Hysteria

Film 2011 | Commedia sentimentale 100 min.

Regia di Tanya Wexler. Un film Da vedere 2011 con Maggie Gyllenhaal, Hugh Dancy, Jonathan Pryce, Rupert Everett, Ashley Jensen. Cast completo Titolo originale: Hysteria. Genere Commedia sentimentale - Gran Bretagna, Francia, Germania, 2011, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 24 febbraio 2012 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,01 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Hysteria tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

L'invenzione del vibratore e altre rivoluzionarie tecniche per il sesso femminile. In Italia al Box Office Hysteria ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 1 milioni di euro e 271 mila euro nel primo weekend.

Hysteria è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,01/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,80
PUBBLICO 3,24
CONSIGLIATO SÌ
Un'idea piccante e perfetta per una commedia che diverte senza provocare.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 28 ottobre 2011
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 28 ottobre 2011

Londra 1880. Il giovane Mortimer Granville è un dottore che lotta per far passare le nuove scoperte scientifiche negli ambulatori e negli ospedali gestiti da vecchi medici fedeli a convinzioni errate ed obsolete. In cerca di un nuovo impiego dopo l'ennesimo licenziamento, lo trova presso il dottor Dalrymple, specializzato nella cura "manuale" dell'isteria che affligge buona parte delle signore di Londra e si manifesta variamente con tristezza, irritabilità, pianto frequente o incontenibile rabbia. Innamorato della seconda figlia di Dalrymple, Emily, e osteggiato dalla primogenita Charlotte, che lo vorrebbe dedito a malattie più serie, Mortimer si ritroverà letteralmente fra le mani l'idea del secolo, durante una visita al suo amico e benefattore Edmund, un appassionato di congegni elettrici.
La commedia di Tanya Wexler romanza non poco l'invenzione del vibratore ad opera del signor Joseph Mortimer Granville (il quale lo aveva pensato, in realtà, come strumento per la cura dei muscoli indolenziti in fisiatria e non ci teneva affatto a legare il proprio nome a questo secondo uso) puntando tutto sulla straordinaria coincidenza per cui avvenne nella più puritana delle società, quella della classe agiata nell'Inghilterra della regina Vittoria.
Il film si guadagna il sorriso dello spettatore fin dalle premesse, giocando sul piglio serissimo col quale Jonathan Pryce (alias Dottor Dalrymple) illustra la sua terapia, sul successo del giovane e belloccio dottorino in sua sostituzione, e sull'umorismo dissacrante dell'ottimo Rupert Everett nei panni del tecnoentusiasta Edmund. Per tutto il resto del tempo, però, Hysteria si limita poi a trascinare queste premesse attraverso una strada perfettamente prevedibile verso una conclusione paradossalmente senza "climax", ma certamente romantica e rassicurante.
Visivamente, gli sfondi pastello tutti fiori e panchine e ponticelli che inquadrano la dolce, pudica ma in fondo insipida Emily, collidono volontariamente con i luoghi grigi e pericolosi nei quali si muove la pasionaria Charlotte, suffragetta a favore della parità dei sessi, tanto in materia sessuale quanto elettorale. Ma questa linea narrativa, tutta improntata alla critica sociale e all'equivalenza delle conquiste del progresso in campi tanto distanti ma anche coincidenti, è quanto di più visto, banale e privo di ironia possa capitare di incontrare in una commedia inglese. L'idea c'è, il divertimento anche, ma la rivoluzione è lontana.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
HYSTERIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 26 febbraio 2012
renato volpone

Splendido film nel suo genere, ottima l'ambientazione e la ricostruzione storica, toccante il ritratto del mondo della medicina e di quello della condizione della donna, ancora attualissimo, non può non tornare alla mente la vita del dr. Ignaz Semmelweis che nel 1841 ipotizzò la presenza di agenti patogeni  invisibili che causavano la morte di giovani puerpere dopo che i medici [...] Vai alla recensione »

martedì 28 febbraio 2012
osteriacinematografo

 Londra, 1880. Mortimer Granville è un giovane dottore all’avanguardia; fervido sostenitore della teoria patogenetica e dell’esistenza dei germi, egli sostiene che una buona igiene sanitaria potrebbe evitare innumerevoli infezioni, in un’epoca in cui sono ancora diffuse le terapie a base di bagni di vapore e i salassi per mezzo di sanguisughe.

sabato 10 marzo 2012
francesca meneghetti

Anni fa nelle facoltà di filosofia – corso di psicologia -  era molto di moda Freud  (che per altro non è mai caduto in disgrazia). Naturalmente si studiava l’esperienza del medico viennese alla Salpêtrière, a Parigi, dove Charcot curava l’isteria, misteriosa malattia femminile (una nota riproduzione di una sua lezione universitaria su tale patologia, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 aprile 2012
michela papavassiliou

 Un gentiluomo si muove con ghette immacolate su eleganti scarpe di vernice nera. Prima di entrare in un grande edificio tenta di liberarsi dalle foglie d'autunno incollate alla suola, mentre una barella con un ferito sanguinante attraversa la scena. E' questa la realtà ospedaliera inglese di fine Ottocento arretrata e poco incline alle norme igieniche di base ed ad un rinnovamento [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 marzo 2012
Cimmino Pasquale

Vibranti speranze erano certamente quelle che dovevano albergare nel cuore delle donne (ma anche degli uomini) della Londra di fine '800: questo film si preoccupa di impastarle, rimestarle e tirarne fuori un pasticcio che ad ogni morso svela un nuovo sapore. I personaggi si presentano variamente sfaccettati e presentati in un quadro che non va a ritrarre ciò che hanno, quanto ciò [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 marzo 2012
gort-mvc

E' film della più pura tradizione humor inglese. Un modo intelligente per far riflettere su fenomeni di costume e situazioni sociali con un tranquillo sorriso. E il pubblico si appassiona e riflette forse più che di fronte a tante opere seriose e noiose. La situazione igienica degli ospedali nella Londra fine '800 (riservati prevalentemente alla classe sociale meno ambiente) fa il pari solo con le [...] Vai alla recensione »

domenica 11 marzo 2012
Fanny Cerry

Londra, 1880. Mortimer Granville è un giovane medico dalle idee rivoluzionarie per l’epoca, costretto a lavorare in ambienti dove dominano pratiche obsolete, come il salasso, e in cui si stenta addirittura a credere all’esistenza dei germi. Dal momento che si batte per difendere ciò in cui crede, Mortimer viene ripetutamente licenziato da tutti gli ospedali in cui lavora.

venerdì 30 marzo 2012
Filippo Catani

Inghilterra del fine '800. Un giovane medico, dopo aver girato diversi studi, finisce per accettare un lavoro da un dottore che si occupa di problemi femminili legati al sesso. Il giovane finirà per mettere a punto uno strumento rivoluzionario insieme all'aiuto di un eccentrico e ricco amico: il vibratore. Il giovane medico finirà anche per innamorarsi di entrambe le figlie [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 marzo 2012
francescoambrosino

Ho visto questo film incuriosito dal trailer e devo ammettere che è stata una vera sorpresa. E' molto bello, divertente, moderno nonostante l'ambientazione.  Il film racconta l'invenzione del Vibratore, inizialmente utilizzato per curare donne con diagnosi di Isteria, malattia che ha cessato di essere considerata tale solo negli anni trenta.

giovedì 3 settembre 2015
Onufrio

Una simpatica commedia che racconta la storia dell'invenzione del "vibratore", nato con sani principi per curare le donne "affette" da isteria, in quanto all'epoca veniva considerata una malattia. Protagonista di questa divertente storia è il dottor Mortimer Granville, che in cerca di lavoro, dopo l'ennesimo licenziamento per differenti visioni sulla medicina [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 febbraio 2012
Flyanto

Commedia brillante e di costume inglese in cui viene narrata la nascita, inchiave romanzata, del vibratore. Divertente e raffinata senza mai trascendere nella volgarità.

domenica 26 febbraio 2012
alescio92

Davvero un bel film...piacevole...divertente lo consiglio a tutti!

domenica 26 febbraio 2012
brando_85

Commedia rosa/film storico interessante. Diverte senza impegnarsi eccessivamente, nonostante sia basato su un fatto storico; contiene anche un finale educativo e formante. Ottimo per passare una bella serata.

venerdì 31 agosto 2012
kondor17

Veramente godibile e spassoso, mai volgare e divertente dal primo all'ultimo fotogramma. Ancora sorrido al pensiero.

domenica 26 agosto 2012
BenedettaP

Carino, leggero, senza provocazioni o oscenità

venerdì 24 agosto 2012
Alex2044

Film lieve e cortese ma un po' prevedibile. Materia scivolosa ma svolta con leggerezza.

venerdì 13 aprile 2012
Paola D. G. 81

Un film ben fatto, spiritoso e intelligente, che parla di emancipazione femminile, uguaglianza sociale e pari opportunità. Con un occhio strizzato all'importanza del piacere, senza tabù!

lunedì 27 febbraio 2012
filobus

Sì, forse non è un capolavoro nelle intenzioni, forse poteva essere più tagliente e dirompente, ma se ci si lascia andare e ci si rilassa è un film davvero divertente e lievemente irriverente. Non è cosa da poco. Davvero grande Rupert Everett, che nelle parte dedicatigli riesce a dare quella carica in più. Hugh Dancy, soprattutto nella prima parte del film, con quel sorriso-smorfia e quel ciuffo [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 novembre 2013
rita branca

  Hysteria, film (2011) di Tanya Wexler con Maggie Gyllenhaal, Hugh Dancy, Jonathan Price, Rupert Everett, Ashley Jensen.   Deliziosa commedia che narra con garbo tutto britannico ed elegante ironia delle sofferenze femminili sia a livello sociale che domestico e intimo dalla fine dell’800 alla prima metà del secolo XX, quando qualunque malessere della donna era ricondotto [...] Vai alla recensione »

domenica 18 marzo 2012
bettafi

Mi è stato consigliato questo film, inizialmente scettica e titubante ho ceduto e per fortuna... perchè mi sarei persa un gran bel film!!Molto interessante e piacevole,ben fatto,che va ben oltre l'apparente storia dell'invenzione del vibratore. Film completo, molti i temi trattati: critica alla medicina classica e alla sua reticenza all'innovazione e la poca disponibilità a "menti" giovani e innovative, [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 agosto 2014
darkovic

Non essendo un appassionato dei film ambientati in quegli anni ,ho trovato il flm molto teatrale e simpaticamente particolare per l'argomento trattato ,ma sinceramente non e' un film che mi e'piaciuto  particolarmente. buona fotografia ma Interpretazioni un po' sopra le righe, ma magari e'una caratteristica delle commedie inglesi a cui non sono molto appassionato.

mercoledì 12 giugno 2013
toty bottalla

Vedere un film sugli inventori dello stimolante erotico più famoso ti predispone bene, con sorriso, curiosità e una birra ad allietare la visione, ma per almeno un'ora il film è utile a chi soffre di insonnia perchè è lento e noioso, ma chi non soffre di narcolessia può ammirare la buona fotografia e l'ambientazione e godersi un finale romantico, si, [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 marzo 2012
ralphscott

Simpatica ed originale commedia:leggera,ma non troppo. Non manca la critica sociale,così come un interessante descrizione dello stato delle scienze mediche in pieno '800. Attori di spessore

martedì 28 febbraio 2012
Molly Bloom

Una commedia romantica lieve, molto british e teatrale, con una trama esile e un po' scontata... mi aspettavo di più!

lunedì 5 marzo 2012
anty_capp

Onore al tecnico del montaggio che ha partecipato alla composizione del trailer di presentazione per le sale. Quest'ultimo infatti è riuscito ad interessarmi ed è la principale ragione che mi ha spinto a vedere questa opera. Purtroppo però devo dire che le mie aspettative erano ben al di sopra di quanto invece poi non mi abbia dato il film che pur essendo di buona fattura e [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 maggio 2012
francesca romana cerri

La Commedia con squisito Humor britannico e attori impeccabili, sceneggiatura, regia e fotografia godibili ci racconta con leggerezza un teama molto interessante che lungi dall'essere antico ha rapporti ancora con il presente. La sessualità femminile, i bisogni del corpo che sono eterni quanto il mondo in certe culture furono repressi a causa di una società in cui gli uomini avevano [...] Vai alla recensione »

Frasi
Edmund: "Al telefono!"
Mortimer: "Alla regina!"
Edmund: "Alla regina chiamata al telefono!"
Dialogo tra Il Dottor Mortimer Granville (Hugh Dancy) - Lord Edmund St. John-Smythe (Rupert Everett)
dal film Hysteria - a cura di Daniele
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Commedia britannica tratta da una storia vera, ma largamente romanzata e immersa in un bagno di humour inoffensivo. Nella Londra del 1880, un medico non privo di lungimiranza tratta i casi di "isteria" femminile, assai diffusi presso le classi agiate, con una terapia di massaggio vaginale. È il suo giovane collaboratore Mortimer a dare una svolta al trattamento, modificando l' invenzione di un amico [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Chi ha inventato il vibratore? E soprattutto, com’è stato possibile che, nell’Inghilterra vittoriana in cui si coprivano persino le gambe delle sedie, un prodotto così potesse essere pensato, costruito e reclamizzato? La commedia della Wexler ce lo racconta in modo spassoso, riuscendo anche a dire la sua sul sessismo nella medicina, sull’ipocrisia della società puritana e sull’impossibilità di privare [...] Vai alla recensione »

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Quando il facsimile è confezionato nel modo di Hysteria di Tanya Wexler (passato con successo la scorsa edizione della Festa del Cinema di Roma) è un vero spasso. Il cinema inglese spesso gioca con se stesso, con le sue costanti culturali, si cita e si rinnova all'infinito nella riscrittura di romanzi e ambientazioni ottocentesche, ma questo film pur di produzione inglese e lussemburghese (c'è anche [...] Vai alla recensione »

Michele Anselmi
Il Riformista

Fama ben meritata. Del vibratore elettrico e di questa commedia british che ne ricostruisce la nascita, con toni lievi e maliziosi, ma senza dimenticare il classista contesto vittoriano. “Hysteria” è il film perfetto da consigliare a uomini e donne, non solo per sorridere di ménage imprigriti dall’abitudine. La regista Tanya Wexler manipola la materia con quel tanto di gusto birichino che serve, e [...] Vai alla recensione »

Sara Maria Vizcarrondo
Box Office Magazine

Hysteria, una commedia sull’uomo che inventò il vibratore, riesce a ricreare sorprendentemente bene quel contesto in cui il parossismo isterico (l’orgasmo) era considerato un oggetto di studio della professione medica e, allo stesso tempo, accantonato come qualcosa di diverso dal piacere. Anche se il film è una commedia in costume piuttosto convenzionale, la sceneggiatura coglie in modo delicato e [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Fu nel 1905 che Freud pubblicò Dora. Frammento di analisi di un caso di isteria, dove stabiliva una precisa correlazione fra sintomi isterici e problematiche sessuali. Fino a quel momento, nella pudibonda società ottocentesca, si era soliti considerare l’isteria come effetto di una femminile fragilità nervosa; e nessuno traeva ovvie conclusioni dal fatto che venisse spesso curata provocando un’ebbrezza, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

A forza di curare signore afflitte da quella che allora si chiamava isteria, un medico vittoriano inventa quasi per caso un bizzarro aggeggio dal luminoso avvenire: il vibratore. È il soggetto di Hysteria, uno di quei film capaci di sdoganare le situazioni più imbarazzanti senza il cattivo gusto ammiccante di tanti film strapparisate. Ma anzi con intelligenza e una serie di ribaltamenti, anche sentimentali, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Da un blando spunto trasgressivo nasce un film blandamente provocatorio e in fin dei conti blandamente divertente. In «Hysteria» – visto e sin troppo applaudito all’ultimo festival di Roma - sulla scorta, a suo dire, di dati storici reali, la regista Tanya Wexler sviluppa in forma di commedia ammiccante e mai volgare l’invenzione di un ingegnoso strumento ancora oggi non del tutto rinomato e sdoganato: [...] Vai alla recensione »

Gabriella Gallozzi
L'Unità

Donne «isteriche» e femministe antelitteram. E su tutto l’invenzione del secolo 19simo: il vibratore. Sì proprio quello che nella Londra vittoriana fu messo a punto da mister Mortimer Granville, con l’obiettivo originario di curare i dolori muscolari. L’americana Tracey Becker si diverte a rendere in commedia, con sconfinamenti nella farsa, questa storia di signore altolocate, insoddisfatte e «isteriche», [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

“Non denigrare la masturbazione, è sesso con qualcuno che amo!”: a dar retta a Woody Allen, la regista Tanya Wexler deve peccare di autostima. Back in the days, il suo Hysteria elogia le good vibrations del vibratore, ma tra frizzi e prurigini l’orgasmo latita e il climax è della furbizia. Inghilterra, 1880 l’anziano dottor Dalrymple cura “l’isteria” del gentil sesso con redditizi massaggi in situ: [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
martedì 21 febbraio 2012
 

In un'epoca di invenzioni, un uomo si propose di trovare una cura per i mali delle donne e per caso elettrificò per sempre le nostre vite amorose. Hysteria è una commedia romantica leggera basata su un fatto storico: l'invenzione da parte del dott.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati