Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Film 2004 | Fantastico +13 136 min.

Regia di Alfonso Cuarón. Un film con Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, Gary Oldman, Alan Rickman, David Thewlis. Cast completo Titolo originale: Harry Potter and the Prisoner of Azkaban. Genere Fantastico - USA, 2004, durata 136 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,24 su 91 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Harry Potter e il prigioniero di Azkaban tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Terzo anno per Harry alla "Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts". Sirius Black, un pericoloso assassino, evade dalla prigione di Azkaban con una precisa intenzione: uccidere Harry Potter! In Italia al Box Office Harry Potter e il prigioniero di Azkaban ha incassato 15,8 milioni di euro .

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,24/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,80
CONSIGLIATO SÌ
Formalmente perfetto, il film continua la climax ascendente della serie rispettando lo spirito del libro.
Recensione di Andrea Chirichelli
Recensione di Andrea Chirichelli

Harry Potter è un assegno circolare. Fortunatamente per gli spettatori, è anche una serie che migliora di episodio in episodio, e questa nuova, spettacolare, puntata diretta da Cuaròn, che rientra nel progetto di far dirigere ogni nuova pellicola della serie ad un regista diverso, rappresenta, almeno fino al 2005, il punto più alto della eptalogia in divenire.
Pur armato di forbici e cesoie, il regista messicano, già realizzatore del bizzarro Y tu mama tambien, viaggio iniziatico di due adolescenti alla scoperta del sesso e della vita, riesce a conferire a Potter un'immagine molto più adulta e convincente che nei due film passati, a dispetto del solo anno trascorso cronologicamente dalle sue ultime avventure.
Eliminate le derive bamboccesce di matrice Spielberghian/Columbesche, Harry Potter si presenta al pubblico in una veste più dark ed oscura. Stavolta i nemici e gli incubi non vengono dall'esterno ma dall'animo dei protagonisti e molti temi, pur se non approfonditi, mantengono alto il livello di attenzione "sociale": la mancanza di genitori e di punti di riferimento, il razzismo, il dualismo delle personalità degli individui e la non assolutezza del male, le classi sociali, l'ingiustizia.
Strepitoso il cast, che, ancora una volta, raccoglie il gotha del cinema anglossassone. Oltre ai soliti noti (Smith, Rickman) si aggiungono due mostri sacri come Oldman (sottovalutatissimo e qui splendido "villain") e Thewlis (già strepitoso ne L'Assedio e Naked), la sempre apprezzabile Emma Thompson e una manciata di caratteristi che solo un certo tipo di cinema riesce a sfruttare appieno come Timothy Spall, attore feticcio di Mike Leigh e Julie Christie.
Formalmente perfetto, Harry Potter and the Prisoner of Azkaban, continua la climax ascendente della serie: lo spirito del libro, avviso per i puristi, è salvo, anche se le due ore e mezza di proiezione, fatalmente, non bastano. A questo punto, la patata bollente passa nelle mani di Mike Newell.....

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Francesco Rufo

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è la trasposizione del terzo dei sette romanzi che compongono la saga letteraria scritta da Joanne Kathleen Rowling. Per spiegare il successo della saga di Harry Potter, si può ricorrere alle parole scritte dallo psicoanalista Bruno Bettelheim in Il mondo incantato (Uso, importanza e significati psicoanalitici delle fiabe): «Perché una storia riesca realmente a catturare l’attenzione del bambino, deve divertirlo e suscitare la sua curiosità. Ma per poter arricchire la sua vita, deve stimolare la sua immaginazione, aiutare a stimolare il suo intelletto e chiarire le sue emozioni, armonizzarsi con le sue ansie e aspirazioni, riconoscere appieno le sue difficoltà, e nel contempo suggerire soluzioni ai problemi che lo turbano. In breve, essa deve toccare contemporaneamente tutti gli aspetti della sua personalità, e questo senza mai sminuire la gravità delle difficoltà che affliggono il bambino, anzi prendendone pienamente atto, e nel contempo deve promuovere la sua fiducia in se stesso e nel futuro»: si può sostenere che i ragazzi che leggono i libri e vedono i film di Harry Potter vi trovano una storia che soddisfa le istanze esposte da Bettelheim. Ciascuno dei film-romanzi della saga rappresenta uno stadio della crescita di Harry: Harry Potter e il prigioniero di Azkaban ritrae il passaggio dalla pre-adolescenza alla prima adolescenza. In questo terzo capitolo, Harry scopre suo padre dentro se stesso. La sequenza in cui Harry salva se stesso unisce il complesso di Edipo alla fase dello specchio come riconoscimento della fusione tra identità e alterità. Sulla riva del lago, appare una luce accecante che salva Harry dai Dissennatori, e che fa pensare alla luce di cui parla Jacques Lacan in Il Seminario. Libro XI, una luce che «si rifrange, si diffonde, inonda, riempie – non dimentichiamo quella coppa che è il nostro occhio – trabocca anche», una luce che colma il soggetto e il suo sguardo: dalla luce di Lacan sorge il palpito nascosto, il fondo segreto, il cuore invisibile delle cose, del soggetto, della coscienza, quello stesso cuore che Harry svela a se stesso. Altri temi di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban sono: il fascino del proibito; il tempo, inteso come blocco apparentemente mobile e in realtà fisso, già scritto; il contrasto visivo e tematico tra la luce (della coscienza) e l’oscurità (dell’inconscio); l’esigenza del controllo sulla realtà (la Mappa del Malandrino).

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
HARRY POTTER E IL PRIGIONIERO DI AZKABAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €11,50
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 27 febbraio 2011
peppe97

Questo film credo,sia stato un periodo di transito per il protagonista;stava crescendo e ciò giustifica il fatto che il suo carattere stava cambiando;da essere un ragazzo sveglio,attento e più avventuroso,si trasforma in uno più attraente ma meno coinvolgente,che riesce meno a travolgere gli spettatori come faceva prima.Inoltre,in questo capitolo della saga Harry assume un comportamento più da investigatore [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 febbraio 2016
ClaudioFedele93

Non può essere di certo preso alla leggera un fenomeno internazionale come quello di Harry Potter, diventato una vera e propria icona degli anni 2000 ed ancor oggi amato da centinaia di fans che sperano, forse non più invano stando a quanto è stato rilasciato di recente da fonti ufficiali, di tornare a respirare l’aria e l’atmosfere create dalla mente della scrittrice [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 agosto 2011
Bella Earl!

- La felicità si può trovare anche negli attimi più tenebrosi, se solo qualcuno si ricorda di accendere la luce - Harry Potter è tornato a Privet Drive. L'anno trascorso è stato difficile ma lui non è consapevole che quello che si sta avvicinando si prospetta peggiore del precedente: un periocoloso assassino è in libertà.

domenica 28 ottobre 2012
lukas96

Persolamente ritengo che il film sia davvero ottimo.Harry potter e il prigioniero di azkaban è il mio preferito della saga della Rowling e,il film, non tradisce le aspettative.I protagonisti,ormai cresciuti,rispecchiano pienamente le caretteristiche di quelli del libro, in particolare la recitazione di Emma Watson nel ruolo di Hermione è stata davvero sublime,specialmente quando sferra [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 aprile 2015
Great Steven

HARRY POTTER E IL PRIGIONIERO DI AZKABAN (GB, 2004) diretto da ALFONSO CUARON. Interpretato da DANIEL RADCLIFFE, RUPERT GRINT, EMMA WATSON, MICHAEL GAMBON, MAGGIE SMITH, DAVID THEWLIS, GARY OLDMAN, TIMOTHY SPALL, ALAN RICKMAN, MARK WILLIAMS, EMMA THOMPSON. RICHARD GRIFFITHS Dopo aver gonfiato l’antipatica zia come un pallone, Harry Potter prende uno speciale metronotte che lo scarica al Paiolo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 marzo 2011
dellos

Terzo capitolo della saga, la regia viene affidata al messicano Alfonso Cuaron che lo dirige in modo eccellente. Ormai i tre protagonisti sono degli adolescenti e questo film non è più come i primi due. La minaccia di Black e dei dissennatori su Harry non fanno che rendere questo film un po' horror (anche se la fotografia delle scene iniziali non mi è piaciuta molto) con ambientazio [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 febbraio 2018
rmarci 05

Cambia il regista, Chris Columbus passa il testimone ad Alfonso Cuaròn, e di colpo le atmosfere un pò infantili dei primi due film spariscono (come è giusto che sia, visto che ora i protagonisti sono cresciuti) per lasciare il posto ad un'atmosfera più oscura e cupa, leggermente simile ai primi 2 film di Batman di Tim Burton.

sabato 16 aprile 2016
Roberto

Regia: Alfonso Cuaròn Cast: Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson,Tom Felton Durata:136 min Genere: Favolistico Giunti al terzo anno, Harry, Ron ed Hermione vengono alla scoperta di un nuovo pericolo. Questa volta si tratta di un ricercato, riuscito ad evadere dalla prigione di Azkaban e con l'intento di uccidere Harry, per vedicarsi del ragazzo che era sopravvissut alla magia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 ottobre 2010
Alex41

Siamo giunti al terzo anno a Hogwarts, e i tre protagonisti sono cresciuti, ormai hanno tredici anni. Nuove sorprese gli attendono, tra cui la comparsa dei temibili Dissennatori, creature maligne che ti risucchiano i bei ricordi dalla mente, e di un misterioso individuo: Sirius Black, il padrino di Harry Potter, un assassino innocente fuggito da Azkaban, la prigione dei maghi.

venerdì 26 giugno 2009
nick castle

Fino al capitolo cinque, questo è il migliore, ma dal trailer de "Il principe mezzo sangue" ho potuto intravedere che David Yates abbia lavorato più che bene. Il messicano Alfonso Cuaròn, dirige bene e con maestria, è attento al particolare e sa muovere la cinepresa nei dovuti modi, sicuramente lodevole anche il montaggio di Steven Weisberg assistito da Alex Rodriguez(montatore di fiducia di Cuaròn), [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 settembre 2012
keepitMello

Certo, non si possono fare paragoni con il libro, che è molto più bello, ma questo film è il migliore dell'intera saga. Atmosfere cupe e dark, il lupo mannaro e i dissennatori potrebbero quasi farlo sembrare ad un horror se si tolgono Hogwarts e tutta la magia. Come detto in altre recensioni, Potter da un'immagine di se molto più adulta che nei precedenti episodi. [...] Vai alla recensione »

martedì 16 agosto 2011
tiamaster

veramente bello,caratterizzazioni buone e la magia e stata colta,super i dissenatori,lupin grandissimo e povero sirius....era buono.un grande film!!

domenica 15 maggio 2011
DarkEnry

Veramente, poteva essere il miglior Harry Potter della saga! L'atmosfera è proprio uguale a quella del film, gli attori in questo film sono stati molto ma molto bravi, gli effetti speciali veramente ben curati e fatti, la colonna sonora del grande Williams bellissima, tutto perfetto se non fosse per il fatto che non hanno messo la storia dei Malandrini! Se solo avessero messo quella parte [...] Vai alla recensione »

martedì 29 dicembre 2009
lestrange96

stupendo. è molto fedele al fantastico libro della rowling !

lunedì 16 gennaio 2017
Denis

Sicuramente per chi ha letto il libro, qui le differenze cominciano a farsi significative in termini di comprensione della storia. Numerosi sono i dettagli che vengono tralasciati nella trasposizione cinematografica e questo di certo non rende semplice seguire la storia: bisogna però dire che è un film ben realizzato, in cui i personaggi vengono caratterizzati magnificamente.

mercoledì 23 novembre 2016
Francis Metal

Con questo film inizia la storia vera e propria di Harry Potter, da qui in poi il nemico diventa più concreto e pericoloso.  Sirius è un personaggio che mi piace molto, mi somiglia in molte cose.  Qui davvero hanno trovato qualcuno di insospettabile. Ma purtroppo se non avessi letto il romanzo non avrei capito moltissimo del film.

domenica 16 agosto 2015
JackPug

L'atmosfera fiabesca e più magica dei primi due film di Harry Potter lascia il posto a un'atmosfera più dark, più oscura e più affascinante. Con "Il prigioniero di Azkaban" Harry Potter e i suoi amici Ron e Hermione si trovano davanti alle prime incertezze e paure che apriranno le porte al periodo "agro-dolce" dell'adolscenza che sarà [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 febbraio 2014
SUPREMO2000

Stupendo bellissimo film bravi gli attori mi è piaciuto tanto devo dire che le 5 stelle questo film se le merita bello davvero lo consiglio soppratutto se vi piace il fantasy.

domenica 21 luglio 2013
Lawrence92

Harry Potter e Il Prigioniero di Azkaban dimostra due cose: quanto Alfonso Cuaron sia un regista eccezionale, capace di lavorare con qualsiasi soggetto e con qualsiasi budget, e quanta sia l'idiozia di certi fan dei libri della Rowling. Il terzo capoitolo è, infatti, quello meno "di successo" (siamo comunque sui 750 milioni, non esattamente spiccioli.

venerdì 31 maggio 2013
Renato C.

Con questo terzo film la serie migliora; si va di più verso il film per adolescenti ed un po' più "noir". Viene data più importanza al sentimento! Bellissime le sequenze dell'ippogrifo, e quella in cui Harry Potter crede di vedere il padre ed invece è lui stesso.

domenica 21 novembre 2010
joker 91

lo considero veramente un ottimo film ed si tratta di un lavoro fortemente personale del regista che in questo caso è il pravissimo Cuaron,finalmente un tocco di personalità dando al film molta meno commercialità. il cast oltre ai 3 noti ed gli altri ragazzini comprende il nuovo silente michal gambon a mio parere bravissimo a sostituire un mostro cinematografico come Ed harris,adorabile [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 marzo 2011
MrNaman

Rango è un film d'animazione ambientato in un west popolato da simpatiche creature alla ricerca del loro bene più prezioso e che hanno bisogno di trovare una ragione per sperare che il domani sia migliore.Interessante e ben riuscita la storia che si adatta allo scenario deciso del registo,il nostro simpatico Rango si trova perfettamente a suo agio dentro a questo inferno di west. Vai alla recensione »

Frasi
"Complimenti Piton.ancora una volta Le tua mente acuta e penetrante ti ha condotto alla soluzione sbagliata"
Una frase di Sirius Black (Gary Oldman)
dal film Harry Potter e il prigioniero di Azkaban - a cura di Nyx
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
L'Espresso

Tuoni, fulmini e saette, cieli plumbei, micro castello sotto il diluvio,grotte, notte, buie foreste, corvi, stanze immerse nell’ombra, fantasmi oscuri: come il libro di J. K. Rowling da cui è tratto, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban di Alfonso Cuarón, terzo film della serie, è anche il più dark. Il mago ragazzino occhialuto affronta le dolorose rivelazioni sul suo passato, come Batman rimpiange [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Nel più dark dei film della serie tratta dai romanzi di J. K. Rowling, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban di Alfonso Cuaròn, terza puntata, tra fulmini, saette e diluvi, grotte, notte e corvi neri, cielo e lago plumbei, foreste buie, corridoi e stanze immersi nell'ombra, ci sono tre grandi invenzioni. La più straordinaria è quella dei Dissennatori (nell'originale, Dementors), fantasmi di fumo [...] Vai alla recensione »

Leonardo Jattarelli
Il Messaggero

Le favole diventano quasi adulte. Così accade anche per Harry Potter che, giunto al suo terzo capitolo con Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (dal 4 giugno in settecento sale), mostra i suoi eroi ormai adolescenti alle prese con un mondo da fiaba, speciale grazie a straordinari effetti speciali, fantastico perchè la fantasia è anche adulta. Stavolta il film, firmato non più da Chris Columbus [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Torniamo brevemente sul terzo Harry Potter, per ribadire che dopo le lungaggini del secondo episodio la saga appare ben rodata: Alfonso Cuaron, scelto dalla scrittrice J.K. Rowiing come regista del Prigioniero di Azkaban, ha trovato il giusto ritmo, ed è un peccato che il suo apporto si limiti a questo film (per il quarto, Il calice di fuoco, sarà sostituito da Mike Newell).

Gabriella Gallozzi
L'Unità

Ma quale magia. Per diventare adolescenti è con i propri fantasmi che bisogna fare i conti, non con quelli «veri». Vedere per credere il terzo capitolo della saga di Harry Potter, Il prigioniero di Azkaban, pronto ad invadere le nostre sale da venerdì prossimo in 700 copie targate Warner Bros. Mentre è già in lavorazione il quarto, Harry Potter e il calice di fuoco.

Rita Celi
La Repubblica

Nuovi esseri mostruosi, altri insegnanti e materie da apprendere, incontri spaventosi e prove sempre più oscure e difficili da superare. E' una stagione particolarmente cupa quella che attende Harry Potter al terzo anno della scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. Il maghetto sta crescendo, scopre emozioni, incubi e paure che lo sorprendono. Cerca l'aiuto del vecchio Silente e si affida ai nuovi [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il treno per Hogwarts è fermo su un ponte assediato da montagne alte e sinistre. Mentre nell’aria si spande un’improvvisa ondata di gelo, una figura coperta da un mantellaccio nero si staglia nel corridoio, introduce nello scompartimento una mano scheletrica, quindi fissa Harry Potter impietrito dal terrore fino quasi a risucchiargli via la faccia..

Roberto Nepoti
La Repubblica

La regola generale: i seguiti, al cinema, sono meno riusciti dei prototipi. Le eccezioni: Il signore degli anelli: il ritorno del re (ma quello è un unico film, diviso in episodi) e il terzo capitolo della saga tratta dai romanzi di J. K. Rowling, il migliore realizzato finora. Ritroviamo Harry in vacanza dagli odiosissimi zii. La chiave rappresentativa della prima sequenza è il grottesco; lo resterà [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Il gotico oscuro che già si era insinuato nella seconda puntata cinematografica delle avventure del giovane mago dilaga in Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, per il quale Chris Columbus ha ceduto la regia al messicano Alfonso Cuarón (famoso anche in America dopo Y tu mama también). Fin dalla seconda scena, quando Harry fugge dalla casa inospitale dello zio, incombe intorno a lui una minaccia, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Altro che critici militanti, per giudicare il terzo episodio della saga basta un nipotino. Il nostro, che è simpatico e intelligente e si chiama Enrico, ai titoli di coda non ha avuto esitazioni e ha stilato il suo referto: molto meglio del secondo, ma il primo resta imbattibile. Assieme a osservazioni più approfondite, di cui pure ci appropriamo senza ritegno, l'imbeccata è basilare: Harry Potter [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Un fatto è certo. Un nuovo regista, anche se si chiama Alfonso Cuarcon e ha diretto lo scandaloso Y tu mama tambien non può certo modificare e la forma e la sostanza della saga di Harry Potter. Ecco perché ci sembra appartenere al capitolo «leggenda creata dal marketing» quella di aver affidato coraggiosamente a Cuarcon la regia di un film ragazzi. Come se il mastodontico budget di 150 milioni di dollari [...] Vai alla recensione »

Enrico Magrelli
Film TV

Harry, Hermione, Ron cominciano dopo le vacanze estive un nuovo anno scolastico il terzo a Hogwarts e muovono i primi passi decisi verso la pubertà quella stagione in cui i mostri, le creature, bizzarre e mitologiche non vivono soltanto nelle camere dei segreti negli antri nascosti nei cunicoli o nei boschi ma cominciano ad abitare a radicarsi nel cuore e nella memoria dei futuri adulti.

Donna Reed
Il Mattino

New York. Harry Potter è cresciuto e anche il suo pubblico si prepara a farlo. Il Radio City Music Hall di New York ospita l'anteprima mondiale del terzo film della serie nata dai libri di J.K. Rowling, che conferma la svolta: a mangiarsi con gli occhi Daniel Radcliffe, divo quattordicenne britannico, e gli altri ragazzi del cast non sono più bambini di dieci anni con genitori al seguito, ma un esercito [...] Vai alla recensione »

Massimo Lastrucci
Ciak

Terzo capitolo della Harry Potter Saga. Il timone del comando è passato da Chtis Columbus ad Alfonso Cuaron e le atmosfere, dallo spettacolo “semplice” della realtà meravigliosa e alternativa, si adeguano alla ricerca di maggior dettagli psicologici e narrativi. Fulcro dell’episodio è l’evasione di Sirius Black, imprigionato per l’omicidio dei genitori di Potter.

Lorenzo Soria
L'Espresso

È il fenomeno letterario di più grande successo dell’ultimo decennio e ogni volta che esce un nuovo episodio della serie sono code in libreria, milioni di copie vendute nel giro di 24 ore. Poi, ragazzi e genitori che per settimane scompaiono, completamente assorbiti in questo mondo di maghi che ha portato nel nostro vocabolario i termini della scuola di magia di Hogwarts e il gioco del Quidditch.

Alberto Crespi
L'Unità

L’industria di Harry Potter ha un problema: Rupert Grimit, il giovane attore che interpreta Ron, sta crescendo assai più in fretta di Danid Radcliffe, che dà il volto a Harry. Già nel terzo capitolo Harry Potter e il prigionero di Azkaban ci sono due o tre momenti in cui Ron supera l’amico di diversi centimetri, e più in generale Rupert (che ha 15 anni, uno più di Daniel e di Emma Watson, che interpreta [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati