Grand Budapest Hotel

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Grand Budapest Hotel   Dvd Grand Budapest Hotel   Blu-Ray Grand Budapest Hotel  
Un film di Wes Anderson. Con Ralph Fiennes, F. Murray Abraham, Mathieu Amalric, Adrien Brody, Willem Dafoe.
continua»
Titolo originale The Grand Budapest Hotel. Commedia, durata 100 min. - USA 2014. - 20th Century Fox uscita giovedì 10 aprile 2014. MYMONETRO Grand Budapest Hotel * * * 1/2 - valutazione media: 3,84 su 111 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La "grazia magistrale" di Wes Anderson Valutazione 5 stelle su cinque

di SamueleMei


Feedback: 1220 | altri commenti e recensioni di SamueleMei
venerdì 25 aprile 2014

In un grigio cimitero della Mittel-Europa una ragazza rende omaggio alla tomba di uno scrittore. La giovane ha in mano un libro che si intitola “Grand Budapest Hotel”. Lo apre e all’improvviso la magia ha inizio: si schiudono più lucenti che mai gli universi narrativi di Wes Anderson. Comincia un viaggio a ritroso nel tempo. 1985: l’anziano scrittore ci spiega come è venuto a conoscenza della storia che ha ispirato il suo libro. 1965: il giovane autore, durante un soggiorno al decaduto Grand Budapest, incontra il misterioso quanto solitario Mr Moustafa che accetta di raccontare la storia della sua vita e le avventurose circostanze che lo portarono a diventare da umile fattorino al grande proprietario del prestigioso albergo. 1932: nello stato di Zubrowska Mr Moustafa è un giovane garzoncello di origini indiane soprannominato Zero (zero esperienza, zero istruzione, zero famiglia) che finisce sotto l’ala protettiva del concièrge Gustave H. (un Ralph Fiennes da antologia), gentiluomo e vero tombeur de femmes dal fascino irresistibile per le anziane e ricche ospiti del Grand Budapest. Tra Zero (l’allievo orfano) e Gustave H. (il mentore paterno) si instaura un rapporto di amicizia e di complicità ma le cose si mettono male quando Gustave è accusato dell’omicidio di Madame D. e incarcerato in una fortezza inespugnabile. A questo punto la trama si tinge di giallo, l’intrigo si infittisce e il ritmo del racconto accelera inesorabilmente. Il nostro Gustave riuscirà a evadere grazie anche all’aiuto della deliziosa Agatha (una giovane pasticcera con una voglia a forma di Messico sulla guancia destra) e, dopo una lunga serie di inseguimenti, omicidi e travestimenti, riuscirà a dimostrare la sua innocenza e a ottenere tutto il patrimonio della defunta Madame D. In “Grand Budapest Hotel”, Wes Anderson ha saputo fondere e sublimare tutti i tratti peculiari che caratterizzano il suo cinema leggero e stralunato. Il giovane sceneggiatore-regista ha creato quello che finora può essere considerato a buon diritto il suo capolavoro. Nel film colpisce non tanto la perfezione formale (simmetria dell’inquadratura e vivacità cromatica) tipica di tutte le pellicole dell’artista texano ma piuttosto la complessità dell’impianto strutturale (il film è diviso in 5 capitoli alla maniera di Quentin Tarantino), costruito su un’impeccabile quanto calibrata piramide rovesciata di scatole cinesi che scava nel passato alla ricerca della verità. Una verità non certo assoluta, ma intima e personale, fatta di poesia e suggestione. Un senso della vita incarnato al meglio dall’eroe trasognato e incantatore della vicenda, il mellifluo Gustave H., capace di sostenere l’illusione con magistrale grazia, dinanzi a un mondo fatto di barbarie e dilagante volgarità. Allo stesso modo il grande merito di Wes Anderson sta nella sua capacità di farci immergere in un mondo immaginario del tutto alternativo ma perfettamente dipinto dalla sua inventiva tumultuosa, costantemente sospesa tra il candore comico e la riflessione malinconica. Commuove inoltre nel film la bellissima alchimia tra i due protagonisti della vicenda, stretti da un legame di amicizia e devozione reciproca. Si può perciò affermare che Wes Anderson ha fatto ancora centro con la sua poetica di “idillio e nostalgia”. E quando alla fine la ragazza chiude il libro, il film finisce come un sogno mattutino che svanisce, come un ricordo che riecheggia nella mente, come una meravigliosa figura riflessa in una lanterna magica.

[+] lascia un commento a samuelemei »
Sei d'accordo con la recensione di SamueleMei?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
89%
No
11%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di SamueleMei:

Grand Budapest Hotel | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | antonio montefalcone
  2° | catcarlo
  3° | andrea giostra
  4° | linus2k
  5° | samuelemei
  6° | filippo catani
  7° | vapor
  8° | stevegary
  9° | jules_winnfield
10° | vanessa zarastro
11° | diomede917
12° | jacopo b98
13° | makejrs
14° | borghij
15° | bianca g.
16° | firewalkwithme
17° | dandy
18° | cinestabe
19° | paolp78
20° | intothewild4ever
21° | antonietta dambrosio
22° | enzo70
23° | no_data
24° | supersantos
25° | eugenio
26° | rita branca
27° | joecondor
28° | mati :d
29° | cineman94
30° | firewalkwithme
31° | claudio92s
32° | zeruel97
33° | themaster
34° | biso 93
35° | great steven
36° | tarantinofan96
37° | pisiran
38° | luca scial�
39° | flyanto
40° | cizeta
41° | gianchi
42° | melvin ii
Premio Oscar (16)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (5)
David di Donatello (2)
Critics Choice Award (14)
Cesar (1)
Festival di Berlino (1)
BAFTA (20)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità