Il seme della discordia

Film 2008 | Commedia 85 min.

Regia di Pappi Corsicato. Un film con Alessandro Gassman, Caterina Murino, Martina Stella, Valeria Fabrizi, Michele Venitucci. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2008, durata 85 minuti. Uscita cinema venerdì 5 settembre 2008 distribuito da Medusa. - MYmonetro 2,63 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il seme della discordia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Tratto da un romanzo di Heinrich von Kleist, il film racconta il dramma che scoppia in una coppia quando la moglie rimane incinta mentre al marito viene diagnosticata l'infertilità. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Il seme della discordia ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 1,1 milioni di euro e 284 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,63/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,60
PUBBLICO 2,23
CONSIGLIATO NÌ
Dai buchi neri ai gigli bianchi. Un divertissement in piena luce su un misterioso concepimento.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 5 settembre 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 5 settembre 2008

Veronica è la bella e verace proprietaria di un negozio di abbigliamento, ha sposato Mario, un rappresentante di fertilizzanti, e ha una madre invadente, ossessionata dall'idea di un nipotino. Persuasi da mamma Luciana a fare il test di fertilità, Veronica si scoprirà incinta e Mario sterile. La misteriosa gravidanza della donna verserà la coppia in una profonda crisi. Se Mario cercherà rifugio tra le braccia di floride amanti, Veronica investigherà sul "colpevole" della maternità con il sostegno di Gabriele, vigilante del quartiere segretamente innamorato di lei.
Liberamente ispirato alla novella "La Marchesa von O" di Heinrich von Kleist, Il seme della discordia è la storia di un avvenimento fuori dal comune: una gravidanza (in)desiderata frutto di una violenza notturna, che resta invisibile allo spettatore e che la protagonista crede di aver sognato. Il film di Corsicato è la lunga ricerca della verità a partire dall'evidenza che qualcosa è accaduto. L'intera architettura di questo divertissement in piena luce (del sole) si regge su una gravidanza, sul paradosso di un realtà in cui l'estremo senso e il non senso si toccano, combaciano e si fondono nel visto e nel non visto.
Nel Seme della discordia non interessa tanto la ricerca di un malessere esistenziale, quanto la forma subliminale della sua espressione, perché il cinema di Corsicato, senza smettere di essere concreto, è una fantasia che tende a iperformare la scena, colmandola delle proprie suggestioni epocali, spaziali e cinematografiche. Il seme della discordia è un vuoto già pieno di qualcos'altro: culture altre, un tempo altro, mode, sogni, canzoni, film, colori, oggetti, vestiti altri. Procedendo in direzione di un percorso salvifico (la ricomposizione di una relazione) e dichiaratamente laico (il concepimento impuro), Corsicato mette in scena figure vuote che si "riempiono", descrivendo una parabola femminile che parte da un'assenza e approda ad una consapevolezza compiuta di sé.
L'autore napoletano resta agganciato alla fisicità dei corpi, alla pienezza carnale delle sue protagoniste e alla loro intrinseca natura popolare, per imbastire una sorta di teorema aperto e gioioso sull'esplorazione del femminile, sull'istituzione familiare e sulla condizione umana contemporanea. La magnifica ossessione del vigilante di Michele Venitucci, l'oggetto del desiderio degli uomini del Centro Direzionale, quartiere moderno di Napoli progettato negli anni Novanta dall'architetto giapponese Kenzo Tange, è il corpo mediterraneo di Caterina Murino, intensa nelle espressioni e calda e immediata nei movimenti. La sua Veronica "piena di grazia" si muove dentro forme sceniche dilatate, il suo sguardo si apre su esterni incombenti e razionali e si chiude nel sonno su interni "a colori" trasognati e assorti. A restare nel cinema di Corsicato è la luce che si attacca ai corpi, scaldandoli, bruciandoli e accompagnandoli sulla strada e sotto i grattacieli di Napoli. Il seme della discordia è un film destinato a rimanere negli occhi prima che nella testa. Un "sogno" che ha una dimensione fisica forte, un'allucinazione che cerca e trova un rilievo totale e totalizzante nei corpi "gravidi". Di vita, di cinema.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?

IL SEME DELLA DISCORDIA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 22 dicembre 2010
Ibragol09

Film enciclopedico,cioè un film pieno di citazione quà e là...per chi le sa apprezzare il film è piacevole...altrimenti trova il tempo che trova. Da tarantino a Almodovar passando per Milano calibro 9 il film si snoda lungo la storia di Veronica interpretata da una bellissima e brava Caterina Murino. Non voglio annoiare nessuno sulla storia che di per sè ,è [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 ottobre 2015
Dandy

Al momento il miglior film di Corsicato.Ispirato liberamente a "La marchesa Von O...." un film che affronta molti temi scomodi(le conseguenze di uno stupro,l'ipocrisia,il matrimonio e il ruolo delle donne trascurate)con un gusto leggero e spigliato che guarda al pop e all'avanguardia.I dialoghi sono allegramente cinici e pungenti,e le frecciate ai danni dell'Annunciazione(la guarda [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 aprile 2009
il conte di montecristo

Non so come certe scenaggiature e certi film trovino i soldi per realizzare opere penose come queste. Lqa storia è ridicola, come ridicola è la regia fatta di divagazioni con sottofondo musicale incomprensibili. Ma perchè i soldi che hanno speso per realizzare questo film non li hanno dati in beneficenza? Inguardabile, penoso e pessimo. Se non l'avessero mai girato il mondo non avrebbe certo pianto. [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 luglio 2010
wakeih2br

la trama non è per niente interessante il film non è coinvolgente è un miracolo se si riesce a restare svegli fino alla fine del film che per me è semplicemente da dimenticare!

domenica 6 dicembre 2009
ultimoboyscout

Quanti abiti avrà sfoggiato la Murino? Sicuramente brava la Ferrari, rimandata la Murino, pessima Martina Stella e pessimo Gassman che dal buon padre non ha ereditato nulla almeno a livello cinematografico. Storia che ruota intorno al dubbio su chi sia il padre del bimbo che porta in grembo. E sul dubbio di tenerlo o meno. Il figlio nascerà e il neo che ha in faccia lascia poco spazio all'immaginazione. [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 febbraio 2010
germi86

La Murino molto sensuale,Gassman totalmente assente,Martina Stella prova a fare lolita.Insomma questo film non ha molto da dire,La Murino rimane incinta ma Gassman(suo marito)scopre di essere sterile,lei è rimasta incinta durante un aggressione.Se questa è la commedia all'italiana dei nostri giorni andiamo davvero male.

lunedì 13 aprile 2009
frally

Ho trovato questo film assolutamente tremendoe...se il tema trattato poteva avere qualche spunto interessante, il regista è riuscito ad affossare tutto con la scelta di dialoghi sterili, sceneggiature orribili, cast poco credibile. A mio avviso non si salva nemmeno la colonna sonora in questo film che non ha niente di verosimile ma tutto di surreale e quasi grottesco.

Frasi
Una vacca zoppa è una preda più facile.
Una frase di La madre di Veronica (Valeria Fabrizi)
dal film Il seme della discordia - a cura di Michel Manzi
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessio Guzzano
City

Cambiano (non in meglio) i selezionatori veneziani, non cambia l’occhio strabico sul cinema nostrano: la pellicole migliori in rassegne collaterali, molte patacche in bella Mostra. Qui Pappi Corsicato vorrebbe tradurre in grottesca salsa partenopea un racconto di Heinrich von Kleist di due secoli fa: “La Marchesa von O.”. Una donna si scopre incinta senza causa, ma ha subito violenza… Il sesto senso [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Il cinema dei cinefili è il peggiore, perché è sempre alla maniera d’un altro. Corsicato lo conferma col desolante Semedella discordia, dove stupra una storia sullo stupro di Heinrich von Kleist, La marchesa von O. Le massaie napoletane del Centro direzionale sono descritte come il regista crede le descriverebbe Almodòvar. Peggio, l'aristocratica inconsapevolmente infedele ideata da Kleist diventa [...] Vai alla recensione »

Filippo Mazzarella
ViviMilano

Un Von Kleist «lounge» post-Almodovar: di chi sarà la creatura in grembo alla moglie/madonna del fedifrago sterile? La soluzione è facile, il tema no: Corsicato (miglior italiano a Venezia) riflette sul falso e la menzogna che ci intridono con la coerenza del suo stile svuotato mélo/pop irrealistico/cortocircuitante. Ma occorre saperne godere. BELLO ½ - PER POCHI (PURTROPPO) Da ViviMilano, settembre [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

Tra Pupi e Pappi Venezia 65 sembrava un asilo nido. E se Avati ci ha regalato un bignami di revisionismo e psicologia spicciola e maschilista, Corsicato torna con la freschezza e la gioia degli esordi, ritorna Libera , come quando credevamo di aver trovato il nostro Almodovar, un cineasta senza paure né snobismi e con la voglia di divertire. Arrivò poi il sublime e disastroso I buchi neri (mai film [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
sabato 6 settembre 2008
Pietro Coccia

L'ultimo film in concorso L'ultimo film presentato in concorso ieri a Venezia è stato Il seme della discordia di Pappi Corsicato. Il regista ha sfilato con l'intero cast sul tappeto rosso: Caterina Murino, la ex Bond girl protagonista del film, radiosa [...]

GALLERY
venerdì 5 settembre 2008
Pietro Coccia

Corsicato a Venezia A Venezia, in conclusione del Festival, sfilano Pappi Corsicato e i suoi attori in attesa della presentazione de Il seme della discordia al pubblico, stasera alle 22. Il film del regista napoletano racconta la crisi di una coppia [...]

RUBRICHE
venerdì 5 settembre 2008
Lisa Meacci

Ozpetek ha un giorno perfetto Il nostro weekend nelle sale si apre con Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek, con il quale vedremo scorrerci davanti ventiquattro ore della vita di nove personaggi diversi che vivono a Roma.

GALLERY
martedì 19 agosto 2008
 

A pochi giorni dall'inizio del festival, ecco alcune immagini dei film in concorso.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati