Volevo nascondermi

Film 2020 | Biografico, +13 120 min.

Regia di Giorgio Diritti. Un film Da vedere 2020 con Elio Germano, Oliver Ewy, Leonardo Carrozzo, Pietro Traldi, Orietta Notari. Cast completo Genere Biografico, - Italia, 2020, durata 120 minuti. distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,57 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Volevo nascondermi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La vita del pittore Antonio Ligabue, uno dei maestri e protagonisti fondamentali dell'arte contemporanea internazionale.

Consigliato sì!
3,57/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,14
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Elio Germano fa suo Ligabue, il suo genio, il suo tormento, la sua profonda sofferenza interiore.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 21 febbraio 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 21 febbraio 2020

Antonio è figlio di emigranti. Dopo la morte della madre viene affidato ad una coppia svizzero-tedesca ma i suoi problemi psicofisici lo porteranno all'espulsione. Viene mandato a Gualtieri in Emilia, luogo di cui è originario l'uomo che è ufficialmente suo padre. Qui vive per anni in estrema povertà sulle rive del Po fino a quando lo scultore Renato Marino Mazzacurati lo indirizza allo sviluppo delle sue naturali doti di pittore.

Fa indubbiamente effetto assistere a pochissimi giorni di distanza dalla morte di Flavio Bucci a un film che ha al centro la sofferta vita di Antonio Ligabue.

Nel 1977 fu proprio Bucci, in quello che all'epoca si chiamava ancora 'sceneggiato televisivo, in tre puntate per la regia di Salvatore Nocita, a dare uno scossone al modo di raccontare biografie in tv interpretando proprio Ligabue. In una versione cinematografica accorciata aveva vinto al Festival di Montréal il Gran Premio delle Americhe e quello per la Migliore interpretazione maschile.

Non è difficile pensare che Elio Germano abbia avuto la consapevolezza di doversi confrontare con una prova d'attore che aveva segnato l'immaginario di una generazione. I confronti sono sempre complessi da affrontare ma in questo caso si può tranquillamente affermare che Germano non ha nulla da invidiare al suo predecessore. Ha saputo fare 'suo' Ligabue offrendogli quella profonda sofferenza interiore che sa spesso conferire ai personaggi che gli vengono proposti sul grande schermo.

A venirgli in aiuto in questo caso è anche l'altrettanto profonda conoscenza del mondo rurale emiliano che Giorgio Diritti possiede e che sa infondere nelle sue opere quando è necessario. Perché, a partire da quel corpo che si nasconde sotto un indumento/corazza da cui fuoriesce uno sguardo in cui paura e curiosità per ciò che lo circonda si contrastano, Diritti, grazie alla prestazione di Germano, ci racconta una vita dolorosa che dà luogo a un'arte in cui la vivacità cromatica è coinvolgente.

Chiunque abbia visitato una mostra dedicata al grande pittore sa (e Diritti ce lo ricorda sui titoli di coda) quanto l'esplosione di forme e di colori ne costituisse il polo d'attrazione. Quasi che divenissero per lui strumento indispensabile per sfuggire alle sofferenze di un'esistenza marchiata dai disturbi mentali e dalla derisione.

Perché Diritti non traccia un ritratto agiografico del mondo rurale. Non giudica ma neppure assolve i tanti che, per ignoranza o insensibilità, mettevano alla berlina il matto e ne disprezzavano l'opera. Così come sa inquadrare con tenerezza quei pochi, uomini e donne, che seppero chinarsi su di lui e comprenderne il tormento ma anche la grandezza.

Sulla sua tomba si legge: «Il rimpianto del suo spirito, che tanto seppe creare attraverso la solitudine e il dolore, è rimasto in quelli che compresero come sino all'ultimo giorno della sua vita egli desiderasse soltanto libertà e amore». Solitudine, dolore, libertà e amore. Sono i quattro 'segni' che animano un film che forse solo due sensibilità come quelle di Diritti e Germano potevano saper fondere con partecipazione e rigore.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Una fiaba fatta di durezze: la vita del pittore Antonio Ligabue.
Overview di Giorgio Crico
martedì 11 febbraio 2020

Antonio Ligabue non è un bambino come gli altri. È di sangue italiano ma è in Svizzera fin dalla nascita, avvenuta a Zurigo all'ultimo respiro dell'Ottocento, da sempre malato di gozzo e rachitismo e fin dal suo primo anno d'età affidato a una famiglia di contadini svizzeri tedeschi (che lui ha poi considerato come i suoi veri genitori). A neanche vent'anni d'età, dopo aver ricevuto un'istruzione frammentaria e superficiale, viene espulso dalla Svizzera e costretto a riparare in Italia, in un Paese che per lui è assolutamente straniero e di cui non parla la lingua. Giunto a Gualtieri, località emiliana di cui è originario colui che è ufficialmente suo padre - il marito della madre biologica, Bonfiglio Laccabue - il giovane Antonio patisce freddo, fame e soprattutto un'enorme solitudine. Per riempire i suoi vuoti esistenziali, tra un impiego saltuario e l'altro, Ligabue scopre l'arte e soprattutto la pittura. L'incontro con Renato Marino Mazzacurati, nei tardi anni 20, dà l'impulso decisivo a Ligabue per decidere di dedicarsi unicamente a dipingere (e talvolta anche scolpire), l'attività che meglio gli consente di comunicare e di spiegare al mondo come si senta: lo farà fino al giorno della sua morte.

Volevo nascondermi è un biopic intenso che racconta la ricerca di senso di un uomo apparentemente abbandonato da tutto e da tutti che trova finalmente un modo per riuscire a esprimere il suo sfavillante mondo interiore con il disegno e l'arte figurativa.

L'incredibile biografia di Antonio Ligabue, uno dei principali pittori italiani del 900 ma anche una persona che conosceva perfettamente cosa volesse dire soffrire e sentirsi soli nella vita di tutti i giorni, diventa un film prodotto da Rai Cinema e da Palomar (la stessa casa di produzione dietro alla serie tv de Il commissario Montalbano), diretto da Giorgio Diritti, già dietro alla macchina da presa per Un giorno devi andare e L'uomo che verrà.

Nel ruolo principale, ovviamente quello del pittore naïf emiliano da adulto, c'è Elio Germano ma Ligabue ragazzo e bambino è interpretato rispettivamente da Oliver Ewy e da Leonardo Carrozzo. Gianni Fantoni presta il suo volto all'industriale Antonini mentre Dagny Gioulami è Elise, la madre adottiva svizzera, e Pietro Traldi è Renato Marino Mazzacurati, la cui madre ha il volto di Orietta Notari. Infine, è Andrea Gherpelli ad avere il ruolo di Andrea Mozzali.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 22 febbraio 2020
Massimo Causo
Duels.it

La biografia dannata dell'artista declinata nell'ottica della diversità, del dialogo tra emarginazione e integrazione: sin dal titolo e dall'incipit occluso nel buio della coperta sotto la quale Antonio Ligabue si sottrae allo sguardo del medico italiano che lo sta prendendo in cura, Volevo nascondermi (in Concorso a Berlino 70 e in sala dalla prossima settimana) si propone come un testo in prima persona, [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Alessandro Uccelli
Cineforum

Comincia cercando di calarsi nel punto di vista del suo protagonista, nel suo sguardo alienato, in soggettiva, attraverso le lacerazioni di un vecchio tabarro logoro, il viaggio di Giorgio Diritti nell'universo di Antonio Ligabue. La paura di Antonio, la sua fobia per la tosse, per il contatto con gli altri, sono immediatamente un pretesto per tornare in flash-back all'infanzia del pittore, in quella [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Gherardo Ugolini
Close-up

Un film potente, di grande impatto emotivo, compatto e ben articolato in tutte le sue parti. Un'opera pienamente matura, che si regge sulla straordinaria interpretazione di Elio Germano, ma che risulta convincente anche nella sceneggiatura e nella fotografia. Dopo i successi riportati con Il vento fa il suo giro (2005) e L'uomo che verrà (2009), Giorgio Diritti presenta alla Berlinale il suo ultimo [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Raffaele Meale
Quinlan

Toni, figlio di una emigrante italiana, respinto in Italia dalla Svizzera dove ha trascorso un'infanzia e un'adolescenza difficili, vive per anni in una capanna sul fiume senza mai cedere alla solitudine, al freddo e alla fame. L'incontro con lo scultore Renato Marino Mazzacurati è l'occasione per riavvicinarsi alla pittura, è l'inizio di un riscatto in cui sente che l'arte è l'unico tramite per costruire [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Solitario, anarchico, eccessivo, deforme, infantile, semplicemente geniale e realmente originale. Antonio "Toni" Ligabue è diventato un nuovo film, e questa è una bella notizia. Dietro alla macchina da presa è il bolognese Giorgio Diritti, davanti è un gigantesco Elio Germano che si è fatto rachitico per celarsi mimetico sotto il corpo e dietro la maschera ingombranti del pittore matto.

sabato 22 febbraio 2020
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti presentato oggi in concorso a Berlino 70 racconta la vita del pittore e scultore Antonio Ligabue. Nel genere del film biografico, quello sulla vita di un artista rappresenta un sottogruppo definito e una sfida piena di trappole. Bisogna ovviamente far vedere le opere. Ma come inquadrarle? Non si può semplicemente filmare dei quadri, a meno di avere il rigore e [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

"Il signor Ligabue, uno straniero": questa definizione, data da un personaggio nel film di Diritti, ne riassume il senso. Il pittore-simbolo del mondo padano contadino, trasfigurato in faune esotiche e allucinate, era un uomo senza radici. Figlio di immigrati italiani, cresciuto in Svizzera presso una famiglia di lingua tedesca, lo vediamo in un mondo di miserie e disagi fisici e psichici, cacciato [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

La vita del pittore Antonio Ligabue, dalla sua infanzia già travagliata in Svizzera, fino alla sua esuberanza artistica a Gualteri, in Emilia. Diritti pone di nuovo in campo la conflittualità tra il singolo e la collettività, ma è indeciso su quale strada veramente scegliere, tra la follia, la creatività e l'affresco contadino di una realtà quotidiana tra le aie e i tortellini.

venerdì 21 febbraio 2020
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Rifugge da qualsiasi logica di accomodante biopic, il nuovo (a tratti) sorprendente film di Giorgio Diritti. Portare sullo schermo la vita e le opere di un uomo/artista come Ligabue (1899-1965), del resto, non poteva tradursi in una semplice operazione narrativo-agiografica, in un film laccato che tentasse di ingabbiare qualcosa di così difficilmente catalogabile.

venerdì 21 febbraio 2020
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Tutto parte dall'occhio nascosto di Ligabue/Germano avvolto nella coperta che apre Volevo nascondermi. Ma più che lo sguardo conta il gesto di Antonio Ligabue. I movimenti nervosi, sgraziati, irregolari, scoordinati con un corpo rachitico, spesso deriso ed umiliato. E poi la voce, a tratti incomprensibile, ma in cui è racchiusa una parte di quell'impeto di quello che si manifesta in pittura.

NEWS
NEWS
lunedì 24 febbraio 2020
Massimiliano Carbonaro

Da Volevo nascondermi a Si vive una volta sola, tantissimi i titoli posticipati a data da destinarsi. Vai all'articolo »

OVERVIEW
martedì 11 febbraio 2020
Giorgio Crico

Elio Germano interpreta uno dei maestri dell'arte contemporanea internazionale. Prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 27 gennaio 2020
 

Regia di Giorgio Diritti. Un film con Elio Germano, Oliver Ewy, Leonardo Carrozzo, Pietro Traldi, Orietta Notari. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
venerdì 17 gennaio 2020
 

Toni, figlio di una emigrante italiana, respinto in Italia dalla Svizzera dove ha trascorso un'infanzia e un'adolescenza difficili, vive per anni in una capanna sul fiume senza mai cedere alla solitudine, al freddo e alla fame.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati