinecriminalità italiana, dirigendo e appassionando, per la televisione, due saghe cult come Romanzo criminale - La serie e Gomorra - La serie. Suhurra ne è il naturale approdo, il suo sublime riassunto, un capolavoro che ti lascia a bocca aperta.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

A come Affari, sporchi naturalmente. B come Bacio, quello ipocrita che il deputato reduce da una notte di sesso e droga schiocca sulla fronte del figlio addormentato. C come Camera, dei Deputati ma anche d'albergo: nella prima si votano leggi (vedi alla voce Affari), nella seconda ci si accoppia con ragazze ben pagate ma fragili e portatrici di guai.

Lee Marshall
Condé Nast Traveller

Ho l'abitudine, quando guardo i film, di prendere appunti al buio. Risultano quasi sempre illeggibili, ma guardando gli scarabocchi che ho fatto durante Suburra qualche parola spunta fuori. Per esempio "sex, drugs, death", oppure, in italiano, "tradimenti, ricatti, omicidio, vendetta". Si vede che il sovraccarico drammatico del film mi ha reso incapace di formare delle frasi compiute.

NEWS
LIBRI
giovedì 1 ottobre 2015
 

Una Roma lunare e sguaiata scenario di una feroce mattanza. Un Grande Progetto che seppellirà sotto una colata di cemento le sue periferie. Due vecchi nemici, un bandito e un carabiniere, che ingaggiano la loro sfida finale.

VIDEO
mercoledì 23 settembre 2015
 

Regista di ACAB - All Cops Are Bastards e delle serie Romanzo Criminale e Gomorra, Stefano Sollima, figlio di Sergio, torna al cinema con una nuova storia criminale dal titolo Suburra, interpretata tra gli altri da Pierfrancesco Favino, Claudio Amendola [...]

NEWS
martedì 25 agosto 2015
 

Dopo aver diretto con successo ACAB - All Cops Are Bastards e le serie televisive di Romanzo Criminale e Gomorra, Stefano Sollima torna al cinema con una crime story ambientata a Roma; una storia di fantasia, ma che mai come in questo periodo trova riscontro [...]

winner
miglior attrice non protag.
Nastri d'Argento
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati