Grand Budapest Hotel

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Grand Budapest Hotel   Dvd Grand Budapest Hotel   Blu-Ray Grand Budapest Hotel  
Un film di Wes Anderson. Con Ralph Fiennes, F. Murray Abraham, Mathieu Amalric, Adrien Brody, Willem Dafoe.
continua»
Titolo originale The Grand Budapest Hotel. Commedia, durata 100 min. - USA 2014. - 20th Century Fox uscita giovedì 10 aprile 2014. MYMONETRO Grand Budapest Hotel * * * 1/2 - valutazione media: 3,80 su 102 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,80/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Protagonista del film è M. Gustave (Ralph Fiennes), impeccabile concièrge del Grand Budapest Hotel.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer Cinema
primo piano
Una riflessione sull'arte del narrare che può permettersi di parlare della realtà profittando di quanto di meno realistico si possa escogitare
Giancarlo Zappoli     * * * 1/2 -

Monsieur Gustave è il concierge ma di fatto il direttore del Grand Budapest Hotel collocato nell'immaginaria Zubrowka. Gode soprattutto della confidenza (e anche di qualcosa di più) delle signore attempate. Una di queste, Madame D., gli affida un prezioso quadro. In seguito alla sua morte il figlio Dimitri accusa M. Gustave di averla assassinata. L'uomo finisce in prigione. La stretta complicità che lo lega al suo giovanissimo neoassunto portiere immigrato Zero gli sarà di grande aiuto.
Per occuparsi di questo film di Wes Anderson (presentato in apertura alla 64^ Berlinale) è necessaria una premessa di carattere letterario. Il film è dedicato a Stefan Zweig, scrittore austriaco tra i più universalmente noti tra gli anni Venti e Trenta. Animato da un convinto pacifismo si vide bruciare nel 1933 ciò che aveva scritto dai nazisti. È alle sue opere (tra cui un solo romanzo) che il regista ha dichiarato di ispirarsi per questo ennesimo viaggio in un mondo tanto immaginario quanto affollato di riferimenti alla realtà. A partire da quella che potrebbe sembrare solo una raffinata scelta tecnica e che invece diviene una precisa indicazione di senso. La ratio del film (cioè il formato della proiezione) cambia tre volte e finisce con lo stabilizzarsi sulla cosiddetta "academy ratio" che è stata quella della storia del cinema classico fino a quando arrivarono il CinemaScope e il VistaVision. Questo ci rivela come Anderson abbia voluto rifarsi alle opere dei Lubitsch e dei Wilder innervandolo con il suo ormai classico caleidoscopio di situazioni e di attori. Perché in questa occasione ai quasi immancabili Bill Murray ed Owen Williams si aggiungono new entries che vanno da Ralph Fiennes a Murray Abraham passando per l'esordiente Tony Revolori che non solo si carica del ruolo di coprotagonista ma finisce con il rappresentare l'immigrato costantemente nel mirino di tutti i razzismi grazie anche al suo volto che è quasi un coacervo di etnie (figlio di guatemaltechi sembra talvolta arabo e talvolta ebreo). Come il Chaplin de Il grande dittatore e il già citato Lubitsch di Vogliamo vivere Anderson vuole farci sorridere delle innumerevoli avventure a cui sottopone i suoi protagonisti. Questo però non cancella, anzi accentua, la riflessione su quelle frontiere che troppo a lungo in Europa hanno costituito punti di non ritorno per decine di migliaia di persone arrestate e fatte sparire e oggi si ripresentano con altre modalità meno tragicamente evidenti ma sempre fondamentalmente ostili.
Questo film però vuole essere anche, fin dal suo tanto astratto quanto acutamente lieve inizio, una riflessione sull'arte del narrare. Un'arte che può permettersi di parlare della realtà profittando di quanto di meno realistico si possa escogitare. Le stanze del Grand Budapest Hotel sono innumerevoli quanti i personaggi che le abitano o vi entrano anche solo per un'inquadratura. L'instancabile e vivace fantasia di Anderson possiede la chiave di ognuna di esse.

Incassi Grand Budapest Hotel
Primo Weekend Italia: € 733.000
Incasso Totale* Italia: € 4.590.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 31 agosto 2014
Primo Weekend Usa: $ 800.000
Incasso Totale* Usa: $ 58.550.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 29 giugno 2014
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
78%
No
22%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Grand Budapest Hotel

premi
nomination
Premio Oscar
4
10
Nastri d'Argento
1
1
Golden Globes
1
4
David di Donatello
1
1
Cesar
0
1
Festival di Berlino
1
0
BAFTA
5
11
* * * * -

Benvenuti nel grande film di anderson!

venerdì 11 aprile 2014 di Antonio Montefalcone

L’ottava pellicola di Wes Anderson è una commedia eccentrica, veloce ed elegante; esempio di grande cinema, fantasioso e inusuale, raffinato e intelligente; formalmente e stilisticamente curato con rigorosa e geometrica precisione, energia e competenza. Quest’ultima sua fatica non è da meno rispetto alle sue precedenti e mirabili opere: ogni elemento del film s’integra efficacemente, dando vita ad un risultato brillante e affascinante. Vincitore del Gran Premio della Giuria a Berlino ’14, “Grand continua »

* * * * *

Grand budapest hotel

martedì 15 aprile 2014 di catcarlo

Su di un film come questo, o ti limiti a ‘è una meraviglia da vedere assolutamente’ o ci scrivi una tesi di laurea. Qualsiasi soluzione intermedia finisce per risultare incompleta già mentre la si compone, ma, visto che la prima alternativa è un po’ sbrigativa e non c’è il tempo per la seconda, vedrò di arrampicarmi sugli specchi, mettendo innanzitutto le mani avanti: non ho letto nulla delle opere di Stefan Zweig a cui la pellicola è continua »

* * * * *

Un nuovo mondo nell'universo di anderson

domenica 13 aprile 2014 di Linus2k

Wes Anderson è come un ottimo chef pluristellato ed ogni volta che ti rechi al suo ristorante sai già più o meno il menù che ti servirà: conosci bene ingredienti, materie prime, gusto nel metterle insieme, sai che scegliendo quel ristorante ritroverai un clima piacevole ed in un certo senso conosciuto, ma ci vai perché sai anche che lo chef, nonostante il suo tocco riconoscibile, ti saprà donare l'ennesima esperienza unica e avvolgente. Ecco… continua »

* * * * *

Il trionfo dell'immaginazione e della fantasia!

lunedì 23 febbraio 2015 di ANDREA GIOSTRA

  Il trionfo dell’immaginazione più accattivante e avventurosa che un bravo regista, qual è Wes Anderson, possa esprimere: il film è senza dubbio alcuno un’opera d’arte. Il cast di attori è stellare e la loro recitazione è brillante e di un’impeccabile classe. Ispirato ad uno dei romanzi del noto scrittore austriaco degli anni ‘20-‘30 Stefan Zweig, il film è colmo di una vivacità narrativa, arricchita da continua »

Gustave H.
"Vedete, ci sono ancora deboli barlumi di civiltà lasciati in questo mattatoio barbaro che una volta era conosciuto come umanità. Infatti è quello che abbiamo a disposizione nel nostro modesto, umile, insignificante ... oh, fanculo"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Monsieur Gustave
"... se non avremo speso tutto in whiskey e puttane..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Dialogo fra Il signor Gustave e Zero
-In nome di Dio,che cosa ti ha indotto a lasciare la Terra Natia cui appartieni e percorrere indicibili distanze per diventare un immigrato squattrinato in una società raffinata e colta che, francamente, avrebbe potuto fare a meno di te?
-La guerra.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Grand Budapest Hotel

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 24 luglio 2014

Cover Dvd Grand Budapest Hotel A partire da giovedì 24 luglio 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Grand Budapest Hotel di Wes Anderson con Saoirse Ronan, Ralph Fiennes, Edward Norton, Willem Dafoe. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment. Su internet Grand Budapest Hotel (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Grand Budapest Hotel

SOUNDTRACK | Grand Budapest Hotel

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 8 aprile 2014

Cover CD Grand Budapest Hotel A partire da martedì 8 aprile 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Grand Budapest Hotel del regista. Wes Anderson Distribuita da Universal International Music. Su internet il cd The Grand Budapest Hotel è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 19,90 €
Prezzo di listino: 22,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Grand Budapest Hotel

APPROFONDIMENTI | Come guardare Grand Budapest Hotel?

Un cinema profumato

domenica 13 aprile 2014 - Roy Menarini

Un cinema profumato Il talento innegabile di Wes Anderson, giunto ormai a quel punto di consapevolezza e maestria che ci fa parlare di "fase matura" di un artista, ha da sempre generato una sacca di resistenza. Essa, visibile anche sui profili Facebook di alcuni critici militanti in questi giorni, individua in Wes Anderson un pubblicitario più che un regista, e - citando una battuta circolata proprio sui social network - un "magnifico arredatore di interni" più che un autore nel pieno senso del termine. Di contro studiosi, e persino superstar dell'accademia americana come David Bordwell, proprio a Grand Budapest Hotel hanno dedicato di recente saggi corposi, con tanto di analisi dei formati e delle inquadrature, comparazioni con scene del cinema classico e attente disamine del rapporto (autorizzato dallo stesso Anderson) tra questo film e le pellicole di Lubitsch dei primi anni Trenta.

   

NEWS | Scopri tutti i film premiati alla 87a edizione degli Academy Awards.

Il trionfo di birdman

lunedì 23 febbraio 2015 - Tirza Bonifazi

Oscar 2015, il trionfo di Birdman Tutti i pronostici che davano per vincitore Birdman di Alejandro González Iñárritu, gran favorito della stagione cinematografica, sono andati a segno. Per il secondo anno consecutivo è un messicano a guadagnare l'Oscar come Miglior regista: Alejandro González Iñárritu che in Birdman aveva sperimentato nuove architetture narrative mantenendo sempre il gusto per le storie intrecciate. Ma non solo. Il messicano si è anche guadagnato il premio più importante dell'Academy: quello di Miglior film. Quanto al suo grande rivale, Grand Budapest Hotel di Wes Anderson si è portato a casa quattro premi dei nove ai quali era candidato: Migliori costumi, Miglior trucco e acconciatura, Miglior scenografia, Miglior colonna sonora.

   

GALLERY | I premiati al photocall con la statuetta.

Le foto dei vincitori

lunedì 23 febbraio 2015 - a cura della redazione

Oscar 2015, le foto dei vincitori Ecco le foto dei premiati al tradizionale photocall dopo la consegna della statuetta: ci sono Patricia Arquette e J.K. Simmons con il premio come Miglior Attrice/Attore non protagonista; Eddie Redmayne e Julianne Moore, vincitori dell'Oscar come Miglior Attore/Attrice protagonista; Alejandro González Iñárritu e i produttori di Birdman, grande trionfatore con quattro statuette; l'italiana Milena Canonero, premiata per i costumi di Grand Budapest Hotel; Common e John Legend, autori della Miglior Canzone per Selma.

   

Anderson, raffinato umorista

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Ah, che bel film. Una commedia tra favola e operetta, scritta e diretta da un Wes Anderson in gran forma, che viaggia a ritroso nel tempo, inventando cinema a ogni cambio di scena. Siamo negli Trenta, nell'immaginario stato europeo di Zubrowka. I tanti vip in vacanza nel lussuo su albergo di montagna pendono dalle labbra dell'impeccabile concierge Gustave H. Ma la storia non ha importanza, di fronte al fascino di colori, costumi e di un raffinatissimo umorismo. Da Il Giornale, 10 aprile 2014 »

Fuoco d'artificio di storie nell'albergo di Wes Anderson

di Valerio Caprara Il Mattino

S'intitola «Grand Budapest Hotel» l'ennesimo sogno anticato-cinéfilo di Wes Anderson, uno degli autori più meravigliosamente disimpegnati del panorama contemporaneo. Se si è in grado di rinunciare al sostegno di una storia scritta e diretta con ogni bullone al suo posto, quest'ora e quaranta di stravaganti schermaglie comunicano, infatti, un'euforia di rara eleganza, particolari toni di sensibilità surrealista e soprattutto il gusto di quel voluto artificio che stava alla base dell'ingresso in una sala cinematografica. »

Un hotel lungo un secolo

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Un paese che non esiste, una Mitteleuropa a fumetti sognata dall'autore dei Tenenbaum nel suo stile sgargiante e inconfondibile. Un racconto a scatole cinesi che parte oggi e torna fino agli anni 30 perché malgrado il tono lieve, i colori accesi, le star innumerevoli, questa favola tutta azione e humour parla di memoria, di trasmissione del sapere, insomma di eredità. Con un candore quasi infantile ma chiazzato di sesso e morte, come se solo così il texano Wes Anderson potesse cogliere i lati oscuri di un'epoca che conosce solo grazie a libri, film, foto, disegni. »

Tutti invitati al Grand Hotel

di Alessandra Levantesi La Stampa

Per anni i film di Wes Anderson ci sono apparsi espressione di un sicuro talento e però di gusto troppo intellettuale e divagatorio. Ma con Moonlight Kindom il cineasta ha raggiunto una perfetta misura poetica che ora trova conferma in Grand Budapest Hotel: incantevole commedia ambientata in un'immaginaria repubblica di Zubrowka, in un'Europa primi '900 che non c'è più. Per rievocarne le atmosfere Anderson da un lato si ispira a Il mondo di ieri, libro di memorie di Stefan Zweig, scrittore ebreo viennese fuggito dal nazismo e morto suicida in esilio; dall'altro ai capolavori del berlinese Lubitsch. »

Grand Budapest Hotel | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | antonio montefalcone
  2° | catcarlo
  3° | andrea giostra
  4° | linus2k
  5° | samuelemei
  6° | filippo catani
  7° | vapor
  8° | jules_winnfield
  9° | stevegary
10° | vanessa zarastro
11° | diomede917
12° | jacopo b98
13° | makejrs
14° | firewalkwithme
15° | bianca g.
16° | cinestabe
17° | borghij
18° | enzo70
19° | eugenio
20° | paolp78
21° | antonietta dambrosio
22° | great steven
23° | intothewild4ever
24° | no_data
25° | rita branca
26° | firewalkwithme
27° | joecondor
28° | mati :d
29° | claudio92s
30° | zeruel97
31° | cineman94
32° | tarantinofan96
33° | pisiran
34° | flyanto
35° | luca scial�
36° | cizeta
37° | gianchi
38° | melvin ii
Premio Oscar (14)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (5)
David di Donatello (2)
Cesar (1)
Festival di Berlino (1)
BAFTA (16)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Uscita nelle sale
giovedì 10 aprile 2014
Showtime
  1 | Lazio
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità