Lacci

Film 2020 | Drammatico, +13 100 min.

Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia
Durata100 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diDaniele Luchetti
AttoriAlba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno Adriano Giannini, Linda Caridi, Francesca De Sapio.
Uscitamercoledì 30 settembre 2020
TagDa vedere 2020
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,77 su 28 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Daniele Luchetti. Un film Da vedere 2020 con Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2020, durata 100 minuti. Uscita cinema mercoledì 30 settembre 2020 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,77 su 28 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Lacci tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una storia di coppia durissima, che assomiglia molto all'Italia contemporanea. In Italia al Box Office Lacci ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 793 mila euro e 328 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,77/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,31
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
La storia di un carnage domestico, sacrificio vano di una coppia e di una generazione post '68.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 2 settembre 2020
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 2 settembre 2020

In un passato lontano, Aldo ha tradito Vanda e abbandonato i suoi figli a Napoli. A Roma ha ricominciato con Livia, una collega e una 'voce' più gentile. In mezzo due figli, Anna e Sandro, che crescono e covano un avvenire di rancori. Vanda tenta il suicidio, Aldo non cede al ricatto ma qualche anno dopo torna a casa e riannoda i lacci sciolti. Aldo e Vanda escono intatti dalla crisi ma è solo apparenza. A guardarli da vicino le crepe e le riparazioni saltano agli occhi. La débâcle è dietro l'angolo, Anna e Sandro pure.

È una storia semplice quella di Aldo e Vanda, coniugi e genitori che crollano dopo troppi anni di vita in comune.

Dentro un grande appartamento, ormai vestigia di un'armonia passata, circolano tra dribblate e confronti, intossicando la vita dei loro figli. Vanda impone regole, Aldo le fugge, insieme producono una situazione caotica, una frattura aperta, un conflitto in cui ciascuno, a suo modo, cerca la via d'uscita.

Lacci copre un periodo di quarant'anni e si inscrive in un contesto di tempi nuovi (gli anni Ottanta) di liberazione dei costumi e di rovesciamento dei valori della famiglia tradizionale. Il titolo, un aneddoto affettivo e concreto del racconto, allude agli indefettibili legami che allacciano i personaggi e li rendono prigionieri. Ai nodi stretti intrecciati dalle abitudini e dagli urti.

L'interesse del dramma familiare di Daniele Luchetti risiede soprattutto nell'originalità e nella gestione della sua struttura narrativa. Struttura polifonica che lascia coesistere fluidamente personaggi e pensieri. Tra fughe, ritorni e collassi, i membri della famiglia protagonista provocano un carnage domestico che affonda le radici nel libro omonimo di Domenico Starnone. Ma è lo sguardo di Daniele Luchetti a mettere in scena l'iperattività dei sentimenti che agitano tutto il tempo la coppia protagonista, a osservarli negli spazi chiusi alla ricerca dell'amore residuale e della collera che l'ha soppiantato.

La tensione è costante e trova la sua detonazione nella coppia Laura Morante - Silvio Orlando, Vanda e Aldo in fondo al matrimonio e agli anni. Entrambi di una precisione estrema nel restituire la forza dell'inerzia e il logorio lento dell'economia sentimentale.

In una scena di rilievo davanti a un 'caffè amaro', rendono addirittura palpabile l'ora di saldare il conto. A Luigi Lo Cascio e ad Alba Rohrwacher, che incarna la coppia nella stagione più verde, l'autore affida il tempo della 'grande (dis)illusione'. Aldo è il padre evanescente di cui teorizzava Lacan, l'uomo incapace di rispondere alle domande dei suoi figli, l'uomo estraneo a se stesso; Vanda è invece la donna pragmatica, ossessionata dall''accumulo' e dalla casa. Indecisi intorno alla questione (una sola), resistere o perdere, disegnano coreografie e geometrie instabili che imbrigliano i figli di Giovanna Mezzogiorno e Adriano Giannini, vittime di un passato che non passa.

Al diapason con la natura impetuosa della relazione genitoriale, Anna e Sandro sono l'effetto perturbato di una crisi familiare, di cui ciascuno a turno 'depone' la sua versione. A un passo dall'epilogo e dal bilancio triste di una vita, Luchetti dona la parola ai 'bambini', cacciati da un Eden che non hanno mai potuto e mai potranno reintegrare. È la loro 'deposizione' a mettere ordine facendo disordine, a conferire a Lacci il tono melanconico e una vertigine inattesa.

Luchetti si muove discreto tra le rovine di una vita incarnata in tutti gli oggetti rovesciati e sparpagliati a terra da una furia che risparmia soltanto un gatto (Labes), spirito della casa e 'presagio' di rovina. Allo spettatore il compito di rimettere insieme i 'pezzi', di ridisporli per apprendere lo scacco e il sacrificio vano di una coppia e di una generazione post '68, mai affrancata dal passato e dai sensi di colpa. Daniele Luchetti 'regge' il domicilio coniugale facendo girare la ruota dell'empatia e dell'antipatia e guardandosi bene dal prendere le parti dell'uno o dell'altro dei suoi personaggi. Dietro le porte chiuse, dice il peso dell'infanzia sul nostro destino e dona un calcio salutare all'ideologia del familismo.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Una storia d'amore in tre segmenti diversi.
Recensione di Marianna Cappi
sabato 3 ottobre 2020

A distanza di venticinque annida "La Scuola" e "I piccoli maestri", Daniele Luchetti è tornato a lavorare con Domenico Starnone, a partire dal suo romanzo "Lacci". Una storia sull'amore, il suo vuoto a rendere e le tare ereditarie che genera, che copre quarant'anni e vede avvicendarsi tre coppie di attori: prima Rohrwacher-Lo Cascio, neogenitori negli anni Settanta a Napoli, poi Morante-Orlando per la loro versione matura, e infine Giovanna Mezzogiorno e Adriano Giannini, nel ruolo dei figli Anna e Sandro ormai adulti. Tre andamenti diversi, forse inevitabilmente: con i primi interpreti il film ribolle, della vitalità e dell'ambizione di Aldo, che nella relazione con Vanda si sente stretto, imprigionato, e s'innamora di una collega più giovane e libera, per la quale lascia moglie e figli e si trasferisce a Roma. Ma Vanda non ci sta, non lo accetta, dà di matto e così facendo stringe psicologicamente i lacci che lo tengono legato a lei. Si sentono la rabbia, l'angoscia, la vita, la città. Quando entrano in scena Silvio Orlando e Laura Morante, nonostante la loro bravura, il film precipita al piano di sotto, si siede, si stanca. Al turno della terza coppia, il cinema è scappato dal balcone e se n'è persa traccia, come per il gatto Labes: al suo posto c'è del teatro filmato, che dà inutilmente spazio a una parte del racconto su cui il romanzo non trovava sensato attardarsi. Meglio sarebbe stato sperimentare un andamento contrario, con un finale in crescendo. Eppure, nonostante questo, il film vanta parecchie frecce al proprio arco, soprattutto nella modulazione psicologica dei personaggi e dello spettatore. C'è un mistero da risolvere: la casa di famiglia, metafora esplicita, è stata aperta e vandalizzata da qualche sconosciuto e qualcosa manca all'appello. È l'occasione per riviverne le stagioni, esaminarne le crepe, distribuire le colpe. E se all'inizio è Aldo a finire sotto (la nostra) accusa, poi la situazione si ribalta e guardiamo con altri occhi a Vanda, per concludere che i due sono allacciati, appunto, in un nodo inestricabile di paura e comodità.
Da La Voce di Mantova, 3 ottobre 2020

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 4 ottobre 2020
FrankMoovie

 Si dice che il cinema regala emozioni, ricordi, sensazioni, sensi di colpa e di assoluzione: questo film racconta una storia che conferma con forza queste parole. Un intreccio di fili in una famiglia che, come tante, passa dai primi anni di un amore attraverso vicissitudini tra alti e bassi momenti di gioia, come avere dei figli, ad alti e bassi momenti di gelosia,di odio, di rancori, agli anni [...] Vai alla recensione »

martedì 6 ottobre 2020
no_data

 "Non so perché, per tanto tempo, ho voluto che tu tornassi ma poi l'ho capito. Volevo che tornassi per potermene andare io. Ma poi non l'ho fatto." Il Film Lacci di Daniele Lucchetti è un pugno nello stomaco, non facile da vedere, doloroso ma necessario. Perché il desiderio di comprendere la realtà e le complesse dinamiche delle [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 ottobre 2020
yarince

 È la storia di una famiglia borghese nella Napoli del anni'80, una Napoli che, stranamente, resta in disparte, discreta, ad assistere al guazzabuglio di un interno. La telecamera, quindi, resta focalizzata sul nucleo familiare e sulle sue dinamiche, poche altre figure ruotano intorno a loro, restando sempre marginali. Mi ha colpito, infatti, la solitudine di Vanda,  trasferitasi [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 ottobre 2020
fabriziog

 “Lacci” di Daniele Lucchetti, con un cast di eccezione (Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno), è un film profondamente introspettivo, psicologico, intimo, che scava impietosamente dentro le relazioni affettive, sentimentali, di coppia. La verità e la trasparenza sono valori anche quando destrutturano un matrimonio e scarnifica [...] Vai alla recensione »

martedì 20 ottobre 2020
amgiad

Dato due stelle per il ricordo di un discreto regista che, purtroppo, si sta forse avviando al lato discendente della sua parabola (intesa come curva geometrica). Film lento, noioso, abbastanza inutile. Se non siete amanti della sofferenza al cinema, ve lo sconsiglio. Altro non conviene dire.

martedì 6 ottobre 2020
Ehsì

Il film è la classica paccottiglia post post comunista. Un film deprimente, attori depressi. Il nostro regista fa lo stesso film da una trentina d'anni. Una cosa deprimente. Un politicamente corretto che non esiste in natura. Spero che il governo non dia più soldi a queste anime tristissime con il portafogli pieno.

lunedì 5 ottobre 2020
G

Vi prego di non cambiare gli attori nei film, come nelle Sorelle Macaluso, questa trovata che forse è di moda, mi destabilizza!!!  Film autentico, estremamente realistico, Vanda è una psicopatica, vince, una Vittoria di Pirro!! I figli vogliono liberarsi di una famiglia disfunzionale, ma sono troppo fragili x essere felici! 

martedì 13 ottobre 2020
Maramaldo

Luchetti di certo conosce i versi dell'oscuro poeta (non è Shakespeare ma gli somiglia), tuttavia non ha inteso pigiare lo stesso tragico tasto. Riduce al minimo le conseguenze di un dramma diffuso ed "evergreen". Micidiali solo gli sguardi, non più di un ceffone, appena un accapigliamento di pochi secondi tra le rivali. In compenso vi fa passare il tempo con una varietà [...] Vai alla recensione »

sabato 3 ottobre 2020
Nuccia

Finalmente un film dal  finale vero che ricalca la realtà senza ipocrisie, senza ricercare i  consensi di un  pubblico,  seppur vasto,  ma conservatore che  vuole non ancora vedere, che preferisce i colori tenui.

Frasi
Quello che ti è successo può succedere. Noi abbiamo fatto un patto quando abbiamo deciso di andare a vivere insieme. Te lo ricordi o no?
Una frase di (Alba Rohrwacher)
dal film Lacci - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 5 ottobre 2020
Francesco Crispino
Filmcronache

Napoli, primi anni '80: Aldo e Vanda sono una coppia sposata e hanno due figli, Anna e Sandro. La loro unione apparentemente felice è tuttavia destinata a entrare in crisi quando lui s'innamora di una collega molto più giovane. Perché quando Vanda li scopre, tenta il suicidio. A distanza di trent'anni i due sono ancora insieme, ma al momento in cui rientrano da una breve vacanza trovano la propria [...] Vai alla recensione »

domenica 4 ottobre 2020
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Napoli, inizio anni '80. Aldo (Luigi Lo Cascio), che conduce una trasmissione in radio, confessa alla moglie Vanda (Alba Rohrwacher) di averla tradita. Dopo lo smarrimento iniziale, la donna caccia il marito di casa, restando sola con i due figli. Aldo, un uomo che fatica a parlare ed esprimere i propri sentimenti, è confuso, si trasferisce a vivere con l'amante Lidia e perde di vista i figli.

domenica 4 ottobre 2020
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

"Lacci", ispirato all'omonimo romanzo di D. Starnone, sceneggiato dall'Autore con F. Piccolo e il regista D. Luchetti, allude al grumo di emozioni e colpe che tengono avvinto un uomo alla moglie e ai due figli, anche dopo averli abbandonati per un'altra donna. Dal canto suo la consorte, malgrado i tentativi di suicidio, e il disamore palese, si macera nell'attesa di un suo ritorno a casa, dice per [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 ottobre 2020
Maria Lombardo
La Sicilia

Lacci" di Daniele Lucchetti, presentato Fuori Concorso in apertura della Mostra del cinema di Venezia, appena arrivato in sala, è un film molto drammatico sul rapporto di coppia e sui legami "lacci" familiari. Nella coppia in questione interpretata da Luigi Lo Cascio e Alba Rohrwacher, lui è un debole, un indeciso, uno che ama nascondersi (come rivela un oggetto nascondiglio simbolo che rivediamo più [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 ottobre 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Napoli. Vanda (Rohrwacher) e Aldo (Lo Cascio) sono sposati. Lui si innamora di una collega e molla tutto. Il che dà il via a una «guerra», tra scenate, divorzio, affidamento degli sconcertati figli. Per arrivare, anni dopo, a un falso perdono e a una apparente riconciliazione (con i volti di Orlando e della Morante, per creare ancora più confusione).

venerdì 2 ottobre 2020
Fulvia Caprara
La Stampa

Succede ai grandi attori che la bravura straordinaria s' insinui, come se volesse nascondersi, in certi piccoli gesti, in certe battute quasi non dette, in certi sospiri strozzati. Nel personaggio di Aldo, che, dopo la fiammata di una passione extra-coniugale, è rimasto per 30 anni accanto alla moglie lasciata solo per un breve periodo, Silvio Orlando sfoggia, in «Lacci» di Daniele Luchetti, il meglio [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 ottobre 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Dal romanzo omonimo di Starnone, storia di una crisi coniugale, non era possibile rendere l'intrico di voci e psicologie, e Luchetti (con Francesco Piccolo e lo stesso Starnone alla sceneggiatura) non poteva che limitarsi a narrare gli scarni fatti, alternando due piani temporali: una coppia (Luigi Lo Cascio e Alba Rohrwacher, ottimi) si rompe negli anni 80 perché lui va [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 settembre 2020
Giulia Bianconi
Il Tempo

C' è ancora una volta la famiglia al centro di un film di Daniele Luchetti. Presentato all' ultima Mostra del Cinema di Venezia e tratto dall' omonimo romanzo di Domenico Starnone, "Lacci", nelle sale dal 30 settembre con 01 Distribution, vede protagonisti Luigi Lo Cascio, Alba Rohrwacher, Silvio Orlando e Laura Morante di una pellicola amara che parla di rancori, vendette e verità nascoste.

martedì 29 settembre 2020
Filippo Mazzarella
Film TV

Gli anni 80 di Lacci film stanno agli anni 60 di Lacci romanzo come più o meno l'età anagrafica di Luchetti a quella di Starnone. L'operazione di aggiornamento/aderenza autoriale (?) è quindi legittima, sia che si tratti di una traslazione intima e/o universalizzante, sia che si tratti di scelta solo commerciale. Ma qui sta il punto: perché Lacci film (ri)mette in scena invece formalmente una terza [...] Vai alla recensione »

martedì 29 settembre 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

Quando cerco chi firmi il Perché sì di questa doppia recensione/scontro dialettico, un collaboratore mi scrive, elencando i tre sceneggiatori (il primo anche regista, il secondo anche autore del romanzo da cui è tratto il film): «Luchetti, Starnone, Piccolo: gente che farebbe diventare di destra anche Gramsci». E certo che è vero che questo Lacci ritorna al cinema borghese degli anni 80 e 90, il cinema [...] Vai alla recensione »

domenica 27 settembre 2020
Roberto Manassero
Cineforum

«La domanda muta aveva la nuova tonalità imperativa, esigeva una risposta immediata, silenziosa o a gola spiegata». È un passaggio, uno dei tanti, di Lacci - l'omonimo romanzo di Domenico Starnone da cui Daniele Luchetti ha tratto il suo ultimo film, in apertura della 77° Mostra di Venezia - in cui è presente la scontro ideale fra silenzio e parola, reazione e passività; una domanda muta, una risposta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2020
Pedro Armocida
Il Giornale

È un film di tantissime parole, Lacci. Come se l'omonimo testo di Domenico Starnone (che sceneggia col regista e Francesco Piccolo) venisse letto, iperfetato, iper-interpretato dalle varie coppie di personaggi. Ma, attenzione, non è un film teatrale, anche se l'ambiente d'elezione è quello delle quattro mura di casa, pochissimi gli esterni, con il dramma, che Luchetti contiene con accortezza nell'uso [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 settembre 2020
Grazia Paganelli
Duels.it

Il film che ha aperto (fuori concorso) la 77esima Mostra del Cinema di Venezia, Lacci è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del 2014, scritto da Domenico Starnone, autore della sceneggiatura insieme a Francesco Piccolo e allo stesso regista Daniele Luchetti, che non è nuovo a storie famigliari, intime, viste da un punto di vista "compromesso" dalle dinamiche relazionali, interno soggettivo [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Si parte buttando il cuore oltre il muro che sottrae il red carpet alla vista, e dunque al rischio assembramento: è la 77esima Mostra di Venezia, e non ce n' è mai stata una così. La pandemia pretende misure straordinarie, gli accreditati sono la metà del solito, le mascherine senza soluzione di continuità: i lacciuoli del Covid-19, cui il festival contrappone i Lacci di Daniele Luchetti, tratto dal [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Titolatori pazzi di cinquant' anni fa decisero che un film intitolato "Domicile conjugal" sarebbe diventato per gli spettatori italiani "Non drammatizziamo... è solo questione di corna". Era di François Truffaut, quarto capitolo - su cinque - della saga Antoine Doinel (l' attore Jean-Pierre Léaud, debuttò come ragazzino da riformatorio ne "I 400 colpi").

giovedì 3 settembre 2020
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

I lacci veri sono due, girano dietro le orecchie e tengono la mascherina per un paio d' ore in una sala enorme dove stai rigido a respiro corto tra due tizi che non ci sono. Posto vuoto a destra, posto vuoto a sinistra. Dove sono? Il primo film della Mostra 77 Covid di Venezia interroga subito i posti vuoti, la sala militarizzata, i legami alternati tra chi c' è e va allo schermo con lo sguardo attraverso [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Cristina Piccino
Il Manifesto

«Per restare insieme bisogna parlarsi poco, l' indispensabile, tacere sì tanto» è la «filosofia» di Aldo, eppure un giorno come tanti, recita a scuola, panino davanti alla tv col programma sulle «famiglie» degli animali visto insieme ai bambini, una ragazzina più grande e il fratellino, il bagno e le chiacchiere con la figlia che deve farsi la coda di cavallo che a lui piace tanto, le storie lette [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Messaggero

Lacci che il tempo ha consumato come i sassi di Gino Paoli. Inizia da questi intrecci (simbolici, familiari, esistenziali), la Mostra di quest' anno. Film d' apertura firmato da Daniele Luchetti, a Venezia con un triangolo melodrammatico, tratto dal romanzo di Domenico Starnone, che scrive la sceneggiatura con il regista e Francesco Piccolo. Come film di apertura ci sta pure, ma uscendo dal cerimoniale [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Non era facile adattare al cinema il romanzo di Domenico Starnone. Spogliato del gusto dell' incastro e dalle volute introspettive, l' intreccio si riduce a ben poca cosa, e la letterarietà dei dialoghi, accettabili nel gioco narrativo, rischia di essere indigesta sullo schermo. La trama è minimale: una crisi coniugale nei primi anni 80 a Napoli, con lui (Lo Cascio) che si innamora di un' altra e va [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

Era da un po' che la Mostra di Venezia non si inaugurava con un titolo nostrano; ma l' autarchica soluzione - seppur motivata anche dall' assenza causa Covid di stellari prodotti hollywoodiani - si è rivelata valida. Lacci è un buon film che a distanza di svariati anni da La scuola (1995) rinnova il felice rapporto di collaborazione fra Daniele Luchetti e lo scrittore Domenico Starnone, autore e co-sceneggi [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Lacci che il tempo ha consumato, un po' come i sassi di Gino Paoli. Inizia da questi intrecci (narrativi, simbolici, familiari, esistenziali), la Mostra di quest'anno. Film di apertura firmato da Daniele Luchetti, regista che da "Il portaborse" ha segnato un disarmo progressivo e che ora a Venezia cerca una sua riabilitazione con un triangolo melodrammatico, tratto dal romanzo di Domenico Starnone, [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Una famiglia formata da genitori e due bimbi partecipa, nella Napoli dei primi anni Ottanta, al Carnevale in maschera. Una volta a casa, il marito dice alla moglie di essere stato con un'altra donna, e di sentirsi smarrito: lei lo caccia, qualcosa si rompe e sembra non ricomporsi più. «Lacci» di Daniele Luchetti - tratto dall'omonimo romanzo breve di Domenico Starnone, che lo ha sceneggiato insieme [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
Alessandro Cinquegrani
Filmcronache

A un certo punto, nel film, si include in una lista di libri da non leggere, quelli che in fondo si è già letto anche senza mai aprirli, come se non potessero dire nulla che non sia stato già detto. Nella prima parte Lacci di Daniele Luchetti, tratto dal romanzo omonimo di Domenico Starnone, sembra potersi inquadrare senza dubbi in questa categoria.

mercoledì 2 settembre 2020
Raffaele Meale
Quinlan

Napoli, primi anni Ottanta: il giornalista radiofonico Aldo De Simone, che conduce un programma alla RAI dedicato alla letteratura, annuncia alla moglie Vanda che ha una nuova relazione a Roma. Nonostante abbia anche due figli piccoli (Anna e Sandro) lascia la casa e si trasferisce nella capitale con Lidia. Passano gli anni, ma il legame con la propria famiglia è difficile da sciogliere.

mercoledì 2 settembre 2020
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Di necessità pandemica virtù autarchica: era da undici anni, Alberto Barbera dixit, che un film italiano non apriva la Mostra di Venezia, ricapita con Lacci, diretto da Daniele Luchetti, tratto dal romanzo di Domenico Starnone. Scritto dai due con Francesco Piccolo, è interpretato da Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini, Linda Caridi: [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 settembre 2020
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

"Come ti allacci le scarpe?" chiede il figlio al padre in un bar. Il nuovo film di Daniele Luchetti può ripartire da lì. Ogni volta che ci si allaccia le scarpe si ricomincia daccapo. Parte una nuova giornata. Può andare bene o prendere una brutta piega. Anche se le scarpe sono allacciate bene oppure bisogna rifare il nodo. Lacci è il film di una storia che riparte ogni volta da zero.

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 7 ottobre 2020
Andrea Chirichelli

Le new entry della settimana sembrano non avere sufficiente forza. In Cina Hometown vola a 225 milioni complessivi. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
martedì 6 ottobre 2020
Andrea Chirichelli

Drastico ma prevedibile calo degli incassi nella giornata di ieri, che vede ancora in testa Lacci, che incassa una manciata di euro in più rispetto a Il giorno sbagliato (i due sono appaiati a 23mila euro), con il film con Crowe che supera i 900mila [...]

BOX OFFICE
lunedì 5 ottobre 2020
Andrea Chirichelli

Gran recupero di Lacci, che supera di un soffio Il giorno sbagliato e vince la domenica, con 109mila contro i 108mila del film con Russell Crowe: per il film italiano il weekend si chiude con 327mila euro, per quello americano il totale ora è di [...]

MOSTRA DI VENEZIA
mercoledì 2 settembre 2020
Marzia Gandolfi

Daniele Luchetti mette in scena il sacrificio vano di una coppia e di una generazione post '68. Opening film di Venezia 77. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 31 agosto 2020
 

Un film con Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno. Film d'apertura di Venezia77 e da mercoledì 30 settembre al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
venerdì 28 agosto 2020
 

Il film narra la storia di Aldo e Vanda. Si sposano, hanno due bambini, ma Aldo soffoca e cerca di liberarsi dai "lacci" che lo imprigionano in un matrimonio, ormai giunto al capolinea. I due protagonisti, divenuti vecchi, si troveranno a fare un bilancio [...]

NEWS
mercoledì 24 giugno 2020
 

Una storia di coppia durissima, che assomiglia molto all'Italia contemporanea. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati