Munich

Film 2005 | Drammatico 164 min.

Regia di Steven Spielberg. Un film Da vedere 2005 con Eric Bana, Daniel Craig, Mathieu Kassovitz, Geoffrey Rush, Hanns Zischler, Ayelet Zorer. Cast completo Titolo originale: Munich. Genere Drammatico - USA, 2005, durata 164 minuti. Uscita cinema venerdì 27 gennaio 2006 - MYmonetro 3,44 su 71 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Munich tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nel 1972 il mondo è stato testimone dell'assassinio di 11 atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco. Il film di Steven Spielberg racconta la storia di quanto accadde dopo. Il film ha ottenuto 5 candidature a Premi Oscar e 3 candidature a Golden Globes. In Italia al Box Office Munich ha incassato 4,6 milioni di euro .

Passaggio in TV
lunedì 28 maggio 2018 ore 12,50 su SKYCINEMACULT

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,68
PUBBLICO 3,47
CONSIGLIATO SÌ
Il settembre nero di Israele alle Olimpiadi di Monaco 1972.
Recensione di Pino Farinotti
Recensione di Pino Farinotti

Il 5 settembre del 1972 un commando che faceva capo a Settembre nero fece irruzione nella palazzina che ospitava gli atleti israeliani al villaggio olimpico di Monaco. Due di loro vennero uccisi, gli altri, presi in ostaggio, morirono all'aeroporto dopo un tentato blitz della polizia tedesca. Il primo ministro israeliano Golda Meir indice una riunione coi capi politici e militari e ordina l'uccisione dei responsabili, non dopo una sofferta dialettica. Dice "in casi estremi lo stato deve rompere i limiti morali". Viene organizzato un gruppo eterogeneo a capo del quale viene posto Avner Kauffman (Bana), agente del Mossad. Il gruppo elimina sette degli undici responsabili, Avner riesce a tornare a casa, in famiglia, ma non sarà mai più l'uomo di prima.
Il film vale per una considerazione generale sull'eterna questione palestinese: forse per la prima volta nella storia dell'uomo si confrontano due ragioni, non un torto (seppur parziale) o una ragione (seppur parziale). Sono molti gli episodi di dialettica etnico-politica, ebrei e palestinesi portano le proprie ragioni. Gli agenti israeliani uccidono, ma non sparano mai nel mucchio. Quando si accorgono che una bambina morirebbe insieme al padre, uno dei terroristi, fermano tutto. Quando uno del gruppo (l'attore è Daniel Craig, il nuovo raccapricciante Bond) dice "io sono l'unico che vuole davvero uccidere i palestinesi" un altro gli risponde, " per questo cerchiamo di non fartelo fare". Il film è ispirato al testo "Vendetta", firmato da George Jonas, un testo "obsoleto", e anche pericoloso di questi tempi, che Spielberg ha riscritto, conscio dell'impatto mediatico e politico che una storia come questa inevitabilmente avrebbe rappresentato.
Il regista ebreo ha prestato grande attenzione ai nodi della politica mediorientale. Ha voluto accreditarsi come testimone (quasi) imparziale piuttosto che come portatore di pronunciamenti filoisraeliani. Vale, in questo senso, la rappresentazione dei generali e dei capi dei servizi segreti israeliani, cinici, non simpatici, molto lontani dal cliché eroico-agiografico dei film americani. In questa chiave va letta la collaborazione di Tony Kushner, premio Pulitzer e attitudine "liberal". Peraltro Munich è uscito nelle sale proprio mentre Hamas vinceva le prime "libere e democratiche" elezioni palestinesi. Un segnale interessante. La strage dell'aeroporto viene proposta in un flash finale e accredita, nei volti e negli atti, una certa dolorosa riluttanza da parte dei terroristi nell'uccidere degli innocenti. Spielberg ha dichiarato "certamente non erano felici di farlo". Non tutti hanno creduto che il regista ne fosse davvero convinto. Una volta registrata la solita caduta sentimental&finale dei film di Spielberg (Avner fa l'amore con la moglie mentre negli occhi terrorizzati gli passa il film della strage) diciamo che Munich, è un ottimo racconto, naturalmente.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
MUNICH
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
Infinity
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 26 maggio 2011
Michele Capitani

Questo è un film sul padre. Chi pensa che questo sia un film politico, o sul conflitto arabo-israeliano, o sul terrorismo, o peggio sull'antisemitismo, o una spy-story, non ha capito quasi nulla, e comunque si perde il meglio: diciamo che sarebbe come leggere "Il nome della rosa" seguendo solo l'aspetto giallo delle vicende, o guardare "Schindler's list" [...] Vai alla recensione »

domenica 23 luglio 2017
GUSTIBUS

Vedere con un caldo tremendo un film cosi' impegnato di 2h.e 45minuti non e'semplice ma ci sono riuscito.Visto in4k e'piu'lucente e i toni bianchi brillano.Film veramente coraggioso sorretto si da attori bravi Eric bana(Avner) D.Craig bravo!..e altri caratteristi notevoli,ma il film e'tutto Steven Spielberg!L'inizio dicome il commando palestinese entra a MONACO nel complesso [...] Vai alla recensione »

martedì 21 aprile 2015
jacopo b98

 Nel 1972 alle Olimpiadi di Monaco un gruppo di terroristi palestinesi prende in ostaggio e uccide 11 membri della squadra olimpica di Israele. Subito dopo gli eventi il primo ministro israeliano Golda Meir (Cohen) arruola una squadra formata da cinque persone per vendicare i morti di Monaco. I vertici del Mossad indicano 11 obiettivi sensibili per la squadra: vertici del terrorismo palestinese, [...] Vai alla recensione »

sabato 15 marzo 2014
cizeta

Monaco 1972, in tanti conoscono questa data: primum per le olimpiadi in terra di Baviera, deinde per il tragico evento in cui morirono 17 persone (11 atleti israeliani, 1 tedesco e 5 terroristi arabai); la pellicola fiorisce dall'idea del primo ministro israeliano di vendicare la tragedia olimpionica dando autorizzazione al Mossad, il celebre servizio segreto di Tel Aviv, di dare la caccia ai mandanti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 febbraio 2013
gianmarco.diroma

Esistono gli atti di forza, esistono gli atti di potere, le semplici azioni e gli atti di fede. Dove per atti di fede si possono intendere anche quelle azioni ad alto contenuto di fedeltà nei confronti di un'idea o un principio. Esistono le uccisioni, gli omicidi e le esecuzioni. Ed è in questa terra di mezzo dove l'uccidere, ovvero quello che per molti è un vero e proprio peccato, una terra dove l'uccision [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 luglio 2011
ultimoboyscout

Un vortice pazzesco di pathos e tensione, tra impicci, imbrogli, accordi sottobanco e morti ammazzati per "giusta causa". Film che genera confronti e discussioni, di cui si potrebbe dire tutto e il contrario di tutto e soprattutto non si potrebbe dar torto a nessuno perchè tutti hanno ragione. Si perchè la pellicola è complicata e coraggiosa, Spielberg ha mantenuto un [...] Vai alla recensione »

domenica 8 agosto 2010
Rikky

Un gruppo di terroristi palestinesi noti come Settembre Nero tiene in ostaggio 11 atleti israeliani allo stadio olimpico di Monaco e infine la faccenda si conclude in un bagno di sangue: gli 11 atleti vengono uccisi e i terroristi spariscono nel nulla. In qualità di ebreo, Spielberg ha saputo girare magistralmente quello che forse è il suo capolavoro del III millennio.

venerdì 11 maggio 2018
ALBERTO PEZZI

MONACO, SETTEMBRE 1972. UN COMMANDO DI PALESTINESI IRROMPE NEL VILLAGGIO OLIMPICO E BARBARAMENTE UCCIDE 11 ATLETI ISRAELIANI. AD AVNER KAUFMANN ED ALLA SUA SQUADRA, IL COMPITO DI RINTRACCIARE ED ELIMINARE UNO AD UNO GLI AUTORI DELL’ ATTENTATO. CERTAMENTE SIAMO DI FRONTE AD UN CINEMA DI ALTO LIVELLO. STEVEN SPIELBERG DIRIGE MAGISTRALMENTE UN FILM IMPRONTATO COMPLETAMENTE SULL’ ETERNO CONFLITTO [...] Vai alla recensione »

sabato 27 dicembre 2014
APropositodiCinema

Filmone di Spielberg, privo dei soliti buonismi e delle solite retoriche tipiche del suo cinema. Un film violento, cupo e intriso di un pessimismo non comune che dimostra come in guerra non esistano innocenti. Ovviamente flop ai botteghini alla sua uscita e snobbato da molti, anche tutt'ora. Questo dimostra come il pubblico non sappia riconoscere i veri grandi film di Spielberg, ma al contrario [...] Vai alla recensione »

sabato 26 aprile 2014
Sperty

Hai perfettamente ragione. Ovviamente non parlo della recensione del film ma della frase che più mi ha sorpreso, poiché la pensi proprio come me. Il nuovo RACCAPRICCIANTE Bond, hai perfettamente ragione! Complimente

sabato 17 dicembre 2011
tiamaster

Questa volta c'è mancato davvero poco per fare un film memorabile,un capolavoro,ma manca qualcosa...quelle cose che separano un bel film da un capolavoro.Spielberg racconta le olimpiadi di monaco 1972 e del suo attacco terroristico con immensa maestria e un buon cast,tra cui spicca geoffrey rush,grande attore.Il film e abbastanza lento,ma comunque non annoia lo spettatore,anzi,lo coinvolge in una storia [...] Vai alla recensione »

Frasi
La Patria è tutto.
Una frase di Ali (Omar Metwally)
dal film Munich
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Silvestri
Il Manifesto

Munich, visto oggi, è il miglior commento alla vittoria elettorale di Hamas. La guerra al terrorismo produce più terrorismo. Il suo regista, Steven Spielberg, che ha dimostrato negli anni di conoscere e raccontare piuttosto bene sia la storia che i dinosauri, sembra seriamente preoccupato sullo stato del suo paese e di Israele. La scena chiave del film è infatti quando Golda Meir, leader laburista [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

È oggettiva e speculare, la prima sequenza di Munich (Usa, 2005, 160’). Con gli sceneggiatori Tony Kushner ed Eric Roth, Steven Spielberg racconta i fatti tragici accaduti a Monaco nel 1972 proprio solo come fatti, senza un giudizio reso esplicito. La violenza, la furia, il terrore e il sangue riempiono le immagini. Eppure, l’occhio del cinema sembra più interessato ad altro, come se volesse aprirsi [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

È un film "da non mancare" non perché sia eccezionalmente bello. Ma per il suo contenuto, per come Spielberg - ebreo impegnato nella difesa della memoria delle persecuzioni e della causa israeliana - lo ha trattato. Ciò che è universalmente noto costituisce l'avvio del film. L'incursione di otto palestinesi di Settembre Nero nel villaggio olimpico di Monaco, durante i Giochi che videro trionfare il [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Il 5 settembre del 1972, a Monaco di Baviera, dei terroristi palestinesi di un gruppo che si denominava Settembre Nero massacravano, nell’arco di un’intera giornata, undici atleti israeliani lì convenuti per le Olimpiadi. Dell’orribile attentato il cinema si è già occupato altre volte, sempre però affrontandolo nei suoi momenti più cruciali, oggi invece Steven Spielberg si occupa di quanto accadde [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Munich di Steven Spielberg, ispirato al libro «Vengeance» di George Jonas, lungo due ore e tre quarti, è un bel film d'azione e insieme una coraggiosa riflessione morale sui comportamenti di Israele nel conflitto perenne con i palestinesi: sarà meglio difendere anche preventivamente, anche a prezzo di violenza e morte lo Stato d'Israele, oppure essere giusti? E' un dilemma che da decenni divide e tormenta [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Cinque uomini ordinari intorno a una tavola imbandita: l’israeliano Avner, il sudafricano Steve, l’inglese Carl, il belga Robert, il tedesco Hans. Uno fabbrica giocattoli, un altro vende mobili antichi, uno indossa i colli a punta e i giubbini stretti degli anni 70, un altro la “divisa” rassicurante della City londinese, Il più giovane, Avner il capo, tenerissimo con la moglie e con la bambina che [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Steven Spielberg si dice pronto a morire per Israele, oltre che per gli Stati Uniti. Ma non lo è a portare sullo schermo in Munich l'estrema durezza del libro di George Jonas, Vendetta, (Rizzoli), cui si ispira alla lettera, in certi momenti, in altri no. Munich infatti esclude Sharon - che invece c'era - dal sinedrio guidato da Golda Meir, che ordina la rappresaglia, non la vendetta, per il rapimento [...] Vai alla recensione »

Lorenzo Maiello
XL

Quando Spielberg azzecca il film è nettamente la migliore sintesi al mondo tra spettacolo hollywoodiano e cinema d’autore. È un film forte, maturo e complesso. E contrariamente a Lo squalo, ET o Schindler’s List non è così semplice capire chi siano i buoni e i cattivi. Olimpiadi di Monaco,1972. Un commando palestinese sequestra ed uccide undici atleti israeliani.

Claudia Mangano
Il Mucchio

Oltre due ore e mezza dense di spunti, dove riflessione socio-politica, thriller e mero entertainment si intrecciano. L’eco dell’11 settembre è quantomai evidente e di certo l’approccio banale e svilente proposto ne La guerra dei mondi, dello stesso Spielberg non bastava a esaurire la questione. Parlare del presente rievocando l’attacco terroristico avvenuto ai Giochi Olimpici di Monaco nel 1972, è [...] Vai alla recensione »

Lionello Montenovi
Nick

Girato come un noir, una spy story anni 70, Munich è il miglior film di Steven Spieltberg dai tempi di Schindler’s List e Salvate il Soldato Ryan. Una pellicola intensa ed emozionante, che narra quanto accaduto dopo la strage di atleti israeliani e di terroristi palestinesi avvenuta alle Olimpiadi di. Monaco del 1972. Su ordine del Primo Ministro dell’epoca Golda Meir, un gruppo di agenti segreti avrebbe [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Sparire nel nulla. Diventare un killer, al servizio dello Stato. È questo il compito di Avner, incaricato dal primo ministro d’Israele, Golda Meir, di vendicare la strage di atleti ebrei compiuta dai terroristi palestinesi a Monaco, durante le Olimpiadi del 1972. Vendetta, vendetta, vendetta: i responsabili dell’attentato, undici in tutto, dovranno essere eliminati a uno a uno, in giro per l’Europa. [...] Vai alla recensione »

Antonio Valenzi
L'Indipendente

A cavallo tra la spy-story da intrigo internazionale ed il thriller politico, Munich è uno dei film più belli ed interessanti della stagione cinematografica in corso. Avner, ufficiale dell’intelligence israeliana, viene incaricato dal servizio segreto – il Mossad - per vendicare la strage degli atleti alle Olimpiadi di Monaco del ’72 ad opera di un commando di Fedayn che vollero portare agli occhi [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Monaco 1972: la realtà dei fatti (o quel poco di realtà che le immagini trasmesse in tutto il mondo lasciarono intuire) e la ricostruzione di quanto, sotto copertura, avvenne in seguito. La caccia alle menti di Settembre Nero e la loro eliminazione da parte degli agenti del Mossad. Meno “fantastoria” di quanto gli atti ufficiali lascino trapelare, come racconta Mauro Gervasini nelle pagine che seguono. [...] Vai alla recensione »

Silvia Kramar
Il Giornale

La Guerra dei mondi gli era costato di più, ma il nuovo film di Steven Spielberg, che esce oggi nelle sale americane, è la sua vera scommessa con Hollywood. Piacerà a tutti questo Munich che comincia in bianco e nero, con le immagini televisive di quella tragedia che aveva colpito le Olimpiadi tedesche nell'estate del 1972? Nel suo «thriller esistenziale», come la stampa americana l'ha già ribattezzato, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Che re Steven sia uno dei massimi registi della nostra epoca è un fatto acclarato. Che il suo pragmatismo e la sua generosità professionale lo portino a toccare alti e bassi, altrettanto. Basta confrontare lo straordinario prologo (l'azione terroristica che ritornerà nei successivi flash-back) con il pessimo finale (l'amore coniugale in montaggio alternato con i rimorsi) di Munich per confermarlo. Vai alla recensione »

Valerio Guslandi
Ciak

Col passare degli anni Steven Spielberg continua ad alternare cinema di puro intrattenimento a cinema di impegno (i prossimi progetti riguardano la vita di Abramo Lincoln e il quarto Indiana Jones). Ma il suo spirito, in entrambi i casi, è sempre più pessimista. Se gli alieni di La guerra dei mondi non sono più amichevoli, ma ostili, gli uomini di Munich sanno solo coniugare sangue e vendetta.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un gruppo di agenti supersegreti lavora nell’ombra per eliminare uno a uno i mandanti di una strage terroristica snidandoli fra l’Europa e il Medio Oriente. Il mestiere di uccidere però non è così semplice, il disgusto se non il rimorso si insinua poco a poco anche negli uomini più motivati, e col disgusto crescono i dubbi. Saranno davvero colpevoli le persone che uccidiamo? Servirà a qualcosa tutto [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Il Guardian li ha chiamati “la strana coppia”. Sono Eric Roth di Forrest Gump e Tony Kushner di Angels in America, sceneggiatori arruolati da Steven Spielberg per Munich. Il peggior film girato dal regista dopo Amistad, che di visibile senza innervosirsi aveva solo la scena iniziale (il resto, comprende una scenetta di scontro e comprensione tra culture gemellata con i duetti tra la principessa indiana [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati