Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
mercoledì 16 agosto 2017

Mathieu Amalric

Bullo e premiato

51 anni, 25 Ottobre 1965 (Scorpione), Neully-sur-Seine (Francia)
occhiello
Ero cieco e sordo, non mi serviva necessariamente la luce dell'infermità per vedere la mia vera natura
dal film Lo scafandro e la farfalla (2007) Mathieu Amalric è Jean-Dominique Bauby
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Mathieu Amalric
Cesar 2014
Nomination miglior attore per il film Venere in pelliccia di Roman Polanski



I miei giorni più belli

* * * * -
(mymonetro: 4,17)
Un film di Arnaud Desplechin. Con Mathieu Amalric, Lou Roy-Lecollinet, Quentin Dolmaire, Léonard Matton, Dinara Droukarova, Françoise Lebrun, Irina Vavilova, Olivier Rabourdin
Genere Drammatico, - Francia 2015. Uscita 22/06/2016.

Grand Budapest Hotel

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,81)
Un film di Wes Anderson. Con Ralph Fiennes, F. Murray Abraham, Mathieu Amalric, Adrien Brody, Willem Dafoe.
continua»

Genere Commedia, - USA 2014. Uscita 10/04/2014.

Jimmy P.

* * * - -
(mymonetro: 3,06)
Un film di Arnaud Desplechin. Con Benicio Del Toro, Mathieu Amalric, Gina McKee, Larry Pine, Joseph Cross.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2013. Uscita 20/03/2014.

Venere in pelliccia

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,67)
Un film di Roman Polanski. Con Emmanuelle Seigner, Mathieu Amalric
Genere Drammatico, - Francia, Polonia 2013. Uscita 14/11/2013.

Cosmopolis

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,94)
Un film di David Cronenberg. Con Robert Pattinson, Juliette Binoche, Sarah Gadon, Mathieu Amalric, Jay Baruchel.
continua»

Genere Drammatico, - Canada, Francia 2012. Uscita 25/05/2012.
Filmografia di Mathieu Amalric »

giovedì 13 luglio 2017 - La 70esima edizione incrementa l'innovazione. A rappresentare l'Italia, tra gli altri, Marco Tullio Giordana, Francesca Comencini, Marco Bellocchio.

70 Locarno Festival, la sperimentazione continua

Emanuele Sacchi cinemanews

70 Locarno Festival, la sperimentazione continua "Chi può permettersi oggi di fare il critico?". Una domanda provocatoria, nello stile a cui il carismatico presidente del Festival del Film Locarno, Marco Solari, ci ha ormai abituato. "Locarno non può certo diventare un festival senza giovani...". Una preoccupazione condivisa e condivisibile: l'animo audace e intraprendente che caratterizza la kermesse elvetica deve rimanere immutato e dimostrarsi più forte di ogni crisi. E a giudicare dal programma e dalle iniziative collaterali presentate, questa 70.ma edizione ha tutta l'aria di confermare, anzi di incrementare le caratteristiche di innovazione e sperimentazione.
Un cambiamento tangibile: tre sale sono infatti nuove e una di queste, il Gran Rex, è il risultato della ristrutturazione dell'antico Ex Rex, luogo-simbolo che ha ospitato le indimenticabili retrospettive locarnesi. Ulteriore innovazione quella dei Locarno Talks, incontri su argomenti trasversali, ai limiti dell'off topic, ma stimolanti e di interesse extra-cinematografico. Il tema di questo primo lotto di incontri sarà la casa, nelle sue molteplici declinazioni: a sviscerarlo saranno ospiti di provenienza eterogenea, come il magistrato svizzero Carla Del Ponte, l'architetto del Burkina Faso Diébédo Francis Kéré, o la strana coppia formata dalla musicista ultra-trasgressiva Peaches e da un astrofisico.
Il programma pesca tra i nomi più stimolanti del cinema sperimentale e del documentario, tra autori dallo stile personale e nomi nuovi, ancora ignoti ai non addetti ai lavori. Italia e Francia sono grandi protagoniste. A rappresentarci Marco Tullio Giordana e Francesca Comencini nella selezione di Piazza Grande, mentre in Concorso ci sarà Gli asteroidi di Germano Maccioni. Giovanni Columbu - autore del bellissimo e poco noto Su Re - arricchisce la sezione Signs of Life con il suo Surbiles e Marco Bellocchio porta un cortometraggio inedito sulla sua Bobbio. La Francia, dal canto suo, vanta ospiti come Mathieu Amalric, Mathieu Kassovitz, Vanessa Paradis e Isabelle Huppert.
Oggetto della retrospettiva sarà Jacques Tourneur, con la possibilità di godere su grande schermo delle emozioni immortali di Ho camminato con uno zombi o di un noir magnetico come Le catene della colpa. Il noir si insinua anche in Concorso, con l'atteso Gemini, in una L.A. ellroyana, che vede nel cast la star nascente Zoe Kravitz. Ben quattro i film statunitensi in concorso: tra questi Lucky, con Harry Dean Stanton e David Lynch, per una volta in veste di attore. Difficilmente l'autore di Twin Peaks sarà a Locarno, mentre sulla presenza di Stanton scherza il direttore artistico Carlo Chatrian: "Per averlo da noi bisogna trovare un aereo che gli permetta di fumare".
Una delle sorprese più preziose di questa edizione è il ritrovamento di un film postumo, considerato perduto, di Raúl Ruiz. Un'opera iniziata nel 1990, restaurata e completata oggi dalla compagna Victoria Sarmiento: un racconto sul Cile devastato dalla dittatura di Pinochet, in forma di telenovela. Coraggiosa la decisione di inserire il film in Concorso e invitare la giuria presieduta da Olivier Assayas a considerarlo alla stregua degli altri titoli. Infine un omaggio a Jean-Marie Straub e al suo cinema intransigente, ostico, oggi riscoperto dalle nuove generazioni come precursore del digitale, e progetti curiosi che riguardano Iggy Pop e Zinedine Zidane. Ma, come al solito, le autentiche scoperte avverranno in sala, mettendosi continuamente alla prova con le selezioni del settantenne Festival locarnese.

   

Altre news e collegamenti a Mathieu Amalric »
I miei giorni più belli (2015) Grand Budapest Hotel (2014)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità