Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
marted 20 febbraio 2018

Joaquin Phoenix

Il volto oscuro e fascinoso di Hollywood

Nome: Joaquin Raphael Phoenix
43 anni, 28 Ottobre 1974 (Scorpione), San Juan (Portorico - USA)
occhiello
Massacrerei il mondo intero se solo tu mi amassi.
dal film Il gladiatore (2000) Joaquin Phoenix Commodo
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Joaquin Phoenix
Festival di Cannes 2017
Premio miglior attore per il film You Were Never Really Here di Lynne Ramsay

Golden Globes 2015
Nomination miglior attore in un film brillante per il film Vizio di forma di Paul Thomas Anderson

Golden Globes 2014
Nomination miglior attore in un film brillante per il film Lei di Spike Jonze

Golden Globes 2013
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film The Master di Paul Thomas Anderson

BAFTA 2013
Nomination miglior attore per il film The Master di Paul Thomas Anderson

Premio Oscar 2013
Nomination miglior attore per il film The Master di Paul Thomas Anderson

Festival di Venezia 2012
Premio coppa volpi migliore interpretazione maschile per il film The Master di Paul Thomas Anderson

Golden Globes 2006
Premio miglior attore in un film brillante per il film Quando l'amore brucia l'anima di James Mangold

Golden Globes 2006
Nomination miglior attore in un film brillante per il film Quando l'amore brucia l'anima di James Mangold

Premio Oscar 2005
Nomination miglior attore per il film Quando l'amore brucia l'anima di James Mangold

Golden Globes 2001
Nomination miglior attore non protagonista per il film Il gladiatore di Ridley Scott

Premio Oscar 2000
Nomination miglior attore non protagonista per il film Il gladiatore di Ridley Scott



Il regista Paul Thomas Anderson e il protagonista Joaquin Phoenix raccontano i retroscena del film.

Vizio di forma e il 1969

marted 27 gennaio 2015 - Gabriele Niola cinemanews

Vizio di forma e il 1969 Quando si parla di noir al cinema la tradizione in materia cos grande che non si pu fare a meno di pensare a tutto quello che venuto prima, a quanto un regista o un attore si siano appoggiati alla vasta filmografia in materia, quanto si citi e quanto sia pura ispirazione. Per Vizio di forma "non c'era da guardare vecchi film o altro, tutto era nel libro, il tono cos unico che serviva solo quello" ha raccontato Joaquin Phoenix che nel film Doc Sportello, un investigatore privato hippie nel 1969, un'era in cui la cultura hippie stava tramontando per lasciare spazio a quella della paranoia.

   

Dopo Hotel Rwanda, Terry George torna con un "thriller persecutorio" che riflette sulla vendetta privata.

Reservation Road: la cognizione del dolore

gioved 22 maggio 2008 - Marzia Gandolfi cinemanews

Reservation Road: la cognizione del dolore Non vero che tutto il cinema americano dopo il 2001 pensa all'undici settembre ma pur vero che molto cinema americano racconta una realt sociale che pensa all'undici settembre. Non fa eccezione il nuovo film "americano" dell'irlandese Terry George, che sulla "reservation road" incontra e scontra gli "umori" della gente comune davanti alla tragedia. Lungo la strada due padri percorrono in direzione opposte i rispettivi destini e quello dell'uno finir per travolgere e "investire" quello dell'altro. Con un melodramma raggelato, Terry George piange il dolore di un padre e la caducit della vita, piange la tragedia che tocca un bambino normale e il dramma di una famiglia normale. Reservation road capta e declina al privato il day-after e la "terra bruciata" lasciata all'indomani dell'"attacco". L'autore denuncia e fotografa il luogo dello scempio, la reservation road del titolo, affidandosi al collaudato potere testimoniale dell'immagine filmica. Scegliendo di rispondere, almeno inizialmente, con una vendetta che dia ragione del grande dolore causato, Reservation Road vuole colmare i vuoti della giustizia con un atto che la rinnega nuovamente. Nonostante il padre dolente di Joaquin Phoenix covi vendetta, non riuscir a portarla alle estreme conseguenze. Sulla strada resta allora un innocente, nel cuore un dolore indicibile, sullo schermo il cinema come lavoro del lutto. Pubblico o privato.

Irrational Man

* * * - -
(mymonetro: 3,21)
Un film di Woody Allen. Con Jamie Blackley, Joaquin Phoenix, Parker Posey, Emma Stone, Meredith Hagner.
continua»

Genere Thriller, - USA 2015. Uscita 16/12/2015.

Vizio di forma

* * * - -
(mymonetro: 3,41)
Un film di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix, Katherine Waterston, Eric Roberts, Josh Brolin, Benicio Del Toro.
continua»

Genere Commedia, - USA 2014. Uscita 26/02/2015. 14

Lei

* * * * -
(mymonetro: 4,10)
Un film di Spike Jonze. Con Joaquin Phoenix, Scarlett Johansson, Amy Adams, Rooney Mara, Olivia Wilde.
continua»

Genere Commedia, - USA 2013. Uscita 13/03/2014.

C'era una volta a New York

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,93)
Un film di James Gray. Con Marion Cotillard, Joaquin Phoenix, Jeremy Renner, Dagmara Dominczyk, Angela Sarafyan.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2013. Uscita 16/01/2014.

The Master

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,95)
Un film di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman, Amy Adams, Laura Dern, Ambyr Childers.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2012. Uscita 03/01/2013.
Filmografia di Joaquin Phoenix »

marted 6 febbraio 2018 - Unico italiano in Concorso, il film di Laura Bispuri se la vedr con autori come Lav Diaz, Gus Van Sant e Wes Anderson.

Berlinale 2018, presentato il programma. Ecco chi sfider Figlia Mia

Francesca Ferri cinemanews

Berlinale 2018, presentato il programma. Ecco chi sfider Figlia Mia A pochi giorni dall'apertura della 68esima edizione del Festival di Berlino, in programma dal 15 al 25 febbraio 2018, vengono svelati tutti i titoli in competizione per l'Orso d'Oro e l'Orso d'Argento (l'ultimo, annunciato questa mattina, Utoya 22. Juli). Benot Jacquot, Gus Van Sant, Alexey German Jr., Malgorzata Szumowska, Philip Grning, Thomas Stuber, Isabel Coixet e Lars Kraume, oltre a Wes Anderson che aprir il festival con L'isola dei cani, sono solo alcuni dei nomi dell'appuntamento tedesco per il cinema internazionale. In Italia, gli occhi, per, sono puntati su Figlia mia, l'unico titolo di casa nostra in concorso. La regista di Vergine giurata, Laura Bispuri, realizza una seconda opera con Alba Rohrwacher, questa volta affiancata da Valeria Golino, sull'universo femminile raccontato attraverso scelte e scoperte del passaggio all'et adulta. Ambientato nella Sardegna contemporanea, Figlia mia la storia di una bambina di dieci anni a cui la vita, in una sola estate, si rivela in tutta la sua complessit. Vittoria (Sara Casu) vive un'infanzia tranquilla con il pap e la mamma finch qualcosa non la insospettisce. La bambina ha un rapporto simbiotico con Tina, madre amorevole, ma per una serie di vicende inizia a frequentare Angelica, una donna fragile e istintiva dalla vita scombinata che abita a tre km di distanza, in aperta campagna. Tra le due nasce un rapporto fortissimo fino a scoprire chi delle due donne la vera madre. Rotto il patto segreto che le lega sin dalla sua nascita, Tina e Angelica si contendono l'amore di una figlia. La piccola Vittoria, vivr dunque un'estate di domande, di paure, di scoperte, ma anche di avventure e di traguardi, un'estate dopo la quale nulla sar pi come prima.

"Figlia mia un viaggio in cui tre figure femminili si alternano, si cercano, si avvicinano e si allontanano, si amano e si odiano e alla fine si accettano nelle loro imperfezioni e per questo crescono - racconta la regista - Tornare a Berlino mi emoziona moltissimo, sento un legame profondo con questo festival di cui ho sempre apprezzato l'alto impegno politico e il gusto cinematografico. Farne parte un onore!". Attraverso tre punti di vista, Laura Bispuri racconta, dunque, l'amore filiale nelle sue diverse declinazioni.

luned 22 gennaio 2018 - Da Puoi baciare lo sposo a Don't Worry, He Won't Get Far on Foot. Bonus track: il trailer della seconda stagione di Handmaid's Tale.

L'amant double e i trailer pi belli della settimana

Andrea Fornasiero cinemanews

L'amant double e i trailer pi belli della settimana Dalla commedia Puoi baciare lo sposo con Diego Abatantuono al western presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Sweet Country: la settimana ha visto uscire trailer di tutti i generi. Fino all'attesissima seconda stagione della pluripremiata serie Handmaid's Tale (guarda la video recensione).

luned 15 gennaio 2018 - Da Red Sparrow a Lady Bird. Bonus track: il trailer della serie tv Trust.

Tully e i trailer pi belli della settimana

Andrea Fornasiero cinemanews

Tully e i trailer pi belli della settimana Dal thriller mediorientale alla biografia del pi importante dei nostri cantautori, fino a uno dei vincitori ai Golden Globe, i nostri sette magnifici trailer della settimana spaziano tra l'azione realistica o iperbolica alle commedia tra satira e sentimento. Infine come "bonus track" una serie Tv d'autore che sfida il cinema in un confronto mai cos diretto, affrontando lo stesso soggetto di un titolo appena uscito in sala.

Altre news e collegamenti a Joaquin Phoenix »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità