•  
  •  
Apri le opzioni

Tom Wilkinson

Tom Wilkinson (Tom Wilkinson ) è un attore inglese, è nato il 5 febbraio 1948 a Leeds (Gran Bretagna).
Nel 2009 ha ricevuto il premio come miglior attore secondario serie miniserie film tv al Golden Globes per il film John Adams. Dal 2008 al 2009 Tom Wilkinson ha vinto 2 premi: Emmy Awards (2008), Golden Globes (2009). Tom Wilkinson ha oggi 73 anni ed è del segno zodiacale Acquario.

Uno squattrinato 'spogliarellista' alla corte di sua maestà

A cura di Nicoletta Dose

Riservato, schivo di natura, Tom Wilkinson ha raggiunto il successo silenziosamente, senza clamori o pettegolezzi. Attore versatile, sfrutta il tocco 'british' in ogni sua interpretazione, uscendone sempre in modo raffinato, sia che si metta alla prova in commedie che in film drammatici.

La formazione in stile 'british'
Nato in Gran Bretagna, si trasferisce presto in Canada con la famiglia, emigrata all'estero per problemi economici. Ritornato in patria, si laurea in letteratura alla University of Kent di Canterbury e decide di iscriversi all'Accademia Reale d'arte drammatica di Londra. Dalla metà degli anni Settanta in poi è attivo sia in televisione che al cinema; il debutto ufficiale nel mondo del grande schermo avviene grazie all'ingaggio del polacco Andrzej Wajda che lo vuole in La linea d'ombra (1976), tratto dal romanzo omonimo di Joseph Conrad. Negli anni Ottanta prende parte a numerosissimi film per la tv (per citare i più importanti, Sharma and Beyond, A Pocket Full of Rye o ancora, Primo fra tutti, serie di successo dedicata alla vita di quattro politici) che, grazie anche alle sue intense interpretazioni, conquistano il favore del pubblico. Nel frattempo sposa l'attrice Diana Hardcastle, dalla quale avrà due figlie.

Tanta tv e i primi film cinematografici
Durante i primi anni Novanta continua a seguire la strada della fiction televisiva ma comincia anche a interessarsi maggiormente al mondo del cinema. Nel 1991 prende parte all'inquietante Anestesia letale, al quale seguono una miriade di partecipazioni televisive, alcune di qualità come la pluripremiata Prime Suspect con Helen Mirren, altre meno come la commediola A Very Open Prison.
Ottiene una piccola parte in Nel nome del padre (1993) ed entra nel cast di Prince of Jutland (1994), rivisitazione shakespeariana rimasta inedita in Italia. Fa appello al lato comico della sua personalità per riproporlo durante le riprese della commedia romantica A Business Affair (1994), poi riprende lo stile drammatico nel successivo Il prete (1994), dov'è il parroco di un quartiere popolare di Liverpool.

Onorato dalla regina e dai grandi registi
Nel 1995 viene nominato dalla regina Elisabetta nell'OBE per meriti artistici, premio prestigioso riservato a pochi. Lo vediamo poi in cinque episodi della miniserie drammatica Martin Chuzzlewit (1994), poi ritorna al cinema con Ragione e sentimento (1995), seguito dall'intenso Il senso di Smilla per la neve (1996) e dall'avventuroso Spiriti nelle tenebre (1996). Trova la sua consacrazione a livello mondiale con l'esilarante Full Monty - Squattrinati organizzati (1997) di Peter Cattaneo, campione d'incassi che ha sbancato al botteghino inglese, dove Wilkinson è uno degli improvvisati spogliarellisti di Sheffield. Conferma il successo di pubblico nei panni del farmacista aspirante attore di Shakespeare in Love (1998), nel curioso La governante (1997) e nel divertente Rush Hour - Due mine vaganti (1998). Continua a collezionare ingaggi in tv che alterna all'attività cinematografica ma è il grande schermo a dargli maggiore visibilità e lo spazio adatto per esprimersi. Dopo il minore Molokai: The Story of Father Damien (1999), lo ritroviamo in Cavalcando con il diavolo (2000) di Ang Lee e al fianco di Mel Gibson in Il patriota (2000) di Roland Emmerich.

In the Bedroom e altri successi
Affronta il thriller Essex Boys (2000) per poi conquistare una nomination all'Oscar come protagonista del drammatico In the Bedroom (2001), dov'è un padre accecato dal desiderio di vendetta. Scivola sul demenziale Black Knight (2001) ma recupera con i raffinati L'importanza di chiamarsi Ernest (2002) e con La ragazza con l'orecchino di perla (2003). Lavora ancora al fianco di Scarlett Johansson nel film tutto al femminile Le seduttrici (2004), poi fa un salto nella Londra seicentesca con Stage Beauty (2004), finendo a far parte del mondo surreale e strampalato di Michel Gondry che lo vuole in Se mi lasci ti cancello (2004).
Diventa Carmine Falcone nel movimentato Batman Begins (2005) e affronta i poteri malefici di Satana in The Exorcism of Emily Rose (2005), dove interpreta Padre Moore, rappresentante della fervente Chiesa cattolica.

La consacrazione con Allen e Polanski
Offre una grandissima prova di recitazione nel dramma borghese Un giorno per sbaglio (2006), seguito dall'altrettanta intensa performance in Sogni e delitti (2007) di Woody Allen, così come anche in Michael Clayton (2008) che gli vale la seconda nomination all'Oscar, stavolta come miglior attore non protagonista. Alterna il grande cinema d'autore a commedie più leggere come The Last Kiss (2006), remake americano dell'italiano L'ultimo bacio di Muccino o The Night of The White Pants (2007) o ancora Dedication (2007), brillante storia d'amore in stile 'Sundance'. Cerca di concludere un affare con la mafia russa in Rocknrolla (2008) di Guy Ritchie, poi volge lo sguardo al passato con Operazione Valchiria (2008) e non smette di regalare emozioni forti al pubblico nemmeno con il successivo Duplicity (2009) dove opera tra due ex spie molto furbe interpretate da Julia Roberts e Clive Owen.
Ormai attore di rilievo, apprezzato dai grandi maestri, viene ingaggiato anche da Roman Polanski in L'uomo nell'ombra (2010), e da Landis per Ladri di cadaveri - Burke & Hare (2010). Nel 2011 collabora nuovamente con Gondry in The Green Hornet e viene diretto da Robert Redford nello storico The conspirator, nel quale recita accanto a Robin Wright e James McAvoy. Nello stesso anno partecipa al drammatico Il debito, di John Madden, mentre dopo Marigold Hotel, del 2012, lo troviamo in The Lone Ranger (2013) di Gore Verbinski. Dopo Grand Budapest Hotel (2014) recita in Affare fatto (2015) di Ken Scott e ne La verità negata (2016) di Mick Jackson.

Ultimi film

I film più famosi

Fantastico, (USA - 2005), 140 min.
Horror, (USA - 2005), 119 min.
Commedia, (USA - 2014), 100 min.
Drammatico, (USA - 2007), 125 min.
Thriller, (USA - 2009), 129 min.
Azione, (USA - 2008), 114 min.

News

Le foto della commedia british diretta da John Madden.
The Conspirator riscopre l'antica tradizione del pamphlet.
Una storia d'amore clandestina.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati