10.000 AC

Film 2008 | Avventura 109 min.

Titolo originale10,000 BC
Anno2008
GenereAvventura
ProduzioneUSA, Nuova Zelanda
Durata109 minuti
Regia diRoland Emmerich
AttoriCamilla Belle, Steven Strait, Cliff Curtis, Joel Virgel, Ben Badra, Mo Zainal Nathanael Baring, Mona Hammond, Marco Khan.
Uscitavenerdì 14 marzo 2008
DistribuzioneWarner Bros Italia
MYmonetro 1,55 su 319 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Roland Emmerich. Un film con Camilla Belle, Steven Strait, Cliff Curtis, Joel Virgel, Ben Badra, Mo Zainal. Cast completo Titolo originale: 10,000 BC. Genere Avventura - USA, Nuova Zelanda, 2008, durata 109 minuti. Uscita cinema venerdì 14 marzo 2008 distribuito da Warner Bros Italia. - MYmonetro 1,55 su 319 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi 10.000 AC tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un cacciatore di una tribù preistorica impegnato in un viaggio alla fine del mondo per salvare la principessa rapita da una banda di misteriosi signori della guerra. In Italia al Box Office 10.000 AC ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 5,2 milioni di euro e 1,8 milioni di euro nel primo weekend.

10.000 AC è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
1,55/5
MYMOVIES 1,25
CRITICA 1,31
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO NO
Emmerich ricostruisce digitalmente l'alba della civiltà in un film formalmente povero che accumula effetti speciali.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 16 febbraio 2007
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 16 febbraio 2007

In un tempo lontano, quando gli uomini erano dominati dalla paura, guidati dagli spiriti e ispirati dalle profezie, viveva una pacifica tribù di cacciatori. Con l'arrivo dei mammuth si apriva per loro la stagione della caccia, della prosperità e dell'amore. Quel sentimento smisurato che unisce il giovane D'Leh all'orfana Evolet. Una passione interrotta dall'irruzione di "demoni" a cavallo: feroci predatori e mercanti di schiavi a servizio di un dio avido e troppo umano. Rapita la bella Evolet, D'Leh si spingerà fino ai confini del mondo per liberare la sua fanciulla e gli uomini vessati dalle superstizioni di un tiranno inviso e invisibile. Nel corso del viaggio il cacciatore diventerà un guerriero e il guerriero una leggenda.
Non è certo una scoperta ma è bene ribadirlo: i generi fantascientifici o fantastorici rappresentano prima di tutto se stessi e il grado di tecnologia di cui si fanno portatori. Non c'è da scandalizzarsi. L'uso degli effetti speciali ha sempre avuto lo scopo di arricchire ed esasperare lo spazio, di originare e addirittura penetrare nuove dimensioni: il viaggio spazio-temporale attraverso porte interplanetarie (Stargate) o il contatto/scontro con creature aliene o con animali giganteschi come Godzilla.
Roland Emmerich, il regista che il giorno dell'Indipendenza ha polverizzato due monumenti sacri della storia americana (la Casa Bianca e l'Empire State Building), con 10.000 AC va molto indietro nel tempo, più indietro del Patriota e della Rivoluzione Americana, fino agli albori della civiltà. 10.000 AC non ha valore polemico o ideologico, non interpreta il passato remoto degli uomini né descrive la loro vita emotiva, piuttosto riproduce un mondo fantastico, che diventa un contenitore di situazioni e trame introdotte senza più timore di inverosimiglianza o umorismo involontario. Si fa in fretta a guadagnare l'adesione e l'identificazione del pubblico quando gli eroi devono vendicare la morte o il rapimento di un loro congiunto e gli antagonisti sono caratterizzati come arroganti, crudeli e indifferenti al dolore e alla sofferenza. Se si aggiunge poi che quello che capita al protagonista è qualcosa di umanamente comprensibile e condivisibile (il desiderio di ricongiungersi alla donna amata), il successo è servito.
Come il patriota combattente di Mel Gibson, D'Leh è un eroe suo malgrado e secondo una strategia vincente che attraversa la storia e i generi del cinema americano. Su di lui non ci si può sbagliare e non ci sono ragioni perché lo spettatore non si schieri col maldestro cacciatore di Steven Strait, che per caso abbatte un enorme mammuth e sempre per caso salva dall'annegamento una tigre bianca e gigantesca. Una ricostruzione, quella di Emmerich, che non possiede nulla di assoluto, che accumula gli effetti per provocare il ritmo, che evidenzia una povertà formale e visiva e che infine fa rimpiangere il cinema corporeo. Quello che puoi toccare e che tocca il cuore.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

10 000 anni prima della nascita di Cristo, in una tribù di pacifici cacciatori, D'Leh e l'orfana Evolet si amano. Quando irrompe una banda di feroci demoni a cavallo Evolet e altri vengono strappati dalla loro terra e trascinati via. D'Leh sopravvive e intraprende un lungo viaggio - che lo trasformerà in un guerriero-leggenda - per ritrovarla e sterminare i perfidi. Emmerich dimentica Il patriota , pesca da Godzilla , condisce con The Day After Tomorrow e spende 75 milioni di dollari per ricostruire in digitale l'alba dell'umanità con lo spirito e gli schemi dei film di una volta, senza sfumature tra buoni e cattivi, con una notevole disinvoltura storica (paleolitico e neolitico sono mescolati, i mammuth vengono usati per costruire gigantesche piramidi e gli struzzi sono ferocemente carnivori) e una curiosa convivenza di etnie (neri, bianchi, asiatici, tibetani, tutti insieme), ma soprattutto per rendere spettacolare con grandiosi effetti speciali una storia d'amore. "Il risultato oscilla tra il trash italiano dei Lenzi anni '80 e una rilettura di ‘Arrapaho’ degli Squallor" (F. Mazzarella).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
10.000 AC
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Amazon Prime Video
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,50 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 novembre 2018
shagrath

Un film che fin da subito tradisce il suo stesso titolo abbandonando l'ambientazione preistorica per scadere verso un fantasy sconclusionato e scialbo. Buone le scene di azione, ben girato, decenti gli effetti speciali, suggestive le atmosfere. Ma la coerenza narrativa, semplicemente, non c'è. Tutte le vicende del protagonista si evolvono attraverso una accozzaglia informe di situazioni [...] Vai alla recensione »

sabato 9 marzo 2013
mystic

Pochi altri film potrebbero essere tanto criticati per la poca attenzione della produzione dedicata ai dettagli storici quanto 10.000 AC di Roland Emmerich. Ma come? I mammuth nel 10000 AC? Una tribù dai costumi primitivi rimasta isolata dal resto del mondo e per questo arretrata? Presunte civiltà mesopotamiche e tigri dai denti a sciabola? E via dicendo.

lunedì 10 gennaio 2011
Dado1987

Uno dei film più brutti della storia! Un'escalation di idiozie, una trama vuota con attori insulsi e scenografie pessime, per non parlare degli effetti speciali di serie Z. Un film del genere me l'aspettavo da Uwe Boll, non da Emmerich che anche se non è un fantastico regista, ne ha fatti di carini, come il Patriota o Indipendence day.

venerdì 9 settembre 2011
morrets

una bella avventura con scenari davvero singolari e buoni effetti speciali un film piacevole da vedere!

giovedì 5 maggio 2011
DarkEnry

Lo visto qualche girono fa in tv e devo dire che non è così brutto come mi aspettavo. Sarà che difficilmente riesco a criticare i film che vedo (per fortuna che vedo quelli che mi consigliano i miei amci XD), ma è fatto abbastanza bene. Gli attori se la sono cavata abbastanza bene, la storia non sarà tutto questo granchè, ma va bene e gli effetti speciali [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 marzo 2011
dellos

Film normale con tanti effetti speciali...niente di che.

mercoledì 23 marzo 2011
omar79bx

Mah....

lunedì 22 febbraio 2010
Simon0000

Sinceramente non capisco questo accanimento selvaggio da parte della critica e di alcune persone a questo film. Io l'ho trovato un film godevolissimo e discreto, senza nessuna pretesa. La storia di un uomo disposto ad arrivere ai confini del mondo per la sua amata. Scenografie spettacolari, regia impeccabile e ottimi effetti speciali ( troppo abusati da Emmerich, non lo nego assolutamente).

martedì 10 maggio 2011
TheDarkEnry

Un film con una trama carina e simpatica. Effetti speciali niente male e una buona prestazione degli attori. Niente di che.

lunedì 30 settembre 2013
SUPREMO2000

Di questo film ne avevo gia sentito parlare ma non pensavo fosse cosi bello io gli assegno 4 stelle

domenica 14 ottobre 2012
Sgomenza

Il film in sè non è niente di speciale e sa di già visto (vedi apocalypto, il tredicesimo guerriero) ma sa intrattenere, forse, anche grazie ai suoi effetti speciali di buona qualità. La maestosità visiva è comparabile a quella di altri grandi film del genere ma scarno nella recitazione con molti buchi nella trama. Ma ripeto, il film è godibile, e si può vedere specialmente in una serata a casa dove [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 agosto 2012
Emanuele 1968

Ad un mio amico questo film gli è piaciuto tantissimo, l'ha paragonato ad Avatar, quindi avevo altre aspettative, personalmente cosi cosi.

venerdì 26 ottobre 2018
newalessiomarta

Idea molto buona, ma sviluppata molto male. Personaggi trasparenti e CGI...

mercoledì 1 novembre 2017
Sellerone

Dire che è originale...non si può però di fondo è guardabile. Non un capolavoro, ma questa esperienza stile cromagnon si può fare, sopratutto per la lega della salvaguardia del Mammuth. Lo rivedrei ma senza troppo trasporto, non compro. Da vedere con Carla, a cui piacciono gli elefanti e non ha gli occhi chiari. I bambini? meglio di no, vista la presenza di animali [...] Vai alla recensione »

domenica 1 marzo 2015
Paradigma

Una buona idea che non poteva essere sfruttata meglio.Progetto ambizioso concettualmente interessante e ricco di contenuto storico,sicuramente c'è voluto un po' di coraggio nel puntare su un lavoro del genere,e in effetti il riscontro non è stato così positivo.Numerose incorrettezze e scelte poco ispirate portano il film a essere scialbo e se non visto da occhi particolarmente [...] Vai alla recensione »

domenica 26 ottobre 2014
yurigami

A me non è piaciuto, noioso e poco interessante a parer mio, poi non è che sia recitato benissimo, sceneggiatura un po' banale, gli effetti speciali a fine film nella battaglia sono l'unica cosa più o meno  "interessante". 

giovedì 17 gennaio 2013
gurdjieff

Forse un pò troppo Disneyano, ma non annoia mai. Scenari stile fantasy che si susseguon per tutto il film. Non eccelsi gli attori, ma sicuramente da vedere per gli amanti del genere,

lunedì 7 settembre 2009
donato 1964

Film genere avventura con una meravigliosascenografia naturale,immensi colori e ambientazioni ai tempi della pietra.Nel complesso simpatico film da vedere.Voto 7

mercoledì 31 luglio 2013
no_data

Il titolo mi affascinava in quanto esperta e appassionata di preistoria. Da un titolo così preciso cronologicamente 10.000 BC ( before christ) che vuole dire 12.000 anni dal presente, mi aspettavo un minimo di coerenza. Invece è una stranissima accozzaglia di banalità di diverse epoche lontanissime tra loro cronologicamente e geograficamente (passano da ambienti simil alpini a giungle, per poi passare [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 giugno 2013
asrdrubale03

bellissimo

lunedì 30 marzo 2009
Maio

Si nel complesso è un film decente! sarebbe stato meglio se fosse stato curato nei dettagli, tipo i mammut non corrono e se corressero non lo farebbero in quella maniera...(me lo ha detto un esperto!)comunque meglio guardarlo per farsi un'idea...

giovedì 8 settembre 2011
tiamaster

film noioso,per nulla incalzante,per nulla coinvolgente.un fiasco.da evitare assolutamente,un pessimo film pieno di effetti speciali inutili.buuuuuuuu.

lunedì 22 febbraio 2010
Angelo Bottiroli - Giornalista

Mi aspettavo sicuramente molto di più da questo film. Idea piuttosto originale quella di ambientare un film nella preistoria, ma dopo la prima mezz'ora abbastanza ben fatta, il film si "perde" ed entra nel caos più assoluto. Rimane la trama, carina, anche se molto abusata: e cioé l'impavido eroe che per la bella di turno mette a repentaglio la sua vita fino a diventare un grande condottiero, ma per [...] Vai alla recensione »

martedì 7 luglio 2009
brise

come vi siete permesi di dire che questo film non é bello e posso dire che io me ne intendo di film, é un film bellissimo che parla di un ragazzo che diventa uomo e che riesce a comandare un grandissiomo esercitto, e poi parla anche di amore, amicizia, lealtá, coraggio... e cosí via...L'ho visto una volta e me lo vedrei un centinaio di volte.

giovedì 18 giugno 2009
MARVELman

QUESTO FILM E' L'AMOMINIO DEL CINEMA E UNO DEI PIU' BRUTTI CHE ABBIA MAI VISTO, NON SOLO E' INUTILE MA ANCHE STUPIDO, COME HA FATTO LA LEGENDARY PICTURES A CADERE COSI' IN BASSO? PER FORTUNA SI E' RIPRESA ALLA GRANDE CON IL CAVALIERE OSCURO!

Frasi
Tu non sarai mai sola Evolet, vedi quella luce, quella non si muove attraverso il cielo come le altre luci. Tu sei quella luce nel mio cuore, non scomparirai mai.
Non scomparirò mai?
No, mai.
Evolet vieni qui, non andare in giro senza dirmelo..
E per molte lune Evolet e D'Leh si guardarono e nei loro cuori si rafforzava l'amore.
Dialogo tra Evolet (Camilla Belle) - D'Leh (Steven Strait)
dal film 10.000 AC
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Claudio Masenza
Ciak

Un nuovo genere sembra stia nascendo nel cinema americano e qualcuno, parafrasando il titolo del sanguinoso campione di box office di Mel Gibson, lo ha definito «la passione dell'avanti Cristo». Sono film che guardano al passato con un grado di immaginazione al quale ci ha abituato la fantascienza e giustificano clamorose inesattezze con la logica inoppugnabile del profitto cinematografico.

Lou Lumenick
New York Post

10.000 A.C. è ambientato su un'imprecisata montagna dove una tribù che parla un inglese quasi perfetto ha adottato Evolet, unica sopravvissuta di un'altra tribù dove hanno gli occhi azzurri e dove hanno scoperto il mascara con qualche secolo d'anticipo. Di Evolet si è innamorato D'Leh, un giovane cacciatore che apparentemente ha un rasoio e una palestra nascosti in qualche caverna.

Alberto Castellano
Il Mattino

Roland Emmerich è uno dei re del neokolossal hollywoodiano e il suo «10.000 a.C.» esibisce numeri da record: un budget da 75 milioni di dollari, due anni e mezzo di lavorazione, effetti speciali incredibili. Il regista del sottovalutato «Independence Day», «L'alba del giorno dopo», «Godzilla», però, conosce bene la macchina spettacolare, sa come dare spessore all'imponenza dei mezzi, sa trasformare [...] Vai alla recensione »

Adriano De Carlo
Il Giornale

Un cocktail che mischia l'Era post Glaciale, mammut che 10.000 anni fa erano scomparsi, popoli di ogni colore, cerimonie tribali, armi di pura invenzione, tigri grandi come elefanti, e un protagonista che sembra reduce da una sfilata di Armani. Fatte queste riserve è possibile divertirsi. Roland Emmerich ha fatto spesa al supermercato del cinema, ficcando nel paniere un po' di Mel Gibson (Eucalypto), [...] Vai alla recensione »

Massimo Lastrucci
Ciak

Una volta l'avremmo definito, con molti milioni di dollari di budget in meno (qui la cifra stanziata è stata stimata intorno ai 75 milioni di dollari), un tipico "film da oratorio" (a parte la descrizione della casta sacerdotale, spregevole, infida, parassita ed effeminata, insomma al suo peggio). Il bene individuale e quello collettivo vincono e il male perde: il cacciatore D'Leh (Steven Strait) libera [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Roland Emmerich ha fatto il blockbuster più brutto degli ultimi dieci anni e anche, forse, il migliore. Suo era l'improbabile, incoerente, fracassone Indipendence Day , suo era anche il geniale e quasi rivoluzionario L'alba del giorno dopo , con la mitica scena in cui gli americani immigrano illegalmente in Messico per sfuggire alla glaciazione. Ora torna con 10000 aC , storia di una tribù di cacciatori [...] Vai alla recensione »

Andrea Silenzi
XL

Cacciatori di mammuth che vivono tra le nevi si ritrovano nella giungla e poi nel deserto per rincorrere una tribù di predoni che ha rapito alcuni guerrieri e la "bella" del villaggio. A parte il curioso mix di etnie (neri africani, centroasiatici, similtibetani) che si forma durante il racconto, il regista di Indipendence Day spettacolarizza una semplice vicenda amorosa immergendola nel passato remoto [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

C'era una volta chissà quando, ma non importa: le piramidi di "Stargate" e gli animali de "L'era glaciale", luoghi di Kubrick con echi di Atlantide, vita pellerossa e lingue africane, nevi e deserti, il Nilo e l'Himalaya. Valanghe di approssimazione storico/geografica visivamente efficace. Tono epico/tarocco che tutto consente: riciclaggio di ogni leggenda senza ben congegnata raccolta differenziata, [...] Vai alla recensione »

Roberta Bottari
Il Messaggero

Quando gli spiriti dominavano il mondo, giganteschi mammuth facevano tremare la terra e gli uomini erano dominati dalla paura, viveva una pacifica tribù di cacciatori. Isolato fra le montagne, il giovane D'Leh (Steven Strait) ama Evolet (Camilla Belle). Ma una banda rapisce l'amata: a lui non resta che inseguire gli aggressori. Dopo aver polverizzato la Casa Bianca e l'Empire State Building, il regista [...] Vai alla recensione »

Filippo Mazzarella
Vivimilano

Cacciatore di mammuth diventa eroe e salvapopolo: truzzi palestrati contro belve digitali e scene di massa d'altri tempi. «La guerra del fuoco» di Annaud pose una pietra sul genere cavernicolo: ma qui ci si riprova, e il risultato oscilla fra il trash italiano dei Lenzi anni '80 e una rilettura di «Arrapaho» degli Squallor. MEDIOCRE - PER PALEOFILI Da ViviMilano, marzo 2008

Lietta Tornabuoni
La Stampa

A.C. vuol dire, naturalmente, Avanti Cristo. Avventure preistoriche: si inseguono e distruggono una tribù di Cacciatori che presto diventano guerrieri, un gruppo feroce di Demoni a Quattro Zampe (montati su cavalli), eserciti neri armati di lance. I nemici prigionieri vengono ridotti in schiavitù, una ragazza con gli occhi azzurri viene contesa. Tra i costruttori di piramidi ci sono anche i mammuth, [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

C'era una volta, 12000 anni fa… una tribù con nomi buffi (D'leh, Sic sic) e passatempi testosteronici, come l'usare lance-stuzzicadenti per far fuori mammuth colossali o contrastare demoni a quattro zampe. Con i primi grazie a ingegno e fortuna, ce la fanno. Con i secondi che hanno imparato l'uso del cavallo e la navigazione prima di loro, mantengono un timore reverenziale eccessivo, considerandoli [...] Vai alla recensione »

Peter Travers
Rolling Stone

Call it Apocalypto for pussies — a PG-13 rating, puh-leese! — or prehistory for peabrains. Just don’t call it friendo. 10,000 B.C. will take your money, rob your time and hit your brain like a shot of Novacaine. The best acting comes from woolly mammoths, man-eating ostriches and a saber-toothed tiger — and those babies are digital. It’s the human actors who look fake.

A. O. Scott
The New York Times

“Only time can teach us what is truth and what is legend.” This bit of fake-folk wisdom commences the voice-over narration of “10,000 BC,” and the more you think about it, the more preposterous it seems. If anything, time confuses the issue. But it’s best not to think too hard about anything in this sublimely dunderheaded excursion into human prehistory, directed by Roland Emmerich from a script he [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

As far as writer-director Roland Emmerich is concerned, the Ice Age is a state of mind. Refusing to be tied down by either sense or sensibility, his "10,000 BC" is as crazy as it wants to be, plundering the past and other movies with that peculiar Hollywood combination of the earnest and the preposterous that can result in the guiltiest of guilty pleasures.

Giona A. Nazzaro
Film TV

Dal peggiore dei mondi possibili, The Day After Tomorrow, all'alba dei tempi. Dominato da un folle sincretismo dichiaratamente influenzato dalle mitologie pulp-cosmogoniche di Erich Von Däniken, 10.000 A.C. è uno Stargate senza anello dimensionale che (ri)mette in scena una guerra del fuoco apocalyptica incentrato su un pathfinder ansioso di liberarsi dell'immagine del padre e che per farlo, guarda [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Un vero bidone. 10.000 A.C. Delude sul terreno spettacolare, mica della filologia che nessuno si aspetta. Ma il pubblico americano dev'essere di bocca buona se il botteghino sta dando ragione ai massicci investimenti profusi in questo kolossal. Roland Emmerich di Independence Day ha scelto questa volta la preistoria. E lo scontro feroce che per la sopravvivenza un popolo montanaro inoffensivo, ma [...] Vai alla recensione »

Giovanni Valerio
Ticino7

Facile restare stregati da un bel paio di occhioni azzurri. Ci casca anche l'uomo primitivo D'Leh. Innamorato della bella Evolet dagli occhi blu, per salvarla attraversa mezzo mondo, dalle piramidi al mare, tra le nevi eterne e i mammut. 10.000 A.C. è un fantasy preistorico, un fumettone colossale nel budget ma deludente sullo schermo, quasi una versione soft del crudo Apocalypto di Gibson.

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Entertainment Weekly saluta l'uscita di "10.000 A. C." – si fa per dire, tra i mammuth e le piramidi nel film non passa neanche un anno – con la galleria fotografica intitolata "Prehistoric Hotties": le cavernicole bellezze del cinema. Spicca su tutti il bikini di pelliccia esibito da Raquel Welch in "Un milione di anni fa". Manca la sexy femmina delle caverne Senta Berger in "Quando le donne avevano [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
giovedì 13 marzo 2008
Chiara Renda

Thriller familiari Ci aspetta un weekend avventuroso nei cinema italiani: dalla preistoria alla fantascienza, fino ad arrivare al thriller gangsteristico, i film in uscita riservano grandi emozioni. Si comincia dal grande Sidney Lumet, indiscusso maestro [...]

MAKING OF
mercoledì 12 marzo 2008
Gabriele Niola

Una partita persa in partenza per la poca cura dei dettagli I blockbuster come 10.000 AC si basano molto sugli effetti speciali poichè dalla ricostruzione di ambienti suggestivi e personaggi animati che altrimenti non potrebbero esistere deriva gran [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati