Napoli velata

Film 2017 | Drammatico +13 113 min.

Regia di Ferzan Ozpetek. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Borghi, Anna Bonaiuto, Peppe Barra, Biagio Forestieri. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2017, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 28 dicembre 2017 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 272 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,56 su 84 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Napoli velata
tra i tuoi film preferiti.




oppure

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana travolta da un amore improvviso e un delitto violento. Napoli velata è 9° in classifica al Box Office. lunedì 15 gennaio ha incassato € 31.887,00 e registrato 5.618 presenze.

Consigliato nì!
2,56/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,61
CONSIGLIATO NÌ
Cupo come un mystery e debordante come un mélo, un film ambizioso che restituisce in maniera efficace l'incandescenza della passione.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 19 dicembre 2017
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 19 dicembre 2017

Adriana, anatomopatologo a disagio coi vivi, incontra Andrea, un giovane uomo che la seduce e la ama una notte intera, appassionatamente. Adriana è travolta, finalmente viva. Al risveglio gli sorride e dice sì al primo appuntamento. Ma Andrea a quel rendez-vous romantico non si presenta. È l'inizio di un'indagine poliziesca ed esistenziale che condurrà Adriana nel ventre di Napoli e di un passato, dove cova un rimosso luttuoso.
Protagonista dichiarata del film, Giovanna Mezzogiorno deve vedersela con Napoli, che assurge in primo piano col suo potenziale esplosivo, la sua straordinaria energia linguistica, le sue contraddizioni interne.

Così la religiosità popolare, nelle sue forme più vitalisticamente esasperate (culti, icone, maschere, santini), in Napoli Velata si coniuga con un sostrato pagano che accorda in modo ribaldo le tradizioni folcloriche antiche e moderne (la 'sibilla' col telecomando, l'utero sezionato nella controspezieria della Farmacia storica degli Incurabili).

Mescolando i generi ma privilegiando l'approccio plastico a tutto tondo del melodramma, Ferzan Ozpetek traduce la forza dirompente della città in una struttura narrativa che intreccia fili in profondità. E in quella profondità Napoli Velata sprofonda per sciogliere un trauma consumato ai 'piani alti' e nella prima sequenza, perno fra passato e presente. Al cuore del film c'è una conversione che si genera ancora una volta dall'interazione fra una perdita e un incontro. In Le fate ignoranti il personaggio di Margherita Buy cambia vita quando perde il marito e incontra l'amico omosessuale del consorte defunto, in La finestra di fronte il personaggio di Giovanna Mezzogiorno muta radicalmente la maniera di sentire il mondo quando perde l'infatuazione per il dirimpettaio di Raoul Bova e incontra l'antica saggezza pasticciera di Massimo Girotti, in Cuore Sacro il personaggio di Barbora Bobulova ha perso (da tempo) la madre senza mai elaborare il lutto e va in crisi quando incontra una ragazzina randagia e ribelle.

In Napoli Velata perdita e incontro coincidono in uno spazio che si fa sempre più fantasmatico e labirintico, dentro una geografia sotterranea (metropolitana, laboratori, gallerie, botteghe), instabile e cadaverica, che dialoga con una geografia superficiale, barocca, scenica, vitale. Lungo il confine che invita all'infrazione, Ozpetek introduce un rito pagano ("La figliata dei femminielli"), una performance antropologica che partorisce un bimbo priapesco e concepisce la passione di Adriana e Andrea.

Andrea inietta nella vita di Adriana il fuoco divorante di un sentimento che resta allo 'stato nascente' ma avvia l'odissea (sessuale) del personaggio. Sarà l'inchiesta a rivelare poi la natura segreta dell'eroina, i suoi segreti e la sua sessualità risvegliata. Inscritto nel quadro di un'indagine poliziesca, ma il film non è mai realmente interessato al suo intrigo, Napoli Velata coglie e rende visibili i flussi emotivi della sua protagonista e le correnti passionali che legano i personaggi agli amanti. Al ruolo virile e fragile di Alessandro Borghi replica il corpo assediato di Giovanna Mezzogiorno, daccapo musa di Ozpetek e daccapo soggetto scopico desiderante e immaginifico.
Ma a questo giro di vite alla sua protagonista non basta guardare al di là della strada per compensare con l'immaginazione la vita in cui permane. Sensuale e sensibile, la messa in scena riflette i vacillamenti percettibili della protagonista e tutta l'urgenza dell'attrazione carnale. Un tumulto che Adriana non può evitare, figuriamoci dimenticare. Cupo come un mystery e debordante come un mélo, Napoli Velata è un film ambizioso che non nasconde i modelli alti (Hitchcock) e restituisce in maniera efficace l'incandescenza della passione. A volte l'autore cede al turgore della storia e non riesce a evitare la caduta nella ridondanza e nell'eccesso ma gli viene in soccorso l'interpretazione di Giovanna Mezzogiorno, unica possibile valvola di sfogo in cui lascia passare il dolore e la perdita, l'infiammazione e lo scacco. Il proprio non poter essere, malinconicamente, che una figura dello scacco. In un film fatto di primi piani intensissimi e sguardi folgoranti, è giusto che la storia rimanga aperta e che sia un ultimo movimento 'a seguire' a chiedere allo spettatore di produrre senso.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 29 dicembre 2017
Eva K.

Ozpetek con questo film delude su diversi piani. Il regista aveva dato un cenno di ripresa con il film precedente ma sembra che la sua regia sia completamente cambiata negli ultimi anni. Scivolata in abissi poco confortanti. Sul piano della sceneggiatura è davvero un film imbarazzante: sembra scritto a caso, per molti versi noioso e privo di qualsiasi appiglio in fatto di logica e di sentimento. S [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 dicembre 2017
carloalberto

  Sta diventando un’abitudine per i cineasti italiani ambientare pellicole a Napoli. Ma Napoli non è una location qualunque dove mettere in scena un dramma una commedia una tragedia, non è un palco per rappresentazioni di vario genere. Napoli è dramma è tragedia è commedia e qualsiasi storia raccontata a Napoli se non ci parla di Napoli se non dà [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
Giampiero58

Sono letteralmente corso al cinema attirato dalla bontà del regista e del cast (e senza leggere alcuna recensione preventivamente). Sono uscito (altrettanto di corsa) deluso. Deluso dall'irrazionalità del finale (pseudo magico): se  la storia approdava  alle problematiche psicologiche (ai limiti della malattia mentale) riconoscendole come radice di quanto vissuto dalla [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
Ruger357MgM

Apre citando Hitchcock, prosegue su un canovaccio da feulleton partenopeo che non sarebbe dispiaciuto a Matilde Serao, ma Ferzan non sa resistere ai suoi stereotipi e feticci: gli spiriti e i fantasmi. Spoglia e fa sudare di sesso e passione una sorprendente Giovanna Mezzogiorno che ricorda terribilmente il padre,fiero combattente borbonico nei film di Luigi Magni.

giovedì 4 gennaio 2018
Il Gatto Giacomino

Ieri ho visto “Napoli velata” di Ferzan Ozpetek. Premetto che considero il regista un gran paraculo e un falsario di sentimenti, passioni, situazioni, contesti, ecc. Però, alcuni suoi falsi sono accettabili e qualche volta persino ben riusciti. Penso a “Le fate ignoranti”, “La finestra di fronte”, “Saturno contro”, “Un giorno perfetto”, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
Flaw54

Film di immagini, sensazioni, stati d'animo. Sotto questo aspetto Ozpetek si risolleva dopo l'assurdo Rosso Istanbul. Ma la storia? Ha un senso oppure si tratta di un semplice esercizio estetizzante e narcisistico con silenzi e pause studiate che in realtà non significano niente? Forse Il regista ha ormai perduto la sua ispirazione migliore? Il dubbio secondo me rimane soprattutto per [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 dicembre 2017
Zoom e Controzoom

La tematica del dramma infantile che riaffiora, è importante, ma regia e sceneggiatura non sono all'altezza. E poi c'è Napoli: Napoli città vibrante di umori colori ed eventi, è ridotta a stereotipi senza radici. Uno per tutti: l'omicidio e il successivo suicidio. Eventi quelli che diventano ricordo algido che ha il volto di una bambina-bambola, imperturbabile. [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 gennaio 2018
no_data

NAPOLI VELATA ovvero NAPOLI SVELATA                                   6 Gennaio 2018  Confesso: sono di parte adoro Ozpetek anche quando non inventa storie per compiacere il pubblico ma pare crearle per se stesso per potere esprimere attraverso un film tutta la passione per [...] Vai alla recensione »

domenica 7 gennaio 2018
alessiuccia

“La gente non sopporta troppa verità “- accettata questa frase all’ inizio del film, ci si può addentrare nelle viscere in cui Ozpetek decide di farci viaggiare con “Napoli velata” : una storia di abissi ( dei palazzi del seicento,del mare, della città moderna , dell’ animo umano).Decide di raccontare questa storia addentrandosi nei vicoli urbani [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 gennaio 2018
Mauromao

Il nuovo film di Ozpetek è ambientato a Napoli . La storia inizia con una donna che spara ad un uomo sotto gli occhi della figlia . Quella figlia è Adriana una splendida Giovanna Mezzogiorno che adulta si ritrova a lavorare con i morti come se quell’odore di morte la perseguitasse . Una sera incontra il bell’Andrea (Alessandro Borghese rude e affascinante) con il quale passa una intensa notte di sesso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 gennaio 2018
vanessa zarastro

  0 0 1 493 2812 DIPSA 23 6 3299 14.0 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE [...] Vai alla recensione »

domenica 7 gennaio 2018
FeliciaR

Napoli Velata, ovvero la Grande Bellezza. Ancora una volta, Ozpetek cerca l'anima di una città bizantina insieme ad una protagonista, che l'anima l'ha persa, per troppo dolore. E come non poteva essere amore a prima vista, tra lui e la città?Come in ""Rosso Istambul" la storia si dispiega in un territorio magico, con antiche presenze, riti e tombole, veli, statue solenni ( il meraviglioso Museo Archeologic [...] Vai alla recensione »

sabato 6 gennaio 2018
udiego

 In una serata di gala Adriana incontra Andrea, un giovane uomo, che la seduce e le farà vivere una delle notti più incredibili della sua vita. Al loro risveglio si danno appuntamento per rincontrarsi nel tardo pomeriggio, ma a quell'incontro Andrea non si presenterà mai. Da qui, Adriana, intraprenderà il suo viaggio in questo misterioso giallo alla ricerca della [...] Vai alla recensione »

sabato 13 gennaio 2018
Paolo

Il fatto che la storia narrata sia poco credibile nel suo motivo dominante (una notte d’amore con uno sconosciuto, che poi verrà ucciso) nulla toglie al fascino di questo film che si inoltra nelle profondità ancestrali di Napoli, e quindi dell’animo umano. Delle sue fragilità, delle sue debolezze, delle sue paure, delle sue aspirazioni come delle sue frustrazioni, della vergogna del passato che può [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 gennaio 2018
annelise

Ho visto i film di Ozpetek più di una volta ma non rivedrei questo come non rivedrei Rosso Istanbul. Manca l'amore, manca la coralità , manca l'amicizia,manca l'omosessualità vissuta con passione ed ironia,mancano le fate e gli spiriti.   Adriana,medico legale, è single e frequenta assiduamente la sorella della madre e la sua cerchia di amicizie ,più [...] Vai alla recensione »

martedì 9 gennaio 2018
yarince

Ho riconosciuto,in Napoli Velata, lo stile di Ozpetek che ho sempre apprezzato: l'attenzione per gli interni ( in palazzi storici, case di famiglia, con cimeli, specchi, quadri di antenati, nascondigli e sottopassaggi, abitate dalle voci e dai passi del passato), i silenzi che dilatano gli occhi sui dettagli e sulla comprensione, la fotografia, le musiche e le canzoni di Sezen Aksu.

lunedì 8 gennaio 2018
Michele Camero

 Un consueto film di Ozpetek con tutti i suoi temi più cari. Il melò, il rapporto tra la persona che scompare e quella che si trova in grado, quest’ultima, di riaprirti alla vita o ad una diversa e più piacevole visione dell’esistenza, le presenze occulte che si manifestano solo al protagonista della storia così da confondere lo spettatore impegnato fino [...] Vai alla recensione »

sabato 13 gennaio 2018
Maria Patrizia Maccotta

Nell'ultimo film di Ozpetek affascina la trama dello sguardo. In psicanalisi lo sguardo, la vista, è il senso più celebrale, legato alla sfera della razionalità, dell'intelletto. Non a caso Edipo si acceca, quando vede le conseguenze delle sue azioni.La protagonista del film, Adriana, vede - da bambina - l'omicidio/suicidio della madre. I suoi occhi azzurri ingranditi sullo schermo ne assorbono tutto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 gennaio 2018
zim

 Cosa spinge una distinta dottoressa in età ad accettare la perentoria ed esplicita proposta sessuale di un giovanotto tanto simpatico quanto sbrigativo e impertinente? C'è  uno sparo all'inizio, un nodo edipico non risolto, una fame insaziabile che sembra non fermarsi nemmeno con la misteriosa elisione del giovanotto che poi è ritrovato  morto sul banco [...] Vai alla recensione »

martedì 9 gennaio 2018
Flyanto

 L'ultimo film di Ferzan Ozpetek, "Napoli Velata", ambientato, come si evince dal titolo, nel capoluogo partenopeo, racconta una storia molto particolare in cui è coinvolta la protagonista, una donna sui 40 anni che svolge l'attività di medico legale. Sola ed un poco ritrosa per ciò che riguarda le frequentazioni maschili, una sera, in occasione di una festa [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 gennaio 2018
antrace

Un film esoterico, ossia denso di simboli e misteri, dedicato alla città del Vesuvio. L'intento di Ozpetek è ben intuibile. L'esito lascia dubbi, e gusti acri. Attraverso una vicenda scabrosa, il regista turco prova a descrivere Napoli con echi lontani,  gestualità dei femmiinielli ,  superstizioni popolari, fra guitti e malavita.

martedì 2 gennaio 2018
saint loup

 Napoli velata. Noir dalle tinte fortemente contrastanti, l'ultima fatica di Ferzan Ozpetek colpisce per la ritrovata ispirazione artistica del regista. Infatti tutti gli elementi che caratterizzano la sua poetica vengono dipanati uno ad uno sullo sfondo di una Napoli rappresentata all'insegna del doppio : misteriosa ed esoterica nei suoi vicoli oscuri e lugubri corridoi sotterranei, ma [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 gennaio 2018
Valter Chiappa

Protagonista di “Napoli velata”, sin dalla prima scena, è l’occhio. Quello costruito dal vorticoso movimento della macchina che riprende una rampa elicoidale; l’occhio in dettaglio di una bambina, che ha visto ciò che un bambino non dovrebbe mai vedere; gli occhi estirpati come prezzo di una colpa; l’occhio simbolo di un passato doloroso, gli occhi appannati [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 gennaio 2018
vivirieg

Bellissimo film sul potere dell'erotismo e del risveglio dei sensi che ne deriva.Adriana, anatomo pataloga borghese e single, trascorre il suo tempo con sua zia ed il suo entourage....l'incontro con Andrea,la notte di passione con lui ed il violento trauma legato a perdere immediatamente l'uomo che la aveva sedotta in modo così sfacciato portano la nostra protagonista a fare una personale indagine [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 gennaio 2018
Andrea Alberini

“Napoli velata”, ultimo film di Ozpetek, si presenta da subito come una sceneggiata napoletana, nel senso forse più profondo. Il dramma, il sangue, la passione e il mistero, incarnati dalla maschera antica di Peppe Barra che riempie lo schermo mentre pronuncia enigmi a commento del parto simulato di un bambino, in uno spettacolo-cerimonia officiato durante una festa, in un lussuoso appartamento storico [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 gennaio 2018
michelangelomonni

C’è un segreto e un dramma rimosso ma ancora drammaticamente presente nell’inconscio di Adriana, un’affascinante anatomo-patologa che, quasi per una sorta di espiazione di colpe non sue, “vive in mezzo ai morti”.In una Napoli misteriosa e patinata, tratteggiata da una fotografia elegante, raffinata anche se un po’ fredda, da riti sincretici e teatrali (il film si apre con “la figliata dei femminielli” [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 gennaio 2018
michelangelomonni

C’è un segreto e un dramma rimosso ma ancora drammaticamente presente nell’inconscio di Adriana, un’affascinante anatomo-patologa che, quasi per una sorta di espiazione di colpe non sue, “vive in mezzo ai morti”. In una Napoli misteriosa e patinata, tratteggiata da una fotografia elegante, raffinata anche se un po’ fredda, da riti sincretici e teatrali [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 dicembre 2017
Viviana Violante

  NAPOLI VELATA, thriller ( thriller ??? )  diretto da Ferzan  Ozpetek. Ho amato il fascino  elegante della protagonista fin da “La finestra di fronte”. E amo gli occhi magnetici di Alessandro Borghi dal personaggio Otto di “Suburra”. Di Ozpetek adoro i colori mediterranei dei suoi interni, la coralita’ delle tavolate di amici, gli [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 gennaio 2018
glad 57

  L’omicidio non è che uno spunto: non c’è la trama di un thriller. Il regista racconta gli aspetti contrastanti di Napoli (della/e sua/e anima/e), e lo fa utilizzando i personaggi, soprattutto le donne, in modo allegorico. Non a caso, la protagonista fa il medico legale e non a caso le succede di dover fare la perizia sul cadavere di Andrea, l’uomo che ha [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 gennaio 2018
Vincenzo

Partiamo dal Trailer, completamente fuorviante che promette grandi cose ma che lascia profondamente delusi una volta constatata la realtà del film. I presupposti sembrano buoni, ma man mano che incalza il film perde di consistenza diventando noioso, prevedibile, dove ogni cosa è portata all'eccesso con forzatura tanto da snaturarla e renderla ridicola.

giovedì 28 dicembre 2017
giovanni

Giovanna Mezzogiorno è completamente imbalsamata, incapace di credibilità in ogni occasione, come la gran parte degli attori, compresa la grande Bonaiuto. La solita Napoli olografica. Turturro ha omaggiato Napoli, Ozpetek ha saccheggiato le cartoline.

sabato 6 gennaio 2018
antonio de trizio

il film parte bene e sembra avere tutti gli elementi per rendersi interessante. Un omicidio, una coinvolgente scena di passione, l'archeologia, un'autopsia...poi dopo 20 minuti si capisce dove il regista vuole andare a parare. Fine del mistery partenopeo e inizio di una  forzata simbologia che non attrae e non suscita curiosità. Il migliore in campo sembra essere Peppe Barra e [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 gennaio 2018
Corebo

Non capisco tutte queste stroncature, cosa volevate cari detrattori che vi venisse spiegato il finale?   Ozpetek è l'Aldomovar turco, si sa condisce i suoi film di Gay, zoccole, transgender e in  questo mondo variegato mi ricorda molto Federico Fellini da cui magari ha preso spunto (Satiricon). La Mezzogiorno anche se un pò appesantita recita magistralmente, nella scena [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 gennaio 2018
Estella

Ma è così incomprensibile il finale??? Non vorrei spoilerare ma mi pare chiaro: 1. I\le responsabili dei delitti ( non solo di Andrea, ma anche di Pasquale e della fattucchiera) si trovano nella cappella Sansevero alla fine del film2. Le mire x far accentuare il disagio mentale della protagonista, anche con messaggi "velati' di simbolismo massonico (l'occhio) con l'avvertiment [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 gennaio 2018
Luigagli

Passati recenti e remoti pieni di tormento che altri avrebbero elaborato e tentato di risolvere con un viaggio o con la psicoanalisi; Ozpetek, intriso di cultura mediterranea,  ci convive popolando il presente di fantasmi e di figure che arricchiscono i personaggi (e soprattutto Adriana) e chi guarda. Una ricchezza che taluni spaventa, altri rifuggono perché poco razionale e che NON risolve [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
seven

Un magnifico spot di Napoli che meritava una storia vera e non il nulla!!Le cose belle del film sono merito della storia di Napoli con i suo fascino e i suoi misteri. Colori e luoghi ipnotici fanno da sfondo ad una imbolsita Giovanna Mezzogiorno(perltro perfettamente a suo agio)che regge insieme agli altri interpreti una storia priva di senso e improbabile anche per l'aspetto temporale.

martedì 16 gennaio 2018
marezia

Dalle recensioni degli utenti appare evidente come a parlare sia l'incapacità di giudicare in modo obiettivo quello che, se avesse un'altra firma, sicuramente avrebbe se non altro un minimo di rispetto e mi spiego. Il sottotitolo di questo film potrebbe essere "La grande bellezza partenopea" ma anche "I misteri di una psiche tra terra e cielo" perché, come [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 gennaio 2018
margherita

Bellissimo film su Napoli, la ridondanza fa parte della sensazione che per chi non è parte di Napoli prova di fronte a espressioni della città. Rende le mille sfacettature, straordinaria emozione. Il fatto poi che interpreti siano attori di Napoli, che Napoli la conoscono e la vivono, non la recitano a copione, ne fanno un film credibile e vero, intenso, nella passione, nella musica, nei colori , i [...] Vai alla recensione »

domenica 14 gennaio 2018
angelo umana

“Chi cerca razionalità a ogni costo può astenersi dalla visione”: così è scritto sull'Internazionale di questa settimana da Vanja Luksic, corrispondente straniero del settimanale L'Express. E' un avvertimento utile per una chiave di lettura di questo film di Ozpetek, Napoli Velata, per cercare il senso di realizzarlo, perché il dubbio viene: [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 gennaio 2018
Enzo Esposito

Incompleto,costruito in maniera sapiente con inquadrature affascinanti risulta appena mediocre in quanto per raccontare l'aria di mistero di Napoli che avra'colpito il regista,quest'ultimo si avvale delle allucinazioni della Mezzogiorno per portare lo spettatore dentro una storia che non racconta niente.Non vale il prezzo del biglietto.

lunedì 15 gennaio 2018
alessandro

“Cupo come un mystery e debordante come un mélo” recita una recensione in ‘Mymovies’, che lo premia solo con una stellina e mezza e lo consiglia con un ‘nì’. D’accordo, in particolare sulla seconda parte del giudizio. Apprezzabile tuttavia, pur se non inedita, la costruzione ad anello del film, che inizia con la metafora del velo che vela/ disvela (ma con la scenataccia sguaiata della figliata dei [...] Vai alla recensione »

domenica 14 gennaio 2018
Alias

Descrive intensamente il disagio di molte donne di oggi: realizzate ma sole e disperate. Lei grassoccia, grigia ed infelice come molte donne perse dietro al lavoro e alla paura di essere ferite, perde poi la ragione quando incontra un uomo troppo bello ed intenso per essere davvero suo per sempre. Qual è la sua vera scelta, alla fine, tra quelle predette dalla Sibilla? In ogni caso scomparire...

martedì 9 gennaio 2018
Maramaldo

Dilemma mollichiano: film brutto perchè sbagliato o film sbagliato perchè brutto?

giovedì 4 gennaio 2018
joecondor

Molta confusione di generi che rivela tante ambizioni ma un film mancato...soprattutto un finale striminzito ed immaginabile.La regia con grandi zoom a 360 rivela la mano ottima di Optzek ma è la storia che non regge...peccato...fili logici mancati ad esempio i numeri 12-10-75 non servono a nessuna logica ma solo frutto della mente della protagonista.

giovedì 4 gennaio 2018
Nino Pellino

Ho trascorso due ore di noia al Cinema nel vedermi questo film. Gli slanci emotivi e suggestivi di pellicole come "La finestra di fronte", "Le fate ignoranti" ed altre celebri pellicole, ormai appartengono al passato del regista. In questo film dominano scene di sesso (probabilmente per tentare di produrre effetto e per coprire le poche idee) e soprattutto una lentezza incredibile [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
kaipy

Non mi è piaciuto. Sembra un susseguirsi di gags (funerale, teatrini, sibille) promozioni turistiche (museo, farmacia...) con un filo rosso-pretesto giallo (mal gestito) e una storia per nulla originale.

martedì 2 gennaio 2018
Lulo

Sono andata a cinema con grandi aspettative. Purtroppo, però, "Napoli velata" è stato una grande delusione: inconcludente e scontato. Bravissimi, invece, tutti gli attori.

martedì 2 gennaio 2018
Enrico Inferrera

Film inutile e noioso dalla trama inesistente. Una Napoli inesistente che il regista riesce a distruggere rappresentandola tetra e decadente non salva il film. Gli attori annaspano cercando di dare un senso a scene banali e approssimative. La povera Mezzogiorno ha una strana espressione che sembra dire: che ci faccio qui?Da non vedere.

martedì 2 gennaio 2018
Marina

La seconda stella è solo per le magnifiche riprese, la mano del maestro si sente, il vortice delle scale è un'immagine stravolgente. Belli i primi piani, i corpi, gli sguardi. Non conoscendo Napoli, non mi arrischio a dare giudizi sulla rappresentazione della città da parte del regista. Certo una Napoli-bene, gli interni sono lussuosi.

martedì 2 gennaio 2018
albeperini

adoro Ozpetek... ma quando si riaccendono le luci e tutto il pubblico in sala si guarda perplesso ed esplode in un generale "e quindi??"  vuol dire che c'è qualcosa che non va.. va bene il concetto di opera aperta teorizzato da Umberto Eco... ma qui si va oltre non si chiede di portare lo spettatore per mano, spiegando tutto per filo e per segno come in una puntata di Don [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
venerdì 22 dicembre 2017
Alessandra Vitali

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana, travolta da un amore improvviso e un delitto violento. Questo racconta il nuovo film di Ferzan Ozpetek Napoli velata.
Protagonista del film, Giovanna Mezzogiorno deve vedersela proprio con la città di Napoli, che assurge in primo piano col suo potenziale esplosivo, la sua straordinaria energia linguistica, le sue contraddizioni interne. Così la religiosità popolare, nelle sue forme più esasperate (culti, icone, maschere, santini), in Napoli Velata si coniuga con un sostrato pagano che accorda in modo ribaldo le tradizioni folcloriche antiche e moderne.

Mescolando i generi ma privilegiando l'approccio plastico a tutto tondo del melodramma, il regista traduce la forza dirompente della città in una struttura narrativa che intreccia fili in profondità.

Inscritto nel quadro di un'indagine poliziesca, ma mai realmente interessato al suo intrigo, il film coglie e rende visibili i flussi emotivi della sua protagonista e le correnti passionali che legano i personaggi agli amanti. Al ruolo virile e fragile di Alessandro Borghi replica il corpo assediato di Giovanna Mezzogiorno, nuovamente musa di Ozpetek.
In occasione dell'uscita di Napoli velata al cinema, il 28 dicembre, i due protagonisti raccontano ad Alessandra Vitali l'esperienza sul set del film.

INCONTRI
mercoledì 20 dicembre 2017
Alessandra Vitali

Adriana, anatomopatologo a disagio coi vivi, incontra Andrea, un giovane uomo che la seduce e la ama una notte intera, appassionatamente. Adriana è travolta, finalmente viva. Al risveglio gli sorride e dice sì al primo appuntamento. Ma Andrea a quel rendez-vous romantico non si presenta. È l'inizio di un'indagine poliziesca ed esistenziale che condurrà Adriana nel ventre di Napoli e di un passato, dove cova un rimosso luttuoso.

Protagonista dichiarata di Napoli velata, Giovanna Mezzogiorno deve vedersela con la città di Napoli, che assurge in primo piano col suo potenziale esplosivo, la sua straordinaria energia linguistica, le sue contraddizioni interne.

In occasione dell'uscita di Napoli velata al cinema, il 28 dicembre, il regista Ferzan Ozpetek racconta ad Alessandra Vitali il suo rapporto con la città e l'importanza di Napoli nella realizzazione del film.

Frasi
Arriva un momento in cui la vita ti si apre di nuovo…
Una frase di Pasquale (Peppe Barra)
dal film Napoli velata - a cura di Duchessa Barby
Era di mio padre, è un occhio porta fortuna... serve più a te che a me…
Una frase di Adriana (Giovanna Mezzogiorno)
dal film Napoli velata - a cura di MYmovies.it
Se mi lasci faccio una pazzia, lo sai vero?
Una frase di Andrea (Alessandro Borghi)
dal film Napoli velata - a cura di MYmovies.it
State ancora indagando su di me?
Una frase di Adriana (Giovanna Mezzogiorno)
dal film Napoli velata - a cura di MYmovies.it
La gente non sopporta troppa verità!
Adele (Anna Bonaiuto)
dal film Napoli velata - a cura di Marcello
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 4 gennaio 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Mistery partenopeo secondo il brand Ozpetek, un canto di donna nel coro di viariopinta umanità, stavolta in colori tetri, trame delittuose, rimozioni infantili e un fantasma d'amore. Cucinando Malaparte e Hitchcock in una Napoli totale, pagana, moderna, rituale, chic e popolare, il progetto ambizioso s'incaglia in figure e situazioni non libere da standard culturali, fissati in una sceneggiatura troppo [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 10 gennaio 2018
Andrea Chirichelli

Ultimi giorni per molti film natalizi in classifica, visto che da domani arriveranno nelle sale Benedetta follia, Leo da Vinci - Missione Monna Lisa, The Midnight Man e Tre Manifesti a Ebbing, Missouri (guarda la video recensione) che potrebbero cambiare [...]

VIDEO RECENSIONE
giovedì 4 gennaio 2018
 

Adriana, anatomopatologo a disagio coi vivi, incontra Andrea, un giovane uomo che la seduce e la ama una notte intera, appassionatamente. Adriana è travolta, finalmente viva. Al risveglio gli sorride e dice sì al primo appuntamento.

SPLENDOR
domenica 31 dicembre 2017
 

L'ultimo appuntamento di stagione con Splendor - Suoni e visioni vede protagonisti il comico Maurizio Battista, il regista Ferzan Ozpetek accompagnato dalla protagonista del suo ultimo lavoro di finzione, Giovanna Mezzogiorno, e i creatori del primo videogioco [...]

POSTER
martedì 28 novembre 2017
 

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana travolta da un amore improvviso e un delitto violento. Racconto i segreti di una città che conosce oro e polvere, una città pagana e sacra [...]

TRAILER
lunedì 27 novembre 2017
 

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana travolta da un amore improvviso e un delitto violento. Napoli, protagonista assoluta del nuovo film di Ferzan Ozpetek.

TRAILER
lunedì 30 ottobre 2017
 

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana - interpretata da Giovanna Mezzogiorno - travolta da un amore improvviso e un delitto violento.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati