Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 19 agosto 2017

Luigi Lo Cascio

Lo Cascio dei miei occhi

49 anni, 20 Ottobre 1967 (Bilancia), Palermo (Italia)
occhiello
Lo sai chi ci abita qui? U' zu Tanu ci abita qui! Cento passi ci sono da casa nostra, cento passi...vivi nella stessa strada prendi il caffè nello stesso bar, alla fine ti sembrano come te...e invece sono loro i padroni di Cinisi!
dal film I cento passi (2000) Luigi Lo Cascio è Peppino Impastato
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Luigi Lo Cascio
David di Donatello 2015
Nomination miglior attore non protagonista per il film Il nome del figlio di Francesca Archibugi

David di Donatello 2010
Nomination miglior attore non protagonista per il film Baarìa di Giuseppe Tornatore

Nastri d'Argento 2004
Nomination miglior attore per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana

David di Donatello 2004
Nomination miglior attore per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana

Nastri d'Argento 2004
Premio miglior attore per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana

David di Donatello 2001
Premio miglior attore per il film I cento passi di Marco Tullio Giordana

Festival di Venezia 2001
Premio coppa volpi migliore interpretazione maschile per il film Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni

David di Donatello 2001
Nomination miglior attore per il film I cento passi di Marco Tullio Giordana



Ivano De Matteo con La bella gente e Gli equilibristi aveva raccontato l'irrompere di un elemento che veniva da fuori in un nucleo familiare apparentemente ben assestato. In I nostri ragazzi la sfida si fa ancora più complessa. Cosa accade se invece ciò che sconvolge assetti ormai consolidati irrompe dall'interno? In foto Luigi Lo Cascio e Giovanna Mezzogiorno, protagonisti del film.">
Altre foto di Luigi Lo Cascio »

Dal 12 novembre Noi credevamo verrà distribuito con solo 30 copie.

È polemica per la scarsa distribuzione

mercoledì 10 novembre 2010 - Luca Marra cinemanews

È polemica per la scarsa distribuzione M ario Martone legge il giuramento della "Giovine Italia" come Roberto Saviano ha detto l'8 novembre in tv a Vieni via con me, "Queste parole" spiega il regista "Riguardano il nostro tessuto civile dal Risorgimento fino a oggi". Si apre così la conferenza stampa di presentazione di Noi Credevamo, ultimo film di Mario Martone presente alla casa del cinema di Roma con parte del cast: Luigi Lo Cascio, Francesca Inaudi e Valerio Binasco. La pellicola, passata in concorso all'ultimo festival di Venezia, è un corposo spaccato sul Risorgimento italiano, in parte ispirato al romanzo omonimo di Anna Banti.
Martone torna al cinema dopo sei anni con un film complesso e impegnativo: "Faccio storie dolorose da sempre. Non so perché ma non sono infelice" premette il regista che poi si focalizza sul suo ultimo film: "Noi Credevamo è fantascienza al contrario, ambientato nel passato ma parla al presente. Non trattiamo del Risorgimento ma di quattro storie legate a questo periodo, quattro luci su ombre che la maggior parte dei cittadini non conosce".
Nel cast, tantissimi attori italiani. Francesca Inaudi che interpreta la liberale principessa Caterina di Belgiojoso racconta : "Mi sono documentata sul personaggio, ma poi la passione ha sovrastato il pur necessario lavoro autobiografico. Volevo restituire l'umanità di Caterina". Ardore nella recitazione anche per Luigi Lo Cascio nei panni di un fervente repubblicano: "Ho cercato di rendere impercettibile lo scarto tra il sentimento e l'azione e mi ha aiutato il sottofondo operistico, colonna sonora del film" dichiara l'attore siciliano, curioso invece l'episodio che ha ispirato il lavoro di Valerio Binasco: "Ho letto molto Dostoevskij, ma un giorno una persona con problemi mentali è venuta in camerino, la sua forza d'animo mi ha guidato sul set".
Grandi temi, 6 milioni di euro di budget ma solo 30 copie per il film che uscirà venerdì prossimo: è polemica per la scarsa distribuzione. Per Carlo Degli Esposti, uno dei produttori "In Italia è impossibile produrre cose non banali. Noi credevamo non merita poche copie, ci sono tanti ‘geometri della cultura', ma serve un architetto che orienti il gusto in senso più alto. Scriverò alla Rai per avere più spot in questo week end" proprio dal servizio pubblico televisivo arriva la replica, Paolo Del Brocco, amministratore di Rai Cinema dichiara: "La Rai ha finanziato il film al 50%, crede in quest'opera necessaria e importante ma se le persone vedono più i cinepanettoni, non dipende dai bravi o scarsi ‘architetti della cultura'", amareggiato Filippo Roviglioni, amministratore di 01 Distribution che distribuisce la pellicola : "Dimentichiamo forse che bisogna fare i conti col mercato, con gli esercenti e non è semplice".
In ogni caso, Mario Martone è fiducioso: "Spero che gli spettatori apprezzino il film e gli regalino quindi il successo" nonostante l'ottimismo l'autore napoletano non perde la sua appassionata lucidità e conclude: "L'Italia comunque è stata fatta ma non dobbiamo nascondere che è stata costruita anche col sangue, come i francesi sono consapevoli che la loro patria è nata con la rivoluzione. C'è un fondo di autoritarismo che ogni tanto riemerge nel nostro Paese e che va combattuto. Dobbiamo assumerci la forza dell'azione legale e non violenta per cambiare. Noi credevamo e crediamo ancora".

Avati e il suo cast presentano Gli amici del bar Margherita.

Eravamo tanti amici al bar

lunedì 30 marzo 2009 - Marianna Cappi cinemanews

Eravamo tanti amici al bar Ha fatto quasi quaranta film in quarant'anni, eppure il materiale a Pupi Avati sembra non mancare mai. Quello migliore ce l'ha nascosto in casa, nel baule delle cose vecchie, dei ricordi da bar. Da lì ha estratto Gli amici del Bar Margherita, dalle memorie di quando era sedicenne e sognava di poter avere un soprannome e un posto al tavolo del biliardo vicino ai suoi eroi. Quelli, tra gli altri, come Al, il duro del quartiere, come Manuelo, il "linfomane" o come Gian, che è andato a Sanremo per cantare anche se non l'avevano chiamato. Quelli che oggi hanno hanno le facce di Diego Abatantuono, Luigi Lo Cascio e Fabio De Luigi.

Il gangster movie di Porporati racconta la mafia attraverso lo sguardo di un uomo qualunque.

Il dolce e l'amaro: non c'è niente da ridere

martedì 4 settembre 2007 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Il dolce e l'amaro: non c'è niente da ridere Il secondo film italiano in concorso a Venezia (oltre a Nessuna qualità agli eroi di Paolo Franchi, presentato lo scorso venerdì, e L'ora di punta di Vincenzo Marra, atteso giovedì) racconta la storia di Saro Scordia (Luigi Lo Cascio), un ragazzo cresciuto nella mafia che viene chiamato a unirsi all'organizzazione. "Volevamo servirci della storia di Saro" spiega il regista Andrea Porporati, "non per raccontare la mafia ma piuttosto un certo tipo di persone e di scelte che la vita ti offre per poi seguire passo passo le conseguenze di queste scelte". In attesa dell'uscita del film (l'appuntamento è per domani nelle maggiori sale italiane), abbiamo incontrato il regista e gli interpreti de Il dolce e l'amaro.

Una nuova storia di mafia per Luigi Lo Cascio.

La mafia in Sicilia, più amara che dolce

martedì 4 settembre 2007 - Claudia Resta cinemanews

La mafia in Sicilia, più amara che dolce Ormai un abitudinario dei film sulla mafia e sulla Sicilia, Luigi Lo Cascio, ultimamente maturato molto in teatro, unisce la sua voce a quella di Andrea Porporati, coraggioso regista al suo secondo film. Insieme, raccontano la storia di Saro Scordia (Luigi Lo Cascio), un ragazzo cresciuto per le strade del quartiere palermitano di Kalsa, che si lascia affascinare dal mito della vecchia mafia e viene preso sotto la protezione degli uomini d'onore di Cosa Nostra, che lo crescono nel loro vivaio di promesse. Tra gli anni '70 e la fine dei '90, è raccontata la vita di un mafioso nella sua quotidianità: come e perchè si entra in quel tipo di vita e la realtà di una situazione di cui si sa poco.

Smetto quando voglio - Masterclass

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,67)
Un film di Sydney Sibilia. Con Edoardo Leo, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo, Stefano Fresi.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2017. Uscita 02/02/2017.

Il nome del figlio

* * * - -
(mymonetro: 3,25)
Un film di Francesca Archibugi. Con Alessandro Gassman, Micaela Ramazzotti, Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Rocco Papaleo.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2015. Uscita 22/01/2015.

I nostri ragazzi

* * * - -
(mymonetro: 3,08)
Un film di Ivano De Matteo. Con Alessandro Gassman, Giovanna Mezzogiorno, Luigi Lo Cascio, Barbora Bobulova, Rosabell Laurenti Sellers.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2014. Uscita 05/09/2014.

Marina

* * * - -
(mymonetro: 3,23)
Un film di Stijn Coninx. Con Luigi Lo Cascio, Donatella Finocchiaro, Matteo Simoni, Cristian Campagna, Evelien Bosmans.
continua»

Genere Biografico, - Italia, Belgio 2013. Uscita 08/05/2014.

Il capitale umano

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,72)
Un film di Paolo Virzì. Con Valeria Bruni Tedeschi, Fabrizio Bentivoglio, Valeria Golino, Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio.
continua»

Genere Thriller, - Italia 2014. Uscita 09/01/2014.
Filmografia di Luigi Lo Cascio »

giovedì 3 agosto 2017 - La 15esima edizione si svolgerà a Casacalenda (Campobasso) dall'8 al 13 agosto. Tra gli ospiti Luigi Lo Cascio e Athina Cenci.

MoliseCinema, presentato il programma del Festival

a cura della redazione cinemanews

MoliseCinema, presentato il programma del Festival Si svolgerà dall'8 al 13 agosto a Casacalenda (Campobasso) la 15° edizione di MoliseCinema. Anche quest'anno il Festival ha un programma molto denso e articolato di corti, documentari, opere prime e seconde, omaggi ed eventi speciali, con la presenza di registi, attori, e protagonisti del mondo del cinema e della cultura. Tra gli eventi speciali una rassegna di film interpretati da Luigi Lo Cascio, che incontrerà il pubblico l'11 agosto, e un omaggio ad Athina Cenci, che dopo anni di assenza dalle scene sarà al festival il 9 agosto. Molti gli ospiti legati ai lungometraggi in concorso (opere prime e seconde con premio del pubblico): I peggiori, di Vincenzo Alfieri, sarà accompagnato dal protagonista Lino Guanciale; Moglie e marito, di Simone Godano, dall'attore Valerio Aprea; Orecchie di Alessandro Aronadio, dai protagonisti Silvia d'Amico e Daniele Parisi; Sicilian Ghost Story, dai registi Antonio Piazza e Fabio Grassadonia; Il padre d'Italia, dal regista Fabio Mollo e dall'attrice Anna Ferruzzo; Maria per Roma, dalla regista Karen Di Porto; I figli della notte di Andrea De Sica, dallo sceneggiatore Mariano Di Nardo. Per la sezione di documentari italiani Frontiere, dedicati al tema "Paesaggio e immaginario", saranno 7 le opere in concorso: Cinema Grattacielo di Marco Bertozzi, Crazy for Football di Volfango De Biasi, The First Shot di Yan Cheng e Federico Francioni, The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber, Il Principe di Ostia - Bronx di Raffaele Passerini, Saro di Enrico Maria Artale e Sopra il Fiume di Vanina Lappa. Tutti i film saranno accompagnati dai registi.

Tra gli eventi speciali in anteprima assoluta: il 12 agosto, il docu-film sul giornalista Toni De Marchi La cena di Toni di Elisabetta Pandimiglio, storia di resistenza e speranza legata alla lotta contro una malattia; il 9 agosto il corto Paolo Villaggio. Allafinfinfirifinfinfine, di Francesco D'Ascenzo, che racconta un Villaggio ironico e malinconico sul finire della sua vita; il 9 agosto il noir Una vita in cambio, di Roberto Mariotti. Fuori concorso, in un evento speciale dedicato al mondo dell'arte contemporanea, sarà presentato presentato My Italy di Bruno Colella.
Il Focus paese di MoliseCinema 2017 è quest'anno dedicato alla Croazia, a conferma dell'attenzione del Festival verso il cinema dei paesi dell'altra sponda dell'Adriatico. Vi saranno poi concerti, con una sonorizzazione dei film di Jean Vigo a cura del duo Caterina Palazzi Antonio Raia e del gruppo La Pingra, presentazioni di libri, tra cui la nuova edizione di Viaggio nel Molise di Francesco Jovine, a cura di Sebastiano Martelli, spettacoli (di Daniele Parisi, Antonio Pascale e Silvio Gioia), un workshop sul cortometraggio, un laboratorio per bambini e tanto altro.

Giurati di questa 15° edizione sono: per "Paesi in corto. Corti internazionali" la docente e scrittrice Daniela Brogi, il critico Marianna Cappi, e il regista Andrea D'Ambrosio. Per "Percorsi. Corti italiani" il regista Alessandro Capitani, la scrittrice Valentina Farinaccio e la regista e autrice Elisabetta Pandimiglio. Per "Frontiere. Documentari" il critico Federico Gironi e i registi Simone Manetti e Paolo Pisanelli.

   

martedì 18 luglio 2017 - La 15esima edizione è in programma all'8 al 13 agosto. Tra gli ospiti Luigi Lo Cascio e Athina Cenci, a cui sono dedicate due retrospettive.

MoliseCinema, il Festival che guarda ai giovani autori e ai nuovi linguaggi

a cura della redazione cinemanews

MoliseCinema, il Festival che guarda ai giovani autori e ai nuovi linguaggi Giunto alla sua 15esima edizione, il Festival MoliseCinema si svolgerà a Casacalenda dall'8 al 13 agosto 2017. Eventi speciali del festival si terranno anche a Larino, Campobasso e Venafro. Sono 4 le sezioni competitive del Festival, a cui si affiancano numerosi altri eventi, proiezioni speciali, incontri con i protagonisti, retrospettive, mostre e concerti. MoliseCinema intende promuovere le più recenti e innovative produzioni del cinema italiano e internazionale, privilegiando i giovani autori e i nuovi linguaggi, con particolare attenzione ai cortometraggi e ai documentari. Nelle 14 edizioni finora svolte, il festival ha proposto al pubblico una programmazione molto articolata ospitando centinaia di attori, registi, produttori e addetti ai lavori. Il successo di pubblico finora conseguito, la partecipazione di numerosissimi ospiti e protagonisti del mondo del cinema, l'ampia visibilità sulla stampa locale e nazionale e un generale consenso che si è registrato da parte delle istituzioni e della società civile confermano l'interesse crescente per MoliseCinema, che è diventato un punto di riferimento costante della vita culturale del Molise e del Mezzogiorno e che acquisisce sempre più uno spessore nazionale ed internazionale.

Per festeggiare il 15° anno, MoliseCinema Film Festival accoglie come ospite un grande protagonista del cinema italiano: Luigi Lo Cascio. Con l'occasione saranno presentati cinque film della sua vasta filmografia: Mio cognato (2003) di Alessandro Piva, La vita che vorrei (2004) di Giuseppe Piccioni, La città ideale (2012) scritto, diretto e interpretato da Luigi Lo Cascio, Marina (2013) di Stijn Coninx e I nostri ragazzi (2014) di Ivano De Matteo.

   

Altre news e collegamenti a Luigi Lo Cascio »
Smetto quando voglio - Masterclass (2017) Il nome del figlio (2015)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità