•  
  •  
Apri le opzioni

Elio Germano

Elio Germano è un attore italiano, regista, è nato il 25 settembre 1980 a Roma (Italia). Al cinema il 27 gennaio 2022 con il film America Latina.
Quest'anno ha ricevuto il premio come miglior attore al David di Donatello per il film Volevo nascondermi. Dal 2007 al 2021 Elio Germano ha vinto 8 premi: David di Donatello (2007, 2011, 2015, 2021), Festival di Berlino (2020), Festival di Cannes (2010), Nastri d'Argento (2010, 2015). Elio Germano ha oggi 41 anni ed è del segno zodiacale Bilancia.

Il talento di un figlio unico

A cura di Francesca Pellegrini

Chi riesce a offuscare un belloccio come Riccardo Scamarcio si merita tanto di cappello, specialmente se si tratta di quel talento galvanizzante di Mr. "Mio fratello è figlio unico".
Grintoso, accattivante e con un carisma da sfrontato anti-divo, l'attore è la maggiore promessa che il panorama cinematografico italiano possa vantare.
La sua natura eclettica e quel volto - ora sbarazzino, ora insolente - lo rendono talmente unico da accomunarlo ad una delle star Hollywoodiane per eccellenza che, come lui, possiede radici molisane: Robert De Niro.
Non ci vorrà molto affinché il resto del mondo si accorga di Elio Germano.
Nato nel quartiere romano di Monteverde Nuovo ma originario di Duronia (Campobasso), la stella è l'unicogenito di un architetto e di un'impiegata di banca. Sin da bambino fa emergere il suo amore per la recitazione, prendendo parte agli spettacolini estivi allestiti dai villaggi turistici, dove era solito soggiornare con la famiglia. In seguito, assieme agli amici, nel paese natale dei genitori (Duronia), il piccolo Elio si sbizzarrisce nelle assurde scenette imparate in vacanza.

La gavetta
Non ancora tredicenne debutta nelle pestifere vesti di Andrea, intonando "Ci Hai Rotto Papà!", in sella alla sua Mountain Bike. Entra in alcune compagnie no profit come il Colosseo, il Furio Camillo e il Teatro dei Cocci. Durante il liceo scientifico, inoltre, frequenta un corso presso il Teatro Azione diretto da Isabella Del Bianco e Cristiano Censi.
Il palcoscenico consente a Germano di sviluppare le notevoli abilità di immedesimazione; per la carica umana che è in grado di infondere nelle rappresentazioni, l'artista trascende ogni altro attore in ascesa, grazie alla radicale passione nonché a quella intensità emozionale che innesta nelle sue performance. Rifiutato dalla scuola per fumettisti, il ragazzo si iscrive, per un breve lasso di tempo, alla facoltà di Lettere e Filosofia. Nel 1999, è un adolescenziale Ricky Tognazzi ne Il cielo in una stanza di Carlo Vanzina.

L'ascesa di un figlio unico
Ha inizio, cosi, un frenetico percorso che si divide tra cinema, tv, palcoscenico e letteratura: Elio adora stilare racconti e, in quel periodo, riesce a pubblicarne tre, uno dei quali - "Scrittura Fresca" - vince il concorso regionale promosso dal Comune di Roma. Successivamente, è un pischello poco raccomandabile che si fa chiamare "Er Pasticca" in Un medico in famiglia 2 e colleziona figurine del Fantacalcio nella serie tv Via Zanardi 33. Tra il 2001/04 indossa i panni del figlio di Abatantuono in Concorrenza sleale di Ettore Scola, si immerge nelle terre siciliane in Respiro, guadagnandosi una nomination al David di Donatello e ai Nastri d'Argento, grazie al liceale coatto in Che ne sarà di noi.
Colpiti da quel trasformismo e dalla predisposizione ad imitare i dialetti, i registi fanno a gara per contenderselo. È davanti alla cinepresa di Gabriele Salvatores nel noir Quo vadis, baby? e a quella di Michele Placido nel pluripremiato Romanzo criminale. Nel 2006, incarna lo scrivano che sogna segretamente di uccidere il Napoleone di Paolo Virzì. Dodici mesi più tardi, la sfacciata interpretazione del fratellino fascista di Scamarcio in Mio fratello è figlio unico gli frutta un David come Migliore Attore Protagonista. Gira, poi, pesanti scene di nudo integrale nell'ostico Nessuna qualità agli eroi. Il 2008 lo vede cimentarsi nel conduttore radiofonico Marco Baldini, in Il mattino ha l'oro in bocca.
Venditore dinamico in Tutta la vita davanti, eccolo tra gli Italians, trapiantati all'estero, di Giovanni Veronesi. Brillante allievo di giurisprudenza in Il passato è una terra straniera, Germano è un delinquente soprannominato "Quattro Formaggi" in Come Dio comanda. Riesce ad entrare nel cast stellare del musical Nine (2009) di Rob Marshall, riadattamento del felliniano 8 e ½. È poi il protagonista dell'unico film italiano presente in concorso a Cannes 2010, La nostra vita di Daniele Luchetti, e nel 2011 è l'amorevole Folco, figlio di Tiziano Terzani ne La fine è il mio inizio. L'anno successivo l'attore viene scelto da Ferzan Ozpetek per la commedia drammatica Magnifica presenza, nella quale divide il set con attori del calibro di Margherita Buy, Beppe Fiorello e Vittoria Puccini, nonché da Daniele Vicari in Diaz - Non pulire questo sangue, film politico che racconta i fatti del G8 di Genova. E' poi il boss della Mala del Brenta Felice Maniero nella discussa fiction Sky Faccia d'angelo di Andrea Porporati. Nel 2013 è il traslocatore protagonista del film di Veronesi L'ultima ruota del carro. Il 2014 regala al giovane attore il ruolo di Giacomo Leopardi ne Il giovane favoloso di Mario Martone, per la cui interpretazione si aggiudica il Nastro d'Argento e il David di Donatello come miglior attore.
L'anno successivo reciterà per Stefano Sollima in Suburra e in seguito ricoprirà il ruolo di protagonista in Alaska, diretto da Claudo Cupellini. Suo sarà anche il ruolo di San Francesco nel film di Renaud Fely e Arnaud Louvet Il sogno di Francesco. Affianca poi Fabio De Luigi nella commedia di Edoardo Falcone Questione di karma e passa poi al drammatico La tenerezza, diretto da Gianni Amelio e tratto dal romanzo "La tentazione di essere felice" di Lorenzo Marone. Diretto da Gianni Zanasi in Troppa grazia e da Daniele Luchetti in Io sono Tempesta, partecipa poi al secondo film dei fratelli D'Innocenzo Favolacce ed è protagonista nei panni del pittore Antonio Ligabue nel film di Giorgio Diritti Volevo nascondermi, film per cui viene premiato come miglior attore alla 70. Berlinale e ai David di Donatello 2021. A fine 2020 esce direttamente in digitale la commedia L'incredibile storia dell'isola delle Rose, in cui è diretto da Sydney Sibilia.
Nel 2021 torna a lavorare con i fratelli D'Innocenzo in America latina, che verrà presentato alla 78. Mostra del Cinema di Venezia.

Prossimi film

Ultimi film

Drammatico, (Italia - 2020), 98 min.
Biografico, (Italia - 2020), 120 min.
Commedia, (Italia, Spagna, Grecia - 2018), 110 min.
Commedia, (Italia - 2018), 97 min.
Drammatico, (Italia - 2017), 103 min.
Commedia, (Italia - 2017), 90 min.

Focus

INCONTRI
giovedì 8 novembre 2018
Paola Casella

Troppa grazia è un film anomalo come tutti quelli scritti e diretti da Gianni Zanasi: difficile catalogarlo secondo un unico genere. Al suo interno si muovono personaggi credibili che affrontano situazioni al limite della credibilità. Ma le relazioni (e le reazioni) sono autentiche, hanno il sapore della vita vissuta: anche per gli attori che li interpretano. Ne abbiamo parlato con il regista e parte del cast

INCONTRI
venerdì 25 marzo 2011
Ilaria Ravarino

Parla svelto, Folco Terzani, senza accento, e sembra un fiume in piena. Ha 41 anni ma ne dimostra dieci di meno, con i capelli lunghi e i jeans da ragazzino, questo adulto bambino che spende fiumi di parole su suo padre ma di sé dice soltanto di esser venuto al mondo «in una valigia». A due settimane di vita era già su una nave che dall'America lo portava in Italia, poco dopo era a Singapore, e ancora attraverso l'Asia, infine in Cina, dove a 12 anni di giorno faceva l'alzabandiera e di sera piangeva di nascosto per non deludere il padre Tiziano

INCONTRI
domenica 26 ottobre 2008
Gabriele Niola

Violenza, poker e cocaina tra Elio Germano e Michele Riondino Ancora un film di genere per il Festival del Film di Roma ma questa volta insospettabilmente italiano. È infatti lo stesso Vicari che ha definito il suo Il passato è una terra straniera come film di genere, anche se non crede molto nell'utilità di tale definizione: "I generi ormai si mescolano in maniera inestricabile, le denominazioni thriller psicologico o romanzo di formazione sono definizioni di comodo utili a discutere"

INCONTRI
giovedì 27 marzo 2008
Marzia Gandolfi

Un film doloroso e psicanalitico Dopo La spettatrice, storia di una giovane donna che osserva la vita degli altri dietro il vetro di una finestra, Paolo Franchi torna con un'opera nevrotica e dolorosa ma soprattutto con un'idea di cinema accostato alla psicanalisi, probabilmente per quel carattere di sogno collettivo che il cinema spesso possiede o per le dinamiche di proiezione e di identificazione che sollecita

CELEBRITIES
martedì 26 febbraio 2008
Stefano Cocci

Dai Vanzina ai premi, la storia di un attore "normale" Sfogliando con attenzione il curriculum di Elio Germano si scopre un attore senza esitazioni, che va per la sua strada, convinto che un giorno arriverà da qualche parte. A vederlo oggi, dopo i meritatissimi premi come Miglior Attore ai David di Donatello e il Globo d'oro come rivelazione dell'anno per Mio fratello è figlio unico, si capisce come anche le parentesi televisive e con i fratelli Vanzina abbiano sortito un effetto

News

Cinema, Anica e Anec insieme per promuovere il ritorno in sala in sicurezza. Ecco il cortometraggio che riunisce i...
Il 3 giugno la cerimonia di premiazione in streaming su MYmovies. PRENOTA UN POSTO.
Regia di Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo. Un film con Elio Germano, Astrid Casali, Sara Ciocca, Maurizio...
Miglior attore al Festival di Berlino. Un film intenso sulla vita dolorosa del pittore. Disponibile su Infinity.
Premiato a Berlino e ai Nastri d’Argento, il film racconta la storia del pittore Antonio Ligabue.
Regia di Sydney Sibilia. Un film con Elio Germano, Matilda De Angelis, Fabrizio Bentivoglio, Luca Zingaretti,...
Quando la letteratura incontra il cinema. Dal 24 ottobre nella biblioteca di Cologno Monzese.
Il cinema che racconta l'arte: dai film dedicati al pittore olandese al recente Volevo nascondermi, con un fenomenale...
Al film di Giorgio Diritti va il riconoscimento che il Direttivo dei Giornalisti Cinematografici assegna scegliendo...
Regia di Fabio D'Innocenzo, Damiano D'Innocenzo. Un film con Elio Germano, Tommaso Di Cola, Giulietta Rebeggiani,...
Volevo nascondermi e Favolacce vincono rispettivamente i premi per il Miglior Attore e per la Miglior Sceneggiatura. Orso...
Da Volevo nascondermi a Si vive una volta sola, tantissimi i titoli posticipati a data da destinarsi.
Regia di Fabio D'Innocenzo, Damiano D'Innocenzo. Un film con Elio Germano, Tommaso Di Cola, Giulietta Rebeggiani,...
Regia di Giorgio Diritti. Un film con Elio Germano, Oliver Ewy, Leonardo Carrozzo, Pietro Traldi, Orietta Notari. Da...
L'attore interpreta il pittore Antonio Ligabue nel film diretto da Giorgio Diritti. Da mercoledì 4 marzo al cinema.
In una notte tempestosa, nell'ospedale di un piccolo paese viene alla luce un bambino, dotato di un inconcepibile...
La vita del pittore Antonio Ligabue, uno dei maestri e protagonisti fondamentali dell'arte contemporanea internazionale.
Leggere un testo in un film è impresa complessa. Ma per fortuna i registi coraggiosi non mancano.
Compie 200 anni il canto immortale del poeta di Recanati, emblema della sua grandezza e protagonista anche al cinema.
Iniziano il 14 gennaio le riprese del film di Marco Bonfanti con Elio Germano, Michela Cescon e Elena Cotta.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati