La fuga di Martha

Film 2010 | Drammatico, 101 min.

Regia di Sean Durkin. Un film Da vedere 2010 con Elizabeth Olsen, Christopher Abbott, Brady Corbet, Hugh Dancy, Maria Dizzia. Cast completo Titolo originale: Martha Marcy May Marlene. Genere Drammatico, - USA, 2010, durata 101 minuti. Uscita cinema venerdì 25 maggio 2012 distribuito da 20th Century Fox Italia. - MYmonetro 3,14 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La fuga di Martha tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tormentata dai ricordi del passato e da una crescente paranoia, una ragazza cerca di reinserirsi nella sua famiglia e nel mondo, dopo aver frequentato la comunità di un leader folle e abusatore. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Critics Choice Award, Al Box Office Usa La fuga di Martha ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 2,7 milioni di dollari e 138 mila dollari nel primo weekend.

La fuga di Martha è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,14/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 3,43
CONSIGLIATO SÌ
Un esordio molto promettente, carico di tensione emotiva.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 18 maggio 2011
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 18 maggio 2011

Martha fugge all'alba, attraverso i boschi, dalla casa in campagna dove ha vissuto due anni insieme alla piccola comunità che l'ha accolta come parte della famiglia, al costo di un prezzo psicologico altissimo che la ragazza forse non finirà mai di pagare. Torna dalla sorella, l'unica rimasta della sua famiglia d'origine, nella bella e borghese casa delle vacanze, nel Connecticut, che Lucy ha preso col marito. Ma è una scelta obbligata, un luogo non suo, nel quale, al disagio di un presente ancora senza una collocazione affettiva stabile e senza un progetto di vita per il futuro, si somma, nella mente di Martha, il ritorno incontrollabile di un passato rimosso e devastante.
Esordio alla regia di Sean Durkin, premiato al Sundance, il film si costruisce per la maggior parte sulle spalle e negli occhi di Elizabeth Olsen, protagonista assoluta e strabiliante. Filmato con lunghe sequenze cariche di tensione, angosciante per il modo in cui stringe le possibilità di pace della protagonista in un vicolo sempre più stretto e chiuso, il film trasforma volontariamente lo spazio aperto e luminoso di una villa dalle grandi finestre con vista sul lago nel luogo più adatto per la comparsa della paranoia e l'alitare del soffio freddo della violenza subita e ancora minacciosa.
Parallelamente, la fattoria nella quale Martha era stata prontamente convertita in Marcy May dal carismatico Patrick, padre padrone e leader della setta, invece di essere il luogo libertario e comunitario che pretende di essere, è giustamente inquadrato in spazi chiusi o recintati (l'orto), spesso rigidamente divisi per genere sessuale, dove la solitudine è il sentimento insieme sovrano e proibito.
È però Marlene, il terzo nome, per la precisione un nome in codice, quello che racconta di più del destino di Martha: giovane senza identità, privata forse per sempre della possibilità di costruirsene una in piena libertà.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Film d'autore made in USA con attori di provenienza teatrale. Dopo aver passato 2 anni con una setta religiosa, vittima di violenze psicologiche e sessuali, Martha ripara in casa della sorella maggiore. Oppressa dal suo passato, va in paranoia, convinta di essere seguita dal leader della setta. Influenzato dal cinema di Cassavetes - e con citazioni esplicite di Tre donne (1977) di Altman -, Durkin ha fatto, con la curiosità distaccata di un etnologo, un film/ritratto di una giovane donna angosciata tra ricordi confusi e percezioni alterate. Il suo percorso interiore di spaesamento e inquietudine si alterna con la descrizione frammentata della provincia USA, contraddittoria ed enigmatica tra scontri di generazione e ipocrisie nascoste in un minimalismo scandito dalle canzoni di Jackson C. Frank. Inquietante ma astratto, ambizioso ma anche velleitario e cerebrale. Fotografia di Jodie Lee Lipes. Distribuisce Fox.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LA FUGA DI MARTHA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 25 maggio 2012
donni romani

Premiato al Sudance Festival, da sempre garanzia di qualità, la pellicola di Durkin ci catapulta nell'abisso delle sette in un racconto pieno di mistero e di dolore. La giovane Martha non ha più dato notizie alla famiglia da due anni quando una mattina improvvisamente chiama la sorella e la prega di andarla a prendere. E' sperduta, senza soldi nè valigie, e non vuole raccontare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 agosto 2013
Filippo Catani

USA. Una giovane ragazza scompare per un paio di anni senza lasciare alcuna traccia e senza dare alcuna notizia alla sorella. La giovane infatti, in fuga da se stessa, ha trovato "riparo" presso una fattoria dove vive una comunità all'apparenza egualitaria e benevola ma che vive del carisma del terribile capo della setta. La giovane, sconvolta da questa ennesima esperienza fallimentare, [...] Vai alla recensione »

sabato 9 giugno 2012
Fleda

Un film asciutto, essenziale e dove i dialoghi scarni ma incisivi sottolineano perfettamente le scene. E sono state proprio le parole ad entrare nella testa di Martha quando viveva in comunità. Parole discrepanti con gli atti, generalmente atroci o di violenta promiscuità. Parole dette dal suo leader che tendevano a giustificare la sua sola e propria libertà in nome di una filosofia alternativa amorale [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 giugno 2012
Stefano Pariani

Dopo il bellissimo Frozen river e Un gelido inverno, arriva dal Sundance un nuovo film sull'"altra" America, quell'America rurale che affonda le sue radici nella povertà, nello squallore di baracche disperse tra i boschi, negli orrori nascosti che sono il rovescio della medaglia del sogno americano. Martha (Elizabeth Olsen) è un'adolescente fuggita di casa in [...] Vai alla recensione »

martedì 30 dicembre 2014
gianleo67

Fuggita nottetempo dalla comune hippye governata dall'influenza di un ambiguo leader carismatico, la giovane Martha si rifugia nella casa dove la sorella maggiore Lucy vive insieme al marito. Benchè si sforzi di superare i traumi subiti durante la permanenza nella comunità e ritornare con difficoltà ad una vita normale, inizia a mostrare i segni di un comportamento paranoico [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 marzo 2012
epidemic

drammatico, parallelo e fortemente atipico. Soggetto interessante per uno sviluppo non banale e scontato. Per me da vedere

domenica 2 marzo 2014
chiefjoseph

Bel film,ben diretto e che descrive bene l'angoscia e la solitudine della bravissima protagonista, la minore delle gemelle Olsen.Forse il finale poteva essere più delineato perché lascia qualche interrogativo senza risposta ma è secondario rispetto alle emozioni che il regista voleva trasmettere.

venerdì 25 ottobre 2013
iankenobi

Come al solito dal sundance festival,garanzia di qualita',arriva questo piccolo interessantissimo indie movie.martha scappa nel bosco,da chi ancora non sappiamo,chiama la sorella lucy,che non vede da 2 anni e questa la va' a prendere.da qui in poi assistiamo ad avvenimenti in tempo reale ma prendendo spunto da un azione un gesto,coltivare delle piante o girare un cucchiaio in un bicchiere,torniamo [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 febbraio 2013
Bartleby Corinzio

Martha, una ragazza già di per sé con dei problemi, si imbatte e si rifugia in una "famiglia"-setta che già di per sé ha dei problemi. Una setta con un concetto ascetico di morte e amore, cibo e sesso. Il luogo ideale per non essere un luogo ideale. Ma Martha ci finisce dentro, anche se il film inizia con lei che scappa.

sabato 26 maggio 2012
renato volpone

Martha vive ina una "libera" comune, ma fugge e si rifugia tra le braccia del passato nella tranquillità di un ambiente famigliare. Lentamente lo smarrimento della ragazza lascia il posto all'ansia e alla paura che le si sono annidate dentro come le radici delle piante che riesce con bravura a seminare in giardino. Il registra bravissimo riesce a collegare con spettacolari inquadrature [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 maggio 2012
Luanaa

Guardando questo film, con una scena cruenta terribile,come si fa a non pensare alla setta anni '70 di Charles Manson..dove gli omicidi alle ville borghesi altolocate erano perpetrati in modo altamente cruento fino all'ultimo scempio allucinante del caso Sharon Tate moglie allora di Polanski. E come si fa a non pensare a colei (una e una sola) che ai tempi si distaccò da tale setta perchè contraria [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 luglio 2012
tita55

molto intimo e angosciante.

sabato 26 maggio 2012
onil79

L'inizio sembra promettente ma col passare dei minuti il tutto svanisce. Film lento che non regala nulla allo spettatore, con una fotografia pessima nelle scene in penombra. Son rimasto così deluso che son rimasto senza parole... lo sconsiglio Voto 4

Frasi
"Hai un viso da Marcy May!"
Patrick (John Hawkes)
dal film La fuga di Martha - a cura di alessia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

In alcuni momenti, questa opera prima presentata a Cannes e premiata al Sundance l' anno passato sembra un thriller, se non addirittura un horror. Eppure le vittime non sono, per una volta, i soliti adolescenti infoiati in vacanza, bensì giovani vittime di una minaccia sociale assai diffusa nell' America "profonda": quella della sette parareligiose.

Anthony Lane
The New Yorker

Non è chiaro all’inizio da cosa Fugga Martha (Elizabeth O1sen) quando arriva a casa di sua sorella Lucy (Sarah Paulson). Ma quello che all’inizio sembra un tranquillo rifugio rustico nello stato di New York, si rivela una specie di setta, un universo nefasto, in cui il carismatico Patrick (John Flawkes) attira giovani sbandati. Durkin ha realizzato un inquietante studio sulla facilità con cui i predatori [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Il titolo originale «Martha Marcy May Marlene» aiuta a capire molto della vita della protagonista, una ragazza perennemente in fuga. Dalla famiglia, da una setta che la manipola, da se stessa. Un’orfana alla ricerca di una sua «normalità», da sempre perduta e mai ritrovata. Film non facile, che lascia interrogativi aperti, particolare (non a caso ha vinto il premio per la regia al Sundance 2011), che [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Nel nome dell’indie. Tra alti critici e bassi monetari, il cinema americano off Hollywood funziona spesso e volentieri, vedere per credere lo stiloso esordio di Sean Durkin, La fuga di Martha, già premiato al Sundance. Alla straziata e straziante Elizabeth Olsen il compito di dividersi tra tre identità: Martha, ovvero la ragazza bene che era; Marcy May, affibbiatole dal padre padrone (John Hawkes, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
domenica 30 gennaio 2011
Marlen Vazzoler

Nonostante sia oggi il giorno di chiusura della ventisettesima edizione del Sundance Film Festival iniziata lo scorso 20 gennaio in Utah a Park City, ieri sono stati annunciati dal Basin Recreation Fieldhouse a Kimball Junction, i 26 premi dell'edizione [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati