Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 4 dicembre 2016

Isabella Ferrari

Una Selvaggia che non vuole etichette

Nome: Isabella Fogliazza
52 anni, 31 Marzo 1964 (Ariete), Ponte dell'Oglio (Italia)
occhiello
Sai cosa mi hai fatto? Mi hai fatto tornare a vivere.. .io senza di te vivo!...
dal film Un giorno perfetto (2008) Isabella Ferrari è Emma
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Isabella Ferrari
Roma Film Festival 2012
Premio miglior attrice per il film E la chiamano estate di Paolo Franchi

Nastri d'Argento 2009
Nomination miglior attrice per il film Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek

Nastri d'Argento 2009
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Due partite di Enzo Monteleone

David di Donatello 2008
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Caos calmo di Antonello Grimaldi

David di Donatello 2006
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Arrivederci amore, ciao di Michele Soavi

Festival di Venezia 1995
Premio coppa volpi per la miglior attrice non prot. per il film Romanzo di un giovane povero di Ettore Scola



Una "precaria" dello spettacolo.

Isabella Ferrari al Napoli Film Festival

martedì 8 giugno 2010 - Fiorella Taddeo cinemanews

Isabella Ferrari al Napoli Film Festival Parla di lei come una "precaria dello spettacolo", con una carriera non disegnata a tavolino ma nata e cresciuta seguendo l'istinto e la voglia di sperimentare. Si scaglia contro le politiche governative di tagli alla cultura, ha cuore il destino dei tanti artisti che "non possono esprimersi come dovrebbero", ma è fiduciosa nel buon momento che sta vivendo il cinema italiano. È una Isabella Ferrari grintosa e preoccupata della salute dell'anima sociale e culturale di questo paese quella che oggi ha incontrato la stampa al Castel Sant'Elmo, in occasione del Napoli Film Festival. L'attrice si presenterà stasera al pubblico partenopeo per un primo bilancio della sua carriera, ripercorrendo le tappe fondamentali del suo variegato percorso professionale. Per l'occasione ha scelto di riproporre alla kermesse il film Amatemi, girato dal compagno di vita Renato De Maria nel 2005, sfortunato in Italia per la distribuzione, ma ben accolto all'estero. Non riesce, tuttavia, ad essere insensibile alla cronaca di questi giorni riguardanti la manovra finanziaria Isabella Ferrari che più volte sottolinea come tutto il settore della cultura sia a rischio. "Tagliare questi fondi- spiega- significa tagliare le ali ai sogni dei giovani italiani. Io non parlo di me o di altri colleghi più maturi, mi riferisco ai nostri talenti più promettenti che sono costretti ad andare via dall'Italia. È ora che si faccia qualcosa: sarebbe il caso di far fermare tutti, artisti, autori, giornalisti, ad oltranza fino a quando qualcosa finalmente non cambia".
Per quanto riguarda invece i progetti futuri, l'attrice si dice desiderosa di sperimentare, una volta di più, qualcosa di nuovo nella sua carriera. È in cantiere, infatti, un film con il commediografo Antonio Latella, mentre a dicembre debutterà a teatro con "Il catalogo", diretta da Valerio Binasco che porta in scena l'omonimo lavoro di Jean Paul Carrière. In palco con lei Ennio Fantastichini. Per settembre invece è previsto il film tv per la Rai La storia di Laura di Andrea Porporati, in cui interpreta una donna cocainomane. Il lavoro è in concorso, inoltre, al Fiction Festival di Roma a luglio. Un ritorno dunque sul piccolo schermo che la Ferrari ritiene essere sempre un buon canale di comunicazione, anche se è sempre necessario cambiare e reinventarsi.
"L'incontro di stasera- afferma- è un'occasione per me di rivivere la strada che ho percorso, ed è un tipo di riflessione che non faccio mai. Non ho avuto pigmalioni che mi hanno guidata, ma mi sarebbe piaciuto fare una scuola per essere meglio strutturata. Ho vissuto infatti sulla mia pelle l'essere un cliché. Ho passato anni senza lavoro, proprio quando cercavo di ribaltare il personaggio che mi avevano cucito addosso, soprattutto nel passaggio dalla tv al cinema". E proprio riguardo le produzioni italiane spende parole di grande affetto. "Credo che il nostro cinema- precisa- sia meglio oggi di dieci anni fa. C'è l'esigenza di comunicare e dare risposte alla gente. Ci sono autori e attori bravissimi. Manca però un po' più di coraggio negli sceneggiatori che molto spesso credono di poter raccontare le realtà che viviamo seduti nelle comodità delle loro belle terrazze". Infine una chiosa ancora sull'attualità. "Ho letto di un emendamento che verrà presentato sulla legge "bavaglio" allo studio delle camere in questi giorni- dichiara- è previsto il non obbligo di arresto per chi viene sorpreso a compiere lievi violenze sessuali sui minori. Anche solo il pensiero che sia stata scritta una norma del genere mi fa rabbrividire".

   

Il regista Ozpetek e gli attori presentano il film al Festival di Venezia.

Un giorno perfetto: nove personaggi in 24 ore

domenica 31 agosto 2008 - Désirée Colapietro Petrini cinemanews

Un giorno perfetto: nove personaggi in 24 ore La storia, durissima, è quella di un uomo che non vuol rassegnarsi all'idea di aver perso la famiglia. Non accetta la separazione dalla donna che ha amato e dalla quale ha avuto due figli. Trascorre le giornate nell'ossessiva ricerca di un contatto, seppure breve, con ciò che rappresenta il suo passato il cui distacco lo ha gettato nello sconforto più totale. Una storia dolorosa con un epilogo altrettanto duro che arriva come un pugno allo stomaco. Una di quelle tematiche di cui purtroppo spesso ci informa la cronaca, che sbatte in prima pagina storie di delitti familiari e che, per quanto portata sul grande schermo da uno dei registi più amati degli ultimi anni, non ha convinto la stampa che lo ha accolto con applausi tiepidi e giudizi tutt'altro che positivi. Tratto dal romanzo della scrittrice Melania Mazzucco, che a Ferzan Ozpetek ha riconosciuto, oltre alla sua magnifica capacità di esplorare il mondo femminile anche quella di essere riuscito perfettamente a rovesciare i generi, Un giorno perfetto è nato da un incontro con il produttore Domenico Procacci successivo alla lettura del libro da parte del regista. "Ho sentito paura e, insieme, una grande attrazione nei confronti della storia. Ero abituato a fare cose mie, non legate a un racconto già esistente. Quando mi sono messo a scrivere la sceneggiatura con Sandro Petraglia ho cercato sin da subito di identificare gli attori giusti perché volevo mettere insieme un cast perfetto".

Antonello Grimaldi traduce con empatia l'opera letteraria di Sandro Veronesi.

Caos calmo: l'elaborazione del lutto

venerdì 1 febbraio 2008 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Caos calmo: l'elaborazione del lutto Un percorso doloroso, quello dell'elaborazione del lutto, che porta a fare i conti con se stessi e con la vita. Ognuno sceglie come affrontare il dolore della perdita, affossandolo o semplicemente aspettando che si manifesti per poi incamminarsi verso la guarigione. Nonostante si sia parlato di una sola scena del nuovo film di Antonello Grimaldi, Caos calmo è una riflessione intimista sulla morte e sulla vita attraverso lo sguardo "distaccato" di Pietro Paladini (interpretato magistralmente da Nanni Moretti). Nel parco dove si rifugia per aspettare di essere colpito dal dolore - che non riesce a provare - crea una sorta di ordine al caos (calmo) che si porta dentro.

Uno per tutti

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,81)
Un film di Mimmo Calopresti. Con Fabrizio Ferracane, Giorgio Panariello, Thomas Trabacchi, Isabella Ferrari, Lorenzo Baroni.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2015. Uscita 26/11/2015.

La vita oscena

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Renato De Maria. Con Clement Metayer, Isabella Ferrari, Roberto De Francesco, Andrea Renzi, Iaia Forte.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2014. Uscita 11/06/2015.

Il venditore di medicine

* * * - -
(mymonetro: 3,16)
Un film di Antonio Morabito. Con Claudio Santamaria, Isabella Ferrari, Evita Ciri, Marco Travaglio, Roberto De Francesco.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2013. Uscita 30/04/2014.

La grande bellezza

* * * - -
(mymonetro: 3,42)
Un film di Paolo Sorrentino. Con Toni Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Francia 2013. Uscita 21/05/2013.

E la chiamano estate

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,65)
Un film di Paolo Franchi. Con Isabella Ferrari, Jean-Marc Barr, Luca Argentero, Filippo Nigro, Eva Riccobono.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2012. Uscita 22/11/2012. 14
Filmografia di Isabella Ferrari »
Uno per tutti (2015) Il venditore di medicine (2013)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità