Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
lunedì 18 marzo 2019

Saoirse Ronan

24 anni, 12 Aprile 1994 (Ariete), Ardattin (Gran Bretagna)
occhiello
In questa famiglia, la creatività è vista come un ostacolo.
dal film Amabili resti (2009) Saoirse Ronan è Susie Salmon
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Saoirse Ronan
Golden Globes 2018
Nomination miglior attrice in un film brillante per il film Lady Bird di Greta Gerwig

Golden Globes 2018
Premio miglior attrice in un film brillante per il film Lady Bird di Greta Gerwig

Premio Oscar 2018
Nomination miglior attrice per il film Lady Bird di Greta Gerwig

BAFTA 2018
Nomination miglior attrice per il film Lady Bird di Greta Gerwig

Golden Globes 2016
Nomination miglior attrice in un film drammatico per il film Brooklyn di John Crowley

BAFTA 2016
Nomination miglior attrice per il film Brooklyn di John Crowley

Premio Oscar 2016
Nomination miglior attrice per il film Brooklyn di John Crowley

BAFTA 2010
Nomination miglior attrice per il film Amabili resti di Peter Jackson

Golden Globes 2008
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Espiazione di Joe Wright

Premio Oscar 2008
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Espiazione di Joe Wright



L'assurda rinuncia di due giovani che decidono il loro futuro senza offrire al tempo la chance di appianare le incomprensioni.

Chesil Beach, quanto un'epoca possa influenzare la coscienza dei singoli

sabato 17 novembre 2018 - Roy Menarini cinemanews

Chesil Beach, quanto un'epoca possa influenzare la coscienza dei singoli L'idea più struggente del romanzo da cui è tratto l'omonimo Chesil Beach diretto da Dominic Cook non è la timidezza dei due giovani sposi repressi dalle circostanze sociali e dall'impaccio. È l'incapacità, tipicamente giovanile, di comprendere come le cose possano cambiare col tempo. E Ian McEwan ha deciso di ambientare il suo breve romanzo - di fatto una novella - in poche ore proprio per questo motivo. Lo scrittore inglese restituisce non tanto il "breve incontro" (in fondo i due protagonisti si conoscono da molto e sono convolati a nozze), bensì l'assurda rinuncia con cui decidono il loro futuro senza offrire al tempo la chance di appianare le incomprensioni e stare e vedere quel che succede. McEwan, nel suo acutissimo testo, inverte il destino di molti matrimoni. Se solitamente i coniugi lamentano l'arenarsi della passione sessuale e vivono periodi, talvolta infiniti, di delusione erotica, questa giovane coppia trova un ostacolo proprio laddove solitamente l'amore si incendia: il corpo. E in fondo proprio un romanzo sul corpo sembra essere "Chesil Beach", un corpo sottoposto a un tal numero di convenzioni culturali e censure mentali da non potersi esprimere liberamente, ed essere vissuto come una gabbia. Senza considerare gli aspetti interpretativi più sottili dell'opera letteraria, non è possibile dunque misurare Chesil Beach come film. Probabilmente impossibile da restituire nella sua complessità, la trasposizione - sceneggiata da McEwan stesso, che di tutto può essere accusato tranne che di volersi attenere troppo fedelmente alla lettera - imposta la maggior parte della messa in scena sulla vicinanza dei due personaggi. Diretti in maniera apertamente teatrale, essi offrono il meglio proprio quando lavorano per piccoli spostamenti progressivi del (non) piacere, promettendosi un esito che non sarà quello previsto. L'acme raggiunto da Edward è una vergogna, e invece che essere liquidato con una risata da entrambi, si trasforma in una macchia umana che è impossibile lavare se non con decisioni frettolose e fatali.

Peter Jackson presenta il suo nuovo film tratto dal romanzo di Alice Sebold.

Amabili resti: creatura nei cieli

giovedì 26 novembre 2009 - Edoardo Becattini cinemanews

Amabili resti: creatura nei cieli "Mi chiamavo Salmon, come il pesce. Nome di battesimo: Susie. Avevo quattordici anni quando fui uccisa, il 6 dicembre del 1973".
Così comincia, dopo un brevissimo incipit, il romanzo di Alice Sebold "Amabili resti" e così ha inizio il nuovo film di Peter Jackson. Una voce fuori campo che in prima persona ci introduce nel suo mondo e racconta la sua stessa morte. Non è un procedimento nuovo al cinema: prima di Susie Salmon avevamo già ascoltato lo sceneggiatore Joe Gillis in Viale del tramonto o l'impiegato in crisi di mezza età Lester Burnham di American Beauty raccontare la loro vita da morti. Lo scarto tragico sta nella giovane età della protagonista e nell'immensa brutalità del suo assassinio: violentata e uccisa dal proprio vicino di casa in un anfratto da lui stesso architettato. Amabili resti così, più che concentrarsi sulla "vita viva" di Susie, ne racconta la vita dopo la morte e il suo modo di osservare e di patire quello che succede nel mondo alla sua famiglia, ai suoi amici e al suo omicida in seguito alla sua scomparsa. Creatura del cielo sospesa nel tempo, Susie è un personaggio perfetto per l'universo di Jackson: abitante di una terra di mezzo situata fra la terra e il cielo, fra il mondo reale e i territori fantastici dell'immaginario. E siccome, con Shakespeare, ci sono molte più cose fra cielo e terra di quanta ne possa sognare una filosofia, Jackson concepisce un film più basato sulle sensazioni che sui concetti, situandosi in un limbo dell'immaginazione che vede convergere il thriller e il dramma intimista, la commedia e il fantasy new age. Agevolato dalla benedizione di Spielberg nella sua prima incursione americana, Jackson non si fa mancare niente: dalla "metafisica in suoni" di Brian Eno ad un cast di importanti protagonisti, fra i quali spiccano l'ottima protagonista (la giovane Saoirse Ronan di Espiazione) e soprattutto uno straordinario Stanley Tucci, psycho killer con mèches bionde e lenti azzurre, assassino meticoloso ma mediocremente umano, troppo umano.

Maria Regina di Scozia

* * - - -
(mymonetro: 2,38)
Un film di Josie Rourke. Con Saoirse Ronan, Margot Robbie, Jack Lowden, Joe Alwyn, David Tennant.
continua»

Genere Biografico, - Gran Bretagna 2018. Uscita 17/01/2019.

Chesil Beach - Il segreto di una notte

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,78)
Un film di Dominic Cooke. Con Saoirse Ronan, Billy Howle, Anne-Marie Duff, Lionel Mayhew, Emily Watson.
continua»

Genere Drammatico, - Gran Bretagna 2017. Uscita 15/11/2018.

Lady Bird

* * * - -
(mymonetro: 3,33)
Un film di Greta Gerwig. Con Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Lucas Hedges, Timothée Chalamet.
continua»

Genere Commedia, - USA 2017. Uscita 01/03/2018.

Loving Vincent

* * * - -
(mymonetro: 3,36)
Un film di Dorota Kobiela, Hugh Welchman. Con Aidan Turner, Helen McCrory, Saoirse Ronan, Douglas Booth, Jerome Flynn.
continua»

Genere Eventi, - Gran Bretagna, Polonia 2016. Uscita 16/10/2017.

Brooklyn

* * * - -
(mymonetro: 3,16)
Un film di John Crowley. Con Saoirse Ronan, Domhnall Gleeson, Emory Cohen, Jim Broadbent, Julie Walters.
continua»

Genere Drammatico, - Irlanda, Gran Bretagna 2015. Uscita 17/03/2016.
Filmografia di Saoirse Ronan »

martedì 12 febbraio 2019 - Presentata in anteprima europea alla 69esima Berlinale, la serie scritta da David Farr e tratta dall'omonimo film di Joe Wright sarà disponibile a marzo su Amazon Prime Video.

Hanna: una serie europea adrenalinica e contemporanea

Ilaria Ravarino cinemanews

Hanna: una serie europea adrenalinica e contemporanea "Avevo scritto la sceneggiatura del film, e Joe Wright l'ha trasformata in una favola con un tono e una struttura alla Mago di Oz: la strega cattiva dell'ovest era Cate Blanchett, Saoirse Ronan era Dorothy. Ma io sapevo che quella storia la si poteva raccontare anche in un altro modo". Così David Farr, lo sceneggiatore del film Hanna del 2011, ha presentato a Berlino la serie omonima prodotta da Amazon - scritta dallo stesso Farr, e girata da Sarah Adina Smith - distribuita in streaming da marzo. Otto episodi adrenalici scritti assecondando il mantra delle serie tv contemporanee: storie "grounded", cioè realistiche, e "darker", ovvero oscure. Un tono "giusto", secondo Farr, per raccontare una storia "che nel corso degli anni è stata letteralmente clonata da tanti altri film": il percorso esistenziale di una ragazza, Hanna appunto, allevata nel bosco dal padre per diventare una serial killer e potersi difendere dalla misteriosa associazione criminale che le dà la caccia. Capelli scuri, occhi chiarissimi, fisico allenato "più dallo yoga che dalla palestra", la nuova Hanna ha il corpo e il volto della (quasi) esordiente Esme Creed Miles, figlia d'arte di Samantha Morton e Charlie Creed Miles. Esme Creed Miles porta sullo schermo una versione più selvatica e meno femminile del personaggio reso celebre dall'interpretazione di Saoirse Ronan: "Hanna, per me, è un personaggio a-gender. Non è identificabile nello stereotipo della classica ragazza. È a suo modo ingenua, pura, ci permette di vedere il mondo attraverso gli occhi di una persona che sembra guardarsi intorno per la prima volta".

Pur evitando di definirsi come una serie militante, "anche se la questione femminile è molto dibattuta, lo show evita di avere uno sguardo paternalista sulla storia di Hanna", la nuova Hanna tuttavia "racconta personaggi femminili nella chiave del thriller - ha spiegato la regista - divertendosi a giocare con l'azione ma senza abbandonarsi mai alla violenza fine a se stessa. È una narrativa femminile complessa, che non asseconda il nuovo stereotipo del 'personaggio femminile forte'. Hanna non è indistruttibile, è vulnerabile. Ed è questo che ci fa innamorare di lei e che farà identificare in lei le ragazze". Nel cast anche Mireille Enos, nel ruolo della gelida Marissa Wirgler che fu di Cate Blanchett: "È un personaggio con tante zone d'ombra, lo vedo come un animale con le fattezze di una donna elegante. Ha un lato quasi bestiale che svelerà nel tempo".

Girata in sei paesi, dall'Inghilterra alla Polonia, "Hanna è una serie profondamente europea - ha dichiarato la regista - e i luoghi in cui l'abbiamo ambientata sono stati fondamentali per nutrire la nostra ispirazione. A questo si deve, credo, il tono unico dello show, capace di unire momenti di commedia a thriller, family e coming of age". Un progetto, secondo la regista, reso possibile "grazie all'avvento dello streaming. Il cinema indipendente americano è in crisi, dopo un lungo periodo di sofferenza. Rischia l'estinzione. Personalmente penso ad Hanna come a un film molto lungo, con un ottimo contenuto narrativo su cui la piattaforma di streaming ha deciso di investire. Amo il film di Wright, ma anche questo è, a suo modo, un film".

Altre news e collegamenti a Saoirse Ronan »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità