Napoli velata

Acquista su Ibs.it   Dvd Napoli velata   Blu-Ray Napoli velata  
Un film di Ferzan Ozpetek. Con Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Borghi, Anna Bonaiuto, Peppe Barra, Biagio Forestieri.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 113 min. - Italia 2017. - Warner Bros Italia uscita giovedì 28 dicembre 2017. MYMONETRO Napoli velata * * * - - valutazione media: 3,08 su 112 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

la maschera e l'occhio Valutazione 3 stelle su cinque

di ninoraffa


Feedback: 3432 | altri commenti e recensioni di ninoraffa
sabato 20 gennaio 2018

 La maschera e l’occhio. Velo e svelamento segnano e delimitano "Napoli Velata" di Ferzan Ozpetek. La prima inquadratura è l’occhio di una vertiginosa scala elicoidale: citazione di Hitchcock che rimanda al thriller psicologico, svelando una chiave ma allo stesso tempo sviando e velando.
 
Adriana – matura patologa, con qualche problema col mondo maschile, e non solo – ha una notte rovente, forse la prima della sua vita, con Andrea appena conosciuto a una festa. I due si ridanno appuntamento dopo poche ore, ma lui non si presenta. Adriana lo ritroverà sfigurato il giorno successivo sul suo tavolo anatomico: cavati gli occhi, del suo volto rimane la maschera e lei all’inizio non lo riconosce.
Questi fatti elementari mettono in moto Napoli Velata. Movente e mandanti dell’assassinio si intuiranno abbastanza presto, ma le indagini sembrano distrarsi come se la forma del noir, più dei colpevoli, voglia svelare l’intimità della protagonista, e magari altro più profondo.
 
Andrea riapparirà quasi subito ad Adriana sotto le specie del gemello Luca, e questo rapporto, presto morboso, farà emergere le morti violente dei genitori cui ha assistito da bambina. Adriana per mestiere apre, svela, i morti, ma il particolare lavoro che ha scelto finora è servito a normalizzare, mascherare, velare, quelle morti essenziali a cui non vuole tornare.
Andrea/Luca è uno dei doppi tanto cari a Ozpetek, e in questo caso fa a sua volta da doppio col padre di Adriana. Padre e amante accomunati dal destino di sangue: nel gioco dei simboli e dei rimandi, Andrea è stato ucciso per una maschera antica, e c’è il monile a forma di occhio del padre di Adriana – in un certo senso causa della sua morte – che lei dona all’amante vivo/morto, ridandogli gli occhi che gli assassini gli hanno tolto.
Nell’altro doppio centrale della storia, la madre omicida/suicida di Adriana ha lo stesso volto di lei, quasi a trasmettergli la sua imperdonata colpa prima di gettarsi nel vuoto. E lungo la stessa folle linea ereditaria si potrebbe sospettare Adriana stessa come assassina. 
 
Cast non irresistibile: Giovanna Mezzogiorno sotto se stessa, a tratti più estranea che interrogativa, Alessandro Borghi poco incisivo nel ruolo-ombra di Luca, più convincenti gli altri comprimari, sopra tutti Peppe Barra. Qualche caduta televisiva nella sceneggiatura, non sempre all’altezza della complessità del soggetto.
"Napoli Velata" è un film barocco nelle atmosfere, nella struttura ridondante e nell’esorbitante simbolismo, di cui la città partenopea è giusta coprotagonista. Le streghe che consumano il loro sabba scambiandosi la maschera sotto il Grande Occhio, i Quartieri Spagnoli, i vicoli, gli ipogei e le torri, le chiese e i palazzi, gl’interni sontuosi, la brulicante umanità di ciechi, nani, santone, veggenti e cabaliste, materializzano una storia possibile solo in poche altre città misteriche. Astratta e simbolica, ma anche carnale, l’insistenza su maschere d’amore e morte: il martoriato evanescente Cristo Velato fa da contraltare ai possenti nudi marmorei romani del Museo Archeologico, ai corpi vibranti dei due protagonisti nell’amplesso, alle fotografie nude di lei rubate da Andrea, e naturalmente alle carni livide sul tavolo anatomico.
 
Sul finale qualcosa sembra chiarirsi. Adriana incontra un altro uomo che l’aiuta a liberarsi dell’ombra di Andrea; cambia casa, lascia il lavoro, in qualche modo scopre e fa i conti con la parte rimossa di se stessa.
L’ultima scena è il doppio della rappresentazione teatrale della figliata dei femminielli in cui Adriana e Andrea si erano conosciuti; parto impossibile, simbolica venuta alla luce che il velo del sipario nasconde nel momento cruciale perché troppa verità è insopportabile.
Adriana si ritrova nella Cappella Sansevero alla commemorazione funebre dello zio, morto anche lui in circostanze poco chiare. Dinanzi al Cristo Velato intuirà le mandanti dei due delitti, scoprirà un tradimento, ma soprattutto si ritroverà tra le mani l’occhio che è stato di suo padre e poi di Andrea, a significare un nuovo finale che inghiotte tutto quello che finora è stato.  
Il rimpiattino di Ozpeteck con lo spettatore continua. L’occhio che rivela è maschera che nasconde, e viceversa. L’inatteso epilogo, più che ribaltamento o cancellazione, è un altro giro lungo la scala a spirale della verità, qualunque cosa sia. Del regista turco conosciamo la dimestichezza con le ombre: i fantasmi non solo esistono, ma i fantasmi siamo noi, di cui rimane solo un rumore di passi in un vicolo.
E forse non è lui col suo cinema, ma qualcos’altro a giocare con noi lì fuori. 

[+] lascia un commento a ninoraffa »
Sei d'accordo con la recensione di ninoraffa?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di ninoraffa:

Vedi tutti i commenti di ninoraffa »
Napoli velata | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | alessiuccia
  2° | evak.
  3° | ninoraffa
  4° | giampiero58
  5° | carloalberto
  6° | ilgattogiacomino
  7° | ruger357mgm
  8° | parsifal
  9° | flaw54
10° | no_data
11° | silvy
12° | alespiri
13° | zoomecontrozoom
14° | tiberiano
15° | mauromao
16° | vanessa zarastro
17° | udiego
18° | feliciar
19° | annelise
20° | yarince
21° | cesarepremi
22° | giusy
23° | antrace
24° | valterchiappa
25° | vivirieg
26° | michelecamero
27° | roxy19
28° | no_data
29° | ralphscott
30° | jackmalone
31° | mei
32° | paolo
33° | maria patrizia maccotta
34° | zim
35° |
36° | andrea alberini
37° | saintloup
38° |
39° | michelangelomonni
40° | michelangelomonni
41° |
42° | vivianaviolante
43° | giovanniladon
44° | vincenzo
45° | flyanto
Rassegna stampa
Silvio Danese
Nastri d'Argento (9)
David di Donatello (13)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 28 dicembre 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 11 maggio
Favolacce
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Lei mi parla ancora
Genesis 2.0
giovedì 1 aprile
Il concorso
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità