Dizionari del cinema
Periodici (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 18 agosto 2019

Kirk Douglas

Una delle figure più rilevanti del mondo di Hollywood

Nome: Issur Danielovitch Demsky
9 Dicembre 1916 (Sagittario), Amsterdam (New York - USA)
occhiello
Si,sò chi era Giuda,era un uomo che stimavo e per il quale ero fiero di lavorare fino al giorno in cui non disonorò la divisa che indossava.
dal film Sette giorni a maggio (1964) Kirk Douglas  Il colonnello Martin 'Jiggs' Casey
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Kirk Douglas
Premio Oscar 1957
Nomination miglior attore per il film Brama di vivere di Vincente Minnelli

Premio Oscar 1953
Nomination miglior attore per il film Il bruto e la bella di Vincente Minnelli

Premio Oscar 1950
Nomination miglior attore per il film Il grande campione di Mark Robson



L'attore, un mito della storia del cinema, compie oggi un secolo. Nel 1996 il premio Oscar alla Carriera.

I 100 anni di Kirk Douglas: nessuno, vivo, come lui

venerdì 9 dicembre 2016 - Pino Farinotti cinemanews

I 100 anni di Kirk Douglas: nessuno, vivo, come lui Nel film Sfida all'O.K. Corral (Sturges 1957), Kirk Douglas è Doc Hollyday, il medico pistolero alcolizzato amico dello sceriffo Wyatt Earp - Burt Lancaster. Douglas ha un accesso di tosse, Lancaster gli dice: "se smettessi di bere camperesti cent'anni". Ebbene, Douglas, compie cento anni. Augurio propizio, quasi un sortilegio. Kirk Douglas ha attraversato sette decenni di cinema, da Lo strano amore di Marta Ivers (1946) a Illusion (2004). La stagione che più lo identifica sono gli Anni Cinquanta, che è il decennio d'oro del cinema del mondo. Se devo dare una dimensione ai grandi, eroici vecchi penso a Connery, Eastwood (86) e penso all'ottantenne Redford. Magari, per appeal ed esempi, possono anche cercare di competere, ma l'assenza nel decennio d'oro non è recuperabile. In quelle stagioni Kirk era nei western superclassici, come Il grande cielo (Hawks 1952) e Sfida all'O.K. Corral, è stato il giornalista cinico ne L'asso nella manica (Wilder 1951), il produttore senza scrupoli ne Il bruto e la bella (Minnelli 1952),Ulisse (Camerini 1954), Van Gogh, performance strepitosa, in Brama di vivere (Minnelli 1956), l'ufficiale eroe in Orizzonti di gloria (Kubrick 1957). Voglio considerare il 1960 l'ultimo anno dei cinquanta e ricordo Noi due sconosciuti (Richard Quine), rapinosa storia d'amore con Kim Novak. Il film che forse più lo rappresenta è Spartacus (Kubrick), dove l'attore era anche produttore. Titolo importante che racconta le vocazioni di Douglas, intelligenza, creatività, coraggio. Accadde che il film fosse scritto da Dalton Trumbo, comunista, iscritto nelle liste nere di McCarthy. Trumbo avvertì Douglas che il suo nome scottava, poteva essere molto pericoloso. Avrebbe accettato, lo scrittore, di firmare con uno pseudonimo. Ma Douglas fu deciso: "L'hai scritto tu e sarai nei titoli". Come produttore dovette vedersela col regista più rognoso della storia del cinema, Stanley Kubrick. Douglas diceva: "Stanley mi ha tolto qualche anno di vita". Sappiamo adesso che non è così. In tutto questo, un dato anomalo, un paradosso: Kirk Douglas non ha mai vinto l'Oscar. Doverosamente glielo hanno attribuito alla carriera nel 1996.

Lettera a tre mogli

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,56)
Un film di Joseph L. Mankiewicz. Con Linda Darnell, Ann Sothern, Jeanne Crain, Paul Douglas, Connie Gilchrist.
continua»

Genere Commedia, - USA 1949. Uscita 13/02/2017.

Spartacus

* * * * -
(mymonetro: 4,06)
Un film di Stanley Kubrick. Con Kirk Douglas, Laurence Olivier, Jean Simmons, Charles Laughton, Peter Ustinov.
continua»

Genere Storico, - USA 1960.

Orizzonti di gloria

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,50)
Un film di Stanley Kubrick. Con Ralph Meeker, Adolphe Menjou, Wayne Morris, Kirk Douglas, George Macready.
continua»

Genere Drammatico, - USA 1957.

Sfida all'O.K. Corral

* * * - -
(mymonetro: 3,03)
Un film di John Sturges. Con Burt Lancaster, Kirk Douglas, Rhonda Fleming, Jo Van Fleet, John Ireland.
continua»

Genere Western, - USA 1957.

Brama di vivere

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,80)
Un film di Vincente Minnelli. Con Everett Sloane, Anthony Quinn, Kirk Douglas, James Donald, Pamela Brown.
continua»

Genere Drammatico, - USA 1956.
Filmografia di Kirk Douglas »

sabato 20 luglio 2019 - 40 titoli in programma dal 20 luglio al 2 agosto, per ricostruire l'identità americana e non solo attraverso uno dei generi cinematografici più politici e più potenti.

Il western e la storia, su Sky Cinema Collection

Tommaso Tocci cinemanews

Il western e la storia, su Sky Cinema Collection L'epopea western ha sempre un sapore speciale: qualcosa che sa di morte, ma anche il senso etico di una società in costruzione. Ne ripercorre le varie anime, quelle fondative come quelle crepuscolari, la rassegna che Sky Cinema Collection dedica al genere dal 20 luglio al 2 agosto, con 40 film (quasi tutti anche disponibili on demand) che spaziano dall'età dell'oro hollywoodiana (gli anni 50) fino alle revisioni e ai revisionismi contemporanei.

Si inizia da uno degli scontri più iconici del secolo, quello di Sfida all'O.K. Corral. Il regista John Sturges romanza le circostanze reali della sfida tra il clan dei Clanton e gli uomini di legge Wyatt Earp e Doc Holliday (i divi Burt Lancaster e Kirk Douglas), allargando gli spazi e dilatando i tempi ma creando una leggenda popolare senza fine a cui i western futuri torneranno spesso.

Domenica 21 va in scena Il Grande paese, per la regia di William Wyler, film di enorme respiro che analizza il mondo della frontiera attraverso la lotta tra due famiglie rivali, con Gregory Peck nel ruolo dell'outsider decisivo. Gli fa compagnia Gli inesorabili, in cui John Huston si mette alla prova in un genere non propriamente familiare, assistito da Burt Lancaster e Audrey Hepburn come coppia di star d'eccezione.

Non può mancare un omaggio a uno dei più grandi registi del western, Anthony Mann, il cui Dove la terra scotta è nel corso degli anni emerso come uno dei suoi titoli più notevoli. La star, altra icona immancabile, è Gary Cooper nel ruolo di Link, fuorilegge riformato costretto a sfidare i membri della sua vecchia banda.

L'uomo che uccise Liberty Valance, in onda domenica 28, è uno dei picchi assoluti nella storia dei cowboy dello schermo. Nel 1962, John Ford, John Wayne e Jim Stewart hanno reso il western ciò che è, e con questo film lo avviano al suo tramonto, in una storia emozionante che si interroga sul valore della modernità e del passato. "Qui siamo nel West, dove se la leggenda diventa realtà, vince la leggenda."

Non si può dire western senza pensare a Sergio Leone, e naturalmente la rassegna di Sky Cinema Collection include i classici del maestro romano, con la trilogia del dollaro restaurata (Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo) in programma tutta di fila, in un tripudio di sigari, poncho, carrillon e nodi scorsoi dal 29 al 31 luglio. Presente anche il definitivo, formidabile saluto di Leone al genere (C'era una volta il West) e la sua curiosa, ibrida appendice in chiave rivoluzionaria, Giù la testa.

Gli anni novanta rappresentano un momento di transizione, in cui Hollywood inizia a fare i conti con questioni di rappresentazione a lungo schivate. Ne sono esempi, ancora molto preliminari, Balla coi lupi (lunedì 22 luglio), forse il momento più alto della carriera di Kevin Costner, e il Geronimo di Walter Hill (27 luglio), che attraverso la penna di John Milius fa un ritratto del famoso guerriero Apache in guerra contro il governo americano.

Entrando nel nuovo millennio, è interessante il confronto tra le strategie utilizzate da Cowboys & Aliens, che attualizza il western mischiandolo alla fantascienza e puntando tutto sullo star power abbagliante di Harrison Ford e Daniel Craig, e da Hostiles - Ostili, sottovalutata opera di un sottovalutato regista come Scott Cooper. Brutale, rabbioso e sotterraneo, il film di Cooper fa leva su un cast ampio ed eclettico (Christian Bale, Rosamund Pike, un veterano come Wes Studi e l'ultimo piccolo ruolo di Timothée Chalamet prima del fenomeno Call me by your name), e chiude alla perfezione la rassegna riportando il genere western alla sua essenza primordiale: quella della violenza che leviga gli uomini come un fiume selvaggio, lasciando a ognuno di loro l'unica libertà di decidere del proprio codice morale.

Altre news e collegamenti a Kirk Douglas »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità