Advertisement
Ligabue come Van Gogh. Due vite parallele legate da un unico dolore

Il cinema che racconta l'arte: dai film dedicati al pittore olandese al recente Volevo nascondermi, con un fenomenale Elio Germano.
di Pino Farinotti

Volevo nascondermi

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Elio Germano (40 anni) 25 settembre 1980, Roma (Italia) - Bilancia. Interpreta Antonio Ligabue nel film di Giorgio Diritti Volevo nascondermi.
giovedì 27 agosto 2020 - Focus

Se Plutarco (48 d.c. – 127 d.c.) fosse vissuto una ventina di secoli dopo, non c’è dubbio che nella sua Vite Parallele (Β?οι Παρ?λληλοι) avrebbe inserito Van Gogh e Ligabue. Le affinità e le proporzioni le avrebbe risolte a modo suo, da grande competente, come fece con Pericle - Quinto Fabio Massimo, Aristide – Catone il censore, Demostene – Cicerone, Alessandro - Giulio Cesare. E con altre 18 coppie. Chi ha visto Volevo nascondermi (guarda la video recensione) di Giorgio Diritti e possiede una normale cultura artistica non può non aver percepito le affinità fra l’olandese e l’italiano. E la prima affinità, il dolore, ti assale subito vedendo i loro autoritratti. Presentano quasi lo stesso volto. Subito dopo, la faccia distrutta di un contadino emiliano, è la stessa di un mangiatore di patate olandese. Van Gogh, è notorio, è forse il pittore più popolare dell’era moderna, certo il più filmato. Si allontana di molte lunghezze dalla popolarità e dall’azione di Ligabue, il suo mito fa parte della nostra formazione: la sofferenza, l’“auto-maledizione”, le opere mai vendute, i rapporti umani e sociali impossibili, la pazzia non solo artistica, e quel perseguire la propria fine fino a riuscirci. Eppure quel talento, quell’attitudine febbrile ed esplosiva, quella capacità di raccontare all’infinito con poche strisciate rabbiose di spatola sono qualcosa che sta sospeso fra la terra e il cielo. Una dotazione, una grazia che chissà da dove arriva. Ce ne sono pochissimi, come lui.
Ligabue presenta proporzioni diverse, come detto, ma i sentimenti, la violenza, la febbre, l’esplosione, fanno parte delle stesse categorie. E gli scenari della piana di Arles e della pianura del Po, sono davvero vicini.
 

Il cinema. Su Van Gogh hanno lavorato alcuni grandi maestri, da Resnais a Kurosawa, da Altman a Minnelli, al “recente” Schnabel.
MYmovies.it

Mi concedo altre due, magari improprie, vite parallele, MinnelliDiritti. Due autori che non possono essere più diversi. Minnelli è l’espressione più avanzata e favolistica di Hollywood: niente di reale, tutta bellezza ed evasione. Diritti è semplicemente l’opposto. La differenza emerge proprio nei film sui due artisti. In Brama di vivere Minnelli ha dato a Van Gogh Kirk Douglas, uno dei grandi “belli” di Hollywood, mentre Diritti ha scelto Elio Germano, impressionante per la capacità di trasformarsi. E qui è ancora più fenomenale che ne Il giovane favoloso, dove faceva Leopardi. E Ligabue è quello che doveva essere.
Il regista ha lavorato su di lui come uno scalpello sulla pietra. Non era bello Antonio, e quel vivere nella miseria, nei boschi umidi della riva del fiume, nelle stanze malsane dove qualcuno, impietosito, lo ospitava, lo aveva reso una creatura selvaggia senza equilibri, senza cultura e senza amore. Ma era Ligabue, il talento e la fantasia.


VAI ALLA SCHEDA COMPLETA CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati