La febbre dell'oro

Film 1925 | Comico 82 min.

Titolo originaleThe Gold Rush
Anno1925
GenereComico
ProduzioneUSA
Durata82 minuti
Regia diCharles Chaplin
AttoriCharles Chaplin, Mack Swain, Tom Murray, Henry Bergman, Georgia Hale, Malcolm Waite .
Uscitalunedì 3 febbraio 2014
TagDa vedere 1925
DistribuzioneCineteca di Bologna
MYmonetro 4,82 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Charles Chaplin. Un film Da vedere 1925 con Charles Chaplin, Mack Swain, Tom Murray, Henry Bergman, Georgia Hale, Malcolm Waite. Titolo originale: The Gold Rush. Genere Comico - USA, 1925, durata 82 minuti. Uscita cinema lunedì 3 febbraio 2014 distribuito da Cineteca di Bologna. - MYmonetro 4,82 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La febbre dell'oro tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film, girato nel '25, era originalmente muto. Nel '42 ne venne realizzata un'edizione con commento parlato.

Consigliato assolutamente sì!
4,82/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,73
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un caposaldo della storia del cinema.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Un omino, cercatore d'oro solitario, affronta i rischi e i pericoli dell'algido Klondike per trovare la ricchezza. Incontra prima il temibile Black Larsen per poi instaurare un sodalizio con il robusto Giacomone in cui si imbatte accidentalmente cercando un rifugio in una baracca di legno. I due dovranno cercare di sopravvivere insieme alla fame e al freddo. Quando l'omino si recherà nel paese vicino ci troverà l'amore.
Chaplin realizza questo film dopo l'insuccesso commerciale de La donna di Parigi. Il suo affezionato pubblico non ha gradito che smettesse i panni del Vagabondo così il regista, favorevolmente impressionato da alcune foto scattate a fine Ottocento ai cercatori d'oro, ritiene di poter far tornare sullo schermo il personaggio di Charlot. Il che accadrà dopo 15 mesi dall'avvio del progetto e dopo ben 170 giorni di lavorazione. Come spesso gli accadeva la sua vita privata finì anche in questo caso con l'interferire con il film. L'attrice Lita Grey, scelta per il ruolo femminile, rimase incinta (il matrimonio riparatore in Messico lontano dai riflettori durerà due anni) e venne sostituita con Georgia Hale.
Portato sullo schermo nel 1925 il film verrà rieditato nel 1942 con un cambiamento delle musiche e la sostituzione dei cartelli con un commento sonoro dello stesso Chaplin. Ancora oggi La febbre dell'oro si presenta come un'opera assolutamente moderna, una di quelle che si imprimono in maniera indelebile nella storia del cinema. La casa in bilico sul precipizio e la stessa passeggiata iniziale sull'orlo del burrone, con tanto di orso minaccioso, sono brani da antologia. Così come la trasformazione del Vagabondo in una enorme gallina inseguita da un Giacomone affamato. Chaplin nell'infanzia aveva conosciuto per esperienza diretta i morsi della fame ed è anche per questo che riesce a mettere in gioco un'ironia che non si trasforma mai in irrisione dei diseredati ma conserva con loro un forte senso di vicinanza. Al vertice delle numerose gag sta però, ancora oggi, la scena della danza dei panini. Di per sé non si trattava di un'idea originale: già Fatty Arbuckle in Rough House ne aveva abbozzato gli elementi di base. Chaplin però eleva il potenziale di questa scena alla massima potenza.
Le cronache dell'epoca ci tramandano che alla prima al cinema Capitol di Berlino si verifico il caso, più unico che raro, di un bis nel corso di un film. Dinanzi alla danza dei panini il pubblico andò in visibilio e il direttore di sala si recò in cabina di proiezione dando ordine di riavvolgere la pellicola per riproporre la scena che venne accolta con un entusiasmo ancora maggiore.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Peripezie tragicomiche e sentimentali dell'omino vagabondo ai tempi della corsa all'oro nel Klondyke. Uno dei più omogenei tra i film lunghi di Chaplin: il tragico s'incorpora nel comico, le scene più buffe sono anche quelle dove la drammaticità si fa più intensa, sullo sfondo di un'Alaska inventata, ma più vera del vero. È il solo suo film in cui la natura e il caso hanno un peso maggiore che la società e gli uomini. Sebbene il tema centrale sia la lotta per la sopravvivenza, visivamente prevale a poco a poco quello della solitudine, come rivelano le ripetute situazioni estatiche. Molte le sequenze celebri tra cui, celeberrima, la danza dei panini. La voce off nell'edizione inglese, sonorizzata nel '42 e abbreviata a 72 minuti, è di Chaplin. Uno dei suoi più grandi successi.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 27 aprile 2009
natasha rostova

E' il secondo film di Chaplin che vedo, dopo "Tempi moderni". Avrei voluto scoprire da prima questo artista, ma ahimè oggi il suo è quasi cinema di nicchia, e reperirlo non è proprio semplicissimo, anche impiegando i peer-to-peer. Andiamo alle impressioni sortite: 4 stelle a parte, spendo due paroline su quello che per me sono i veri talenti di Chaplin: la sintesi e la sinestesia.

mercoledì 13 aprile 2011
mondolariano

Poche parole per definire il capolavoro di Chaplin dopo “Luci della ribalta”. Bisogna solo vederlo. Come certe cose che più invecchiano e più diventano belle, così la comicità spontanea di Giacomone e il trucco ingenuo del pollo gigante sono l’emblema di un’origine. Il cinema ha avuto origine qui, come il film stesso narra l’avventura dei pionieri agli albori di una nazione.

venerdì 20 agosto 2010
chriss

Charlot era una proiezione mentale della complessa personalità di Charlie Chaplin. Negli anni ruggenti (seconda rivoluzione industriale), il suo vagabondo, goffo, impacciato e visibilmente grottesco, faceva ridere e piangere la popolazione americana e quella di tutto il mondo. Tuttora lo fa: i risultati non sono poi così tanto diversi da quel periodo.

martedì 15 dicembre 2015
Great Steven

LA FEBBRE DELL'ORO (USA, 1925) diretto da CHARLIE CHAPLIN. Interpretato da CHARLIE CHAPLIN, MACK SWAIN, GEORGIA HALE, TOM MURRAY, MALCOLM WAITE, HENRY BERGMAN, BETTY MORISSEY, KAY DESLEYS, JOAN LOWELL, TINY SANDFORD Nel 1898 in Alaska abbondano gli uomini intrepidi e spericolati che si avventurano fra i ghiacci e la neve alla ricerca dell’oro.

venerdì 12 novembre 2010
ilmago99

bel film

giovedì 29 aprile 2010
il cinefilo

TRAMA:il film,realizzato nell'1925 e restaurato da Chaplin nell'1942,racconta le "avventure"di un vagabondo che si avventura in Canada alla ricerca dell'oro ma troverà dopo varie peripezie sia l'amore che l'amicizia. RECENSIONE:la prima impressione che potrebbe venire da pensare dopo avere visionato un film "storico" come questo e che si tratti di un film invecchiato.

giovedì 29 aprile 2010
Luca Scialo

Siamo negli anni '20 e molti americani sono colpiti dalla "febbre dell'oro" che li spingeva in massa verso mete anche anguste, col sogno di arricchirsi. Tra queste c'era l'Alaska e le sue montagne innevate e ripide, nonchè i suoi inverni freddi e ostili. Tra i famelici ricercatori viene coinvolto inconsapevolmente anche Charlot, che nella disperata ricerca di un riparo, [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2009
serpico

grande film meraviglioso chaplin l'assoluto del cinema pari solo a brando memorabile la scena ,quando mangia la sua scrpa per fame da rivedere e rivedere..........

martedì 21 aprile 2009
Manfredi 4ever

Capolavoro assoluto di Chaplin !!!

martedì 15 luglio 2014
toty bottalla

La grandezza di chaplin sta nella semplicità espressa ai massimi livelli creativi, lui ha raccontato il vagabondo come forza di riscatto e di speranza per deboli, indifesi e oppressi, charlot sinonimo di umiltà, candore e dignità. La febbre dell'oro è stato un film pioniere dell'arte cinefila, tecniche di ripresa geniali e gag memorabili fanno di quest'opera [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 dicembre 2013
hollyver07

Ciao. C'è poco da dire... molto da osseevare... sorridendo e dolendosi! Chaplin, a mio avviso, possedeva la capacità di ironizzare la vita con sfumature inarrivabili ad altri autori, registi ed attori a lui contemporanei. Charlot, il suo manifesto più potente, cinica e grottesca maschera, si muoveva improbabile e disarticolata in un mondo che lentamente e dolorosamente evolveva seguendo regole inique [...] Vai alla recensione »

domenica 9 agosto 2009
Tony71

Forse non è tra i capolavori in assoluto di Chaplin, ma è sicuramente quello dove il drammatico diventa tragico, e come nei film di Chaplin il tragico diventa comico. La scena di Charlot che mangia i lacci degli scarponi come fossero gustosissimi spaghetti è ormai tra le più indimenticabili dell'autore, insieme alla danza sei panini, veramente esilarante.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mario Gromo
La Stampa

La febbre dell'oro apparve nel luglio del 1925. Nel '22 Chaplin aveva firmato Il pellegrino che, forse meglio ancora de Il monello (1920), era apparso il tentativo più riuscito di dilatare la breve «comica finale» a più ampie cadenze. Era: perciò anche pronto a immettere nella sua «vis comica» altri accenti più palesemente patetici; e La febbre dell'oro doveva poi essere accolta e ricordata come il [...] Vai alla recensione »

Gian Piero dell'Acqua

Charlot fa il cercatore d’oro in Alaska, sulla fine del secolo. Nella tormenta, si rifugia nella baracca di un bandito, dal quale lo salva l’intervento di un altro cercatore. Passata la tormenta i due escono dalla capanna (il bandito uscito a caccia, ha ucciso due poliziotti fuggendo con la loro slitta). Charlot arriva in un villaggio di cercatori dove conosce una ragazza e le fa la corte, invitandola [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati