Downton Abbey II - Una nuova era

Film 2022 | Drammatico, +13

Regia di Simon Curtis. Un film Da vedere 2022 con Hugh Bonneville, Laura Carmichael, Jim Carter, Brendan Coyle, Julian Fellowes. Cast completo Titolo originale: Downton Abbey: A New Era. Genere Drammatico, - Gran Bretagna, 2022, Uscita cinema giovedì 28 aprile 2022 distribuito da Universal Pictures. Oggi tra i film al cinema in 62 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,58 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Downton Abbey II - Una nuova era tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 26 aprile 2022

Torna con un secondo capitolo cinematografico la saga sulla famiglia aristocratica inglese all'inizio del XX secolo. Downton Abbey II - Una nuova era è 9° in classifica al Box Office. domenica 22 maggio ha incassato € 7.870,00 e registrato 1.129 presenze.

Consigliato sì!
3,58/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,30
PUBBLICO 3,94
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Una nuova fase dall'intuizione geniale e con alcune linee narrative particolarmente commoventi.
Recensione di Paola Casella
giovedì 21 aprile 2022
Recensione di Paola Casella
giovedì 21 aprile 2022

Violet Crowley, contessa di Grantham, riceve un'inaspettata eredità: un aristocratico francese le ha lasciato una villa in riva al mare, e Lady Violet decide a sua volta di girarne la proprietà alla nipote Sybbie. La moglie del conte francese vuole impugnare il testamento del defunto marito, ma buona parte della famiglia Crowley si trasferisce sulla Riviera su invito del figlio del conte, che invece è incline a rispettare la volontà del padre. Del resto è meglio che a Downton Abbey restino solo i domestici e Lady Mary, poiché all'interno della magione si girerà un film: e la servitù è molto eccitata dalla presenza di due divi del muto, Guy Dexter e Myrna Dalgleish. Il regista invece farà compagnia a Mary, il cui marito è ancora una volta ben lontano.

Con Downton Abbey: Una nuova era la saga inglese amatissima dal pubblico mondiale chiude il cerchio e allo stesso tempo apre la porta ad una possibile nuova fase, come preannunciato dal titolo.

È l'occasione per dare ancora una volta attenzione individuale a tutti i personaggi, e il regista Simon Curtis e lo sceneggiatore William Fellows mantengono quel magico punto di equilibrio fra sentimentalismo e ironia, tradizione e modernità, coerenza con i personaggi che il pubblico conosce a menadito e capacità di innovare il loro percorso.

Alcune linee narrative sono particolarmente commoventi, e alcuni nodi verranno sciolti in modo del tutto congruente con le premesse, anche quelle seminate dal film precedente, oltre che dalla serie. Un'intuizione geniale è quella di ambientare a Downton Abbey un film nel film, il che dà adito ad una serie di battute sul modo in cui la recitazione veniva considerata in un'epoca in cui gli attori venivano seppelliti fuori dalle mura cittadine in segno di disprezzo, e apre la porta ad una sottotrama che è un esplicito omaggio a Cantando sotto la pioggia, e che riguarda il passaggio inevitabile del cinema dal muto al sonoro.

Le dinamiche fra i personaggi sono perfettamente allineate a ciò che già sappiamo di loro, mentre la trasferta francese apre visivamente ad un orizzonte più ampio, pieno di aria e di luce, laddove gli interni ormai notissimi della magione rischiavano di soffocare la storia. E l'alternanza sapiente fra i due ambienti è l'occasione anche per un ironico confronto fra culture, sperando che la permalosità francese non susciti oltralpe una reazione offesa!

Downton Abbey: Una nuova era sta molto attento a non commettere l'errore di riscrivere la storia in preda alla cancel culture, e sottolinea invece i confini angusti entro quali alcune figure - le donne, gli omosessuali, i servitori - erano costretti a muoversi, allo stesso tempo individuando nuove possibilità evolutive della società e dei costumi, e ridefinendo i ruoli di potere.

Mary si conferma la delfina naturale di Lady Violet, Cora il sostegno indispensabile del tenero Conte Robert, Edith l'antesignana dell'affermazione professionale femminile (che però manca alle innumerevoli donne e ragazze assunte come domestiche e cuoche), Tom Branson un simbolo della possibilità di ascesa sociale e Thomas Barrow il portabandiera del rifiuto all'ipocrisia omofoba. Fra le new entry la più gradita è Dominic West nei panni del prim'attore Guy Dexter, una sorta di Clark Gable (inglese) antesignano della Golden Age hollywoodiana.

La scenografia è come sempre impeccabile, i costumi (soprattutto quelli di Cora) da rubare, la recitazione di tutti gli attori eccezionale, con punte di diamante le decane del gruppo: da Maggie Smith a Imelda Staunton a Penelope Wilton. Certo, alcuni momenti coperti di melassa sono inevitabili, ma servono ad accompagnare quel tè inglese che per tradizione dev'essere "praticamente perfetto sotto ogni aspetto".

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 3 maggio 2022
thomas

Un’apoteosi di zuccherosa falsità: nei dialoghi, nelle situazioni, nelle dinamiche narrative, persino nella personalità dei protagonisti.Tutto è artificioso, dai dialoghi manierati alle espressioni artefatte e stereotipate (viene battuto il record mondiale di sopraccigli alzati), dagli sviluppi illogici della storia allo spessore dei personaggi.Nell’accavallarsi caotico di assurdità spiccano la trasformazio [...] Vai alla recensione »

domenica 22 maggio 2022
samanta

Continua la saga tra il 1912 e il 1929 di una famiglia aristrocatica inglese i conti Grantham che vive nella lussuosa dimora di Dawnton  Abbey ( abbazia quando Enrico VIII confiscò i beni ecclesiastici che servivano a mantenere i poveri)e li passò a ricchi mercanti diventati poi aristocratici) . La saga iniziò con una fortunata serie televisiva che durò 6 stagioni, [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 maggio 2022
loland10

“Downton Abbey II –  Una nuova era” (Downton Abbey II: A New Era, 2022) è il quinto lungometraggio del regista-produttore londinese Simon Curtis. Un seguito variopinto, rumoroso, vintage, vissuto, perspicace e con una scrittura ‘secca, glamour e sagace’. Ci si diverte nella miriade di dialoghi, di scontri verbali, di bei modi, di vita che scorre e di ambienti [...] Vai alla recensione »

domenica 22 maggio 2022
samanta

Continua la saga tra il 1912 e il 1929 di una famiglia aristrocatica inglese i conti Grantham che vive nella lussuosa dimora di Dawnton  Abbey ( abbazia quando Enrico VIII confiscò i beni ecclesiastici che servivano a mantenere i poveri)e li passò a ricchi mercanti diventati poi aristocratici) . La saga iniziò con una fortunata serie televisiva che durò 6 stagioni, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 maggio 2022
goldy

Niente di più. Difficile superarla per chiunque volesse  arricchire il genere. Sbiadisce  anche  l'incanto Cenerentola e Biancaneve. Una bella sfida per i creatori della i Walt Disney qualora volessero superare  la perfezione di Dpwnton !

domenica 1 maggio 2022
enzo70

Con una pandemia in corso e gli echi vicini di una guerra Downtown Abbey rappresenta un modo perfetto per tornare al cinema. Era da novembre che rimandavo il cinema e finalmente ho deciso di riprendere un vecchio amore. E devo dire scelta felice. Perché la storia di questa nobile famiglia inglese è perfetta per dimenticare per due ore gli affanni dell’ultimo periodo, un film leggero [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 7 maggio 2022
L.O.
La Gazzetta di Parma

A Downton Abbey arriva il cinema, e scusate se è poco. Il cinema con tutta la sua «invadenza» ma anche con i suoi soldi, che effettivamente posson servire se il tetto della magione fa letteralmente acqua da tutte e parti e camminare nel sottotetto è affrontare uno slalom fra i catini. E così, sia: una copertura nuova, per affacciarsi a dovere ai Thirties, val bene la chiassosità di una troupe, il suo [...] Vai alla recensione »

sabato 7 maggio 2022
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

L'anziana contessa Violet Grantham riceve un'eredità inattesa - una villa in Costa Azzurra, lascito testamentario forse di un amante. Mentre là si trasferisce curiosa la sua affollata famiglia, la matriarca resta a presidiare con il suo esercito di servitori Downton Abbey, anche perché la dimora è stata scelta come location per una produzione cinematografica.

sabato 7 maggio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

La contessa madre Maggie Smith non aveva mai sentito la parola "week end", ma qualche vacanza matrimoniale se l' era presa, malignità? guardatela meravigliosa villa in Costa Azzurra ricevuta in eredità da un aristocratico francese (peraltro dotato di legittima vedova-l'attrice Nathalie Baye che assiste perplessa alla presa di possesso dei nuovi proprietari).

venerdì 6 maggio 2022
Valerio Caprara
Il Mattino

Sette anni dopo la sesta e ultima stagione -piangono ancora milioni di fan- la saga tv "Downton Abbey" prolunga il suo exploit sul grande schermo. Infatti al film di tre anni fa, impostato sui frenetici preparativi per la visita del Re e la Regina alla magnifica magione dei Crowley, segue adesso un secondo capitolo dedicato al duplice intrigo che coinvolge la più famosa (nella fiction) famiglia aristocratic [...] Vai alla recensione »

martedì 3 maggio 2022
Maria Sole Colombo
Film TV

Piove sempre sul bagnato, recita il noto adagio, e mai proverbio si rivela più azzeccato per descrivere la singolare condizione dei conti dei Grantham e del loro nutritissimo parentado, eredi a loro insaputa nientemeno che di una villa sulla Riviera francese. La trasferta in Costa Azzurra, onde rendere visita alla nuova proprietà, è dunque il fulcro di questo secondo capitolo cinematografico della [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 maggio 2022
Alessandra De Luca
Ciak

È il 1929 e nell'aristocratica magione dei conti di Grantham si installa un set cinematografico. Ma sia i Crawley che il fedele domestico Charles Carson non riescono a tollerare la volgarità dei "movie people" che a Downton Abbey, ormai nelle salde mani di Lady Mary, pensano di farla da padroni. Altri invece, come Daisy non vedono l'ora di accogliere la nuova arte e di mettersi al servizio dei divi [...] Vai alla recensione »

sabato 30 aprile 2022
Andrea Frambrosi
L'Eco di Bergamo

Cosa è successo tra mio padre e tua madre?» recitava il titolo di un delizioso film di Billy Wilder ambientato a Ischia («Avanti!», 1972): si tinge anche un po' di giallo (sentimentale) questo «Downton Abbey II - Una nuova era», seconda «puntata» cinematografica, dopo il precedente «Downton Abbey» del 2019, dei film tratti dalla omonima, premiatissima serie televisiva.

sabato 30 aprile 2022
Fabio Canessa
Il Tirreno

"Le persone se ne vanno, ma la famiglia resta", dice l'ultima battuta del film. A conferma che la saga dei Crowley si mantiene fedele al suo affezionato pubblico anche se inizia una nuova era. Dopo il successo della serie televisiva e il primo capitolo cinematografico, questo sequel costituisce uno degli episodi più felici dell'intero ciclo. Il palazzo diventa infatti il set di un film negli anni in [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 aprile 2022
Giovanna Asia Savino
Cineclandestino

A tre anni esatti da Downton Abbey - Il film, arriva nelle sale cinematografiche Downton Abbey II - Una nuova era, il sequel del precedente lungometraggio del 2019, questa volta diretto da Simon Curtis (Marilyn, Woman in Gold, Vi presento Christopher Robin). I due film sono il seguito dell'omonima e pluripremiata serie televisiva, nata nel 2010 e conclusasi nel 2015 dopo 52 episodi, ambientata nella [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 aprile 2022
Maria Lombardo
La Sicilia

Primo Novecento, sontuoso castello inglese, famiglia aristocratica, raffinatissimi costumi. Eleganza e bellezza a profusione. L'ambientazione e i personaggi di Downton Abbey tornano in "Downton Abbey 2 - Una nuova era" secondo lungometraggio (nel 2019 il primo, "Downton Abbey - Il film") tratto dalla serie creata da Julian Fellows che si era conclusa dopo sei stagioni e il racconto di quasi trent'anni [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 aprile 2022
Peter Bradshaw
The Guardian

Alla fine del film di Downton Abbey sembrava che la serie fosse arrivata alla fine. E invece no. La creatura di Julian Fellowes è balzata in piedi dal letto di morte per un nuovo giro di charleston. E devo ammettere - come qualcuno che si aggira con in mano un pacchetto di patatine vuoto, che dieci minuti prima era pieno - che l'ho trovato divertente, più sciocco, sdolcinato e snob che mai.

giovedì 28 aprile 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Incredibile, ma vero. Al giorno d'oggi, al cinema ci si può ancora divertire. E tanto. Evento più unico che raro, visti gli ultimi trascorsi sul grande schermo, in particolare con i penosi e imbarazzanti dialoghi di alcune recenti commedie italiane, li merito è di questo meraviglioso secondo film partorito dalla serie di successo omonima, in costume.

giovedì 28 aprile 2022
Francesca Filiasi
Cult Week

L'ennesimo capitolo della saga dei Crawley, fuoriuscita ormai più di dieci anni fa dalla snobissima penna di Julian Fellowes (che non a caso ha scritto anche un libro intitolato appunto Snobs), torna sullo schermo, questa volta maxi. Dopo sei stagioni televisive e un trascurabilissimo primo film, le vicende degli abitanti di Downton Abbey continuano a deliziarci, in qualche modo, proprio perché senza [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2022
Alessandro De Simone
Ciak

Downton Abbey: una nuova era. Il titolo del secondo lungometraggio tratto dalla serie creata da Julian Fellows è in fondo l'ennesima illusione della famiglia Crawley, che per sei stagioni e quasi trent'anni (nella finzione) ha cercato di fermare il tempo, piegandolo ai voleri dell'aristocrazia britannica che non è mai riuscita a fare suo il pensiero gattopardiano che tutto deve cambiare perché tutto [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

È il 1929 e nell'aristocratica magione dei conti di Grantham si installa un set cinematografico. Ma se i Crawley non tollerano la volgarità della gente di cinema che a Downton Abbey pensano di farla da padroni, e visitano la Costa Azzurra, dove la matriarca Violet ha ereditato una splendida villa, parte della servitù non vede l'ora di accogliere la nuova arte e di mettersi al servizio dei divi dello [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2022
Francesco Alò
Il Messaggero

Il fascino di Downton Abbey? Si racconta un'aristocrazia inglese altezzosa ma con tetti dei castelli che gocciolano, parenti serpenti e qualche corna. Ecco dunque Downton Abbey 2Una nuova era (nella foto, Laura Haddock), secondo film tratto dalla serie tv lunga 52 episodi, 6 stagioni e premiata con 3 Golden Globe e 15 Emmy nei suoi 9 anni di permanenza sul piccolo schermo.

mercoledì 27 aprile 2022
Tiziana Morganti
Asbury Movies

Le porte di Downton Abbey tornano ad aprirsi e i loro lussuosi salotti riprendono a ospitare la numerosa e variegata umanità che compone la famiglia Crawley. A loro, ovviamente, si uniscono anche gli "abitanti" dei piani inferiori i cui passi, però, si sono tante volte intrecciati e sovrapposti a quelli degli ospiti più privilegiati. E questo camminare sempre in parallelo, se non in sincronia, ha rappresent [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 aprile 2022
Veronica Orciari
Sentieri Selvaggi

La narrazione familiare della famiglia Crawley continua con Downton Abbey II - Una nuova era che, oltre a presentarsi come un prodotto godibile e divertente, svolge un'operazione metacinematografica ben articolata. Interessante è infatti la disamina che il film di Curtis propone per quanto riguarda il passaggio, intorno agli anni '30, dal muto al sonoro.

martedì 26 aprile 2022
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

"I Crawley vanno e vengono, come individui. Quella che resta è la famiglia". È l'americana Cora (Elizabeth McGovern), la straniera che tanto ha dovuto sopportare per entrare appieno nelle grazie della matrona Violet (Maggie Smith), ad incidere l'epitaffio perfetto sul secondo capitolo cinematografico della celeberrima saga seriale creata da Julian Fellowes.

NEWS
TRAILER
venerdì 8 aprile 2022
 

Regia di Simon Curtis. Un film con Julian Fellowes, Hugh Bonneville, Michelle Dockery, Imelda Staunton, Maggie Smith. Da giovedì 28 aprile al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
martedì 15 febbraio 2022
 

Il secondo film tratto dalla fortunata serie inglese, diretto da Simon Curtis, con Julian Fellowes, Imelda Staunton, Maggie Smith. Dal 28 aprile al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
lunedì 13 dicembre 2021
 

Regia di Simon Curtis. Un film con Julian Fellowes, Hugh Bonneville, Michelle Dockery, Imelda Staunton, Maggie Smith.Da giovedì 28 aprile al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
giovedì 11 novembre 2021
 

Regia di Simon Curtis. Un film con Julian Fellowes, Hugh Bonneville, Michelle Dockery, Imelda Staunton, Maggie Smith. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 24 novembre 2021
 

Torna con un secondo capitolo cinematografico la saga sulla famiglia aristocratica inglese all'inizio del XX secolo. Vai all'articolo »

POSTER
lunedì 19 aprile 2021
 

Il film sarà il sequel di Downtown Abbey del 2019. Entrambi i film sono basati sulla serie di successo creata da Julian Fellowes che si è svolta in sei stagioni sull'emittente britannica ITV dal 2011 al 2016.

NEWS
venerdì 12 febbraio 2021
 

Il film sarà il sequel di Downtown Abbey del 2019. Entrambi i film sono basati sulla serie di successo creata da Julian Fellowes che si è svolta in sei stagioni sull'emittente britannica ITV dal 2011 al 2016.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati