Arrivederci amore, ciao

Acquista su Ibs.it   Dvd Arrivederci amore, ciao  
Un film di Michele Soavi. Con Alessio Boni, Isabella Ferrari, Michele Placido, Carlo Cecchi.
continua»
Azione, durata 107 min. - Italia 2006. uscita venerdì 24 febbraio 2006. MYMONETRO Arrivederci amore, ciao * * 1/2 - - valutazione media: 2,85 su 51 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,85/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
Trailer Arrivederci amore, ciao
Il film: Arrivederci amore, ciao
Uscita: venerdì 24 febbraio 2006
Anno produzione: 2006
   
   
   
Michele Soavi traduce per lo schermo il romanzo crudo-noir di Massimo Carlotto, Arrivederci amore ciao. Il film omonimo racconta la vita senza uscita di Giorgio, ex terrorista che vuole la riabilitazione. Ad ogni costo.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
La peggio gioventù degli anni di piombo nel ritorno al cinema di Michele Soavi
Marzia Gandolfi     * * * - -

Giorgio è un terrorista di sinistra condannato all'ergastolo e rifugiato in un avamposto guerrigliero nel Centro America. Nel 1989, col crollo del muro di Berlino e successive smobilitazioni, Giorgio decide di rientrare in Italia ma soltanto per tornare ad essere un uomo normale. Consegnatosi alla polizia italiana, come da copione e su suggerimento del vice questore della Digos, Anedda, l'ex-terrorista "canta", rivelando i tanti nomi dei suoi vecchi compagni. Scontata una pena minima in carcere, il Codice Penale prevede cinque anni di buona condotta per ottenere la riabilitazione e Giorgio la vuole ad ogni costo e con ogni mezzo. La strada verso la reintegrazione sociale abbatterà vite colpevoli e innocenti. Giorgio non ripara, non risarcisce, non si pone interrogativi morali e i suoi delitti restano senza castigo.
L'ultimo film di Michele Soavi è tratto dal romanzo di Massimo Carlotto e senza mezzi termini racconta la parte peggiore della generazione giovane degli e negli anni '70. La visione del regista dei famigerati anni di piombo è tutt'altro che romantica e ribellistica, la lotta armata e i suoi crimini sono storia vera. Di quella peggio gioventù, Soavi sceglie il peggio: un'idealista senza una forte connotazione ideologica che confluisce nell'organizzazione terrorista quasi a sfogare una spontanea inclinazione al crimine. L'ex terrorista, interpretato in maniera convincente da Alessio Boni, è credibilmente e definitivamente cattivo. Il suo personaggio, contrappasso del Matteo Carati arruolato in polizia ne La Meglio Gioventù, non ha sfumature, non ha cedimenti, non ha redenzione. Giorgio acquista, perché la paga, la riabilitazione e il codice fiscale, ribadendo la sua aggressività e riconfermando la vocazione alla prevaricazione. Il finale crudele, ambientato nel nord-est di un'Italia mai così cruda e nera, non rassicura lo spettatore ma resta addosso come la canzone di Caterina Caselli, magnifica ma privata da Soavi della connotazione leggera. Perché anche lo spettatore dovrà morire "un po' per poter vivere".

Stampa in PDF

Premi e nomination Arrivederci amore, ciao MYmovies
il MORANDINI
Arrivederci amore, ciao recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Arrivederci amore, ciao
Primo Weekend Italia: € 284.000
Incasso Totale* Italia: € 764.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 25 giugno 2006
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
64%
No
36%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Arrivederci amore, ciao

premi
nomination
David di Donatello
1
2
* - - - -

Diverte il kriminal terrorista?

sabato 25 febbraio 2006 di nostalgica del bel cinema

difficile trovare un film piu' sgradevole, brutta l'idea del personaggio, cosi' irrimediabilmente tarato (ma chi l ha detto che saranno proprio cosi' gli ex terroristi?), che annienta con sua ottusa determinazione anche l'aspettativa di un qulunque colpo di scena,( delitti e cattiverie risultano annunciate), troppo spinti i personaggi, talmente caricati da risultare inverosimili. Cosi' resta da sperare che il libro sia qualcosa di meglio, anche se l idea di fondo che traspare getta fango su una continua »

* * * * -

Glaciale...eppur si muove!

martedì 6 febbraio 2007 di Maurizio

E' un film rigido, nero, cinico e spietato, come il suo protagonista, interpretato con la sua solita bravura da Alessio Boni. Indiscutibilmente nel film emergono delle sbavature e forse c'è un eccesso di compiacimento in alcune scene come in quella finale, dopo la quale ci si domanda come sia stato possibile per Giorgio uscirne pulito. Però la fascinosa atmosfera resta, come resta l'immagine inquietante e seducente della bella Ferrari, anch'essa divorata dalla psicopatia del protagonista. Interessante continua »

* * * - -

Finalemnte un buo film italiano

giovedì 9 marzo 2006 di

Ottimo film, che fa un po' ricredere sulla cinematografia italiana, ormai decisamente in ribasso. La regia si muove agevolmente, creando tensione, senza cadere, salvo pochi momenti, nel grand guignol. E' proprio nella creazione di tensione, che raramente sfocia in una violenza palese, che, secondo me si distingue il regista. Aprrezzabilissima la scelta di girare tutte le scene al chiuso o in esterni serali e notturni. Piccoli camei le riprese di passi dei protagonisti, che avvengono su terreni continua »

* * * * -

Un modello per il nero italiano

martedì 15 giugno 2010 di Kronos

Il ritorno al grande schermo di Michele Soavi, dopo lustri di Fiction TV, ha lasciato il segno: tra entusiasmi e stroncature è innegabile che "arrivederci amore ciao" sia lontano anni luce da quella piattezza televisiva che caratterizza una parte importante del cinema attuale. Soavi non ha avuto paura d'osare e probabilmente ha realizzato il suo miglior film: un amorale noir dalle ascendenze tarantiniane che gradualmente si sposta verso il thriller, sfiorando addirittura l'horror nel finale. E continua »

"Quando meno te lo aspetti...puff! Eh gia...!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Arrivederci amore, ciao

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 4 luglio 2006

Cover Dvd Arrivederci amore, ciao A partire da martedì 4 luglio 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Arrivederci amore, ciao di Michele Soavi con Alessio Boni, Isabella Ferrari, Michele Placido, Carlo Cecchi. Distribuito da Cecchi Gori Home Video, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1. Su internet Arrivederci amore, ciao è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 6,39 €
Prezzo di listino: 7,99 €
Risparmio: 1,60 €
Aquista on line il dvd del film Arrivederci amore, ciao

di Dario Zonta L'Unità

Michele Soavi, master of horror all’italiana (figlio putativo di Dario Argento), adatta Arrivederci amore, ciao di Massimo Carlotto in un film di genere. Impresa non facile, benché invogliata da una prosa lucida e tagliente che ritrae la figura di un ex terrorista di sinistra in cerca di una nuova verginità sociale, raggiunta con il cinismo di un assassino imbelle. Soavi non addolcisce la pillola e riporta con una certa franchezza la formazione criminale di un bastardo senza scrupoli. Però, nel tratteggiarne la figura, perde di vista il contesto, quel Nordest feroce che, in Carlotto, è specchio della nuova Italia. »

di Federica Lamberti Zanardi La Repubblica

Tratto dal romanzo di Massimo Canotto, questo film girato con mano ferma da Michele Soavi è una bella metafora della società moderna dove alla fine sembrano vincere sempre i peggiori (vedi anche Woody Allen nel suo ultimo Match Point). Alessio Boni interpreta con maestria il cattivissimo Giorgio Pellegrini, un ex terrorista che, dopo aver trascorso anni di esilio in Sud America combattendo accanto ai rivoluzionari, decide di tornare in Italia e di lavorare per la sua riabilitazione. Ma, per arrivare a essere una persona «rispettabile» commette ogni genere di efferatezze, dall’uccidere un caro amico al costringere la moglie (Isabella Ferrari) di un commerciante rovinato dai debiti a essere la sua amante. »

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Da colonna sonora di sentimenti nobilmente dolorosi com'era in La stanza del figlio (chi non ricorda quella scena della famiglia in macchina, quando cantano tutti insieme?) la voce di Caterina Caselli che intona Insieme a te non ci sto più diventa colonna sonora del marciume di Giorgio Pellegrini, il personaggio creato da Massimo Carlotto nel romanzo che da un verso della famosa canzone prende il titolo, e riproposto da Michele Soavi nel film omonimo. Il regista, cultore di un cinema "di genere" e "di paura", ha fatto un ottimo lavoro ma ha in parte rinunciato alle risonanze politiche che qualificano fortemente romanzo e personaggio originale. »

di Valerio Caprara Il Mattino

Violento, incalzante, cattivista, sensuale. E, soprattutto, un film (se vi sembra poco pensate al resto del cinema italiano). Con Arrivederci amore, ciao Michele Soavi dimostra che non sono sfiorite le promesse di DellaMorte DellAmore (1994) e non possiamo permetterci di tenere a bagnomaria un talento così disinibito e non omologato: tratta dall'omonimo romanzo di Massimo Carlotto, ex militante di Lotta Continua protagonista di un'odissea penale nella discarica post-sessantottina, la sua ballata ultra noir s'impenna, infatti, in un turbine d'infamie che travolge ideologie, moventi, personaggi e persino le ambientazioni intrise di pioggia e fango per sottolineare non tanto l'intrinseco fascino, quanto la «banalità» del male assoluto. »

Arrivederci amore, ciao | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
David di Donatello (3)


Articoli & News
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 24 febbraio 2006
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità